Momenti

Cardenal Jaime Ortega y el Papa Francisco en su visita a Cuba
Cardenal Jaime Ortega
Cardenal Jaime Ortega

Ci sono poche opportunità quando puoi documentare graficamente parte della traiettoria di una personalità. Di solito questo può essere fatto da giornalisti o individui che sono membri della stessa squadra. Devi conoscere le agende, avere accreditamenti ed essere tecnologicamente attrezzato per ottenere qualche risultato. Quello che è stato detto finora è “solo” un requisito minimo che dà al fotografo alcuni vantaggi e sicurezza, il resto è una questione di abilità personale. Accade spesso che avendo i mezzi tecnici e formali, la fotografia si perdi per qualsiasi dettaglio insignificante. Tieni presente che un’istantanea è solo un momento fugace. L’arte fotografica richiede padronanza tecnica, istinto, previsione, ma soprattutto conoscenza dell’attività che viene coperta e dove si verifica.
Nel corso di diversi anni ho avuto la gioia – forse la fortuna – di concordare in certi momenti con il cardinale Jaime Ortega Alamino, una figura pubblica rilevante, ma allo stesso tempo accessibile come persona. Sono stati davvero “momenti” che sono emersi come frutti di circostanze varie. A volte perché l’attività aveva le dimensioni che giustificavano la sua presenza, a volte perché il caso mi metteva sul posto o perché presumevo di dovermi frequentare. Il fatto è che, ogni volta che facevo la sua comparsa, ho faticato a ottenere un’istantanea di lui. La figura era motivante e interessante dal punto di vista visivo, soprattutto conoscendone la traiettoria.
Ciò che ha reso il mio impegno quasi sempre difficile è stato il tipo di attività in cui abbiamo concordato, per lo più di natura religiosa, dove un’etica è imposta, da un elementare senso di rispetto, e la mobilità è limitata. Aggiungi a questo che uno dei luoghi più complessi per scattare foto sono le chiese. Le aste hanno un’illuminazione ambientale che non è adatta a questo tipo di lavoro e l’uso del flash è limitato al minimo in modo che non causi lampi spiacevoli nel bel mezzo di qualsiasi atto liturgico. Se a ciò aggiungiamo che a causa della gerarchia che possedeva occupava sempre un posto in cima al presbiterio o in prima fila, la lontananza rendeva la domanda più complicata.
Anche con queste condizioni, sono riuscito a ottenere un’immagine, sottolineo che non erano sempre buone. Oggi intendo mostrarne solo alcuni ai lettori, come un tributo al poustum e un giusto riconoscimento della figura che ci ha appena lasciato. Saranno di certi momenti che considero trascendenti, anche se per l’altezza della figura, ha avuto l’opportunità di essere protagonista in atti di enorme significato storico dove, ovviamente, non potevo nemmeno essere presente.

Cardenal Ortega camina por la Calzada del Diez de Octubre
Il cardinale Ortega cammina sulla Causeway dei Dieci di ottobre

