I Re Maghi?

-Da dove vengo?
Dove mi hai trovato?-
chiede al bambino di sua madre.
Piange e ride allo stesso tempo,
e restringerlo contro il petto
egli risponde:
“Ti stavi nascondendo
nel mio cuore, il mio amore;
eri il suo desiderio.
Rabindranath Tagore

Ho.
Questo 5 gennaio un vicino mi ha sorpreso con una domanda: hai già comprato il dono dei Re per i tuoi figli? Di fronte al mio silenzio di secondi, ha continuato a spiegare: ragazzo, il dono per i bambini, il 6 gennaio, il Giorno dei Tre Saggi, non ti ricordi? Sì, naturalmente mi ricordo, ho risposto alla fine, ma non ho mai avuto Ho detto addio, e ho seguito la strada in una meraviglia, perché qualcuno che non aveva mai messo piede in una Chiesa cattolica mi stava incoraggiando a dare giocattoli ai miei figli all’interno della più universale delle fantasie dei bambini dell’Occidente.
A casa di un altro vicino, la destinazione finale del mio tour pomeridiano, un nonno mi ha detto l’odissea per ottenere il dono di sua nipote. Le code sono enormi, la gente compra giocattoli di ogni tipo, molti sono declassati nel prezzo, mi è stato detto esaltato dal signore abbastanza grande da aver incontrato re e maghi di altri tempi. Ha aggiunto che avevano permesso a negozi e dipartimenti solo di vendere giocattoli, e che, come mai prima d’ora, i genitori trasportavano auto antincendio, camion, bambole, palle, biciclette e costumi, il tutto per nasconderlo agli occhi dei bambini e sorprenderli il giorno successivo.
Sebbene il salvataggio di questa tradizione, come la vigilia di Natale, sia un fenomeno che cresce da tempo, questo inizio del 2005, secondo molti Habaneros, è stato notevole. È difficile capire cosa stia accadendo in un paese in cui non si fa alcun minimo riferimento all’epifania nei mezzi di comunicazione da quarant’anni; a scuola, nemmeno per interesse culturale, viene insegnato che il Kings Day era quasi l’unico momento di libertà e festa per gli schiavi durante la colonia; che uno dei simboli della Capitale è in realtà chiamato Castillo de Los Tres Magos del Morro; e, di minore ma valida importanza, il fatto che quasi tutti i giocattoli devono essere acquistati con la valuta, una valuta in cui quasi nessun connazionale paga.
Pertanto, il materiale giornalistico sarebbe all’apparente contraddizione delle notizie – il che significa che i famigerati, e devono essere attuali, interessanti e importanti – il sostanziale aumento dell’acquisto di giocattoli e la resurrezione dell’usanza dei Tre Saggi a Cuba. Molte sarebbero senza dubbio le cause di questo fenomeno. Proviamo a spiegarne solo alcuni.

Ⅱ.
In primo luogo, una necessaria digressione storica. Appartengo alla generazione nata all’inizio della Rivoluzione, i quadenni, come qualcuno con un ottimo tino valuta il baby boom cubano – l’esplosione demografica degli anni Sessanta. In questo modo, quello che potrebbe sembrare ai miei figli normali oggi, circoli per bambini, borse di studio, scuole sul campo e tante altre entità, è iniziato con i bambini che trascorriamo oggi o siamo vicini a quarant’anni. Abbiamo anche visto sparire altre cose come i Tre Saggi.
Quanti Re potrei godermi? Non lo so esattamente. Penso che poco prima che fossero dichiarati persone non grata sapevo già che erano i miei genitori, il che mi ha fatto sentire parte di un’illusione condivisa con il resto della famiglia. La sera prima cercavo di rimanere sveglio. Come tutti i bambini, non ce l’ho fatto. Fino a un giorno in cui ho potuto vedere i miei genitori, poi sposato, parlando tranquillamente, e credendomi profondamente addormentato, caricavano i giocattoli per nasconderli in tutta la casa. Ho dimenticato molti dettagli sulla mia infanzia. Non quel giorno. Nel pomeriggio, mia nonna aveva raccontato a me e mio fratello, ancora una volta, la storia dei cammelli e dei Magi: come passavano sotto la porta si trasformavano in piccoli palchi e dovevo lasciarlo erba e acqua; e non alzarsi fino a quando i Magi si erano ritirati perché il fascino poteva essere rotto.
Ricordo anche nel dolore come si riferivano gli inafferrabili governanti dell’Oriente, o meglio, l’illusione di loro; Le argomentazioni dei miei genitori mi sembravano, in così giovane età, assurde: i bambini non avevano ragione a ingannarli, era un’abitudine del passato, la data del 6 gennaio poteva essere qualsiasi giorno dell’anno. Il motivo più illogico di tutti, per il loro drammaturgo, era che non tutti i bambini del mondo avevano giocattoli. D’ora in poi, mi è stato detto, i giocattoli sarebbero stati distribuiti ai bambini allo stesso modo. Era improbabile, in così pochi anni, che avrei pensato di suggerire che non era meglio uccidere i Tre Saggi, ma aiutarli a distribuire più giocattoli e in modo più equo.

