Mercenari al centro di un tornado

Iglesia Jesús del Monte luego del paso del tornado

Qualsiasi fenomeno meteorologico genera preoccupazione nella popolazione. Le previsioni dell’arrivo di un fronte freddo, le penetrazioni del mare, il fenomeno del bambino e i temuti cicloni, fanno sì che gli avvertimenti precoci prendano le misure necessarie per prevenire perdite umane e materiali. Ma la formazione di un tornado come quello che ha colpito l’Avana la notte del 27 gennaio di quest’anno è imprevedibile.

 Fray Gabriel Ávila Luna

Questo cacciatorpediniere ha sorpreso diversi comuni della capitale, tra cui dieci ottobre. L’area sopraelevata del Consiglio Popolare di Jesús del Monte, dove si trova l’omonimo parrocchia, ha mostrato nelle prime ore del mattino successivo un panorama desolante. La chiesa è stata praticamente distrutta, ha perso il tetto e la croce del campanile, diversi archi a mezzo punto si sono rotti, i mobili sono volati e poche immagini sono state salvate. Sul posto c’erano il suo giovane parroco Frate GabrielE Avila Luna -Fray Gabriel de San Pedro Pascual -, messicano, con due anni di tempo di servizio ordinato e paritario a Cuba, accompagnato da un seminarista cubano, entrambi dell’Ordine della misericordia.

Mi sono avvicinato al frate Gabriele mentre il suono delle raffiche di vento e della pioggia rimaneva ancora nelle sue orecchie.  Il mio obiettivo era quello di poter conoscere, in prima persona, le sue impressioni sul momento vissuto e trasmetterlo ai lettori della Nuova Parola. In quel momento molte mani amichevoli portarono la loro assistenza solidale alla parrocchia per mitigare il più possibile le perdite e coprire in parte i bisogni fondamentali delle vittime. Era gentile e mi ha detto che ho avuto il momento; Ho preferito non farlo in quei giorni e ho aspettato che tutto fosse più calmo. L’incontro si è svolto nel pomeriggio dell’11 gennaio dopo la Messa. 

Non volevo andare dritto al tema duro del tornado a causa di una questione fondamentale di sensibilità, ho preferito prima conoscere alcuni aspetti legati alla persona e il motivo della sua presenza sul posto.

Cosa ne pensi quando sei stato nominato a Cuba quasi subito dopo la tua ordinazione sacerdotale e quali sono state le tue prime impressioni quando sei arrivato alla parrocchia di El Buen pastor de Jesús del Monte?

“Il primo pensiero fu che giunse in una terra di missione e di redenzione. I mercedaries sono dedicati al riscatto. Ero già stato informato che la parrocchia di Gesù del Monte era un luogo storico all’Avana, dove alcuni parroci mercenari erano stati in passato e c’era ancora grande devozione per nostra madre nella comunità, che mi riempiva di incoraggiamento e desiderio di consacrarmi ad essa”.

Coesiste con la popolazione di una baraccopoli di Habanera che mostra alcune complessità, problemi abitativi, manifestazioni di indisciplina sociale, un ampio universo religioso Hai avuto difficoltà ad adattarti all’ambiente?

“No, sono mai stato in comunità simili prima, anche costumi e ideologie diverse.”

La parrocchia di Gesù del Monte è uno dei gioielli storici della diocesi, questo ti fa sentire qualche ulteriore grado di responsabilità o semplicemente assumerla come una normale parrocchia?

“Mi fa sentire un ulteriore grado di responsabilità per il suo carattere storico, per il suo significato e anche per il fatto che altri mercenari mi hanno preceduto in esso. Qualcosa di speciale nei miei sentimenti è il fatto che eccomi qui e l’immagine di nostra madre era venerata con franca devozione.

Potresti condividere la tua esperienza della notte del 27 gennaio con The Readers of the New Word?

“Eravamo appena saliti, frate Rodolfo ed io, dal tempio.  Abbiamo accolto le banche in modo che sarebbero state bene alla Messa del giorno dopo. Ci stavamo già preparando a pregare sulle nostre eves. In quel momento abbiamo notato un rumore, come quello di un aereo che si stava schiantando. Ha iniziato a soffiare un forte vento e pensavamo che arrivasse anche una pioggia molto intensa. Frate Rodolfo cercò di chiudere alcune porte nella nostra piccola stanza per impedire all’acqua di entrare, ma non ci riprovò, il forte vento lo fermò.

