Vescovi ausiliari dell’Avana II

Templo de Santa Catalina de Siena, transformado en el aula plenaria del ENEC.

Situazione della Chiesa a Cuba

Dopo gli eventi nella Chiesa della Carità a L’Avana e l’espulsione di oltre 130 sacerdoti sulla nave Covadonga il 17 settembre 1961,1 i vescovi cubani non commentarono più gli aspetti sociali, politici ed economici del processo rivoluzionario cubano. Hanno scelto di tacere.2 Hanno mantenuto un atteggiamento in attesa nei confronti del futuro di Cuba.
Da parte sua, i cambiamenti operati dal governo sono stati accelerati, radicali e travolgenti per la vita nazionale. Mentre molti cubani erano entusiasti, un altro partito non simpatizzava con loro. La Chiesa dovrebbe abituarsi a sviluppare la sua opera pastorale nel bel mezzo di una Cuba ideologicamente divisa.
Dal 1961 e negli anni successivi l’attività pubblica della Chiesa cattolica fu annullata con decisione del Governo. La vita della Chiesa fu ridotta solo alle quattro mura dei templi ed era quindi strettamente culturale. Le comunità ecclesiali cristiane protestanti furono ugualmente fortunate. La luminosa Azione Cattolica Cubana, che aveva sviluppato un’eccezionale opera apostolica laico nella vita pubblica del paese, è stata vista senza nulla a che fare, oltre all’esilio e all’incarcerazione di alcuni dei suoi militanti. L’Azione Cattolica stava lentamente morendo.
Le comunità religiose furono fortemente decimate durante tutti questi anni. Tuttavia, hanno dato un’ammirevole risposta d’amore alla Chiesa, perché hanno assunto in campo pastorale la direzione dei templi che avevano esaurito i sacerdoti. Hanno lavorato sodo, molto bene e altruisamente fino all’esaurimento corporeo di non pochi dei loro membri.
Se potessi scrivere in lettere d’oro i nomi di quelle donne fedeli che senza conoscenza teologica, ma con una dottrina e una morale cattoliche chiare e radicate difendevano coraggiosamente le cappelle delle piccole città e dei Bateyes. Divennero il punto di riferimento della chiesa in quei luoghi in cui vivevano. Molti mantennero la chiave dei templi e li custodirono gelosamente, si prendevano cura accuratamente di ornamenti e vasi sacri, e davano catechesi e preparavano i bambini alla Prima Comunione. Sostenute da piccoli gruppi di cattolici provenienti da questi villaggi, queste donne hanno nutrito celebrazioni liturgiche quando il sacerdote è venuto e hanno persino sovrascrittato gli insulti delle mafie arrabbiate che gridavano slogan contro la Chiesa. In rare occasioni hanno dovuto ascoltare con dolore da bestemmia contro Dio, la Madonna e i santi.
Queste donne custodie delle cappelle difesero le proprietà della chiesa dalle illegalità di uno stato arbitrario al riguardo. È interessante notare che queste cappelle erano state costruite con il contributo dei vicini dei popoli per celebrare il culto di Dio: tombe, lotterie e collezioni pubbliche portarono gradualmente alla costruzione del tempio.
Sono passati quasi sessant’anni da questi eventi. Purtroppo, i nomi di questi cattolici non sono ricordati. Le nuove generazioni non sono a conoscenza di quella fase della Chiesa cattolica a Cuba. Pochissimi templi andavano perduti e grazie ai cristiani buoni e fedeli, la Chiesa cattolica rimase nel villaggio. Se oggi le nuove generazioni hanno occupato le rive e i templi che i nobili fondatori hanno costruito amorevolmente, è grazie alla fede e al coraggio di queste persone semplici. Ci sono stati momenti in cui hanno affrontato coraggiosamente un leader del governo che rivendicava la chiave e la resa del tempio. E non l’hanno consegniato. Gloria a Dio per loro!
Papa San Giovanni XXIII ritirò il suo nunzio apostolico all’Avana. Per più di un decennio il Vaticano non nominò l’ambasciatore a Cuba, ma mantenne la sua sede diplomatica accreditata presso il governo cubano con un direttore commerciale ad interim al suo timone, il sacerdote Mons. Quest’uomo merita un giusto riconoscimento per il suo lavoro diplomatico ed ecclesiale nella Chiesa di quegli anni. Se il governo rivoluzionario non ha estremo le sue misure contrarie alla Chiesa cattolica di Cuba, è stato in parte dovuto al mons. L’idea centrale di Zacchi era di mantenere la presenza della Chiesa cattolica a Cuba, nonostante le grandi differenze con il governo. Per molti l’atteggiamento di Mons Zacchi è stato difensivo.

