La difficile arte di essere una statua

El grupo colombiano de teatro Tecal, dirigido por Críspulo Torres, fue el primero que mostró estatuas humanas en Cuba.
Antonio Ramón Ojeda Pozo
Antonio Ramón Ojeda Pozo

Ogni volta che cammino lungo Obispo Street, sono profondamente colpito dal crescente numero di statue umane che prendono il controllo degli spazi pubblici e fanno fermare più di un uomo curioso. Se è vero che non tutti presentano una proposta allettante, nel loro complesso non hanno cessato di suscitare la mia curiosità da un punto di vista investigativo. Nessuno può negare che questo sia qualcosa di nuovo nella nostra città, ma sappiamo poco della sua genesi e interiorità.

Grazie a un amico ho potuto incontrare Antonio Ramón Ojeda Pozo, uomo semplice, buon conversazionale e molto colloquiale, che ha introdotto statue viventi a Cuba ed è stato l’addestratore di molti di coloro che hanno intrapreso quella strada oggi. Dopo la presentazione, non ho esitato un attimo a proporre questa intervista che ci permetterà di avvicinarci agli inizi di una manifestazione artistica in aumento nel nostro Paese.

È normale iniziare la conversazione con una presentazione. Non cambierò questa regola, quindi vorrei che lo farete oggi per i lettori di New Word.

“Mi chiamo Ramon, ma mi chiamano Lolo, tutto grazie a una sorella maggiore che chiamano Lola. La mia professione è un attore e lavoro con il gruppo teatrale Buendía che gestisce Flora Lauten. Sono nato a Cumanayagua, una città in provincia di Cienfuegos, c’è una tradizione teatrale tremenda e c’è anche un gruppo di un certo prestigio nazionale e internazionale, si chiama Teatro de los Elementos.1 Fondamentalmente lavorano il genere noto come teatro di strada, devi tenere a mente che si muovono in comunità rurali e montane dove non ci sono teatri”.

Antonio Ramón Ojeda Pozo, la primera estatua humana en Cuba.
Antonio Ramón Ojeda Pozo, la prima statua umana a Cuba.

Questo significa che sei un attore di formazione accademica?

“No, sono un attore autodidatta che ha fatto di tutto. Quello che ho studiato è stato meteorologia e tecnico radar meteorologico.

Allora, come si fa a recitare?

“Dall’età di cinque anni, avevo una bambola di stoffa fatta da mia madre che era una sarta, con lui che diceva la notizia del giorno a scuola, sono stato messo dietro un tavolino la mattina mattina. Da quel primo momento in su, sono sempre stato un dilettante. Al liceo, era ancora nei gruppi teatrali che si formavano. Ero strettamente legato al gruppo Teatro Escambay ai tempi del Pre. Questo prestigioso collettivo ha sede in un luogo noto come La Macagua e ha svolto le sue ricerche sul campo nella zona in cui ho vissuto e studiato. Sono andati al nostro centro e hanno lavorato con noi, insieme la commedia The Bride and Groom è stata montata. Quel lavoro mi serviva come preparazione, volevo entrare nell’Istituto Superiore d’Arte (ISA) qui a L’Avana, ma quando arrivò il momento abbiamo imparato che i test di ammissione erano passati e ho dovuto aspettare fino all’anno prossimo per optare per un posto nel corso dei lavoratori. L’ho fatto, ma l’anno successivo il corso dei lavoratori non si è aperto. Alla fine non ho mai potuto entrare nella prestigiosa università delle arti, ma mi sono dedicato a non perdere un laboratorio di recitazione o teatro. Ecco perché sono stato costretto a studiare Meteorologia, cosa che dovevo fare, non è vero, ma non ho mai rinunciato ai miei sforzi per fare l’attore.

