I vescovi ausiliari dell’Avana

Catedral de La Habana

Dopo aver esaminato per alcuni mesi la vita, il ministero e altri aspetti di interesse dei vescovi e degli arcivescovi dell’Avana, durante il XX secolo, svilupperemo una serie di articoli per rivolgerci anche ai vescovi ausiliari di questa arcidiocesi.
La cifra con cui iniziano queste recensioni è monsignor Buenaventura Broderick (1868-1943). Nacque negli Stati Uniti e fu nominato vescovo ausiliare di Monsignor Pedro González Estrada. In questa funzione durò poco più di un anno, poiché il vescovo Habanero, il primo cubano ad occupare questa piazza, non capiva il suo stile di vita, che continuò in stile americano. Decise di partire per il suo paese natale, ma lì i suoi fratelli dell’episcopato non lo fecero prendere. Dovette andare a lavorare in una stazione di servizio, dove rimase fino al 1939 quando l’arcivescovo di New York lo scoprì. Fu presto nominato vicario generale e gli fu assegnato un cappellano di suore.
Buenaventura Broderick è nata nel Connecticut, negli Stati Uniti. Andò a studiare a Roma e ordinati sacerdote nel 1897. Nella città eterna iniziò una carriera ecclesiastica metodica fino a quando il 28 ottobre 1903 ricevette l’ordinazione episcopale nella cattedrale dell’Avana come vescovo ausiliare di Juiliópolis e assistente di monsignor Pedro González Estrada, che, nella stessa celebrazione, fu ordinato primo vescovo dell’Avana. Si dimise dal suo incarico di vescovo ausiliare il 9 gennaio 1905. Morì alla fine del 1943.
In occasione dell’invito del Cardinale Francis Spellman a ricongiungersi alla sua vita sacerdotale, monsignor Broderick disse: “Nessuno mi ha mai avvicinato prima, nessuno mi ha mostrato alcun tipo di attenzione, quindi questa azione, come fatto da Cristo stesso. sarà inciso nella mia memoria per il resto della mia vita.

Alfredo Muller San Martín (1902-1993)
Il 6 giugno 1948 fu ordinato vescovo ausiliare dell’Avana dal cardinale Manuel Arteaga e, in precedenza, il 13 marzo dello stesso anno, papa Pio XII lo nominò vescovo titolare di Anea de Efeso. All’Avana fu fino al marzo 1959 quando fu trasferito a Cienfuegos, dopo essere stato nominato dal Vaticano, amministratore apostolico a pieno 100° posto in quella diocesi. Fu uno dei vescovi firmatari della saggia pastorale del 7 agosto 1960. Quasi un anno dopo, il 6 aprile 1961, papa Giovanni XXIII lo nominò vescovo di Cienfuegos. Sotto questa responsabilità rimase fino al luglio 1970. Durante i suoi undici anni dovette vivere situazioni molto difficili, poiché undici giorni dopo la sua nomina avvenne l’invasione di Girón. Poco dopo, la nazionalizzazione delle scuole cattoliche avrebbe avuto luogo e quattro mesi dopo, l’espulsione dal paese di molti sacerdoti dalla sua diocesi sulla nave Covadonga. Tutto quanto sopra era in aggiunta alla svolta radicale che la rivoluzione cubana aveva dato il 16 aprile 1961, quando fu dichiarata socialista.

El entonces obispo auxiliar Alfredo Müller, a la derecha de la foto, junto al cardenal Manuel Arteaga Betancourt.
L’allora vescovo ausiliare Alfredo Muller, a destra della foto, con il cardinale Manuel Arteaga Betancourt.