Fino al 1965, la partecipazione ai templi cattolici era straripante, come non si era mai visto prima nel XX secolo. I libri battesimali di quel tempo testimoniano lo stupefacente numero di bambini battezzati. Ciò è dovuto alla voce che è circolata per quegli anni all’interno della popolazione cubana: “chiuderanno le chiese e i sacerdoti le butterai via”. Il numero di matrimoni celebrati dalla Chiesa non è diminuito rispetto al decennio precedente. Sebbene la catechesi al di fuori della Chiesa sia stata sospesa, la partecipazione dei bambini a coloro che sono organizzati all’interno dei loro spazi è aumentata notevolmente. La gente si sentiva bene nei templi, anche se, di fronte a loro, piccoli gruppi di persone insultavano coloro che frequentavano i diversi uffici religiosi. Dai luoghi vicino ai templi, hanno posto corna che trasmettevano inni e marce rivoluzionarie mentre si tenevano le celebrazioni culturali. I cosiddetti piani di strada, con un grande afflusso di bambini, erano comunemente organizzati molto vicino alle chiese.
Dal 1961, l’arcivescovo Evelio Díaz Cía, arcivescovo dell’Avana, non gli ha assegnato i due vescovi ausiliari l’anno precedente. Pertanto, nel 1964, monsignor Zacchi gestiva la nomina di due nuovi ausiliari per l’arcidiocesi, erano monsignor Alfredo Llaguno e il padre gesuita Fernando Azcárate. Entrambi erano rimasti incoraggiando le comunità cattoliche durante questo periodo precedentemente rivisto.

Mons. Alfredo Llaguno Canals (1902-1979)
Mons. Alfredo Llaguno Canals (1902-1979)

Alfredo Llaguno Canals (1902-1979)

Nacque a L’Avana il 12 dicembre 1902. Entrò nel Seminario San Carlos y San Ambrosio e, una volta completato parte dei suoi studi, monsignor Manuel Ruiz, primo arcivescovo dell’Avana, lo inviò al dottorato di teologia a Roma. Nella città eterna fu ordinato sacerdote il 28 ottobre 1928. Al suo ritorno a Cuba fu nominato parroco della chiesa di San Francisco de Paula e amministratore del vice ospedale,

