Volevo servire questa città

Cardenal Jaime Ortega
Cardenal Jaime Ortega
Cardenal Jaime Ortega

Il Cardinale Jaime Ortega parla della chiamata di Dio, della vocazione religiosa e del suo ministero di Arcivescovo dell’Avana, tra gli altri argomenti, in questa intervista, l’ultimo ad essere condotto a lui.

“Il vescovo è sacerdote in pienezza e serve a morte. Continuerò a battezzare, confessare, confermare, assistere ai malati e celebrare quotidianamente la Santa Messa. Il vescovo, come sacerdote, non si ritira mai, lascia una posizione di direzione. Così ha detto addio a quella calda mattinata di domenica 8 maggio 2016, il cardinale Jaime Lucas Ortega y Alamino davanti alla folla che ha riempito la sedia per lui governata per trentacinque anni fruttuosi. Cubani e stranieri erano venuti, conosciuti e anonimi, per partecipare all’ultima Messa che come Arcivescovo di San Cristobal de La Habana avrebbe officiato il cardinale quasi ottogenario, ma vitale ed elegante, che per la sua opera diplomatica e mediante occupò senza dubbio un posto di rilievo nella fame politica insulare.
L’intervista contenuta in queste pagine aveva iniziato la sua storia alcuni mesi prima, quando alle 10:45 del 1°. Dicembre 2015, bagnato dalla pioviggine di un lunedì invernale, ho attraversato la sala del seggio arcivescove nella vecchia casa all’angolo tra L’Avana e Chacón. In un ampio soggiorno al secondo piano con un odore di legno e secoli passati, sono stato accolto dall’allora arcivescovo e ho discusso della storia di Cuba, della politica, del marxismo, della cultura e, naturalmente, della religione. Ma di queste tre ore e mezza non posso dire nulla, perché è stato il precedente incontro per un’intervista, “fatta da un giovane cubano per giovani cubani” – con le sue stesse parole – che per varie ragioni non si sarebbe concretizzata fino a poco tempo fa e che, condannata come sembra essere nato, sarà irrimediabile e tristemente incompiuta.
Dopo oltre quattro anni di altalene, l’evento si è finalmente svolto in uno dei corridoi del Palazzo della Convenzione, dopo aver ascoltato il presidente della Pontificia Accademia per la Vita, monsignor Vicenzo Paglia. L’incontro casuale con il già malato cardinale Ortega ha portato a questa intervista.

Jaime Lucas Ortega y Alamino
Jaime Lucas Ortega y Alamino

I sacerdoti parlano sempre di una chiamata, del risveglio di una vocazione. Com’è stato il tuo?

“La vocazione al sacerdozio, o qualsiasi altra vocazione laica o consacrazione alla Chiesa, non è data senza, soprattutto, un incontro personale con Cristo. Ciò significa conoscere Gesù, stabilire un rapporto con Lui, scoprire la sua realtà di uomo-Dio inviato dal Padre per la nostra salvezza. Molti cristiani che vanno spesso in chiesa, che pregano le loro preghiere quotidiane, non hanno mai avuto questo incontro personale con Cristo, senza il quale anche alcuni potrebbero credere di avere una vocazione sacerdotale o religiosa, forse perché amano il culto, la liturgia della Chiesa, l’uso di un’abitudine ecclesiastica o qualsiasi altro elemento. Ma prima o poi scoprirete che nulla di tutto ciò costituisce la chiamata di Dio.
“Come molti, sono stato battezzato da bambino, all’età di cinque anni nella Cattedrale di Matanzas. Nella mia famiglia c’era la fede cattolica tradizionale, ma frequentavano la Chiesa solo poche volte nell’anno. Ho imparato a memoria in casa mia un catechismo di domande e risposte che era molto popolare, da San Pio X. Sapevo chi era Gesù Cristo, ma lo sapevo nello stesso modo in cui sapevo che la Luna girava intorno alla Terra e alla Terra intorno al Sole. Voglio dire, era solo conoscenza, ma non aveva niente a che fare con me. All’età di quattordici anni mi sono avvicinato ai Giovani dell’Azione Cattolica, ho fatto la mia Prima Comunione e passo dopo passo ho fatto il mio incontro personale con Cristo. E, come dicevo, senza questo incontro non si può dare la chiamata.
“Giovanni e Pietro avevano incontrato Cristo, così come altri discepoli. Quando Gesù passò sulla riva del lago e li vide inghiottire con le reti dopo la pesca, disse a Pietro: ‘Vieni, sarai un pescatore di uomini’, e Giacomo e Giovanni, ‘Seguimi’, e lasciarono tutto e se ne andarono con lui, Gesù li conosceva già e sapeva che erano buoni per la missione, conoscevano Gesù e sapevano che la sua chiamata veniva dall’alto.
“Questa è sempre la vera vocazione, quindi siamo in grado di lasciare le barche, le reti, la famiglia, le aspirazioni di successo o di ricchezza, e seguire personalmente il Maestro e il Signore. Nella conoscenza di Gesù viene l’amore a Lui, la nostra fiducia in Lui”.

