L’immenso leggero

“Ovunque sulla terra dove siamo

siamo sempre alla stessa distanza dalle stelle.

Seneca

Qual è il problema, cosa succede sempre sotto il giardino

che le rose vengono senza sosta.

Cosa succede sempre sotto quello specchio scuro

dove nulla è nascosto o sciolto.

Qual è il problema, cosa succede sempre all’ombra

rose periscono e vengono re-eded.

Gastón Baquero

Dalla poesia “Cosa sta succedendo, cosa sta succedendo”

Qual è il problema, cosa sta succedendo

Conosco un esperto nell’arte dei cosiddetti bonsai. È una ragazza che stava sistematicamente scoprendo quanto grande c’è all’interno del piccolo, il dinamismo della miniatura. Oggi appartiene a un gruppo che promuove questa interessante specialità.

Ho scritto questo articolo in pochi giorni. Mi sono seduto in diverse occasioni, ho guardato un foglio bianco dietro lo schermo e non sono riuscito a catturare una parola, ho sentito una sorta di sbadiglio infinito dal nulla. Tuttavia, gli scienziati sociali – come i poeti – hanno principalmente il compito di trasformare il mondo dello sguardo nel mondo delle parole.

Trovo difficile riflettere l’angoscia causata in questi mesi pandemici da un aumento, visibile a causa dell’esistenza di reti, atti di ripudio, arresti, multe massicce. Ho capito che la paura non viene dall’esterno, è essere se stessa. È difficile esprimere un certo senso di sconforto di fronte a misure shock come l’installazione di negozi in valuta liberamente convertibile (MLC) – quando gran parte della popolazione cubana riceve stipendi in pesos cubani – e la consegna di rimesse inviate in dollari da parenti che vivono negli Stati Uniti, in una valuta che non ti consente di acquistare beni tanto necessari. Inoltre, produce una totale stranezza vedere la riduzione dell’attuale vita cubana a una lunga coda sorvegliata dai poliziotti e leggere di alcuni fatti incredibili, come la pubblicazione su un giornale locale di un invito a non esporre nelle vetrate dei negozi di caramelle, in modo che i bambini non soffrano, perché i loro genitori non possono comprarli.

L’ultimo femminicidio è stato l’omicidio di due donne a una fermata dell’autobus a Santiago de Cuba, perpetrato dalla coppia di una di loro. Anni fa si sono riuniti in una conversazione senza fine, un gruppo di specialisti di genere per capire il modo migliore per prevenire questi eventi e le case di rifugio, la legge contro la violenza di genere, la polizia addestrata, non solo è apparso. D’altra parte, anche molto tempo fa, coloro che sono stati eletti per redigere una legge sul benessere degli animali che non influisce sulla lotta ai galli si riuniscono anche in un ministero, perché a Cuba quell’attività è “benefica” per il paese, ha detto qualcuno che lavora su queste questioni ufficiali sugli abusi sugli animali.

Quali conseguenze avrà per la salute delle generazioni future mangiare molti alimenti con sostanze chimiche che accelerano la loro maturazione e distorcono il gusto squisito che avevano in precedenza? Questa città è stata consultata se voleva mangiare cibo transgenico? Gli specialisti di bioetica avvertirono del pericolo dell’espansione di tali colture, anche il Passage to the Unknown Program discusse la questione. Fino a poco tempo fa, il paese si vantava di stimolare l’agroecologia, il lavoro degli agricoltori di questo tipo di prodotto era diffuso a livello nazionale; la tenuta marta, ad esempio, è stata visitata da illustri stranieri come un’intenzione intelligente di incoraggiare la produzione di cibo sano. Imporci una misura con la forza, solo perché un gruppo di scienziati l’ha trovata come una soluzione alla crisi alimentare è una grande irresponsabilità. Visione e non sistema: la vita ha sempre una figura che viene offerta in una visione, in un’intuizione, non in un sistema di ragioni; quanto sarebbe bello ricorrere alla trasparenza del modo tradizionale di produrre, alla saggezza di Taita, quei semplici contadini che, insomma, sono quelli che, ogni giorno, si sviluppano in circostanze veramente ostili e difficili da decifrare.

