“Una vita tra due luci”- Intervista Fray Manuel Uña Fernández, OP

fray Manuel Uña Fernández

Padre Manuel Uña è nato nel 1935, in una città della Castiglia la Vieja, e ha preso i voti religiosi di povertà, castità e obbedienza nell’Ordine dei Predicatori (Dominicos) nel 1953 a Granada, in Spagna, ed è stato ordinato sacerdote il 15 marzo 1959, a soli ventitré anni. Servì come domenicano in vari luoghi della Spagna: dal parroco nei sobborghi della classe operaia dove c’erano persone che non avevano mai vissuto in una casa, al superiore provinciale. Ho visitato Cuba per la prima volta nel febbraio 1986 e sono rimasto a lavorare permanentemente nell’ottobre 1993 “sotto un blackout”, ricordate, “la prima cosa che mi è stata data è stata una linternite, che è un simbolo, perché serve per illuminare, non abbagliare …”. A Cuba, è stato superiore della comunità che ha fondato nel 1995 la Fray Bartolomé de Las Casas Classroom e, in seguito, l’omonimo Centro di formazione, che operano nel convento San Juan de Letrán, nel 19 e H a El Vedado.

Padre Manuel, lei ha accompagnato il popolo cubano in momenti molto significativi. Raccontaci questa esperienza come dominicano a Cuba.
“Sono venuto a Cuba per la prima volta nel 1986, era un provinciale dei domenicani dell’ex provincia di Bética (Andalusia). Ogni anno, durante i due provinciali, visitò l’isola per stare con i fratelli e collaborare il più possibile. Ricordo quando sono venuto per la prima volta, l’Arcivescovo Prego, Vescovo di Santa Clara, mi ha parlato delle correzioni che stavo apportando al documento finale dell’Incontro Ecclesiale Nazionale Cubano (ENEC). A Siviglia molto l’arcivescovo Carlos Amigo mi aveva parlato di questo evento, perché era stato presente ed era tornato euforico. Alla fine del pranzo e dire addio, ha detto una cosa del genere: “Andrai in una città che parla di applausi”.
“Ero molto entusiasta di leggere quel documento, e non appena sono arrivato l’ho cercato con tutti i mezzi. Leggere, allo scopo di sapere, era per me una necessità che è diventata passione; e a Cuba, il primo passo. Ricordo che ho iniziato con la lettera pastorale dei Vescovi cattolici cubani El Amor tutti in attesa, i documenti dell’ENEC, alcune opere di José Martí, così come i nostri ammirati poeti Dulce María Loynaz ed Eliseo Diego, altrimenti cari vicini di Laterano.
“Già a Cuba c’era un’espressione di uso popolare che poi attirò la mia attenzione, il “caso per caso”. Attraverso questi metodi ho imparato a vedere la realtà cubana, e più la conoscevo, mi sono reso conto del mio transito dal voler imparare a scoprire in me la necessità di lasciarmi insegnare dalla realtà. La cosa più importante in questo periodo è stata lasciarmi insegnare.
“Nel discorso di apertura, monsignor Adolfo, Presidente della Conferenza Episcopale, ha scritto: “L’ENEC non è una fine, ma un nuovo inizio. Vuole essere profetico, suggestivo e programmatico, guardando a lungo termine… Nulla in questa vita è ancora oggi e da oggi: la vita è disomortiata sulle orme e anche l’ENEC… L’unica cosa che l’ENEC può fare è realizzare ciò che il Signore ha insegnato: camminare oggi e domani, senza fingere di vedere tutta la strada”.