nel quartiere di La Vipera, dove rimase fino all’inizio del 1977, quando fu ritirato per motivi di salute. Ancora i vicini della città di Monaco lo ricordano per il suo lavoro pastorale. Battesimi, matrimoni, prime comunioni e benedizioni delle case dimostrano l’opera del vostro sacerdozio.
Servì come maestro canonico della cattedrale dell’Avana. Per il loro bellissimo oratorio, nello stile bombastico di quel tempo, lo chiesero in molte chiese e attività civiche prima del 1959. A metà degli anni ’50, il cardinale Manuel Arteaga chiese al venerabile papa Pio XII di nominare padre Llaguno monsignore. Era molto vicino alle famiglie dei presidenti della Repubblica da Gerardo Machado a Fulgencio Batista, anche se non prendeva parte ad attività politiche.
Già sessagenario, monsignor Evelio Díaz, suo grande amico fin dagli anni del Seminario, lo nominò cancelliere dell’Arcivescovato dell’Avana e successivamente chiese al Papa come uno dei suoi due vescovi ausiliari. Padre Llaguno, come gli piaceva essere chiamato, era un uomo della Chiesa davanti al Concilio Vaticano II (1962-1965). La sua formazione teologica era tipica degli anni Venti. Pertanto, alla fine degli anni quaranta cessò di essere professore di teologia dogmatica al Seminario dell’Avana.
Durante i suoi sei anni come vescovo ausiliare dell’Avana, amministò il sacramento della cresima in molte comunità cattoliche dell’arcidiocesi. Come è stato detto prima, durante questa fase l’afflusso di persone nei templi era aumentato notevolmente. Nell’agosto 1968, insieme ad altri cinque cubani, partecipò alla Seconda Conferenza dell’Episcopato latinoamericano tenutasi nella città colombiana di Medellin. Il 10 febbraio 1970, quando monsignor Francisco Oves Fernández assunse il governo del territorio ecclesiale di Habanero, monsignor Llaguno non protrasse come vescovo ausiliare e fu nominato amministratore dell’arcivescovato.
Quando si ritirò come parroco andò a vivere con la sua famiglia in una casa vicino alla parrocchia di Monserrate, nel Centro Habana. Andavo in quella chiesa ogni mattina per celebrare la Santa Messa. Il 20 agosto 1979 morì all’ospedale Calixto García; i suoi funerali si tennero nella parrocchia di San Francisco de Paula con grande affluenza pubblica. Fu sepolto nel pantheon dei vescovi del Cimitero di Colombo. Il suo corpo, insieme a quelli di altri vescovi, è stato profanato alcuni anni fa. Attualmente, i suoi resti si trovano nella cripta della chiesa dello Spirito Santo, a L’Avana Vecchia.

Mons. Fernando de Azcárate y Freyde de Andrade (1912-1998)
Mons. Fernando de Azcárate
y Freyde de Andrade (1912-1998)

Fernando de Azcárate e Freyde de Andrade (1912-1998)

