Emilio Cueto: esploratore nella profonda Cubania

Emilio junto al pintor Denys San Jorge en la peña Mezcla.re en el alma del pueblo cubano

Serrature di ogni genere e le classiche interpretazioni provinciali del bene, avevano impedito la presenza in provincia di Artemide del Dr. Emilio Cueto, brillante ricercatore, attore, musicista, scrittore e collezionista cubano-americano, al quale le serrature e le interpretazioni errate – contrariamente a quanto accade a molti mortali – sembrano non disturbarlo affatto.
È stato registrato quando, finalmente, nella biblioteca comunale Antonio Maceo di Bauta, nel novembre 2015, ha potuto tenere una sostanziale lezione intorno a uno dei titoli della sua paternità più ricevuta sull’isola: il libro magnificamente ben documentato La Virgen de la Caridad del Cobre nell’anima del popolo cubano, un’opera che ogni biblioteca di intramurali dovrebbe custodire al suo interno , per il ricco background culturale raccolto su ogni pagina di questo titolo intorno all’interpretazione di un simbolo che va ben oltre il regno esclusivamente religioso.
Da allora, Emilio Cueto, senza protocolli di alcun tipo, a volte viaggiando a bordo di un autobus pieno e altri nella “panza” di un camion passeggeri a vapore, non ha smesso di essere presente in questo pezzo di terra artemisese, dove è stato accolto da un pubblico che lo conosce già bene e, soprattutto, due magnifici creatori e amici: gli artisti della plastica Rael Rodríguez Capote e Denys San Jorge Rodríguez.
Proprio nel rock Mix di promozione artistico-letteraria, che guida il secondo di questi creatori, dove aveva presentato il suo libro sulla Vergine Mambisa, presso la sede della stessa biblioteca, Emilio ha presentato un altro dei suoi titoli, davanti al quale sarebbe impossibile non fermarsi a lungo, e in più di un’opera giornalistica, se devo essere giusto: Cuba negli Stati Uniti (Ediciones Polymita S.A.) , volume bello e corpulento realizzato in stretta e decisa collaborazione con il fotografo Julio Larramendi, e con il contributo dei designer Yamilet Moya, Camila Suárez e Raúl Izquierdo.
Dall’inizio della sua presentazione al Peña Mezcla, il Dr. Cueto ha chiarito che “l’impronta di un grande paese in un piccolo paese è normale, ma se accade il contrario è un privilegio”. Con una spiegazione nitida e una ricca galleria di immagini raccolte nel libro, l’autore ha dettagliato la presenza e l’impatto del cubano negli spazi più diversi della vita americana per più di due secoli: nella stampa, nello sport, nella religione, nella musica, nella massoneria, nei fumetti, nella gastronomia, nella letteratura, nella storia, nell’architettura …
Dalle sue labbra abbiamo appreso che, dalle tasche di molti cubani, sono venute fuori risorse fondamentali per sostenere la causa indipendentista di George Washington; L’insegnamento nazionale cubano fu stampato per la prima volta su un giornale di New York; le nostre opere essenziali come Oda al Niagara, Cecilia Valdés e L’età dell’oro uscirono dalle galee su questi terreni settentrionali.
Grazie alle imprese di Maceo, molti afroamericani ricevettero questo nome alla nascita; titano di bronzo e Gomez si incontrarono con Martí sulla 9th Street a New York; Le strade settentrionali prendono il nome da questi insigne e altri come Ignacio Agramonte e Juan Gualberto Gómez; il Partito Rivoluzionario Cubano fu fondato nella patria di Abraham Lincoln, così come il jazz latino dalle mani del must-have Chano Pozo.
Il Museo d’Arte Moderna riconobbe la straordinaria qualità dei pittori dell’Avanguardia Cubana e decise di promuoverli; molti autori americani posero il maggiore delle Antille come ambientazione per alcune delle sue creazioni, incluso il memorabile narratore Ernest Hemingway; i membri del Movimento del 26 luglio sventolarono la bandiera di questa organizzazione in cima alla statua della Libertà; sedici città del nord si chiamano L’Avana e venti si chiamano Cuba, a cui si possono aggiungere dozzine di restoran che portano il primo o il secondo di questi nomi …
Tutto quanto sopra è solo un pulsante di esempio dal libro Cuba negli Stati Uniti. Ma è una prova indiscussa che, nonostante qualsiasi ostacolo alle normali relazioni tra i due paesi, un quartiere e un’influenza reciproci plurici secoli non possono essere cancellati dai capricci di nessuno. Al contrario. In questa storia di quartieri e influenze reciproche deve essere il migliore dei pretesti per una coesistenza sana e senza pressioni di qualsiasi tipo.
Il Dott. Emilio Cueto è stato lieto di donare copie di questo libro a un gruppo di biblioteche e istituzioni educative e culturali del nostro Paese, cosa che aveva già fatto con il suo libro sulla Vergine della Carità del Rame, generoso dettaglio che, nel caso del territorio bautense sarebbe stato ampliato, donando Emilio al Museo di San Pedro diversi giornali italiani e un francese , in cui la caduta del Titano in bronzo in combattimento viene raccolta in quel luogo storico.
Emilio, un uomo che non smette mai di fare ricerche o collezionare, è anche autore di opere come La Cuba quaint di Frederick Mialhe, ILustrating Cuba’s Flora and Fauna e Cuba in vecchie mappe, dove si apre lucidamente ad altri percorsi e misteri della natura e alla grande avventura umana, davanti alla quale ha sempre un sorriso al meglio delle labbra e un modo flemmatico , elegante e generoso per ignorare qualsiasi pietra fastidiosa – e finalmente insignificante – che si erge sulla sua strada. Ω

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*