“Tornato nel terroir, un giorno è apparso il gruppo Teatro de los Elementos, anche il regista è da lì e hanno deciso di stabilirsi nel villaggio. Mi ha proposto di unirmi al gruppo come attore, che ho accettato immediatamente. Ci sono stati molti workshop a cui ho partecipato come studente essendo con loro. Ho studiato giorno e notte, ho detto in buon cubano, “Ho mangiato i libri”, che era il mio allenamento di base. Nel 1998 sono stato valutato come attore, è stata Vicente Revuelta a premiarmi la categoria professionale. Questo fatto e il nome del mio valutatore nel documento di supporto hanno cominciato ad aprire le porte del mondo della recitazione ad un altro livello.

La estatua debe atraer al público por su hechura estética y conceptual. Detrás de cada una habrá siempre una historia, nunca será un simple objeto visual; estática y movimientos se articularán equilibradamente teniendo como base su referente representativo.
La statua deve attrarre il pubblico per la sua incanto estetico e concettuale. Dietro ognuno ci sarà sempre una storia, non sarà mai una semplice visuale; statici e i movimenti saranno articolati in modo equilibrato in base al loro riferimento rappresentativo.

Da lì decidi di venire a lavorare a L’Avana?

“Ho continuato con il Teatro de los Elementos di Cumanayagua, abbiamo fatto spettacoli di strada e in sala. Ci prepariamo a partecipare a due festival, uno in Brasile e l’altro in Colombia. Era a Medellin, in Plaza del Río, dove vedo per la prima volta le statue umane, già a loro sapeva dalle letture e conosceva anche l’influenza del teatro polacco tra i suoi adoratori, entrambi punti di relazione. Eravamo stati invitati a vedere un gruppo che si sarebbe fatto vivo, ma quando siamo arrivati al sito non riuscivo a vedere dove sarebbe stata la performance. Improvvisamente sono sorpreso di vedere apparire alcune statue, sono arrivate in fila, vestite con colori diversi, lì ho notato che questa era l’ambientazione. C’erano quindici statue, l’opera si chiamava The Album ed era diretta da Críspulo Torres, alludendo a un album fotografico in cui le statue intasavano le immagini e un narratore raccontava la storia di ogni stampa. Eravamo allo stesso festival, il che ci ha reso più facile entrare in contatto con il gruppo Tecal.2 In questo modo, abbiamo iniziato a imparare qualcosa da ciò che era nuovo e attraente per noi. Tutto è stato promosso spontaneamente e da relazioni personali, è successo nei momenti liberi che abbiamo avuto, non era un workshop organizzato o qualcosa di pianificato.

“Fernando Javier León Jacomino,3 che all’epoca apparteneva alla gestione dell’Asociación Hermanos Saíz (AHS), propone a Críspulo di recarsi a Cuba per fare un tour nazionale. Quando arrivò il Tecal, gli mancavano due attori del cast e Críspulo mi chiede di fare una delle statue dei personaggi, un militare. Sono arrivati a L’Avana e siamo partiti direttamente dall’aeroporto per Holguin alle Romerías de Mayo, durante il viaggio che abbiamo provato e abbiamo iniziato a preparare. La prima cosa che è stata fatta nella città dei parchi è stata quella di lasciare tutte le statue montate su un camion di ferro in un ampio tour della città. Abbiamo fatto la partita a La Periquera,4 è stato un successo. Poi abbiamo fatto un tour a L’Avana, hanno portato materiali per dieci funzioni.

È stato questo il punto di svolta che ti ha reso una statua?

“Già in esecuzione nel 1999, quel tour ha permesso diverse cose, in primo luogo, ho consolidato la conoscenza dell’attività e in secondo luogo, ho permesso a gran parte di Cuba di visualizzare l’espressione artistico-plastica per la prima volta, ma ero ancora con il mio gruppo teatrale, non mi sentivo ancora ben preparato, non ero interessato ad essere il primo a farlo, non ci ho mai pensato.”

Come è stato fatto tutto con il Tecal?