Di conseguenza, è stato il turno di Mons Muller di guidare una Chiesa nel bel mezzo di una situazione per la quale non era preparato. Come altri vescovi dell’epoca, aveva un compito eroico, perché aveva il merito, insieme ai sacerdoti, ai religiosi e ai laici di quel tempo, di vivere la fede cristiana all’inizio dell’istituzione di un sistema marxista-leninista con abbondanti ritardatari dello stalinismo. Abbiamo tutti mantenuto la vita della Chiesa in questo difficile periodo della storia ecclesiastica di Cuba.
Nei suoi undici anni come vescovo ausiliare dell’Avana, collaborò con il cardinale Arteaga nell’amministrazione del sacramento della cresima, in atti ecclesiastici e governativi a lui delegati dal Cardinale. Durante i mesi in cui la salute mentale del cardinale maggiore peggiorò, tenne alcune edazioni sacerdotale. Nel suo ruolo di vescovo ausiliare dell’Avana, aggiunse quello di vicario generale di questa arcidiocesi pur essendo ancora parroco della chiesa di El Salvador, nel suo amato Cerro, l’unica parrocchia che aveva dal 1927, quando era stato ordinato sacerdote, monsignor Manuel Ruiz gli assedì questa responsabilità pastorale. È interessante notare che era stato battezzato in quella parrocchia, perché viveva nel quartiere di Cerro, dove era nato e dove suo padre praticava anche come medico.
Muller nacque il 4 ottobre 1902. Studiò al Seminario San Carlos e San Ambrosio. A Lui dobbiamo la bella e vera espressione: “Nel Seminario è nata Cuba”. Logicamente si riferiva al pensiero di Varela, Luz, Romay, Luz e Knight, Saco, Mendive, che non solo pensavano a Cuba, ma lo facevano dall’autentica fede cristiana.
Il 24 aprile 1969 papa Paolo VI nominò vescovo ausiliare di Cienfuegos l’arcivescovo Francesco Oves; nel febbraio 1970, Mons. Nel luglio 1970, lo stesso Papa, San Paolo VI, nominò l’arcivescovo Muller amministratore apostolico a pieno titolo, padre Fernando Prego, che il 16 luglio dell’anno successivo fu nominato vescovo di tale diocesi, e monsignor Muller fu nominato vescovo emerito. In quella città visse fino alla sua morte il 2 settembre 1993.
Non perse mai l’affetto dei cattolici, 100. Già come vescovo emerito ha partecipato quotidianamente alla sua messa in cattedrale e la domenica ha celebrato l’Eucaristia nel villaggio di Caonao. È sepolto nel cimitero Tomás Asea di Cienfuegos.
Più che un appassionato di meteorologia, la mons. Muller era un investigatore e una comprensione di questo centinaio di cia. Conosceva perfettamente le leggi della ciclologia tropicale scoperte nella seconda metà del XIX secolo dal sacerdote gesuita spagnolo Benito Viñes, direttore dell’osservatorio del Collegio di Betlemme, che a quel tempo si trovava a L’Avana Vecchia. L’Accademia delle Scienze di Cuba apprezzò il lavoro accademico della mons. Muller, motivo per cui, due mesi prima della sua morte, fu invitato ad un evento all’Avana per onorare padre Viñes. Al termine di questa riunione, ad ogni partecipante è stato concesso un minuto per dire qualche parola. Quando fu la volta del vescovo anziano, disse: “Viva padre Viñes! Viva la Compagnia di Gesù! Viva Cuba, mia cara patria! Così l’arcivescovo Alfredo Muller San Martín ha detto addio a questa vita.

José Maximino Domínguez Rodríguez (1915-1986)
Nacque a L’Avana il 29 maggio e fu battezzato nella chiesa parrocchiale di Nuestra Señora de la Caridad. Entrò nel Seminario San Carlos y San Ambrosio e fu inviato dal mons. Rientrato a Cuba è stato ordinato sacerdote dal Cardinale Manuel Arteaga nella parrocchia dello Spirito San

Monseñor José Maximino Domínguez Rodríguez.
Monsignor José Maximino Domínguez Rodríguez.

