Apre le sue porte un nuovo progetto di cura chiamato Casa Betania nell’Arcidiocesi dell’Avana

Don Manuel Vega Orbay, parroco di Santa Caterina da Siena, ha reso noto questa mattina che la Casa Betania apre le porte a tutte le diocesi dell’isola. Grazie all’idea del nostro Arcivescovo Juan de la Caridad García, questo nuovo progetto di assistenza accoglierà i fratelli che hanno bisogno di alloggio e cibo (gratuitamente) quando arrivano a L’Avana per ricevere cure mediche. Questa idea è stata resa possibile dall’aiuto dei Messaggeri della Pace.

Orbay ha dichiarato: … il nome della Casa si ispira all’accoglienza data a Gesù dai suoi amici di Betania, poiché dalla nostra fede vediamo Cristo presente nei malati. d’altra parte ha osservato:

… il luogo destinato a questo progetto è la casa parrocchiale di Santa Catalina de Siena, situata a Vedado, all’angolo tra 25 e Paseo.  Questo luogo è stato scelto non solo per la disponibilità della proprietà ma per la sua posizione geografica, poiché molto vicino alla parrocchia ci sono diversi ospedali ed è noto il calvario che molti che vengono da lontano a loro quando non hanno un posto dove stare e il soggiorno è prolungato. Qui, come ho detto, sia ai malati che al compagno verrà dato un tetto e cibo o se una persona malata è ammessa ed è solo quello che lo accompagna che deve essere curato sarà. Questo servizio è rivolto a tutti coloro che ne hanno bisogno, come al solito nel nostro stile di lavoro, non sarà solo per i membri di qualche comunità cristiana ma per tutti, ma in ogni caso ci sono alcune linee guida da seguire che ora spiegherò di seguito.

Standard o linee guida essenziali per essere ospitati nella Betania House:

La raccomandazione di fare una prenotazione dovrebbe provenire solo da un sacerdote o da un religioso. Siete pregati di notare che una prenotazione anticipata deve essere effettuata telefonicamente per una questione di ordine e perché non abbiamo un gran numero di camere. Questa prenotazione sarà effettuata tramite i numeri della casa sacerdotale annessa alla parrocchia (78368560-63 ext. 135) il programma per le prenotazioni sarà dalle 8:30 alle 12:00. Devono essere forniti i dati personali del malato e del suo compagno e da dove provengono, nonché il giorno dell’arrivo e della partenza. Per quanto riguarda il giorno della partenza almeno quello ritenuto quello vero. Devono anche inticcare il nome e il numero di telefono della loro parrocchia o il nome e il numero di telefono dei religiosi che lo raccomandano, a seconda dei casi. Se non è qualcuno della comunità deve anche dare il numero di religiosi che lo raccomandano o la parrocchia in cui deve esserci conoscenza dell’identità e del bisogno della persona poiché ogni prenotazione sarà verificata, essendo verificato che la prenotazione sarà confermata, sia il parroco che il religioso devono far sapere alla persona che la loro prenotazione è stata confermata. Pertanto, la persona che effettua una prenotazione deve attendere di essere annuì alla loro conferma.
Quando le persone arrivano a casa, devono presentare i seguenti documenti: carta d’identità, documenti medici e una lettera con firma e cuño dal parroco o dal religioso del luogo, se provengono o meno dalla comunità cristiana dovrebbero essere raccomandati dal parroco o dai religiosi del luogo che danno loro detta lettera. Questa lettera proviene da un sacerdote o da un religioso deve indicare il nome di ogni persona raccomandata, nonché la loro provenienza e condizione, insieme all’identità della persona che li invia, al loro luogo di residenza e al loro numero di telefono.
Devono presentare, coloro che provengono da diocesi lontane, il loro passaggio di ritorno.
È essenziale rimanere che ogni malato arrivi a casa con il proprio compagno.
Non saranno offerti trasporti, alloggio e cibo.
L’ingresso alla casa Betania sarà via Paseo, tra le 25 e le 23 dove c’è una scala che conduce alla casa.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*