Nacque a L’Avana il 27 ottobre 1912. Era nipote di Don Nicolás de Azcárate, il proprietario dell’azienda situata sull’odierna Avenida del Puerto, vicino alla Cattedrale, dove José Martí lavorò al suo ritorno a Cuba nel 1878. La sua infanzia fu trascorsa nel quartiere di Vedado e studiò al Colegio de La Salle, situato in fondo alla parrocchia di quella città. Entrò all’Università dell’Avana per studiare legge. Alla fine del terzo anno di gara, monsignor Enrique Pérez Serantes, allora vescovo di Camaguey, convocò un ritiro spirituale di uomini in un hotel che affittò in tal senso nella città dei Tinajones. Lì Azcárate decise la sua vocazione sacerdotale, come una volta mi espresse: “razionalmente, e non sentimentalmente”. Così entrò nel noviziato della Compagnia di Gesù, a Oña, in Spagna, alla fine degli anni venti.
Ha sempre riconosciuto che la sua vocazione era gesuita e ha svolto i suoi studi filosofici e teologici con il chiaro scopo di essere sacerdote gesuita. Non cessò mai di essere gesuita, la portò nella sua anima, e parlando fu percepita come trasudando ovunque lo spirito della Compagnia. Dopo aver studiato filosofia e teologia presso la Pontificia Università di Comillas, Santander, Spagna, fu ordinato sacerdote in quel paese il 25 luglio 1950. Aveva quasi trentotto anni.
Tornato a Cuba fu nominato direttore spirituale del Collegio di Betlemme dell’Avana. A quel tempo studiò e ricevette il dottorato in Psicologia presso l’Università Cattolica san Tommaso di Villanueva in questa città. Più tardi, a metà degli anni ’50, assunse la guida del Noviziato della Compagnia di Gesù situato alla periferia della città di El Calvario, a L’Avana. Questo noviziato è stato ospitato in un magnifico edificio costruito negli anni ’40 per ospitare due istituzioni gesuite: noviziato e filosofia. All’epoca e fino al 1961, quando fu nazionalizzato dal governo rivoluzionario, fu il miglior centro di formazione della Compagnia di Gesù nell’America Latina di lingua spagnola. I futuri gesuiti vennero qui, non solo dall’America, ma anche dalla Spagna. Oggi quell’edificio è occupato da un’unità militare.
La provincia delle Antille, della Compagnia di Gesù, aveva sede a L’Avana, e il padre provinciale vi risiedeva. Nel settembre 1961, alcuni gesuiti furono espulsi sulla nave Covadonga, incluso padre Ceferino Ruiz, che servì come padre provinciale. Poi la sede provinciale di questa comunità religiosa fu spostata a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana, e a capo del trentenne religioso dell’Ordine che rimase a Cuba padre Azcárate fu nominato; in questo modo divenne Superiore dei Gesuiti a Cuba e rettore della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù (Regina).
Come tutti i sacerdoti che hanno lavorato sull’isola in quegli anni, il loro lavoro era febbrile. Mi disse che nel 1964 gli fu chiesto di predicare la ritirata annuale del clero a L’Avana e poi a El Cobre. Egli notò che alle due dedas partecipavano monsignor Césare Zacchi, ad interin responsabile degli affari presso la Santa Sede di Cuba. Poco dopo fu chiamato alla Nunziatura e mons. Zacchi lo informò che papa San Paolo VI lo aveva nominato vescovo ausiliare dell’Avana. Rifiutò di accettarlo, ma la mons. Azcárate ha riposto che avevo bisogno di consultarlo. Zacchi aggiunse che non poteva consultarlo con nessun sacerdote, tranne padre Diaz, ottogenario gesuita. Il giorno dopo, Azcárate accettò la proposta, poiché l’agnello portava al macello. Insieme al mons.
A differenza di Monsignor Llaguno, monsignor Azcárate fu formato e professò la nuova teologia degli anni ’50, prima del Concilio Vaticano II. D’altra parte, il gesuita divenne vescovo era, per sua natura, un uomo di mentalità aperta di psicologia di mentalità aperta. Tutto questo lo rese il vescovo di bandiera del rinnovamento conciliante nella Chiesa cubana degli anni Sessanta. Fino alla sua morte era un amante del Concilio Vaticano II. Azcárate conosceva molto bene i laici e si fidava molto di loro. Inoltre, i giovani sacerdoti, sia diocesani che religiosi, hanno cercato nella loro persona il direttore spirituale.

Quando fu nominato assistente del mons. Mi ha detto che durante i suoi sei anni come tale ha sofferto molto. Partecipò alla Seconda Conferenza Generale dell’Episcopato latinoamericano di Medellin nel 1968 e al suo ritorno a Cuba si chiese come si potessero portare lo spirito, la lettera e le riforme pastorali e sociali derivanti dalla conferenza di Medellin alla Chiesa cubana alla fine degli anni ’60. La situazione era atipica e quindi molto macabra. Il modello rivoluzionario di Fidel Castro è stato realizzato a passi da gigante. Allora, come applicare Medellin a Cuba? Azcárate portò la proposta alla Conferenza Episcopale Cubana, che includeva altri tre vescovi rinnovati: José Domínguez, Adolfo Rodríguez e Pedro Meurice. In questo modo, fu incaricato di chiedere a padre Francisco Oves, dottore in sociologia e consulente esperto alla Conferenza episcopale di Medellin, di scrivere il comunicato pastorale dei vescovi cubani pubblicato nell’aprile 1969.
Da quando è stato nominato vescovo, monsignor Azcárate è stato segretario della Conferenza Episcopale di Cuba. Nei primi anni ’70 cessò in questa posizione. Dal 10 febbraio dello stesso anno, monsignor Francisco Oves fu nominato arcivescovo dell’Avana, dopo le dimissioni del mons. Durante la notte è stato visto con la grande domanda su cosa stava facendo con la sua vita? Non era più un gesuita, una vocazione che definì la sua vita e dalla quale era stato tolto praticamente per costringerlo ad essere vescovo ausiliare. Non era più un vescovo ausiliare. Com’era? I genitori gesuiti gli mostrarono una grande fraternità e lo accolsero nella residenza di Villa San José a El Vedado. L’arcivescovato andò a risiedere lì.

