Oggi e domani di una pandemia (2)

L’anno bisestetico 2020 iniziato mercoledì sarà dato alle fiamme nella storia dell’umanità dalla trasmissione incontenibile, ai cinque continenti, del virus SARS-CoV-2, che causa covid-19, uno spread iniziato in Cina nel corso del 2019.

Covid-19 ha mietuto molte vittime e testato, nella gestione delle crisi, governi e stati di società molto diversi: dai più democratici e aperti, ai più autoritari e chiusi.

Ma ci ha anche messo alla prova, che stiamo vivendo un’esperienza inedificata e inimmaginabile, e non sappiamo esattamente quando e come finirà questo incubo. Né cosa verrà dopo che sarà finita.

Molto è stato ipotizzato al riguardo, al punto da raggiungere la (quasi) saturazione del soggetto, ma non guardando la pandemia la pandemia non ci sarà più, come il dinosauro di Monterroso. Ogni giorno ci aliamo e mentoamo per la sua ombra.

Come altre pubblicazioni hanno fatto, abbiamo voluto consultare l’opinione di un gruppo di intellettuali per informarsi sulle loro esperienze particolari durante tutto questo tempo, per sapere come l’hanno trascorso, come sono trascorse le loro giornate, cosa pensano di questo presente e cosa si aspettano dal futuro, come lo immaginano.

Virgilio López Lemus
Virgilio López Lemus

SE NON LO PENSIAMO COME UNA SPECIE, IL FUTURO RIMARRÀ INCERTO

Virgilio López Lemus

Virgil, come hai vissuto questi mesi di lockdown? Ne hai tratto qualche profitto?

“Dal momento che di solito passo gran parte del mio tempo rinchiuso a casa a lavorare, non ho notato molta differenza, tranne per il fatto che nessuno mi chiama per chiedermi di andare a questo o quell’incontro letterario e non ho visitatori. Ma naturalmente ho avuto più concentrazione, ho letto molto di più perché ho distribuito il mio tempo tra libri di lavoro scrivo (una poesia, due saggi), letture necessarie per le mie informazioni o per la mia gioia (ad esempio, ho riletto il Padiglione d’Oro, da Mishima, e i due volumi dell’Opera Poetica di Octavian Paz), il lavoro domestico e un po ‘di sguardi utili alla televisione. Con questo ritmo, non mi annoio mai, non mi sento mai solo.

Ci sono conclusioni che avete fatto, in termini esistenziali e spirituali, che volete condividere?

“Il peo e vanitoso orgoglio della nostra specie nella fase di industrializzazione inquinante è stato fermato da una sorgente della natura: un virus. Oggi una pandemia non sarebbe in gran parte accusata come “punizione di Dio”, se non da gruppi religiosi fondamentalisti o apocalittici. Sembra che una delle tesi di T. R. Malthus sulla demografia sia entrata in funzione, ma il saggio chierico britannico non aveva nel suo secolo la capacità umana di trovare rimedi, vaccini ergo. Il Saggio sul principio della popolazione è già contrario nel 1798 a quali sarebbero state le future idee di socialismo, quindi ha avuto un seguito di immense confutazioni. Ma ecco una pandemia a metà del XXI secolo, almeno nel suo primo quinto, che ci farebbe riflettere al di fuori della linea malthusiana (guerre e malattie ‘necessarie’) sulla richiesta umana di cercare il pianeta, lottare per il massiccio non inquinamento del suo ambiente vitale, tenere d’occhio la pacifica esplorazione cosmica che poi ci offre un’altra casa senza rinunciare alla nostra nativa , e molte risorse viventi per evitare l’eccesso inquinante e l’esaurimento del patrimonio di mari e terre planetarie. Se questa epidemia malvagia non è stata sfruttata per un’adeguata riflessione e azioni a favore dell’intera specie, faremo un altro passo verso la nostra estinzione di fronte ad altri futuri mali sanitari o geografici, geoeconomici, geopolitici. Se non pensiamo come una specie, il futuro rimarrà incerto e troppo all’albur del nostro istinto.

Quali insegnamenti potrebbero lasciarci, come esseri sociali, questi mesi di clausa?

“Credo che nel tentativo di rispondere alla domanda di cui sopra, esprimo alcune speculazioni sulla condizione degli “esseri sociali”, meglio “biosociali”, di fronte alle sfide della vita su un pianeta di risorse che gradualmente esauriranno. Si potrebbe aggiungere che questa pandemia, a differenza di altri preteriti, ha chiarito la necessità di una collaborazione globale e di una solidarietà di fronte all’egoista impulso capitalizzante e di fronte alla sindrome sovrasocindeta della “proprietà” come diritto umano “sacro”. Ad esempio: uno o più vaccini Covid-19 dovrebbero essere messi in un servizio sociale diffuso e non come costosi beni interamente posseduti. Il Pianeta è una ‘proprietà’ non solo della specie umana e stiamo danneggiando irreversibilmente questo condominio. Se continua a deteriorarsi, prima i loro beni che sostengono la vita aumenteranno di prezzo e, dopo la morte di milioni di persone, saranno svalutate in modo “pandemico”. Non ci pensiamo? Continueremo a finire indiscriminatamente con tali risorse? Abbiamo davvero bisogno di un’auto pro capite? Vi sono gruppi sociali di alto potere economico e politico che non cedereranno mai almeno un po’ al loro predominio, al loro controllo e al massiccio sfruttamento delle risorse? Queste idee sono uniche solo per una “ideologia”, o un modo decisivo di osservare lo sviluppo vitale della nostra specie? Non basta mirare, devi sparare; cioè, la vita ha bisogno di riflessione (nel mio caso sono un uomo al servizio della poesia), ma deve dirigere l’impulso verso l’essenziale carriera esecutiva per il Bene e la Bellezza, che non attraversano l’indomabile pressione predatoria e comportano uno sviluppo armonioso tra scienza e tecnica e spirito umano”.

Come si vive il futuro post-pandemia?

“Non ho don avizor. Mi piacerebbe “migliorare” il pianeta, ma sono un povero poeta senza un dono profetico che guarda liricamente alla realtà. Quindi la pratica quasi sempre mi travolge e mi travolge. Vorrei solo che la nostra specie non cadessi vittima di se stessa, e mi segnavo accanto a un’utopia di solidarietà, amore universale, indulgenze e cancellature dell’apprensione egoistica del mondo. Ho la fede di un futuro migliore, la speranza che sia vero e la carità di contribuirti, non senza qualche primavera pretenziosa, con la mia scrittura, che è la cosa migliore che so fare. Voglio che quel futuro appartenga interamente alla bontà, e un desiderio è molto più di una previsione. Spero che in futuro morirò, moriremo gradualmente tutti noi che ora siamo vivi, e desidero un mondo molto migliore vicino ai continuatori della nostra specie.

Virgilio López Lemus

Poeta, saggista, traduttore, professore universitario, ricercatore letterario. Dottorato in Scienze Filologiche. Accademico al merito dell’Accademia delle Scienze di Cuba.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*