Forse altri, adulti, ci hanno pensato. Forse è per questo che hanno inventato un sistema di turni al telefono – mia madre e mia nonna stavano per perdere le rispettive prime falangi – e poi si spostano attraverso il libro delle forniture. Potrei toccarti il 10 per il primo giorno al mattino – un buon posto, senza dubbio; o il 5 per il quarto giorno nel pomeriggio – non così buono. Il turno significava solo un ordine in coda, che era, di per sé, una follia con un turno e tutto il resto.
Una volta all’interno del negozio, ogni bambino ha ottenuto tre giocattoli. Uno di base, che era il migliore. Il 10 del primo giorno del mattino, come un tempo toccava mio fratello – sempre con quella fortuna per le lotterie! – poteva prendere una bicicletta. Ma i poveri 5 del quarto giorno nel pomeriggio era a bordo; direbbe in buon cubano che tutto ciò a cui poteva aspirare era stoppie. Forse, e questa era la speranza, l’anno prossimo con buone dita o un amico enologo, avrei preso un posto migliore.
Dopo il giocattolo di base ha giocato il non-basic, non così buono, ma ancora con una certa dignità. E il puzzolente era il giocattolo mirato. Con quella facilità con cui i cubani devono inventare nomi e cambiare il significato delle cose, quello diretto era un giocattolo che ti toccava per modello, quasi sempre orribile e semplice – una palla, un gioco di yakis, uno yo-yo; e che quasi nessun bambino voleva, ma tutti li portavano, uno per disciplina e altri perché erano ancora lontani con il loro giocattolo di base.
È durato alcuni anni. Non so quanti. È vero che ogni ragazzo cubano aveva giocattoli allora. Non so se un’altra società abbia compiuto un’impresa simile a favore dei più piccoli. Forse il prezzo era quello di risvegliarsi da un’illusione innocente e sana alla materia prima; né sarebbe da ignorare che il 6 gennaio, come prevedevano i miei genitori, scomparve come Festa dei Bambini. Questo è un dettaglio importante nella storia.
Dico tutto questo perché i cubani hanno, come buoni prodotti del Tropico, mutevoli e sensuali, una grande tendenza all’oblio. E senza memoria non c’è ragionamento, non c’è presente, e il futuro potrebbe essere più imprevedibile di quanto non sia già per natura. Senza memoria, come i malati di Alzheimer, corriamo il rischio di perdersi anche a casa nostra.
Iii.
Vediamo, trentadue anni dopo, le argomentazioni dei miei genitori per bandire i Tre Saggi dalle mie illusioni da bambini, come credo abbia fatto la maggior parte dei genitori dell’epoca, il tutto – anche se sbagliato, a mio parere – dalle migliori intenzioni e attenzioni.
Se fosse sbagliato ingannare i bambini con storie di maghi e re, tutte le storie dei fratelli Grimm, Perrault, Hoffmann, Andersen e Collodi dovrebbero scomparire dalle case. Secondo tale analisi, il primo libro ad essere bandito nelle case sarebbe The Golden Age di José Martí, perché per raccontare le sue storie, l’autore usa fantasie di maggiore volo poetico; Penso, per esempio, che una poesia così dura per un bambino per il suo peso del dolore degli altri come Los Zapaticos de Rosa, non sarebbe ammorbidita senza la farfalla che vede dalla sua rosa i calzolai conservati in un bicchiere.
Succede che nella psicologia dei più piccoli c’è come uno stato ordinario in cui si basano la finzione e la realtà, entrambe essenziali per plasmare le loro personalità. Una cosa è mentire, ingannare, e un’altra è creare un’atmosfera di sano ottimismo, di illusioni e di possibili sogni. Inoltre, nel caso dei Tre Magi, come in quasi tutte le narrazioni dei bambini, c’è sempre un soffio di pace, speranza, buon lavoro, sentimento e pensiero, raggiunto attraverso metafore e morale dove, necessariamente, gli uccelli devono parlare, e gli uomini sorvolano le nuvole.
La tradizione dei Tre Saggi è un’usanza del passato. Ma viene dal nostro passato: quello dei nostri genitori, nonni, bisnonni e bisnonni. Niente più, niente meno, usanza senza la quale il simbolo culturale della nazione cubana perderebbe parte del suo fondamento di sostenibilità. È una tradizione che viene dalla Spagna, un tronco in cui sono state innesate altre culture e, come albero di mezza razza, è cresciuto nel Tropico. La radice, tuttavia, è lo spagnolo. Significa che anche se non professiamo la fede cristiana cattolica, la maggior parte dell’arte, della scienza, della politica e della vita quotidiana dei cubani, senza che ce ne accorgerci, è influenzata dai suoi valori e tradizioni – con tutte le sue luci e ombre, come ama dire l’arcivescovo Carlos Manuel de Céspedes.