Ogni giorno doveva celebrare la messa dalle 7:30.m. al Convento dei Sierva di Maria fino al gennaio 1971, monsignor Oves gli affidò la parrocchia di Nostra Signora di Monserrate nel Centro Habana. Lì rimase fino al 1987, quando la sua salute corporea non gli permetteva di svolgere uffici parrocchiali.
L’ho incontrato personalmente all’inizio di febbraio 1972. Quell’anno, il rettore capo del seminario lo aveva chiesto come insegnante di latino per il primo anno di quel centro. Azcárate era molto ben preparato per essere un insegnante di alcune delle materie di Teologia, Filosofia o Psicologia; Tuttavia, ciò che la Chiesa gli chiedeva all’epoca era di essere un Maestro di Latino e di iniziare le sue lezioni a causa degli aspetti preliminari di quella lingua. Accettò umilmente la responsabilità e assunse il lavoro di insegnare agli studenti che non avevano molte motivazioni per l’apprendimento. Ridevamo quando non capivamo, o meglio, non volevamo imparare, il professore ci diceva “toletes” o “orsi polari”, e alludeva che stavamo “dormendo” o “mezzo addormentato”.
Dalla sua parrocchia di Galiano e Concordia si recò molte volte a piedi al seminario quando la sua auto era rotta. Le lezioni erano quattro giorni alla settimana nell’ultimo turno del mattino: torture per l’insegnante e gli studenti. Il servizio dell’insegnante era quindi gratuito. Sono passati molti anni e mentre esamino la vita di quel vescovo concludo l’umiltà che ha vissuto da lui negli anni più difficili della sua vita.