Ci racconta di alcuni anni in cui Cuba era di difficile accesso come religiosa e straniera…
“Durante la mia ultima visita sull’isola nel febbraio 1993, ho incontrato il Dr. José Felipe Carneado, capo all’epoca dell’Ufficio degli Affari Religiosi del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba. Avevo sviluppato un buon rapporto con lui e gli avevo parlato: “Ho appena parlato con monsignor Faustino, al quale ho espresso il desiderio di venire a Cuba al termine del mio servizio come provinciale”. Sorridendo, mi ha raccontato del brutto momento per me scelto, per il periodo speciale iniziato, con molte carenze in tutti i campi. Gli ho anche regalato un sorriso, mentre gli consegnavo una lettera con la petizione e gli dicevo: ‘Vengo, ma è Dio che mi porta qui, quindi dirò al nuovo provinciale di essere eletto’. Sono tornato nell’ottobre dello stesso anno e purtroppo Carneado era già morto, ma la mia lettera era rimasta in ufficio.
“Sono ancora profondamente grato a coloro che mi hanno permesso di entrare il 15 ottobre 1993. Il viaggio non mi ha fatto troppo a lungo perché, come ho detto, sono venuto a leggere e prendere appunti sul messaggio pubblicato dai Vescovi di Cuba L’Amore attende tutto (8 settembre 1993), poiché mi sembrava un documento illuminato per il momento che Cuba stava vivendo: “È necessario che aperti alla realtà cerchiamo sinceramente la verità con un cuore pronto alla comprensione e al dialogo. Un dialogo franco, creativo, libero… Un dialogo che passa attraverso la misericordia, l’amnistia, la riconciliazione, come vuole il Signore”.

fray Manuel Uña Fernández

“Ricordo che quando siamo arrivati eravamo in blackout, nel bel mezzo del periodo speciale, e i giovani mi hanno dato una linternite, che tengo sacramentale, mentre mi dicevano: ‘Padre, questo non illumina molto ma serve ad illuminare’. In questi venticinque anni di permanenza a Cuba ho visto un popolo camminare con l’illusione di formare, parafrasando Martí, in “una repubblica con tutti e per il bene di tutti”.
“In effetti, molti sono stati i momenti che mi hanno toccato per vivere con questo popolo e che hanno aperto le porte a un futuro migliore; momenti che sono serviti all’espressione di quel naturale affetto e affetto dei cubani.

