Motivo di speranza per la Chiesa cubana

La recente ordinazione di cinque sacerdoti diocesani e di un diacono francescano all’inizio del 2021 nella Cattedrale dell’Avana è stata la più grande e significativa nella storia dell’arcidiocesi dell’Avana nel secolo presente.

“Che Dio dia alla Chiesa di Habanera cinque nuovi sacerdoti e un diacono è un segno di speranza in mezzo a ciò in cui vive il popolo cubano, nella realtà stessa in cui tutto si svolge in questo momento di pandemia. È un segno di speranza che Dio dia al suo popolo pastori per comprometterlo, rafforzarlo nella speranza, farlo crescere nella fede”, ha spiegato Lazzaro Cánova Amador, giovane ingegnere dell’Isola della Gioventù che ha messo da parte il Magistero per continuare il suo vero cammino vocativo.

“Questa ordinazione è stata un grande dono”, spiega, “mi ispira a condividere con tutti un Ringraziamento per questo dono immeritato”.

Per Julio César Rodríguez Díaz, un altro dei giovani laureati del Seminario San Carlos e San Ambrosio e che ha ricevuto, inoltre, il Sacramento dell’Ordine, vede questo rinnovamento della Chiesa come un dono di Dio e un segno dei tempi.

“Questa fase segnata dal COVID-19 non è stata un ostacolo alla mia formazione. Mi ha aiutato a concentrarmi maggiormente su me stesso, a profilarmi e ad avere una visione più trascendente della vita e a pregare, come quella cattolicità che la Chiesa ha di trascendere i muri, di uscire un po’ e raggiungere chi non può essere fisicamente raggiunto”, dice.

Nella sua nuova missione di parroco nella comunità popolare di San Nicola da Bari dice: “Tutto quello che chiedo è come disse Giovanni XXIII quando decise di diventare sacerdote: ‘Voglio solo essere un semplice prete di villaggio, un semplice prete rurale’. Non intendo grandi cose, ma voglio che si possano ottenere frutti abbondanti e vederli ovunque accada.

D’altra parte, junior Antonio Delgado Martínez, ancora lontano dai suoi parenti residenti fuori dal paese, vede la sua elevazione al rango di sacerdoti come un segno affidabile che Dio cammina sempre con il suo popolo: “Oggi, con tante circostanze avverse dalla pandemia, tante vicissitudini che il nostro popolo vive, umanamente ci si chiede dove sia Dio , ma Lui è lì, ci accompagna.

Significava anche che i cinque nuovi sacerdoti furono ordinati per proclamare all’Avana, a Cuba e al mondo intero che Dio è la speranza e la forza che spinge per rinnovare la fede anche in mezzo a queste circostanze avverse.

“Il Signore suscita la Sua benedizione e misericordia attraverso i suoi ministri e siamo stati ordinati per raggiungere tanti luoghi bisognosi di Dio, per manifestare che Egli è presente e apre la strada a noi, perché Egli è la Via, la Verità e la Vita, come Gesù tante volte ha detto”, ha detto.

Nel caso del frate Luis Pernas dell’Ordine dei Frati Minori (O.F.M.), la sua nuova missione nel diaconato è una chiamata a servire il popolo di Cuba e la sua Chiesa. “Anche in questo difficile contesto, dove la celebrazione doveva svolgersi a porte chiuse e senza la presenza del pubblico, le persone erano unite nella preghiera. La Chiesa va oltre ciò che si vede fisicamente, è una comunione. Questa è la cosa più importante e nella comunione della Chiesa stiamo insieme”, ha detto.

***
Un evento che ha segnato anche le celebrazioni di quest’anno nell’Arcidiocesi dell’Avana è stata l’ordinazione sacerdotale di due diaconi permanenti, un fatto insolito nella storia della Chiesa cubana.

Dopo la partenza per la casa del Padre della moglie e compagna di missione, Maria Elena, con la quale si sposò 41 anni e dopo un forte processo di discernimento vocazionale, l’allora diacono Luis Entrialgo Pintado decise di dire “sì” al sacerdozio. Nel bel mezzo di un ritiro del silenzio, sentì che Dio gli diede la risposta: “Quando ho visto tutto molto chiaro”, spiega, “ho detto sì al Signore e mi ha dato un’esperienza di pace grande come avevo mai avuto prima e una gioia molto intensa”.

 
Ma la vita di Entrialgo dipinto è stata segnata da quel perenne desiderio di consacrarsi al servizio della Chiesa: “Fin da bambino il mio ingresso nella fede è avvenuto perché Dio mi ha portato, perché la mia famiglia non è andata in chiesa. Da bambino due volte ho cercato di entrare nel Seminario Il Buon Pastore, ma già quando ero pronto, è intervenuto negli anni ’60.

Su proposta dell’allora arcivescovo dell’Avana, l’arcivescovo Jaime Ortega, divenne diacono permanente per più di 30 anni.
Nel bel mezzo di questa nuova chiamata, padre Luigi consiglia dal profondo del messaggio evangelico: “La parola del Signore dice che ‘Dio è amore’ (1Jn, 8,4). Questa è la definizione, ma non è un amore lontano, è un amore che vuole essere personale, vuole dotarsi personalmente. Non importa quello che hai fatto, non importa se sei stato buono o cattivo, se hai avuto momenti lontani da Dio: proprio come sei, Dio ti ama”.

Allo stesso modo, dopo 44 anni con la sua indimenticabile Mercedes, anche Massimo Jenes Isasi, chiese di servire Negli ultimi anni della sua vita Dio e il popolo cubano attraverso il sacerdozio.

“I cubani sono un popolo di fede. Preghiamo spesso come capiamo, forse non con una conoscenza di base di cos’è la fede, ma con quel desiderio di Dio. Chiedo molto per la mia gente, perché ha attraversato molte difficoltà e ha ancora molti problemi oggi. Un giorno vorrei vedere il mio popolo pieno di pace, amore, tranquillità e molta fede, che principalmente, e ho fede che la loro volontà accadrà con la grazia e il favore di Dio”, ha detto.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*