Giovedì della prima settimana di luglio 1979, in occasione delle convivenze sacerdotale annuali del clero a El Cobre, si è riflettuto sul documento finale della III Conferenza dell’Episcopato latinoamericano, tenutasi nel gennaio dello stesso anno nella città messicana di Puebla de Los Angeles. Durante i tre giorni di studio e di riflessione si è visto che questo lavoro non è progredito di fronte alle sue conclusioni. Dov’era il problema? Era impossibile applicare i risultati della Conferenza di Puebla alla realtà politica, economica, sociale ed ecclesiale cubana. Puebla è stato realizzato per l’America Latina e non per la situazione atipica a Cuba dopo vent’anni di trionfo della rivoluzione marxista-leninista. Nel bel mezzo di questo dibattito, la plenaria è stata raggiunta giovedì pomeriggio. È stato allora che la signora Azcárate ha chiesto la parola. Si alò dalla scrivania e disse: “Dirò un quixotada: facciamo un Puebla cubano.” Non dimentico quell’incontro, anche se sono passati quarant’anni. Il vescovo gesuita sessagenario indossava una guayabera beige a maniche lunghe. Nessuno dei presenti sapeva che il padre gesuita aveva appena detto la scintilla favorevole alla riflessione ecclesiale cubana (REC), che, molto timida e lenta all’inizio, stava guadagnando forza e arddo nella misura in cui avanzò per finire in uno dei grandi eventi della storia della Chiesa cattolica a Cuba: l’Incontro ecclesiale cubano (ENEC) , tenutosi a L’Avana nel febbraio 1986. L’idea iniziale del Mons. Così, monsignor Azcárate divenne “il padre del rec”.
Il vescovo che ha partecipato a tre sessioni del Concilio Vaticano II ha rivolto alla Chiesa cubana il nuovo respiro di questo grande evento ecclesiale. Mi sembra che solo lui potesse farlo, perché, come ho detto, ha cospirato la lettera e lo spirito del Vaticano II come nessuno dei vescovi cubani presenti a quell’incontro. Si può dire che all’epoca era il più conciliante dei membri dell’episcopato cubano. Ciò ebbe un grande impatto sull’attuazione di documenti conciliari nell’arcidiocesi dell’Avana e nella Conferenza Episcopale, di cui fu segretario.
La salute di Mons. Azcárate si stava rompendo man mano che il REC progrediva. In questo modo, la conduzione della Riflessione passò al mons. Nel frattempo, il mons. Ha potuto partecipare all’ENEC e vibrare in ciascuna delle sue riunioni. L’anno seguente si dimise dalla parrocchia di Monserrate, alla quale si era arreso nel corpo e nell’anima per sedici anni e andò a risiedere nella casa gesuita di Villa San José. Addolorato per varie malattie, i gesuiti decisero di trasferirlo nell’infermeria della casa Manresa-Altagracia, situata alla periferia della capitale dominicana. Era l’estate del 1990. Non sarebbe più tornato nell’amata patria, “anche se non ha mai lasciato Cuba”, come ha espresso il cardinale Jaime Ortega nell’omelia dei funerali della mons. Il 31 ottobre 1994 andai a trovarlo nella sua residenza di Santo Domingo. Non riusciva più ad alzarsi dal letto; tuttavia, ho ricevuto un po ‘incorporato con un ampio sorriso e un senso di abbraccio. Mentre diceva addio, mi disse: “Di’ a Jaime che sono molto contento della sua nomina a cardinale e che se lo merita” (il giorno prima che avesse creato Jaime Ortega Cardinale della Chiesa).
La morte gli giunse nel luogo di Santo Domingo, repubblica Dominicana, il 31 luglio 1998. È il giorno di sant’Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù. Scopro alla data della sua morte il SÌ di Dio con il quale incoronò la vita di questo gesuita. Con la sua morte, l’arco dei grandi parlanti sacri del XX secolo cubano fu chiuso: monsignor Manuel Ruiz, monsignor Evelio Díaz, monsignor Ismael Testé4 e monsignor Alfredo Llaguno. Le omelie di Azcárate, a differenza delle precedenti, erano caratterizzate da uno stile meno bombastico, anche se senza perdere veemenza ed espresse più catecheticamente, le accompagnarono con gesti espressivi delle sue mani che nacquero dal suo petto. Poi ci sono stati buoni predicatori, ma senza raggiungere l’altezza di quelli già menzionati.

Azcárate è sepolto nel cimitero religioso gesuita situato sul retro della casa Manresa-Altagracia, che si affaccia sul Mar dei Caraibi. Ci ha lasciato un alto esempio di amore per la Chiesa, di accettazione dei luoghi in cui l’ha posta e di non critica delle decisioni della Conferenza Episcopale Cubana. Ω

Note
1 Cfr. nota 2 dell'”Arcivescovo del Cambiamento”, in Nuova Parola, n. 284, dicembre 2018, p. 23.
2 Fare riferimento a “Monsignor Evelio Díaz, Arcivescovo Martire”, in Nuova Parola, n. 281, settembre 2018, pp. 28-33.
3 Monsignor Césare Zacchi arrivò a Cuba all’inizio del 1961 come business manager della Santa Sede sull’isola. Fu ordinato vescovo il 12 dicembre 1967 nella Cattedrale dell’Avana. All’inizio del 1975 fu nominato nunzio apostolico e, nel luglio dello stesso anno, promosso presidente dell’Accademia formando lo staff diplomatico vaticano. Ritiratosi nei primi anni ’80, morì a Roma nel 1991.
4 Monsignor Ismael Testé era parroco di Avocado e dopo il Pilastro, a L’Avana. Fondatore e direttore della Città dei Bambini di Bejucal. Per diversi anni è stato responsabile della Messa radiofonica e televisiva. Scrisse una storia della Chiesa cubana in diversi volumi. Morì nel 1995 a San Antonio, Texas.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*