E nel bel mezzo di questi anni, la visita di Papa Giovanni Paolo II…
“La visita di Papa Giovanni Paolo II sull’isola e l’Aula Magna dell’Università dell’Avana nel 1998, come “messaggero di verità e speranza”, è stato un fatto epocale che ha stimolato il sentimento dei cubani. Questo era stato preceduto da tre anni di preparazione in cui la Chiesa ha svolto una grande opera evangelizzatrice attorno a tre questioni fondamentali: chi è Maria? Chi è Gesù? Chi è il Papa? Le risposte permisero alla gente di incontrare la Chiesa, che si era gettata in strada bussando porta per porta in modo che nessun cubano rimanesse senza essere convocato per incontrare Gesù e il Papa. Ottantasei erano i laici della nostra comunità che collaboravano a questo lavoro. È stato un momento nuovo, sconnominante e sorprendente…
“Il messaggio di Sua Santità in ogni luogo in cui era certamente uno stimolo per l’intera Nazione. La sua visita all’Università dell’Avana ha toccato molto da vicino i domenicani a Cuba; Ero lì, contemplando lo stemma dell’Università e del nostro Ordine, che è rimasto fino ad oggi. Nel suo discorso il Papa ci ha detto: “Ricordate che la torcia che appare sullo scudo di questa casa di studio non è solo un ricordo di un passato ma anche un progetto”. Quando sono arrivato, mi hanno messo in prima fila, e quando ho chiesto di essere messo più indietro, il capo del protocollo mi ha messo la mano sulla spalla e mi ha detto: ‘Padre Manuel, i domenicani non erano i fondatori dell’Università? Tu rimani lì, è il tuo posto per la storia, alla tua sinistra ci sarà la Conferenza Episcopale e a destra il presidente del governo. Al termine dell’incontro, il Papa si è fermato a salutare.
“Il Messaggio del Sommo Pontefice ai cubani ha aperto le porte al dialogo e alla riconciliazione, alla pace e all’armonia”. Cuba, prenditi cura della tua famiglia per mantenere sano il tuo cuore”, è stata l’appello del Papa. D’altra parte, “che il mondo sia aperto a Cuba e che Cuba apra il mondo” ha indicato l’inizio di un nuovo percorso. È stata l’apertura della mente e del cuore per Dio entrare nella nostra vita e renderci cristiani più umani e migliori.
“Un altro evento importante in questo momento è stata la preparazione e il cammino della Madonna della Carità (Mambisa) in tutta l’isola: ‘Gesù per Maria. La carità ci unise. Cioè, il modo per raggiungere Gesù è attraverso sua madre. La Madonna della Carità non è solo un simbolo di religiosità in questa nazione, ma è anche un segno di unità, di incontro e di dialogo; I cubani, davanti alla Madonna della Carità, sentono figli della stessa madre, credenti e non credenti riuniti in comunione per ricevere la Madonna in ogni angolo del Paese. Il tour dell’immagine ha gettato le basi per l’arrivo a L’Avana di Papa Benedetto XVI, arrivato a Cuba come ‘pellegrino della Carità’.
“Cuba è uno dei pochi Paesi che ha avuto la gioia di essere visitata dagli ultimi tre pontefici. Sono state visite significative alla Nazione, qualcosa di nuovo sta nascendo in questa patria che i Papi hanno voluto accompagnarci. La visita di Papa Francesco, come ‘missionario della misericordia’, alla Messa celebrata in piazza della Rivoluzione, ha ricordato a tutti i cubani “che chi non vive per servire non serve, non serve a vivere”.
“Il percorso iniziato a Cuba è stato il dialogo, quindi vorrei sottolineare come epocale il ripristino delle relazioni diplomatiche tra Cuba e gli Stati Uniti. Il dialogo permette di iniziare la via dell’incontro, della pace e dell’armonia; un primo passo è stato fatto per entrambe le nazioni. La visita del presidente Barack Obama all’Avana, insieme a questo processo di colloqui e di ripristino delle relazioni, ha risvegliato nei cubani un’altra sensibilità ed entusiasmo per il futuro. La mia missione come frate predicatore è stata quella di saper ascoltare e accompagnare i cubani per mantenere viva la speranza e fornire spazi di dialogo che consentano di riflettere insieme per costruire ponti che si avvicinino”.

Come puoi definire la tua vita?
“La mia vita a Cuba, in questa amata patria, è stata una vita tra due luci. Una luce è la comunità lateranana, dove ho vissuto, e l’altra luce sono le persone che ho incontrato. Vivendo e trovando articolata la stessa storia, viviamo per trovare e trovare vita. Venire a Cuba è stato un dono di Dio, che è stato confermato soprattutto nove anni fa, quando ho potuto celebrare i miei cinquant’anni come sacerdote, con la comunità di San Giovanni in laterano e ho trovato il tempio pieno di credenti, e altri che affermano di non credere ma che sono credibili. In quel momento ho potuto percepire che questo popolo, al quale amo tanto e che ho accompagnato, ha celebrato con me la fedeltà al mio ministero, che è stato un segno incommensurabile dell’affetto dei cubani. Non ho mai pensato a quello che Cuba mi avrebbe dato.

