Dalla scuola materna alla vita

Prescolar Cuba

Una persona vicina, la madre di una ragazza in età prescolare, ci parla di una situazione davvero unica. Nell’aula della bambina, l’insegnante intende organizzare un gioco per bambini per celebrare una data equis e, tra l’altro, motivare i suoi studenti a dirsi bene a scuola. Va notato che la bambina, innocua e calma come il flagello, ha come motto personale la sua partecipazione a tutto il possibile. In questo modo, il suo entusiasmo non ha limiti alla possibilità di fare il suo debutto come attrice.

Tuttavia, l’insegnante si lamenta del fatto che, in un’aula con un paio di dozzine di studenti, non ottiene quasi mai il quorum necessario per poter provare e presentare l’ondrance pianificato. Per ovvie ragioni, lo spettacolo coinvolge quasi tutte le fiñes del gruppo. La ragione di questo fatto è molto semplice, ma si strofina contro il raccapricciante. Ci sono un buon numero di madri e padri dei loro studenti che credono che la scuola materna non sia una cosa così importante. In questo modo, le assenze giornaliere per cento, e la frequenza di queste per qualsiasi motivo, sono registrate su guarismos molto alti. La conseguenza più visibile di questo problema è che, per l’infelicità di chi frequenta regolarmente, la docente non è mai riuscita a realizzare l’esecuzione del suo stimolante progetto teatrale.

Non devi essere un esperto di pedagogia per essere spaventato da un fatto come questo. La paura non arriva tanto perché qualche carriera di attore è ritardata o abbassata di un paio di grammi le dosi di entusiasmo per la cultura, ma perché non è un evento isolato sulla mancanza di classe per nessun motivo, né si verifica solo a quei livelli prescolari. Ci sono un paio di amici e colleghi della mia generazione che ricordano che l’assenza dalla scuola, in qualsiasi grado, ma soprattutto nei nostri anni di studenti delle scuole elementari, era relativamente poco. Naturalmente, oltre ad essere insegnato che l’assenteismo non era un comportamento positivo, l’influenza dei genitori era vitale per creare nei loro figli la consapevolezza che essere in classe ogni giorno era più importante di qualsiasi altra cosa. Ci potrebbe piacere più o meno, potrebbe essere più o meno attraente, ma era un dovere. La scuola era necessaria, obbligatoria e doveva essere soddisfatta in qualsiasi circostanza.

D’altra parte, la scuola materna, apparentemente facile e persino inconsecente per alcuni, è una tappa molto importante per i bambini. È proprio il luogo in cui questo complicato amalgama di mostrare e formare i comportamenti che saranno poi essenziali in classe e nella vita inizia a svilupparsi. Più che i giochi, i primi valori, regole e disciplina necessari per esercitare i numerosi appresi di questa fase sono già instillati. Forse, agli occhi ignoranti di alcuni genitori, la conoscenza che i loro figli acquisiscono in questa laurea non è molto. In realtà, è vero il contrario.

La scuola materna è il preludio, il primo passo vitale di quel percorso che si concluderà con il già più complesso processo di apprendimento alla lettura e alla scrittura. I programmi educativi di questa laurea sono progettati in base all’accentuazione nei neonati delle capacità psicomotorie, del controllo muscolare, della pratica quotidiana di periodi sempre più lunghi di cura e concentrazione per il bene di un obiettivo. Può non essere chiaro dagli adulti che si acquisisce una conoscenza pura e dura, ma si forma, si formano, vengono preparate le sedi fondamentali di un viaggio più ampio. In breve, la scuola materna è un allenamento essenziale per esercitare e risolvere ogni singolo processo mentale e fisico, che sono necessari per il prossimo apprendimento. Detto sbagliato e veloce, quei mesi sono una base ineludibile che sosterrà, così come o male come forgiato, tutto ciò che verrà dopo.

D’altra parte, l’assenteismo attraverso, altri atteggiamenti e pensieri negativi sono fissati sulla mente sempre sveglia e avida dei bambini. I bambini che oggi sono scomparsi dalla scuola materna percepiscono che lo stanno facendo a causa del congedo e del comportamento dei loro parenti responsabili. Sanno che i loro genitori non li portano a scuola per qualsiasi motivo. Poi assumeranno anche che la scuola non è un grosso problema.