Inizierò il 17 novembre 2011. In quel pomeriggio di sole, il cardinale Ortega camminò sulla Causeway dei Dieci di ottobre. Alle sue spalle, il santo patrono di tutti i cubani, nostra Signora della Carità del Rame, seguita da un mare di persone. Come il Buon Pastore sempre alla testa del suo gregge, salì sul ripido pendio. Passo sereno, sudore sulla fronte, sguardo calmo, forse meditativo. Raggiunse così la cima della storica collina della chiesa di Gesù del Monte, avendo viaggiato in pellegrinaggio gran parte del territorio della diocesi. E ‘stato uno sforzo supremo per un uomo della sua età.
Dopo l’estenuante tour, senza fare una pausa, si rivolse per più di quindici minuti a una folla che ascoltava con attenzione e con profondo rispetto. Non mi ricordo che riposasse per un secondo. Rimase molto attento a tutti i dettagli riguardanti il soggiorno della Madonna in parrocchia. Diede costantemente istruzioni prima che il pubblico fosse ammesso nel tempio. Poi si è preso cura di quante persone gli si sono avvicinate per salutarlo o essere benedetto.
Un altro momento della prelazione che ho potuto perpetuare è stato nella tradizionale processione di omaggio al nostro Patrono, che ogni anno organizza la Basilica Minore della Madonna della Carità. Era l’8 settembre 2015. Sapevo che era lì e l’ho cercato costantemente fino a quando non l’ho trovato. Lì c’era, nel mezzo di via Galiano, personale in mano, coperto con la sua mitra e portando i suoi ornamenti. Era circondato da una folla che era piegata a marciare con lui nel cuore del Centro Habana, qualcosa che per molti poteva essere complicato per più di un motivo.
Non dimenticherò mai il 20 settembre 2015. Quel giorno il cardinale arrivò con Papa Francesco nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù in Via Regina. Dopo innumerevoli sforzi per entrare davanti al cancello principale del tempio, dopo una lunga attesa e proprio nel momento decisivo, mi stava davanti un enorme cartello che mi copriva di tutta la visibilità, ho appena iniziato a sollevare la fotocamera e stringere l’otturatore quante più volte possibile, non avevo tempo o spazio per osservare lo schermo. La stessa cosa è successa all’uscita di entrambe le personalità dal tempio. Sebbene le immagini ottenute non abbiano qualità di concorso, per me hanno un grande valore, sono la testimonianza di essere state sul sito in quel momento memorabile. In più di una cornice sono apparsi il Cardinale Ortega e Sua Santità Francesco.
Sono sempre stato colpito con forza dalla simpatia che si è risvegliata nelle persone. Quando la figura del cardinale apparve in pubblico, tutti si concentrarono su di lui e volevano prendere contatto, anche se era breve. Me lo ricordo un giorno di Pentecoste in Cattedrale. Mentre arrivava attraverso la porta della sacrestia, i presenti applaudirono il suo arrivo. Quando la Messa finì, fu circondato mentre esceva da molti di quelli lì, con loro chiacchierarono piacevolmente per un po ‘.

Cardenal Jaime Ortega y el nuevo arzobispo de La Habana, Monseñor Juan de la Caridad García
Il cardinale Jaime Ortega e il nuovo arcivescovo dell’Avana, monsignor Juan de la Caridad García

Un’immagine che mi sconvolga, tra tutte quelle che potrei fare e che tengo nel mio fascicolo, è quella che ho scattato il 22 maggio 2016 alla porta del Duomo. Attese l’arrivo dell’arcivescovo Juan de la Caridad García Rodríguez, il giorno della sua assunzione come arcivescovo dell’Avana.
L’ultima volta che ho avuto il privilegio di parlare al purpurado è stato il giorno dell’uscita del suo libro Encounter, Dialogue and Agreement. Papa Francesco, Cuba e gli Stati Uniti.1 Era nell’Aula Magna del Centro Culturale Padre Félix Varela. È stato così gentile da farmi una dedica nella copia che aveva acquisito e io manterrò sempre.
Nelle prime ore del mattino del 26 luglio, siamo stati sequestrati dalla notizia attesa della sua morte. Fu il secondo cardinale nella storia della Chiesa cattolica cubana.2 L’uomo intelligente di alta vocazione di servizio che ha sempre adempiuto ai suoi doveri di parroco, che ha saputo superare i dolori provati nella propria carne in tempi delle Unità militari di sostegno alla produzione (UMAP), quello di un ruolo attivo nell’Incontro ecclesiale nazionale cubano (ENEC) , quello di un’acuta visione conciliante e di un atteggiamento mediante, costruttore di ponti tra maree alte e profonde differenziate tra le sponde opposte. Senza riserve, Sua Eminenza è stato il grande dialogo cubano del nostro tempo.
Ricordando questi momenti visivi, tutti perpetuati dall’obiettivo della mia macchina fotografica nel corso di diversi anni e rivedendo un grande gruppo di note sul cardinale Jaime Lucas Ortega Alamino, è facile realizzare il vuoto profondo lasciato dalla sua morte. Ha perso la Chiesa cattolica cubana a causa di una guida, ma il suo Magistero ha lasciato profonde linee guida per la strada. Con la sua scomparsa fisica Cuba ha visto partire per l’eternità coloro che hanno un posto meritato nella sede degli uomini importanti della patria.

Note
1 Carta. Jaime Lucas Ortega Alamino: Incontro, dialogo e accordo. El Papa Francisco, Cuba e Stati Uniti, Messico, Ediciones Paulinas, S.A. de C.V., 1°. edizione 2017.
2 Il primo era la Carta. Manuel Arteaga Betancourt (28 dicembre 1879 – 20 marzo 1963) è nato nel dicembre 1945. Vedi Pbro. Raúl del Valle: Cardinal Arteaga: Glows of Cuban Purple, Havana, Ramallo Print Polygraphic Workshops, novembre 1954.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*