a, di cui monsignor Dominguez era parrocchiani. A L’Avana fu cancelliere dell’arcidiocesi e consilycar del ramo femminile dell’Azione Cattolica.
Il 15 maggio 1960, insieme al mons. Fu uno dei vescovi firmatari della circolare dell’episcopato cubano datata 7 agosto 1960.
Alla morte di Martín Villaverde, il 4 novembre 1960, papa Giovanni XXIII lo nominò vescovo di Matanzas il 18 luglio 1961. Fu uno dei vescovi cubani che partecipavano alle quattro sessioni del Concilio Vaticano II.
La diocesi di Matanzas era caratterizzata all’epoca dallo sviluppo della commissione per la liturgia, di fronte alla quale padre Juan Manuel Machado (1993) e catechesi, presieduta da padre Jaime Ortega. Come vescovo, monsignor Dominguez stimolò notevolmente la partecipazione dei laici all’attività ecclesiastica del territorio. A quel tempo, la diocesi di Matancera divenne un punto di riferimento della Chiesa cubana.
Nell’aprile del 1969, monsignor Dominguez fu uno dei vescovi firmatari del comunicato pastorale di cui parlai nell’articolo dedicato al Mons. Si dice che quando monsignor Evelio Díaz si dimise da arcivescovo dell’Avana, al mons. Ha presieduto la Conferenza Episcopale di Cuba dal 1973 al 1976.
Uomo intelligente e studioso, la sua biblioteca personale è stata nutrita da libri pubblicati di recente, che ha comprato poche volte quando ha lasciato il paese. Ha partecipato al Cuban National Ecclesial Meeting (ENEC) del 1986. Morì di infarto nella città di Matanzas l ‘ 11 dicembre 1986.

Eduardo Boza Masvidal (1915-2003)
Nacque nella città di Camaguey nel 1915. Da bambino è venuto a risiedere a L’Avana. Qui fu allievo del Colegio de La Salle del Vedado. Nel 1935 entrò nel Seminario San Carlos e San Ambrosio. In precedenza aveva militato nel Gruppo Cattolico Universitario, guidato dall’indimenticabile sacerdote gesuita spagnolo Felipe Rey de Castro. Molti laici cattolici uscirono dall’ACU che vivevano la loro fede impegnata nella società cubana all’epoca. L’ACU era una congregazione laica d’avanguardia cattolica all’università e nella società. Il giovane Boza, già dottore in Filosofia e Lettere, fu ordinato sacerdote nel 1944 dal cardinale Manuel Arteaga. Fu nominato, in primo luogo, coadiutore della parrocchia di Cerro. In seguito, parroco di Madruga e nel 1948 parroco di Nostra Signora della Carità a L’Avana. Lì sviluppò la sua ammirevole attività pastorale fino al settembre 1961, quando fu deportato dalla sua patria.

Monseñor Eduardo Boza Masvidal en la época en que fue obispo auxiliar de La Habana.
Monsignor Eduardo Boza Masvidal all’epoca in cui era vescovo ausiliare dell’Avana.

