Cinque nuovi sacerdoti e un diacono per la Chiesa a L’Avana

I nuovi sacerdoti sono: Máximo Jenes Isasi, Luis Entrialgo Pintado, Lázaro Cánova Amador, Julio César Rodríguez Díaz e Junior Antonio Delgado Martínez. Di questi, i primi due servirono come diaconos permanenti e gli altri tre come transitori, un ordine ricevuto dopo aver completato la loro formazione al Seminario San Carlos e San Ambrosio. Allo stesso modo, frate Luis Pernas, dell’Ordine dei Frati Minori (O.F.M.), fu ordinato diacono transitorio.

Dopo aver letto il Vangelo, sono stati fatti i riti della chiamata, la richiesta di ordinazione e l’elezione, in cui i sei candidati – prima l’aspirante al diaconato e poi i cinque al sacerdozio – sono stati chiamati per nome e la Chiesa ha chiesto all’arcivescovo di ordinarli.

L’omelia del cardinale Juan de la Caridad García si è concentrata sull’esposizione del significato del ministero sacerdotale in mezzo alle complesse circostanze attraverso le quali il paese attraversa.
Consecutivamente, i candidati hanno fatto promesse di fedeltà al ministero e di obbedienza al vescovo. Poi arrivò il momento della prostrazione, dove fu invocata l’intercessione dei santi da parte degli ordinati.

Il cardinale García parlò quindi con ciascuno degli aspiranti e chiese loro della loro disponibilità a ricevere il ministero. Il rito si concluse con un’esortazione del titolare dell’arcidiocesi di Haban a ciascuno dei prescelti: “Dio, che ha iniziato una buona opera in voi, egli stesso la porterà a termine”.

Poi è stata effettuata l’imposizione delle mani dell’Arcivescovo sugli eletti e la preghiera di ordinazione. Nel caso di ordinati al sacerdozio, i sacerdoti presenti hanno anche imposto loro le mani come segno di corresponsabilità.

Altri riti della celebrazione furono l’istituzione con il Santo Crisma ai nuovi sacerdoti e la resa del calice e della patena con cui è stata celebrata l’Eucaristia.

I cinque nuovi sacerdoti sono stati assegnati come parroci nei seguenti territori: Massimo Jenes Isasi, presso il Santuario Nazionale di Gesù Nazareno salvataggio (Arroyo Arenas, L’Avana); Luis Entrialgo Pintado, a Nuestra Señora del Rosario (Guatao, L’Avana); Lazzaro Cánova Amador, a San Juan Bautista (Jaruco, Mayabeque); Julio César Rodríguez Díaz, a San Nicolás de Bari (Mayabeque); Junior Antonio Delgado Martínez, a Nuestra Señora de la Paz (Nuova Pace, Mayabeque).

Nonostante la complessa situazione epidemiologica che la nazione sta vivendo a causa delle recenti ricrescenze del nuovo coronavirus, dopo la celebrazione di questa importante cerimonia e l’incorporazione del religioso paul, Rubén de la Trinidad Leyva, nella linea dei sacerdoti diocesani, sei sacerdoti che sono stati integrati come nuovi parroci nei vari vicariati di questa Arcidiocesi già aggiungono a sei.

🖋️📸 Yandry Fernández Perdomo

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*