“Lo spettacolo durò un’ora, ogni attore dovette realizzare sei statue in quel momento, sei posizioni diverse dall’analisi di dove doveva essere realizzato. Devi andare sul sito, studiare l’ambiente e l’architettura, in questo modo saprai come posizionare le statue sul sito per il miglior riempimento. È necessario conoscere la posizione del sole al momento della messa in scena, si indossa la vernice per il corpo e si aggiunge, questo può rovinare tutto, oltre al fatto che il pubblico scatta foto e devono avere un bell’aspetto, si tratta di proteggere l’immagine dell’ambientazione e la sua memoria. Il lavoro dei personaggi è articolato in base alle condizioni. Non è lo stesso palcoscenico di un teatro stare con il pubblico, in questa situazione può succedere di tutto e l’attore deve essere preparato per questo, quindi non rompe con la sintassi dello spettacolo, c’è anche uno studio precedente in tutte le direzioni del personaggio.

“L’attore deve fare una preparazione rigorosa per cercare resistenza, allenare lo sguardo, raggiungere la concentrazione, sviluppare e canalizzare le energie comuni tra lui e il personaggio. È necessario trovare elementi di relazione con un altro personaggio e con il pubblico. Questo si ottiene solo con molte ore di lavoro fisico e psichico, proprio come un atleta può. La padronanza della respirazione è vitale, è quasi la stessa di quella dei cantanti, diaframmatici e addominali, le statue devono respirare più lentamente, ‘sono statue’, è quasi sempre in posizione critica e la corretta respirazione previene movimenti e tremori, ma allo stesso tempo il corpo ha bisogno di ossigeno per il suo corretto funzionamento che non può essere dato ad esso”.

El actor que hace estatuas humanas precisa de un profundo entrenamiento físico y psíquico, tal cosa le permitirá enfrentar los rigores de la manifestación de teatro callejero.
L’attore che realizza statue umane richiede un profondo allenamento fisico e psichico, una cosa del genere gli permetterà di affrontare i rigori della dimostrazione del teatro di strada.

È previsto il momento dell’azione per la questione del non influire sulla salute?

“Chiunque richieda il lavoro o le prestazioni. Devi anche assimilare la storia e creare una “storia interiore” in cui bisogna entrare nel corso della recitazione, è un meccanismo di riproduzione e concentrazione che aiuterà tutto ad andare bene e non stancarsi, è come passare un film mentale. Quello che resta è recitare il personaggio, renderlo credibile. La manifestazione ha molta cura, qui sta gran parte del fascino della statua. Pensiamo che si approderà a uno spazio sulla strada che non le appartiene e se non motiva, le persone passano e non lo vedono nemmeno.

“Fare questo per la prima volta a Cuba con il Tecal è stata praticamente una sfida, sappiamo già come siamo noi cubani, la gente voleva toccarti, ti hanno ringraziato per tirarti fuori dal personaggio, ti hanno lanciato piccole cose, immagina, non avevo un allenamento completo in quel momento, visto da oggi capisco che era un po ‘rischioso e persino pazzo, ma è stato fatto e sembrava buono.”

Allora questa ambientazione è finita è che decidi di dedicarti completamente alla difficile arte di essere una statua?

“No, torno al Teatro del gruppo Elements per continuare a lavorare allo spettacolo che avevamo assemblato. Un giorno andremo al villaggio di San Blas, nell’Escambray, ci venne l’idea di fare statue, un altro attore e io ne feci due. Abbiamo preso fango come trucco per corpo e costumi, abbiamo progettato due raccoglitori di caffè contadini. Tutto indica che queste furono le prime due statue realizzate a Cuba solo da cubani. Dopo alcuni mesi ho visto altri fare la stessa cosa. Si dovrebbe anche pensare che fosse già stato ruotato da Holguin a L’Avana con tecal e molti si erano appropriati dell’idea.

E come fanno le statue ad arrivare a L’Avana?