A volte la vita religiosa rischia di diluire il suo carisma e la sua missione specifici. A Cuba i domenicani hanno scommesso di adattare la realtà al carisma e non il contrario, come ci mostra il Fray Bartolomé de las Casas Center. Raccontaci come emerge questo progetto.
“‘Carisma non è una reliquia da tenere nel reliquiario.’ Questo criterio ci rende consapevoli della necessità di comprendere quali sono le nuove vie di inculturazione del carisma; non come riproduzione del passato ma come radice completa nell’origine, che deve adattarsi alle condizioni del momento in cui viviamo e che serve a ‘condire’ e dare sapore a ciò che facciamo…
“L’Ordine dei Predicatori al quale appartengo ha ragione di essere in questo mondo: ‘L’annuncio della Buona Novella a tutti gli uomini’. I frati di Cuba hanno avuto questo ideale molto chiaro dal loro arrivo sull’isola con la scoperta dell’America e quello che stiamo cercando di fare oggi è rimanere fedeli a quell’ideale domenicano ovunque ci troviamo. Il Centro e l’Aula Fray Bartolomé de las Casas rispondono al nostro ideale adattato alle attuali condizioni della società e ai nuovi modi di servire nella promozione della persona umana. Crediamo che la verità “dica a chi la dice e da dove proviene proviene dallo Spirito Santo”.
“Vivere nel proprio tempo ci costringe ad avere un vero dialogo con l’uomo. Frate Bartolomeo delle Case, parlando della prima comunità domenicana a Hispaniola, ha scritto che “quei frati: vedere, guardare e considerare hanno deciso di impegnarsi a osare predicare il sermone…”. Un’audacia era scommettere sul nostro uomo e sulla nostra donna oggi. Scommettiamo sulla gente, per tutta la vita, perché “aprire percorsi di vita è più importante che condannare le vie della morte”. Il Centro e la Fray Bartolomé de las Casas Classroom erano un sogno che si avverava. I frati domenicani dell’Avana hanno fatto un sogno in uno dei nostri raduni della comunità che abbiamo tenuto ogni martedì mattina. Indimenticabile è stato quello del febbraio 1994 in cui, come ogni martedì, ci siamo ritrovati a pregare, riflettere, chiedere e chiederci. Questo è ciò che rende una comunità chiamata dominicana.
“Letan è stata una comunità in arrivo, che ha scoperto la “ricchezza della povertà di non sapere” e si è sentita costretta a chiedere. Quella mattina di quasi primavera la comunità rifletteva su cosa fosse e cosa stava facendo in quel momento in cui Cuba visse e improvvisamente sorse la prima domanda, la grande domanda dell’incontro: “Quello che facciamo risponde a chi siamo”, possiamo fare qualcosa che non facciamo, anche se significa dover lasciare qualcosa che stiamo facendo?…”. Qui siamo stati quella mattina. Sentiamo il bisogno di pregare, discernere e prendere qualche decisione. Nasce così la necessità di creare uno spazio di incontro, riflessione e riconciliazione: l’Aula Fray Bartolomé de las Casas.
“Dopo alcuni giorni, abbiamo deciso di condividerlo con il nostro Arcivescovo, arcivescovo Jaime Ortega, che ci ha incoraggiato fin dall’inizio, e con monsignor Beniamino Stella, nunzio apostolico a Cuba, per prendere finalmente la decisione di aprire l’Aula. Ancora una volta ci siamo chiesta: “Per chi?”, e la risposta è arrivata con unanime plauso: “Per tutti”, poiché Gesù di Nazaret non escludeva nessuno. I fratelli mi hanno poi chiesto di coordinare il progetto che stava nascendo e io, che ero stato a Cuba solo da pochi mesi e non conoscevo la realtà cubana, ho incontrato in cammino persone lucide e fedeli che mi hanno guidato su quella che dovrebbe essere la filosofia del nostro sogno ‘ricreare e non ripetere’. Nasce così l’Aula Fray Bartolomé de las Casas e il 30 marzo monsignor Stella tenne la prima conferenza: “Nell’Avvento del Terzo Millennio”.