Dove sono stati i tuoi studi prima di essere ordinato sacerdote?

“Ho trascorso quattro anni al Seminario San Alberto Magno di Colón, in provincia di Matanzas. Ho studiato latino, greco e filosofia, ho anche fatto il quinto anno di maturità in lettere, perché ero uno scapolo di scienze. Ho poi studiato quattro anni di teologia al Foreign Missions Seminary in Canada nella città di Montreal. Era un posto eccellente, eravamo circa ottanta seminaristi che studiavano teologia, con una grande enfasi sulle Sacre Scritture e una vita di preghiera e fraternità indimenticabili. Dal 1960 al 1964 ho vissuto quella meravigliosa esperienza, in tempi difficili, perché negli anni Sessanta iniziarono i grandi cambiamenti del mondo che logicamente influenzarono la Chiesa”.

Questi erano tempi molto complessi per la Chiesa cubana.

“Proprio così. Con il drastico cambiamento rivoluzionario, la Chiesa ha affrontato situazioni nuove e impegnative: le scuole cattoliche, che hanno educato più di centomila studenti, sono state nazionalizzate e abbiamo perso l’accesso ad esse. Più di cento sacerdoti furono mandati fuori da Cuba e molti altri sacerdoti, religiosi e laici impegnati nella Chiesa lasciarono il paese.
“Nel 1964 tornai. I Padri delle Missioni Estere mi hanno offerto di andare come sacerdote a Roma per fare un dottorato di ricerca e poi mandarmi nelle Filippine o in qualche Seminario in Sud America come insegnante, ma volevo tornare nel mio paese.

Sono gli anni dell’UMAP. So che non ti piace parlarne molto.

“Davvero, no. Tra le tensioni tra un sistema materialista e coloro che avevano una fede religiosa nella loro vita, quest’ultimo era considerato da alcuni nella nuova società come una zavorra, qualcosa del passato che doveva essere superato. Per questo “superamento” sono state create le Unità militari di aiuto alla produzione (UMAP). Nel caso dei credenti, la loro intenzione era quella di superare le “carenze di fede” attraverso il lavoro agricolo manuale e la disciplina militare. Campi di lavoro emersero nelle pianure di quella che oggi sono le province di Ciego de Avila e Camaguey. Lì furono inviati sacerdoti, pastori evangelici di diverse congregazioni, seminaristi e laici cattolici e protestanti provenienti da tutta Cuba, insieme a quelli che all’epoca venivano chiamati “flagelli sociali”: espressivi, tossicodipendenti, santeros, omosessuali, ecc. Tutti cercavano di “modificarli” attraverso il lavoro sul campo.
“È stata certamente un’esperienza che ha confermato la fede della maggior parte di coloro che l’hanno vissuta. Per me, nello specifico, mi ha aiutato a conoscere profondamente l’essere umano nella sua grandezza e nelle sue miserie, per vedere quanto doveva essere fatto per i nostri fratelli cubani, non attraverso quei metodi, ma attraverso la formazione umana integrale.
“Dopo l’UMAP, sono stato parroco di diverse parrocchie nella provincia di Matanzas e in città, nelle chiese di Pueblo Nuevo e nella Cattedrale. Lì sono rimasto sorpreso dalla nomina per il vescovato di Pinar del Río, una diocesi che ho considerato, durante i tre anni in cui sono stato il suo vescovo, come riserva morale di Cuba.

Da Pinar del Río passò all’Arcivescovato dell’Habanero.

“A causa della malattia dell’Arcivescovo dell’Avana, solo tre anni dopo essere stato vescovo di Pinar del Rio, sono stato nominato nel 1981 arcivescovo della capitale, dove sono rimasto fino all’accettazione del mio ritiro da parte del Santo Padre Francesco, nel maggio 2016. Cioè, per trentacinque anni ho servito come arcivescovo dell’Avana.

Molti identificano il loro episcopato come un periodo di avvicinamento tra la Chiesa e lo stato cubano.