Al contrario, Babbo Natale o Babbo Natale non è cubano. Non lo è mai stato. I tropici dell’isola non erano la sua cosa. L’uomo grasso dalla barba bianca, vestito con un abito rosso e finiture bianche, che viaggia sulla neve in sella a una slitta di renne, è un’immagine proveniente dagli Stati Uniti ed è venuto da loro, nel 17 ° secolo, dall’Europa. Ci sono sottili differenze tra Babbo Natale e i Maghi d’Oriente, che farebbero bene a un saggio sulla globalizzazione di un modello culturale e religioso egemonico nelle Terre del Patrimonio Cattolico come l’America Latina. Ma lo spazio non gli permette di diffondersi in qualcosa di così suggestivo.
Sebbene l’argomento della data sembri il meno significativo, è forse il più importante: la festa dell’Epifania – significa manifestazione o aspetto – non può essere staccata dalla Grande Novità avvenuta dodici giorni prima: Natale, la nascita di Gesù Cristo a Betlemme. I Tre Saggi – mago, nella cultura orientale significava saggio; non aveva nulla a che fare con la prestigitazione: sono nel racconto del Vangelo solo perché Gesù esiste. Sono venuti ad adorarlo come, e questo sembra essere il significato datogli dall’evangelista Matteo, mentre qualcuno di noi lo farebbe oggi. Quindi, se la data non è più poco dopo la nascita del Salvatore, qual è il punto? Se una società dovesse essere decristianizzata di proposito, uno dei modi più efficaci sarebbe, oltre a sospendere il Natale in ordine di importanza, celebrare i Tre Magi – non sarebbero più come re né come maghi – in qualsiasi giorno dell’anno.
Per quanto riguarda la festa ci può essere molta ingiustizia materiale, c’è una buona ragione per questo. Da una vita, i genitori possono ottenere giocattoli costosi, belli e interessanti per i loro figli e altri genitori non possono. Ecco la frase che alcuni genitori devono diventare maghi per comprare ai loro figli un piccolo regalo. Altri, re, non hanno questo problema. È così che è stato molto tempo fa. Ed è così che è stato anche quest’anno.
Iv.
Montesquieu ha detto che non è necessario fare attraverso le leggi ciò che si può fare attraverso le dogane. La società cubana sta salvando il battesimo dei bambini, la prima comunione, le danze dei Quindici, il matrimonio per la Chiesa, la vigilia di Natale e il giorno dei re. Nessuno l’ha normanno; nessuna istituzione sfida, incoraggia o propaga quei ritardatari del passato, precedentemente chiamati. Allora, che sta succedendo?
Prima ci sono fattori culturali: le tradizioni di un popolo possono essere omesse per un po ‘, ma come molo, non appena la pressione cessa su di loro, rimbalzano con forza insolita. Forse la maggior parte delle quinceañeras, ospiti alla cena del 24 ° o genitori che acquistano giocattoli per i loro figli nel Giorno dei Re, non sapranno come recuperare le usanze molto cubane risalenti a secoli fa. Tuttavia, qualcosa dice loro – curioso atavismo – che va bene, che sono bellissime usanze e portano felicità ai loro figli e amici. Questo ha un lato pericoloso: potrebbero rimanere figurativi, come purtroppo spesso accade perché siamo così inclini a quella che Mañach chiamava mancanza di terza dimensione o profondità di spirito.
Vi sono anche fattori sociali ed economici. La detenzione di valuta convertibile da parte di una parte della popolazione e che quasi tutti i migliori prodotti – compresi i giocattoli – sono venduti in quella valuta, crea una nuova classe socioeconomica. New Class o New Rich – come so che è un termine scomodo, ma non ce ne sarebbe uno migliore – deve essere autenticato attraverso nuovi immaginari simbolici, spirituali e materiali. Il processo di acquisizione di una nuova identità sulla base di un alto livello economico e sociale recentemente acquisito lo rende ineludibile dal possesso di un cellulare e di una parabola satellitare alla celebrazione di alcuni Quindici che invidierebbe le dighe del Vedado Tenis o del Miramar Yacht Club o l’acquisto di un giocattolo di oltre cento pesos convertibili. Nelle scuole, i genitori mi dicono amici, alcuni bambini cubani competono già con altri per quanto riguarda il giocattolo migliore e più costoso che i re gli hanno portato.
Tuttavia, nonostante quanto imperfetto possa avere questo salvataggio delle tradizioni, il valido, il positivo, è il processo stesso. Vale a dire che le autorità hanno agevolato la vendita di giocattoli quest’anno con sconti e l’apertura di nuovi negozi. Alcuni lo diranno per urgenza economica, e questo è anche un motivo legittimo se il denaro raccolto porta più giocattoli e sogni per i bambini cubani.
La mia generazione, quella delle quadrennie, è come aspettativa, ancora non sapendo molto bene come fare; molti di noi furono uccisi presto dai Re, e ora si scopre, come direbbero i massoni e Jorge Negrete ci avrebbe chiesto di credere alla sua morte, che stavano solo dormendo. Questo mi porta a chiedermi se i Re che ho incontrato da bambino non sono veri maghi e saggi. Solo in questo modo l’insonnia con cui li ho aspettati, anche quest’anno, sarebbe spiegabile.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*