“Vado in Spagna, sono sulla Rambla di Barcellona e li vedo lì, qualcosa di fantastico, mi converto con molti di loro e mi nutrio delle loro esperienze. Ho realizzato statue anche più di una volta sul posto, l’obiettivo era imparare e farlo da solo. Ho scoperto che c’era un mercato per questo, su questo e per quello. Molti non avevano una preparazione di recitazione, tremavano, si muovevano, dovevano cercare la loro vita. C’erano anche attori e lo hanno fatto in modo impeccabile, ma non erano la maggioranza. Al mio ritorno vado al FAR Artistic Ensemble come direttore artistico di uno dei suoi gruppi, è lì che continuo con le statue. Li ho fatti io stesso e ho insegnato a molti giovani. Con loro abbiamo iniziato a fare attività statuarie a L’Avana. All’inizio li abbiamo fatti in Calle Veinte de Mayo, poi online e in Plaza de Belén a L’Avana Vecchia, sempre nel quadro di fiere agricole dell’Esercito giovanile del lavoro (EJT) che sono state realizzate nei fine settimana. La gente veniva a vedere e versare soldi ai piedi e persino nelle tasche. Tutto è stato spontaneo, non ha mai messo su cesti, cappelli, spazzole, non era questo l’obiettivo, si trattava di mettere in scena. Un giorno dissi ai ragazzi stupiti che in Spagna molti vivevano per farlo. Non ricordo di aver visto statue a L’Avana prima d’ora. Hanno iniziato ad apparire nel primo decennio del 21 ° secolo, alcuni dei miei studenti di quell’aneddoto sono stati gli iniziatori qui come manifestazione del teatro di strada e metà del sostentamento in un palcoscenico complesso.

Considerato che l’individuo che realizza statue dovrebbe essere visto come un attore o come una persona che cerca di guadagnarsi da vivere?

“Recentemente si è tenuto un evento a Matanzas dove sono stato invitato a valutare le persone che fanno statue, lo chiamano il concorso Statue Race, è come una passerella. Vi ho consigliato di valutare in due modi, in due categorie, la categoria popolare, che è quella statua fatta da un individuo senza preparazione recitante, ma che il pubblico vi dà e le statue realizzate da attori in preparazione, era giusta, quindi nessuna è stata discriminata. Alla fine è stato fatto in questo modo, sono state scelte le statue più popolari e quelle che la giuria ha considerato tecnicamente le migliori concepite, misurate da una serie di parametri artistici. Questi sono i due aspetti che noto vengono seguiti, preferisco parlare di dilettanti e professionisti, ma entrambi agiscono.

Questo significa che c’è un tipo di statua che è fatta come mezzo di sostentamento e un altro come realizzazione artistica?

“Significa che ce n’è uno che ha un livello di realizzazione artistica più alto di un altro, ma entrambi sono destinati a fornire un ingresso economico, non c’è dubbio, è anche uno stile di vita dell’artista. Quello che molti stanno cercando è un equilibrio tra arte e sostentamento.

L’arte statuaria è una somma di elementi di manifestazioni sceniche e plastiche. Prestazioni drammatiche, cura, design, scenario sono integrati in un unico atto e la musica e l’illuminazione possono anche essere incluse, il tutto a seconda di ottenere le migliori prestazioni.

Nel tuo caso, come concepisci l’opera?

“Sono uno di quelli che cercano l’equilibrio tra arte ed emi vita. Tuttavia, ci sono statue che si vedono e scoprono immediatamente il buon ammaliante, l’attore, la buona realizzazione. In altri casi, è riconosciuto dal volo degli uccelli che interessa solo raccogliere, viene dato via nello spogliatoio, nella postura, nel trucco, nel luogo del cestino. Un aspetto che eccelle nel professionista è la postura, sempre libera, equilibrata, pulita. Qualcosa di fondamentale è il volto, il volto è armato per trasmettere emozioni. Chaplin ha detto molto con il suo viso, una statua ben addestrata non avrebbe mai coperto il suo viso, il trucco, incorpora elementi espressivi in base al personaggio che rappresenta. Cerco di concepire il mio lavoro nel rispetto dei migliori modelli del genere.
“Quando guardi una statua in posizione seduta, sdraiata, sostenuta, è una persona senza un allenamento adeguato, cerco sempre di allontanarmi da quei problemi che deluse la proposta.