“È successo tutto in pochi secondi, si è sentita una forte esplosione, gli occhiali e le pietre stavano volando sopra di noi, abbiamo dovuto covare. Abbiamo sentito il vento prendere il balcone e parte del tetto di tegole della nostra chiesa, quindi tutto ciò che abbiamo fatto bene è stato correre sul fondo del nostro chiostro, proprio nelle sale della catechesi. Pensavamo fosse l’unica parte in cui non ci poteva succedere nulla. È lì che ci siamo rifugiati. È successo tutto in pochi secondi. Avevamo paura di non sapere cosa stava succedendo, se si trattava di una tempesta, di un ciclone o di un aereo, la cosa meno che mi passava per la mente era che si trattava di un tornado, non avevo alcun riferimento a qualcosa del genere.

A che punto hai notato e sei diventato consapevole della distruzione causata dal fenomeno nel tempio?

“Quando tutto era diminuito, in compagnia del frate Rodolfo tornai all’ultimo piano. Prenderei i miei documenti, se succedesse di nuovo qualcosa, li terrei al sicuro. Ho notato che non avevamo più muri o tetti nel tempio. Non abbiamo visto molto perché non c’era fluido elettrico. Abbiamo deciso di scendere e sistemarci in ogni modo possibile. Si potevano sentire le sirene e un sacco di gente che urlava. Abbiamo aspettato l’alba in modo da poter uscire e vedere cosa era realmente successo.

Dopo il fatidico evento, la chiesa di Gesù del Monte divenne un vero focolaio di amore e solidarietà umana degli Habaneros, tutti spontaneamente. Cosa potresti esprimere sull’esperienza che hai vissuto in questi giorni?

“In particolare mi ha riempito di grande speranza ed entusiasmo vedere che così tante persone si sono riunite e sono venute qui per bussare alle nostre porte per portare donazioni di vestiti, acqua e cibo. Le comunità religiose apparvero presto, arrivarono anche con il cibo per le persone che avevano perso tutto. Abbiamo iniziato ad organizzarci in modo tale che la popolazione si rendesse presto conto di ciò che stava succedendo qui e passasse rapidamente la parola. In questo modo, i colpiti nella zona hanno iniziato a ricevere alcuni primi aiuti, sono stati fatti javitates per le persone più colpite, non è stato molto, ma era qualcosa nel bel mezzo del nulla. Senza rendersene conto il luogo è diventato un centro di aiuto comunitario. Sono stati i vicini, volontariamente, a pulire l’area con detriti per rendere possibile l’accesso.

Aiuto umanitario della Chiesa cattolica

Ho sentito nelle baraccopoli dichiarazioni di apprezzamento degli abitanti e anche nei media questa gratitudine è stata evidente nelle interviste con i vicini colpiti. Pensate che questo abbia contribuito a rendere più visibile la missione sociale della Chiesa?

“Sì, la Chiesa svolge sempre un ruolo importante all’interno di qualsiasi società. Anche José Martí ha detto una cosa del genere, noi, gli uomini, dobbiamo anche essere commossi dalla situazione che il Nazareno ha attraversato. Non possiamo mettere da parte il ruolo della Chiesa perché alla fine contribuisce efficacemente, anche se con un grano, a migliorare la società. Devo dire che non per un secondo l’idea di rilievo ci è passato per la testa, abbiamo solo messo da parte le nostre affettie e ci dedichiamo ad aiutare, ce n’è sempre una che è peggiore.

D’ora in ora in su, cosa sta arrivando papà?

“Continueremo a dare seguito alla gente della nostra parrocchia, ai nostri parrocchiani, per aiutarli. Questo è servito come linea guida per comprendere la necessità di laboratori di recupero, non solo nell’aspetto materiale, ma anche nell’aspetto spirituale. Abbiamo capito, attraverso questa situazione, la necessità di risvegliare la nostra fede, che è ciò che ci tiene uniti”.

Cosa vedi della situazione nel tempio?

“Alcuni passi hanno già iniziato ad essere compiuti, stiamo anche aspettando che le donazioni inizino a rendere visibile il progetto di riparazione del nostro tempio che sta nascendo, dobbiamo essere pazienti e lavorare, che sarà l’unico modo per avere di nuovo la nostra casa spirituale uguale o migliore di quanto avessimo.”  

Grazie Padre per il tempo che ho dispensato nel bel mezzo di tanto lavoro.

Le perdite fanno male, ma i lamenti sono inutili. Per coloro che sono stati per anni nella parrocchia di El Buen Pastor de Jesús del Monte, fonte di ampie ricerche storiche e motivo di molteplici opere, vederlo in questo stato, dopo trecentotrentanove anni di esistenza, è doloroso. Il prima possibile, i suoi cinque allegri campanili suoneranno di nuovo in cima al suo campanile per annunciare la rinascita del vecchio tempio. La sua ampia porta si aprirà per tutti in Gesù del Monte, perché questa è la sua missione eterna.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*