Il lattaio (Frammenti)

Ci sarà ancora chi ricorda, o l’ha sentito dire a genitori e nonni, come ai tempi di un tempo i litri di latte venivano depositati molto presto ogni mattina alla porta di casa, senza che nessuno fosse in grado di prendere quello che non gli apparteneva. La stampa che le nostre pagine portano oggi risale ancora più indietro. Nonostante le enormi differenze con i giorni nostri (o solo per questo motivo), troviamo questo ritratto, scritto da Ramón Meza alla fine del XIX secolo, molto valido. Forse, per logica umana e progresso, non è rilevante tornare a questi modi decimononici (anche se, come vedrete, erano efficaci ed efficienti, oltre a racchiudere alcune poesie bucoliche nelle loro immagini). Tuttavia, questa narrazione è la prova che il vero lavoro e l’altruistità sono sempre accompagnati da risultati.

[…]
La falange notturna, ben organizzata e peggio distribuita, formata dai lattai, invade durante la mattina presto la popolazione; ma da molte ore prima di iniziare il suo lavoro. Si può dire che durerà la maggior parte della notte e gran parte del giorno successivo. Verso le otto o le nove di notte, nei paddock e nei recinti vicino alla città, sono già inginocchiati ai piedi delle mucche numerosi contadini che estraggono dalle mammelle delle onde il cibo sano e nutriente per eccellenza […] Gli uomini assonnato, avvolti in strati neri, passano attraverso il campo cantando a mezza voce, aprono i recinti, le cui porte di legno squittiano quando girano le loro fragilità mescolate dal tempo, si avvicinano a ogni mucca, che con una mitezza esemplare si alza, rimangono accovacciati per un istante al piede, e poi riempiono, con il liquido bianco e caldo che estraggono, grandi lattine. , che sono immersi in uno stagno d’acqua e posti nei seroni di alcuni cavalli legati uno dopo l’altro dalla coda. Fatto tutto questo cavalcare il lattaio sul primo cavallo, lasciare la campagna e partire per la strada reale.
[…]
A Jesús del Monte, da Toyo al ponte Agua Dulce, sulla collina, vicino all’angolo del Texas, ci sono case dall’aspetto scadente, che con i loro soffitti a guano e le sue pareti in legno spazzolato o la muratura sbiancate hanno allo stesso tempo alcuni bohíos e alcune case: transizione tra gli edifici della città che inizia e cottage che terminano. In quelle umili case le cui porte si aprono di notte si possono vedere, grazie ai riflessi rossastri di cattive lampade che fumano dentro, uomini alti e robusti, spalle arrotondate dal lavoro, che vanno e vengono, e si alzano e si accovacciano all’infinito nei portali. Di fronte a queste case, i lattai che passano le strade vengono arrestati e parcheggiati in silenzio: vi depositano il loro carico; viene misurato, pesato; e dagli enormi pulsanti che i cavalli vengono caricati si sta spostando verso botija più piccole e manubili. È un’altalena di vasi che passano dai seron ai portali, dai portali ai seron; una confusione di uomini encapoted che lavorano senza parlare; puoi sentire quel forte rumore che esce dalle bottiglie di latta solo quando ti scontri vuoto l’uno con l’altro o dando il suo ampio fondo sul marciapiede duro accompagnato da speroni. Dopo un po ‘coloro che anche i portali sono venuti stanno ri-cavalcando e ritirandosi di nuovo in campagna. Altri cavalli che hanno ricevuto il carico si sono diffusi sui cupi portali in marcia verso la città. Questi sono quelli che vedete, e più li vedete, li senti transitare per le strade solitarie nelle prime ore.

Alle cinque del mattino, quando la prima alba del giorno inizia a impallidire la luce delle lanterne, ci sono urla annegate, accoltellamenti, cucina, mormorii di impazienza di fronte alle porte chiuse e alle finestre delle case: sono i lattai che chiamano. Le porte e le finestre sono diverte, le teste strillate, i volti assonnato, pallido, gli occhi malconci di sguardo goffo in cui fa pungere la giornata, sbirciare fuori per loro; un braccio nudo passa attraverso la fessura per afferrare lo stivale coperto di paglia di mais per il collo.
Buongiorno. Vieni troppo presto.
Non in tutte le case il lattaio trova le porte chiuse: alcune sono completamente aperte. E poi nella sala da pranzo, nella hall o nell’anticamera, che quelle tre destinazioni hanno tali pezzi che nelle nostre case seguono la sala, trova un vecchio con i capelli bianchi, ben pettinato, vestito di bagno, che seduto in un ampio matacon di pelle con le gambe distese su una sedia, dispiega i giornali, ancora bagnato, e che hanno appena gettato dalla porta […] Il lattaio entra avvolto in un grande cappuccio, risuonando con i suoi passi fermi le stelle degli speroni, regala le buone giornate, chiama la cameriera preoccupata di accendere la luce con carta grassa e olio, svuota il contenuto degli stivali in un paio di grandi barattoli di latta e esce di nuovo; ma non sempre tranquillamente, che a volte viene notato dal vecchio maso:
Buongiorno. Sei troppo tardi.
[…]
Dopo che i caseifici si ritirano dalla città a cavallo, i caseifici iniziano a camminare per le sue strade […] E prima di tutto, va la mucca guida che indossa una campana sonora in metallo legata intorno al collo. Questi animali malinconia che guardano e ruminano incessantemente, che sembrano portare con sé souvenir della vita tranquilla e semi-patriare del villaggio … si fermeranno alla porta delle case dei vicini che hanno il capriccio di comprare o bere latte ai piedi della mucca. Ω
[…]

L’Avana elegante,
L’Avana, 5 settembre 1886.

Tomado de Costumbristas cubanos del siglo xix, selección y prólogo de Salvador Bueno, t. II, La Habana, Editorial Letras Cubanas, 2016.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*