“Il puntello scopre anche il tipo di statua, l’improvvisato sceglie il facile e che è a portata di mano, può anche essere un animale addomesticato. L’uomo addestrato usa ed elabora oggetti di scena, crea per i suoi personaggi, costruisce e conserva il suo repertorio, non rende mai ogni giorno la stessa statua.

Quando concepisci i personaggi, lo fai pensando a un collettivo di lavoro che ti accompagna o a fare tutto da solo?

“Questo è un lavoro puramente individuale, dal processo creativo alla strada. Gli oggetti di scena, i costumi, il design del trucco, tutto ciò che si concepisce. Questo non significa che non consigli con gli specialisti e anche, vengono inviati a fare utensili, nessuno sa o può fare tutto da solo. Ci sono casi in cui collabori con altri artisti.
“Ora sto facendo un personaggio che è un prestito, si chiama Pepe il santiaguero, cammina per il mondo, è stato creato da Isaac, uno dei miei studenti del palco dell’Ensemble Artistico, ma non è generalità.”

Come si ottengono i personaggi?

“Questo è un mistero, provengono da qualsiasi cosa e in qualsiasi momento, ma di solito nascono da una storia che può essere reale o fantastica, la si prende, la matura e la sviluppa.”

Concepisci le tue proposte come arte effimera o come personaggi che vivranno con te e il pubblico?

“Quanto è buona questa domanda, non mi era mai stato chiesto, né ci avevo pensato. Penso che sia un problema relativo, ho creato personaggi personalizzati a cui non sono mai tornato. Faccio altri che sono molto miei e mi accompagnano sempre. Quando uno spettacolo viene realizzato in un luogo e non è mai ripreso, è stato perso, è stato di breve durata, ma se una persona ha conservato una foto, l’ha perpetrata per sempre. Guarda, nel ricordo di molti c’è ancora l’immagine lasciata loro dal Tecal con quelle statue colorate, che è qualcosa di molto complesso, non sono fisicamente, ma durano in ricordo. La questione delle statue può essere perfettamente effimera. Pepe il santiaguero non ci credevo, ma so che sarà con me per molto tempo, perché serve a metterlo in qualsiasi piazza, tutto è circostanziale”.

Parliamo di abbondanze e carenze. Mi sembra che l’abbondanza che possiamo avere sia nella preparazione degli attori, nella conoscenza che si acquisisce attraverso il nostro sistema di insegnamento artistico, ma quando si tratta di concepire risorse che non è facile averle a portata di mano, cosa fanno per riempire questo vuoto?

“Dietro questo mondo c’è già una grande industria, fa body paintings, costumi, creme per rimuovere trucco, oggetti di scena e molte altre cose, non possiamo accedervi, a Cuba non ci sono negozi di teatro. Otteniamo alcuni prodotti grazie agli amici e per ordini specifici che facciamo, anche se sono i meno. Stiamo anche cercando soluzioni “criollas”, ad esempio il colore nero, che è quello che abbonda di più, lo raggiungiamo con sughero bruciato e olio d’oliva o girasole, come ha fatto il bufalo. Una volta ho trovato la soluzione del fango, ce ne sono altri che raggiungono il bianco con un tipo di caolino, ora sto pensando a come ottenere il colore della ruggine perché “siamo statue di metallo”. Tecal usava vernici fatte con pigmenti da alcune piante amazzoniche. Ci sono innumerevoli punti vendita creativi per colmare le lacune, facendo sempre attenzione, nulla dovrebbe essere dannoso per la salute.

La estatua es siempre una propuesta integradora que transmite un mensaje. No es lo mismo hacer una estatua que portar un simple disfraz.
La statua è sempre una proposta inclusiva che trasmette un messaggio. Non è lo stesso fare una statua che indossare un semplice travestimento.

Pensa che più di vent’anni dopo la comparsa della tua prima statua a Cuba, hai già ottenuto riconoscimenti nel mondo della recitazione e nel pubblico?