“Dopo la visita di Giovanni Paolo II, in cui proclamò “che il mondo fosse aperto a Cuba e che Cuba fosse aperta al mondo”, ci siamo nuovamente chiesi in comunità: “Possiamo offrire qualcos’altro?”. Avevamo gli scantinati del convento, chiusi sin dalla sua fondazione nel 1916, senza luce e vita… e la comunità ha avuto il coraggio di aprirli alla luce. Era il settembre 1998.
“Il Centro e l’Aula sono una piattaforma di formazione e cultura, ma soprattutto di dialogo con il mondo universitario e con chiunque ami e cerchi la verità. In questo modo, i domenicani a Cuba cercano di praticare il servizio di accompagnare il popolo da un ministero della verità, cioè accompagniamo i bisogni del nostro popolo per la crescita intellettuale, per poter rispondere alle domande che nuovi tempi ci vengono poste, cerchiamo di creare spazi di ammissione e dialogo con coloro che la pensano in modo diverso sia politicamente, religiosamente , come socialmente. Siamo impegnati in un nuovo orizzonte che apra spazi per una società migliore che includa tutti e in cui ognuno possa essere parte integrante e creatore del proprio destino. Ricordo sant’Agostino ‘l’uomo senza Dio non può; ma Dio senza l’uomo non funziona. Il lavoro umano, volendo fare e fare bene, comporta l’esercizio nella saggezza di queste quattro massime che nella nostra lingua iniziano con la stessa consonante: ‘Provvidenza, prudenza, pazienza e presenza (vicinanza)’. In loro è la chiave della strada.

Qual è il microclima del Laterano?
“Nel 2012, a Puebla de los Angeles (Messico), i giovani con sindrome di Down mi hanno fatto un regalo molto originale: un dipinto con colori diversi intitolato La piazza perfetta, dove la somma delle differenze rende un tutto. L’ho avuto nel mio ufficio da allora, e penso che sia Laterano. Quando ci riferiamo al microclima del Laterano stiamo parlando della convergenza di quattro spazi di predicazione, distinti l’uno dall’altro, ma complementari nei loro obiettivi. Da un lato, l’Aula conferenze, dall’altro il Centro studi, la biblioteca-fonoteca Santo Tomás de Aquino e infine il convento e il tempio. In effetti, questo fa sì che il Laterano generi il proprio microclima. L’armonia dei nostri chiostri unisce dialogo e studio, riflessione e preghiera. Il suo particolare microclima offre un’accoglienza rispettosa e calorosa, vicinanza e domanda durante l’apprendimento, contrasti di criteri e diversi punti di vista. La sua filosofia consiste nella promozione della persona umana attraverso la formazione nei valori.
“In Laterano non c’è arrivo tardivo, questo permette anche un clima di rispetto tra tutti, che si genera nella passione per lo studio e nella ricerca della verità, nel desiderio di conoscere e nella genesi di un pensiero autentico, tipico dell’identità cubana. Lateran è diventato, come disse una volta monsignor Carlos Manuel de Céspedes, a Casa Cuba, un luogo che apre le sue porte a tutti i cubani di buona volontà, un ecosistema, una polifonia di voci che canta per sperare creando percorsi, costruendo ponti, guardando con lunga luce a un futuro migliore per la nazione e con poca luce per scoprire la ricchezza del nuovo che sta germogliando. È questo modo di pensare che ha reso il Laterano un punto di riferimento su e fuori l’isola.
“È una gioia per me, dopo tutti questi anni (celebriamo gli anni Venti della sua fondazione), vedere un progetto continuare sulla sua strada, un progetto il cui rettore è un frate cubano e anche cubano è lo staff che vi partecipa pienamente. La mia vita è passata, il futuro non mi appartiene, appartiene ai giovani, che con entusiasmo iniziano un altro momento, né migliore né peggio, solo diverso. Abbiamo fatto quello che abbiamo dovuto fare e siamo stati lo strumento di Dio, ma questa è un’altra volta con cui dobbiamo fonderci.