Fuori piove, piove in gran parte del paese e salva la vita di migliaia di famiglie di fronte a una tempesta tropicale. È un principio giusto, ma mi chiedo se sia giusto non avere diritto a un alloggio decente, forte e confortevole. Qui non ci sono mai le condizioni per raggiungere questa piccola aspirazione, persone espulse così dal regno delle possibilità, dove lo spazio intimo perde tutte le sue chiarisce. La casa è il nostro angolo di mondo, il nostro primo universo. Nel frattempo, alcuni dei dipendenti pubblici che chiedono ai diseredati di aspettare per sempre vivono in lussuose dimore. José Mujica, ex presidente dell’Uruguay, con la sua vita modesta, eccelleva in un’intervista per il documentario Human, che non si tratta di scusarsi della povertà con il suo esempio, ma di scusarsi per la sobrietà. Non c’è nemmeno bisogno di cercare all’estero un modello di vita. Una cubana, Rosario Sigarroa, una giornalista che partecipò alla seconda guerra d’indipendenza, quando la Repubblica fu proclamata, dichiarò che non avrebbe vissuto nel merito ottenuto nel suo intervento nella lotta insurrezionale, ma dalla sua professione.

La parola nell’aria: niente chiavi e niente veli

La grandezza è nella verità e nella verità nella virtù.1 Solo sulla base delle virtù salgono popoli rispettabili e nobili. Con il deterioramento fisico e morale della nazione, il compito numero uno, senza costruire, è quello di costruire. “Costruire, fare la storia”, scrisse 2 María Zambrano, cioè un doppio edificio, architettonico e storico. E in questa riparazione della nostra società che elimina il profondo confronto tra “ufficialisti” cubani e “mercenari” dobbiamo trovare la necessità che va oltre ogni edificio come rifugio robusto, di qualsiasi tipo di protezione, sia necessario soprattutto e, in ultima analisi, della ricchezza interiore. Una perdita di spazio interno ha un effetto paralizzante di sottosorsi all’immediato. È puro surrealismo.

In questo processo di costruzione dei sogni vengono tracciati e sotto quei sogni la speranza nidifica sempre. E come maturare senza sognare? “Nel sogno non c’è no-me. Nel sogno non gli manca la funzione: tutto è il benvenuto”.3 Recuperiamo quel linguaggio affascinante di persone semplici e semplici che dice: “Questo è di ampanga, cioè la sua valigetta, oggi ho voglia di fare una crema pasticcera, vuoi un caffè?”.

Per ritrovare il linguaggio del favoloso devi diventare nel corpo e nell’anima un essere ammirato, scartare l’odio e gli atti di rabbia che per decenni ci hanno segnato. Quello che sto dicendo è difficile, perché il sentimento è complesso, peggio è l’indifferenza. Credo ancora nel sogno martire, perché la giovane donna che fa arte con i bonsai non decida di andare via e far passare la sua vocazione. Con la violenza non sarai in grado di rinascere la conversazione di strada, la conoscenza dell’esperienza, quelle piccole cose che costituiscono la solita vita cubana. Il rispetto della cittadinanza sarà come riaprire una finestra in piena estate nelle prime ore e permettere l’ingresso di una brezza che viene dal nostro mare. Cuba sta aspettando. Ω

tdcanals@yahoo.es

Note

[1] José Martí: La catena di ferro. Dramma di Agustín Cuenca, in Complete Works, Critical Edition, Havana, Centro de Estudios Martianos, 2010, t. III, 1875-1876, p. 196.

2 María Zambrano, Metafora della speranza: le rovine, in Isole, Madrid, Verbum Editoriale, 2017, p. 126.

3 Gaston Bachelard: The Poetics of Dreaming, Città del Messico, Fondo per la cultura economica, 1997, p. 253.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*