I bambini sono come piccole macchine, programmate dalla fabbrica per imparare, riparare e, cosa molto importante, ripetere tutto ciò che accade nel loro ambiente. Stiamo parlando di automi inarrestabili e molto intelligenti, con energia insensata, dotati di un’incredibile e rapida capacità di assorbimento e assimilazione della realtà che li circonda. Ogni bambino ha anche i propri interessi, i propri desideri e molto presto sviluppare il modo in cui combatte e raggiunge tali obiettivi. Sono corretto da uno psicologo o da qualche madre o nonna coinvolta, ma tra gli interessi di un bambino che va a scuola, va a casa e lascia i giochi perché è buio o sta per piovere, spegnere la TV, mangiare, fare il bagno e dormire in tempo, non saranno quasi mai le priorità. È qui che entrano in gioco l’educazione, la formazione di abitudini e doveri. Se il bambino non è instillato nella disciplina e nel rigore, se non gli viene mostrato fin dalla tenera età che ci sono anche responsabilità, doveri e limiti nella vita, allora non li impareranno mai o li eserciteranno. Va da sé che il male, saprai perché motivi oscuri di attrazione, è ciò che è il più semplice e veloce che impari.

Quei piccoli rimasti oggi sono quelli che domani perderanno il lavoro per qualsiasi motivo, senza rimorso o disagio per ciò che lasciano alle spalle. Se oggi, nell’era delle abitudini di forgiatura, mancare e preoccuparsi è un altro gioco, un lontano pergamena nell’elenco delle priorità vitali; domani in età adulta, e sia per i capi che per i subordinati, lavorare, essere disciplinati ed efficienti sarà una ballata completamente.

Nella storia di marras, c’è anche un altro fatto di forti connotazioni e influenze sulle percezioni infantili sul mondo e sui comportamenti corrispondenti. Il premio a cui partecipano è che non possono rappresentare e godersi il loro lavoro, solo a causa di coloro che sono scomparsi. Le ricompense del diritto, per fare la cosa giusta, non si realizzano e la frustrazione prende invece il sopravvento. Fare del bene, ciò che tocca, il stabilito, non importa, a causa del male, non vengono ricevuti frutti o benefici. Perdono i buoni, ma tu non punisci i cattivi. Le conseguenze che tali sentimenti possono scatenare dalla mente di un bambino, alla sua età adulta domani, potrebbero essere di proporzioni epiche. Di fatto, su scala sociale, viviamo già quotidianamente alcuni di loro.

Ricordo un discepolo negli anni del college, che condivideva con lui un gusto per i romanzi della polizia e le questioni di spionaggio. Una volta, ha riflettuto su due libri dello scrittore cubano Luis Rogelio Nogueras. Chiunque conosca l’opera di Wichy (la cui lettura, uguale nella narrativa e nella poesia, raccomandiamo), saprà che, sia in Noi, i sopravvissuti che in Y se muoio domani, evidenzia un terribile fattore comune. In entrambi i romanzi, i protagonisti muoiono nel disperato tentativo di adempiere ai loro doveri, indipendentemente dai rischi o dalle conseguenze. Le domande poste dal collega sul messaggio di questi testi, stanno andando bene premiate o punite; quanto costa fare del bene?

Forse sì, fare del bene è sempre la cosa più difficile e costosa. Tuttavia, forse non tanto per rispondere alla domanda, ma per prendere posizione, rimangono prove chiare. I due personaggi letterari, tuttavia, anche la perdita della vita, hanno fatto del bene, hanno adempiuto alle loro responsabilità e doveri. In questa determinazione, che va dal contributo minimo all’istruzione, alla formazione personale, dalle classi non mancanti, al tentativo di risolvere la stortoria di un paese, c’è la risposta che ora dobbiamo assumere al plurale. Il bene va sempre fatto, perché anche se fosse per gli altri, darà sempre i suoi frutti. Inoltre, e sicuramente, in questo tentativo, non tutti moriranno. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*