“Al momento, il Centro ha studenti iscritti ai diversi corsi offerti: dalle lingue, Graphic Design, Advertising Marketing, Microsoft Office 2010, Photoshop e Flash CS5 ai diplomi in Filosofia, Teologia, Umanesimo e Società. Lavoriamo anche al progetto Integral Adolescent Training (FIA). Penso che ci sia molto su cui lavorare a Cuba, ma ricordo Martí in questo: “quando c’è molto da fare, devi stare attento a non fare molto”.

Quelli di noi che lo conoscono possono definirlo un domenicano fedele, felice e fecondo. Quali strade deve percorrere la vita religiosa di oggi per essere veramente significativa, fedele, felice e feconda? In che modo sottolinei di maturare come persone umane e consacrate?
“La vita religiosa a Cuba è un seme che è sparso in tutti gli angoli dell’isola, molte e molto varie sono le congregazioni che sono vengono a svolgere la loro opera evangelizzatrice e missionaria. È interessante notare che nelle città lontane dalle grandi città sono religiosi che forniscono un servizio significativo, il che ci dimostra che i religiosi a Cuba hanno fatto un’opzione per essere nelle periferie, come ci chiede Papa Francesco. Penso che sia importante per noi mettere in questa prospettiva.
“La vita religiosa a Cuba è chiamata a fare un cammino di evangelizzazione e di accompagnamento al popolo, questo significa sbarcare, osservare e ascoltare molto il sentimento, l’essere e la creazione dei cubani, e poi cercare di presentare il Vangelo in modo tale che possa essere accolto. Insisto sul fatto che ci vuole tempo e molte capacità di ascolto, è impossibile fare le cose in fretta. Ci vuole vicinanza, pazienza, tolleranza, dialogo, riflessione e tutto questo è un processo che ci aiuterà a discernere qual è il meglio che possiamo offrire ai nostri cittadini.
“C’è poi una tripla fedeltà: fedeltà a Gesù Cristo, professata nell’esperienza dei voti religiosi, fedeltà al carisma dell’istituzione e fedeltà alle persone in cui viviamo. Essere fedeli a questa chiamata è un percorso di coerenza. Le persone a Cuba apprezzano le persone consacrate e la chiamata è che siamo testimoni del Vangelo.
“‘Con il loro frutto li conoscerai.’ I frutti delle persone consacrate a Cuba saranno proporzionati alla testimonianza credibile che noi religiosi e la Chiesa tutti diamo. Credo che una poesia di Dulce María Loynaz possa esprimere il mio sentimento di religiosa domenicana a Cuba: “Semplicemente inchiodandoti all’ombra, succhiando goccia a goccia il succo vivente dell’ombra, puoi farlo, lavoro nobile e duraturo. Grato è l’aria, luce piacevole; ma non puoi essere ogni fiore…, e quello che non mette l’anima nella radice, si asciuga.
“A Cuba dobbiamo mettere l’anima alla radice, ma con una radice profonda, convinti che l’opera è di Dio e che nel tempo darà i suoi frutti.
“La fertilità affronta un percorso di preparazione, è la strada dove i religiosi danno tutto e dimenticano se stesso perché la sua ragion d’essere e il suo essere è l’altro, è il modo in cui si va uno con gli altri e poi si inizia a conoscere e scoprire le persone. Coloro che sono stranieri come me conoscono perfettamente il valore di trovare persone in un paese diverso dal proprio. L’incontro con i diversi in terra straniera ci aiuta a scoprire le ricchezze, le culture e le tradizioni di una società. Chi è diverso da me mi arricchisce della sua luce, perché mi invita a far parte della sua identità, del suo spazio.
“Io, quando penso a San Giovanni in Laterano, mi dispiace rivolgermi alla mia memoria uno dei versi di Eliseo Diego, che con un’espressione sintetica di finezza creola mi serve per riferirmi a questo sito di Vedado come uno in cui, certamente, ‘così bene è’. In cui sono stato così bene e sono ancora, e in cui così bene si sentono e così bene sono gli studenti e gli insegnanti del Centro Fray Bartolomé de las Casas. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*