All’arrivo dell’alba

Note covid dell’anno

I primi casi di SARS-CoV-2 sono stati rilevati nell’arcipelago cubano quattro mesi fa. Molto più di un fastidioso rumore, un ronzio sgradevole, è entrato nella nostra coscienza, ha alterato il nostro ritmo di vita, i movimenti, il modo di relazionarsi, di guidare nello spazio pubblico e persino nella nostra casa.

Dagli anni ’80, quando l’HIV/AIDS è entrato in scena, un evento sanitario, in particolare un virus, non ha causato un tale disturbo. Ma se l’AIDS ha influenzato il comportamento sessuale e scoraggiato la promiscuità, covid-19 ci porta lontano dal nostro essere sociale. Più isolati, meno esposti siamo per essere infettati. Più lontano dagli altri, più sicuro è.

Una valanga di pubblicazioni si è verificata intorno al coronavirus e ai suoi effetti, è uno stato commovente, un dramma in sviluppo, ogni giorno ci sono un alto numero di morti e contagi. È un rischio spaventoso perché non ci sono terapie e vaccini efficaci, e fino ad allora il sipario non cadrà.

Una delle cose fastidiose di SARS-CoV-2 è il linguaggio usato per riferirsi ad esso. Lì predominano metafore militari: è un nemico che i sistemi sanitari, i governi, gli Stati devono combattere. A Cuba si parla di “confronto con il Covid-19”.

Quarantatré anni fa, la prestigiosa scrittrice americana Susan Sontag, avendo avuto a che fare con il cancro, dedicò un libro all’inadeguata denominazione delle malattie con metafore: La malattia e le sue metafore. Dieci anni dopo ha seguito l’argomento e ha scritto l’AIDS e le sue metafore. Sontag è morta nel 2004, ma se fosse stata viva avrebbe scritto La Covid-19 e le sue metafore.

Sebbene Susan Sontag giri lo sguardo su come il linguaggio abbia espresso stimmi e pregiudizi su malattie come sifilide, lebbra, cancro o AIDS, il suo studio è molto completo, con molti esempi tratti dalla letteratura. Secondo lei: “Non c’è niente di più punitivo che dare un significato a una malattia , il che significa che è invariabilmente moralista”.

Quando si tratta di una malattia causata da un virus la cui origine è sconosciuta o poco chiara, si scatenano controversie, sia nel campo della scienza che tra Stati e nazioni. Questo è stato il caso dell’HIV ed è accaduto con la SARS-CoV-2. Ma nel caso del virus covid-19, la controversia è stata più alta perché ha coinvolto più istituzioni e paesi.

Le recriminazioni rivolte alla Repubblica Popolare Cinese sono state il più colorate possibile, dai rimproveri alle abitudini alimentari del popolo cinese alle accuse di aver inizialmente nascosto informazioni dai primi casi e, peggio ancora, di aver (presumibilmente) prodotto il virus in laboratorio.

Naturalmente i cinesi si sono assunti e si sono difesi da tutte le accuse. La loro risposta più forte è stata fermare la diffusione del virus, il modo in cui hanno gestito la crisi.

È proprio la gestione delle crisi che è il punto più alto e controverso intorno al Covid-19 perché i risultati o i fallimenti di stati e governi hanno avuto un impatto sulla vita umana, sulla salvezza o sulla morte.

C’è un resoconto molto diverso della gestione delle crisi dei sistemi sanitari e degli Stati delle 186 nazioni che ci sono – fino ad oggi – in questa storia, in cui, tra molte altre cose, le basse cifre riportate da un gruppo di paesi stanno attirando l’attenzione. La mancanza di trasparenza nell’informazione crea miraggi che, a lungo termine, possono essere molto dannosi.

La crisi covid-19 ha messo alla prova non solo i sistemi sanitari dei paesi colpiti, ma anche le diverse società e stati di fronte ai due principali problemi posti: la salute e il funzionamento dell’economia. Dare la priorità alla seconda rispetto alla prima ha aggravato la crisi in alcune nazioni.

Nel caso di Cuba, è stata favorita da un sistema sanitario efficace, articolato con le decisioni del governo e dello Stato, che sono state chiare sul fatto che la salute è la cosa più importante, anche se l’economia è martoriata e subisce l’insacidimento della chiusura delle frontiere con le sue conseguenze per l’ingresso dei turisti, che è una delle poche colonne di quell’economia.

La strategia del governo cubano, l’isolamento degli indagati come contatti di casi positivi – una pratica difficile da eseguire in altre società – ha dato i suoi frutti perché ha interrotto in tempo la possibile trasmissione del virus di questi candidati portatore. La sua efficacia è rafforzata dal fatto che un’alta percentuale di casi positivi rimane asintomatica.

Più difficile in questo periodo è stato, per i cubani, portare cibo in tavola ogni giorno. Le difficoltà nell’acquisto di cibo e articoli da toeletta hanno dato impulso a un esercito di coleros e rivenditori che hanno ulteriormente complicato il panorama delle fessure che esisteva già.

Accedere ai negozi per acquistare i prodotti più richiesti, in città come L’Avana, è una tortura di molte ore che può iniziare il giorno prima e portare l’offerta con una mafia organizzata che brulica, non solo nei grandi mercati, ma anche nei negozi dei quartieri.

Quella mafia che controlla e accumula, prima, si sposta nelle code, poi i prodotti più richiesti e poi rivende i loro acquisti a prezzi altissimi, è diventata un grave problema sociale e ha scatenato il mercato clandestino.

L’aumento dei prezzi si manifesta anche nei prodotti agricoli a causa dell’elevata domanda da parte dei consumatori di scarsa offerta. Per dirla con una metafora del baseball: non c’è nessun posto dove girare.

La stabilizzazione economica, o almeno l’uscita dalla crisi, dipenderà, ovunque, dal ritorno a una normalità sanitaria, che a sua volta è condizionata dall’arrivo di efficaci terapie curative e vaccini. Ci sono notizie che sono entrambi vicini. Spero sia vero. Quando ciò accadrà a livello globale, ogni paese potrà tornare sulla sua strada, anche se la nuova normalità non è affatto normale come si vorrebbe. E ci saranno sempre paesi “più normali di altri”.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*