“È vero, ma le relazioni Chiesa-Stato devono essere innalzate ad un livello più ampio rispetto al tempo del mio episcopato. Dopo gli anni Sessanta, e molto lentamente, ci furono alcuni miglioramenti nella relazione, ma davvero dopo le prime visite familiari dei cubani residenti all’estero, alla fine degli anni Settanta e gli eventi della Mariel, la Conferenza dei Vescovi Cattolici di Cuba chiese una riflessione che attraversava l’intera isola, dalle più grandi chiese delle città alle cappelle più piccole della campagna. Questo fruttuoso progetto chiamato Riflessione ecclesiale cubana (REC) è durato quasi cinque anni e ha preparato e organizzato l’ENEC (Incontro ecclesiale nazionale cubano), che si è tenuto nel 1986 con un inviato della Santa Sede, il Cardinale Eduardo Pironio, che ha proposto come la Chiesa cattolica dovrebbe presentarsi nel futuro di Cuba. Doveva essere una Chiesa senza preghiere, incarnata e missionaria”.

Come lo spieghi?

“La Chiesa ha accettato la realtà di essere qui, incarnata, con il suo tradizionale ruolo di adorare Dio in modo aperto e pubblico – che prega, prega – e, sebbene il suo compito sia evangelizzare, era rimasta piegata, limitata al culto all’interno dei templi, e ora ha annunciato di essere una Chiesa missionaria, che ha messo da parte le sue paure e ritiri , per aprirsi ai social media. A questo punto, che sembrava essere qualcosa da raggiungere nel terzo mandato, la Chiesa iniziò immediatamente: lasciare il tempio, vivere la sua missione, e questo cambiò la percezione di esso da parte del popolo e dello Stato. C’erano molte cose che dovevano essere comprese dallo Stato socialista e quindi, proprio per questo motivo, è stato creato un dialogo che è stato progressivamente ampliato.
“Così nella storia della Chiesa a Cuba, l’ENEC ha avuto più impatto e risonanza rispetto alle visite dei Papi, perché la visita di Papa Giovanni Paolo II è arrivata grazie all’apertura e al dialogo che sono stati creati dall’ENEC. Questi eventi coincisero con il tempo del mio episcopato all’Avana e facilitarono le relazioni Chiesa-Stato nell’arcidiocesi, ma il dialogo si allargava sempre più e non pochi conflitti potevano essere superati in tutto il paese.

La mediazione per il rilascio dei prigionieri politici è stato uno di questi conflitti, forse uno dei più forti.

“A questo proposito, lo stesso si può dire della mia gestione episcopale, perché la Chiesa a Cuba, fin dai tempi post-ENEC, si è preoccupata di prigionieri di ogni tipo. Uno dei risultati dell’ENEC sono state le visite nelle carceri, dove c’è catechesi per i detenuti e celebrazione regolare dell’Eucaristia.
“Il ruolo di mediazione della Chiesa le è dato dalla sua missione di creare ponti, di riconciliarsi; Egli ha, dato dal suo Maestro e Signore, la missione di realizzare e riconciliare, favorendo misericordiosamente quello sofferente. Questa missione, che potremmo chiamare “mediatore”, è compiuta dalla Chiesa finché le è chiamata in modo speciale e la sua risposta è fatta con disponibilità e servizio.
“Così, già negli anni ’80, durante l’amministrazione George Bush (padre), una delegazione della Conferenza dei vescovi cattolici di Cuba visitò il Dipartimento di Stato americano e la Casa Bianca, poiché il governo cubano avrebbe rilasciato un buon gruppo di prigionieri politici se gli Stati Uniti accettavano di riceverli lì. La Chiesa cattolica americana contribuì ampiamente e più di 1.200 prigionieri politici e le loro famiglie furono ammesse negli Stati Uniti. Il cardinale John O’Connor pagò e inviò i voli che portarono a questo gran numero di persone da L’Avana a New York.
“Anni dopo, dalle affermazioni delle mogli e delle madri dei prigionieri politici del 2003 – le cosiddette Ladies in White – il generale Raúl Castro mi ha convocato il 19 maggio 2010 per trovare un modo per rilasciare i cinquantatré rimasti del settantacinque gruppo. È stato incluso anche l’intero gruppo di prigionieri considerati politici, alcuni con sentenze elevate, in modo che coloro che lo desideravano potessero lasciare Cuba con i loro parenti negli Stati Uniti.
“Quella volta gli americani non accettavano e il ministro degli Esteri spagnolo, Miguel Angel Moratinos, fornì loro la possibilità di andare in quel paese e l’accordo avvenne. Il Presidente Raúl Castro mi ha chiesto di chiamare personalmente i prigionieri in prigione e di chiedere loro se volevano lasciare Cuba per la Spagna con i loro parenti più stretti o se preferirebbero rimanere qui. È stato un processo di oltre due mesi, ma alla fine sono usciti progressivamente circa 135 prigionieri che si sono recati in Spagna con i loro parenti, per un totale di oltre mille persone. Un piccolo numero di prigionieri ha deciso di rimanere a Cuba.