“Già la gente riconosce le statue mostrate a L’Avana Vecchia, in quanto ha molto a che fare con Isacco, perché è un vero promotore, organizza eventi e prende molto sul serio l’arte, ma non crede che ci sia un riconoscimento ufficiale delle istituzioni teatrali o culturali. La critica teatrale ancora non parla della dimostrazione, non penso che la capiscano o la conoscano correttamente, la maggior parte stima che sia solo un’espressione del teatro di strada quando di più, molti la guardano come una cosa inventata per cercare soldi, considerarla arte minore, paga le tasse e può funzionare per le strade dell’Avana Vecchia.

Non hai ancora un’organizzazione tra di te?

“No, non esiste, c’è un profilo facebook,5 Isaac organizza eventi, ma non c’è ancora nulla di ufficiale; Tuttavia, alcuni fanno miracoli. A Matanzas si sono uniti alla plastica e creano grandi cose, ci sono proposte scultoree umane anche nelle posture di levitazione, la creatività abbonda all’interno del mondo attore o professionale, ma non c’è organizzazione. Se qualcosa dovesse essere fatto in riconoscimento del supporto ricevuto, sarà costretta a darsi una pacca sull’AHS, ha il merito di aver contribuito a promuovere il lavoro delle statue.

Quale futuro vede nella dimostrazione?

“Mescolando, sarà più integrato nel teatro, allo spettacolo, non ho dubbi che sarà integrato. Un esempio di questo che abbiamo avuto al gala per il cinquecentesimo anniversario della città, molte statue hanno partecipato a un’attività concepita come uno spettacolo televisivo, possono essere integrate in qualsiasi tipo di manifestazione artistica”.

Tempo e spazio limitano sempre questi incontri, è stato favoloso avere l’opportunità che mi ha dato di pubblicizzare alcune delle interiorità dell’espressione artistica che coltiva e della sua introduzione a Cuba. Grazie mille per tutto.

“Grazie a te per aver cercato e pensato a noi, spero che questo ti aiuterà ad apprezzare meglio la dimostrazione e vedere correttamente il lato umano della questione, niente è più gratificante del riconoscimento pubblico.” Ω

No hay limitantes en cuanto a género ni propuestas, todo depende del nivel creativo y el deseo de hacer, pero las carencias van imponiendo determinados niveles de similitudes relacionadas con el colorido, las posturas, las historias epocales, al punto que las presentaciones pueden llegar a ser aburridas.
Non ci sono vincoli di genere o proposte, tutto dipende dal livello creativo e dal desiderio di fare, ma le lacune impongono determinati livelli di somiglianze legate al colore, alle posture, alle storie epocali, al punto che le presentazioni possono diventare noiose.

Note

1 Theater of the Elements: Grouping fondato da José Oriol González nel 1990.

2 Teatro Tecal: È uno dei più prestigiosi gruppi teatrali colombiani, dedicato alle presentazioni dell’arte drammatica negli spazi pubblici, ha rappresentato la Colombia nei festival teatrali più prestigiosi del mondo.

3 Fernando Javier León Jacomino: Poeta e critico teatrale, nato a Yaguajay, nel 1968, è attualmente Vice Ministro della Cultura.

4 La Periquera (EcuRed): Un luogo famoso e storico, simbolo della città di Holguin, indissolubilmente legato alla storia del territorio settentrionale della Cuba orientale, è ospitato in un edificio dichiarato Monumento Nazionale per i suoi valori architettonici e per il suo collegamento con tutti gli eventi locali fin dalla sua nascita. È un museo polivalente che fa tesoro di fondi provenienti da tutta la giurisdizione provinciale di Holguinera (https://www.ecured.cu/Museo_Provincial_La_Periquera).

5 Consultare https://www.facebook.com/pages/category/Art/Carrera-de-Estatuas-Vivientes-Cuba. Foto dell’autore, Antonio Ramón Ojeda e del gruppo teatrale colombiano Tecal prese da Internet (https://www.google.com.cu).

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*