Difensore dei rivoluzionari contrari al governo del presidente Batista, dopo il trionfo del 1° . Gennaio 1959 ha detto: “Nessun cubano può contrattare oggi con il suo sforzo e la cooperazione nella ristrutturazione di una nuova patria […] Non dobbiamo sempre guardare indietro al passato […] Le grandi linee guida della Rivoluzione e i suoi progetti futuri manifestati dal suo più grande leader, avvolgono i principi cristiani fondamentali […]”. Nel novembre 1959, su richiesta del mons.
Nei primi anni ’60, fu nominato rettore dell’Università Cattolica di Santo Tomás de Villanueva, situata nell’attuale comune di Playa, con l’obiettivo di appianare la rugosità che esisteva tra i sacerdoti americani augustei che possedevano quel centro di studi alti e il governo rivoluzionario. La Chiesa pensava che con il resoconto rivoluzionario di padre Boza, questo problema sarebbe stato risolto. Ma non lo era.
Il 15 maggio 1960 fu ordinato vescovo ausiliare dell’Avana con monsignor Dominguez. In questo modo, monsignor Evelio Díaz avrebbe avuto due vescovi ausiliari, che lo avrebbero supportato nella sua opera, che era sempre più ampia data la grande vitalità che la Chiesa cattolica a Cuba aveva raggiunto nel 1960. Fu uno dei vescovi firmatari della pastorale ecclesiale e patriottica dell’episcopato cubano del 7 agosto 1960. Nel novembre del suo anno scrisse un articolo intitolato “La rivoluzione sociale è verificata a Cuba cristiana?” Da questo testo, prendiamo un frammento: “Noi cattolici non siamo contro la rivoluzione, alla quale aiutiamo molto, e vogliamo le grandi trasformazioni sociali di cui Cuba ha bisogno, ma non possiamo volere o sostenere il comunismo materialista e totalitario che sarebbe la negazione più clamorosa degli ideali per i quali tanti cubani hanno combattuto e per i quali sono morti così tanti cubani”.
Boza racconta nelle sue note autobiografiche, un libro pubblicato dopo la sua morte, da cui alcuni esemplari sono circolati nel paese, gli eventi della Chiesa della Carità dell’Avana domenica 10 settembre 1961. Lì descrive, come protagonista, i disordini quel giorno fuori dal tempio, che tentarono di riprendere la processione programmata del Patrono di Cuba, per la quale il governo aveva ritirato il permesso la mattina di quel giorno.
Boza tentò senza successo di placare i fedeli. Gli eventi della Chiesa della Carità hanno scatenato nei giorni successivi la prigione di 231 sacerdoti cubani provenienti da diverse parti del Paese, tra cui quello dello stesso Mons. In precedenza, nei giorni dello sbarco a Playa Girón, la mons. Il 17 settembre dello stesso anno, la nave Covadonga salpò dal molo di Habanero, sul quale monsignor Boza fu deportato insieme a 230 sacerdoti.
Dopo l’arrivo della nave a Santander, in Spagna, vescovo ausiliare dell’Avana, si recò in Venezuela nella diocesi di Los Teques, dove servì come vicario generale fino alla sua morte, il 18 marzo 2003.
Boza fu il continuo animatore sacerdotale dei cattolici cubani che vivevano al di fuori della sua patria, insieme a loro e con loro fondò la società dei cubani in esilio. La sua cubanità e la sua santità personale sostennero la sua opera paterna. Partecipò alle quattro sessioni del Concilio Vaticano II come vescovo cubano. Nel novembre 1987, il governo rivoluzionario gli concesse il permesso di venire per alcuni giorni nella sua amata e amata patria senza condizioni di alcun tipo. Boza non li avrebbe accettati. Tenne messe nella Chiesa della Carità, a L’Avana, a Camaguey e a El Cobre; ha anche avuto incontri con il clero di quei luoghi. Non ritrasse i principi che avevano sostenuto la sua vita. Nel gennaio 1998, in occasione della visita pastorale di San Giovanni Paolo II, è tornato a Cuba. Ho avuto il privilegio di accompagnarlo al suo ingresso all’Università dell’Avana nel pomeriggio, quando il Papa ha tenuto il suo discorso nell’Aula Magna, il 23 gennaio. Ero entusiasta quando, mentre entravo con la mons. Il vescovo ottogenario, umilmente, continuò la sua già lenta passeggiata. Nel giro di pochi giorni lasciò Cuba per il Venezuela.
Ho avuto un altro privilegio. Nei primi giorni dell’agosto 2002, sono stato invitato a predicare un ritiro spirituale ai sacerdoti cubani residenti negli Stati Uniti e a Porto Rico, tenuti in quest’ultimo paese. Lì, in prima fila, c’erano i monsignori Agustín Román, cubano, vescovo emerito di Miami e Boza Masvidal. Prendevano nota di ciò che predicai come se fossero giovani seminaristi. Mi dispiaceva per lui.
Boza è sepolto nella chiesa cattedrale di Los Teques. La santità della sua vita è stata commentata da cubani e venezuelani che hanno incontrato e vissuto con questo grande vescovo. La sua causa di canonizzazione è già stata introdotta per alcuni anni, quindi, con tutti quelli del diritto canonico, dovrebbe essere chiamato Servo di Dio. Pertanto, le richieste di intercessione davanti a Dio possono essere fatte. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*