Molto spesso si è trattato di un processo del popolo cubano, ma il più noto e che erà la storia è senza dubbio una mediazione nel disgelo tra Stati Uniti e Cuba.

“Un processo riguarda l’altro. Quest’ultima liberazione di prigionieri ha avuto una buona risonanza negli Stati Uniti, in particolare nell’amministrazione di Barack Obama, ed è stato il primo passo nel disgelo delle relazioni tra i due paesi. Nel 2011 sono andato alla Casa Bianca, dopo essere stato intervistato con il sottosegretario agli Affari dell’Emisfero Occidentale, Arturo Valenzuela, che mi ha espresso la buona accoglienza del presidente Obama per queste uscite. La stessa cosa mi è successa il giorno dopo, alla Casa Bianca, il consigliere generale per la sicurezza interna James Jones, quando gli ho fatto visita per chiedergli di essere ammesso ai prigionieri che si trovavano in Spagna e volevano recarsi negli Stati Uniti. In quel caso, accettò di avere solo venti famiglie.
“Su richiesta del Santo Padre, sono intervenuto nella mediazione per migliorare le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. Ciò mi ha fatto visitare personalmente il Presidente Raúl Castro all’Avana e il Presidente Barack Obama alla Casa Bianca. Questa, mentre mi saluto, la prima cosa che ha fatto è stata congratularmi con me per il mio intervento nel rilascio dei prigionieri politici nel 2010. Ecco perché dico che si è compiuto un passo molto importante per migliorare le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti.
“In quelle visite, sono stato portatore di una lettera personale del Papa a ciascuno dei presidenti. Avevo già consegnato quella del Presidente Raúl Castro e dato al Presidente Barack Obama la sua lettera, che ha molto apprezzato dicendo che l’intervento del Papa sarebbe stato di grande aiuto per migliorare le relazioni. Sono stato anche portatore di un messaggio personale di Raul Castro per il Presidente Barack Obama e questo a sua volta ha inviato a Raul Castro, attraverso di me, un messaggio personale e promettente sul miglioramento delle relazioni.
“Tutto il resto appartiene al regno della discrezione e della segretezza che ha permesso al Papa, vero mediatore in questo conflitto, di raggiungere il successo della trattativa. Nel libro che ho scritto su questo importante fatto (Meeting, Dialogo e Accordo. Papa Francesco, Cuba e Gli Stati Uniti), rendo al Papa l’omaggio meritato dalla sua mediazione”.

Cardenal Jaime Ortega
Cardenal Jaime Ortega

Dopo un episcopato così pieno di fatti epocali, che equilibrio farebbe?

“Non spetta a me fare il punto della mia episcopato. Tutto quello che posso dire è che sono stato felice di essere stato il primo vescovo di Pinar del Río, anche se per un breve periodo, e poi arcivescovo dell’Avana per tanti anni, in cui ho vissuto un momento difficile ma interessante, e ho vissuto l’affetto e l’affetto degli Habaneros. La città dell’Avana è per me, la stessa di Matanzas, il mio cordiale luogo di riferimento. I miei trentacinque anni a L’Avana mi identificano in modo speciale con coloro che hanno dichiarato che questa è una Città delle Meraviglie.

Non avresti mai pensato di lasciare Cuba? Esercitare il suo ministero da qualche altra parte?

“Come sacerdote diocesano, sono stato ordinato in una diocesi di Cuba. La vocazione sacerdotale per il clero diocesano è sempre pensata in relazione alle persone da cui veniamo e per le quali dobbiamo lavorare. Non riuscivo a pensare alla mia vocazione, ma in questo modo non avevo la vocazione di essere sacerdote della Chiesa in nessuna parte del mondo. Il sacerdote diocesano serve non solo il suo paese, ma quella parte del suo popolo che appartiene a una particolare diocesi.
“Quando studiavo all’estero, non potevo non pensare al futuro apostolato nel mio paese, con il mio popolo, con le sue virtù e i suoi difetti. Non ho concepito lo sviluppo del mio ministero da nessun’altra parte, ma qui, come parte di questa Chiesa cubana, limitata e piccola, ma piena di vitalità spirituale e di speranza. Quindi, con bonanza o difficoltà, volevo servire questo popolo.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*