Un popolo che si risveglia all’era dell’informazione e una Chiesa che vive per comunicare

Qualche giorno fa ho trovato un post che diceva, “Questo 2020 non sarò vecchio perché non l’ho usato totalmente.” Tirò fuori un sorriso e mi fece pensare.  Questo è stato un anno difficile sotto molti aspetti, tuttavia, per i cubani è stato un passo importante per superare un lungo letargo informativo. Da questo punto di vista, i cubani hanno usato il 2020.

Internet, che ci viene in un processo lento, e con prezzi spesso proibitivi, ha riempito la vita delle persone con molti testi, foto e persino video che raccontano le storie quotidiane, prima sconosciute o semplicemente vociferate, della società cubana.

I social media sono stati aggiunti al fenomeno di Internet. Così è diventato comune sentire il “Lascia che te lo dica…” al solito, seguito da un “quello che ho visto su Facebook”. Internet ha significato la democratizzazione dell’informazione in tutto il mondo; qualcosa che assume anche rilievi unici quando parliamo di Cuba.

Per decenni il flusso di informazioni a Cuba è stato determinato non dall’interesse pubblico, ma dal discorso unico di ciò che “deve essere detto” e che gli spettatori partecipano con la scarsa curiosità che può suscitare “ciò che vogliono che io senta o creda”. Ora, d’altra parte, iniziamo a sperimentare cosa significa contrapporre una notizia, andare alla fonte, chiederci “perché lo dicono in quel modo”; Comunque, essere protagonisti, responsabili, adulti.

Questo risveglio informativo è un percorso che va dall’assolutismo dell’informazione indiscussa, al dialogo informativo e alle discussioni digitali. Con i media tradizionali cubani le informazioni sono morte nel “destinatario indifeso”, che al massimo ha commentato un po ‘intorno a lui senza un altro incidente. Ora questo destinatario ha uno spazio vuoto che li invita a commentare, rispondere, criticare o condividere, reagire con un’emoticon o un adesivo, seguire o bloccare il proprio interlocutore. È possibile dialogare, replicare, discutere e scegliere a quali condizioni svolgerlo.

Nel 2020 è stato inaugurato per i cubani nel bel mezzo del processo che fa il passo dalla privatizzazione dell’informazione alla democratizzazione di questo campo. Prima, la realtà richiedeva che un professionista fosse informato. Ora tutti possono pubblicare quello che sta succedendo o quello che stanno pensando. Colpisce quante persone e quanti criteri sarebbero andati “invisibili” alle persone a piedi in un altro momento, e ora sono invece conosciuti, sostenuti o criticati, ma esistenti e pertinenti. Eppure sono, “rivolgersi a chiunque ti piaccia e condoglianze a chiunque ti pesi”.

Questi sono tempi in cui i destinatari sono anche una fonte di informazioni, opinioni, generatori di processi, non solo spettatori, ma attori reali nell’influenza della cultura e della società. In questi tempi il “giornalista” che vuole “coprire il sole con un dito” o ignorare ciò che la gente considera rilevante sa che dovrà fare i conti con un pubblico che interviene e reagisce e che può seppellire per sempre la sua reputazione di “informatore disinformante”. Grazie a Dio, questi tempi stanno arrivando per Cuba.

Il percorso è passato anche dalla censura paternalistica al discernimento e alla responsabilità personale. Mentre abbiamo avuto una sola fonte di informazione, è quella fonte che ha deciso ciò che la gente vede, cosa fa loro giusto o sbagliato, ciò che esiste o non esiste per la gente. Ora è il turno di ognuno di essere il proprio censore. È personale scegliere, perché nella grande rete c’è tutto, e non tutto fa bene. È, come ho detto prima, il passaggio all’età adulta in cui tutti scelgono ed è responsabile.

Questo passo verso la diversità e l’età adulta informativo pone la sfida di imparare ad ascoltare e rispettare il disaccordo per leggere del dialogo. È il passo decisivo verso il “saper essere” in queste agora dove la cosa più normale è che non ci piace tutto. Dissentire e rispettare il giudizio degli altri, così come ascoltare l’altro leggere sul dialogo è una sfida tanto difficile quanto necessaria, se vogliamo che la nostra presenza nelle reti e nella vita stessa sia costruttiva e positiva.

Nel 2020, una realtà che ha suscitato l’illusione di molti è stata la trasmissione televisiva della Messa domenicale. Come Chiesa abbiamo vissuto l’eterna aspettativa di un permesso per recuperare gli spazi radiofonici e televisivi che ci sono stati rimossi negli anni Sessanta. Questo permesso fu prima, clamorosamente negato, e poi curato con briciole di sporadici e brevi indirizzi radiali per i vescovi. Anche se erano mezz’ora e molto presto la domenica mattina, le masse televiste lasciarono molti con l’illusione frustrata che potessero essere mantenuti.

Al di là degli spazi dei media tradizionali, la Chiesa ha potuto continuare la sua missione, senza violare l’estating sociale richiesto. Per molti cattolici cubani, il confinamento del covid-19 ha significato un risveglio dell’evangelizzazione della creatività sui social media. In modo speciale, durante il parto diversi sacerdoti e alcuni vescovi trasmettono messe su Facebook e Instagram. Allo stesso modo, gruppi di giovani, matrimoni, movimenti laici e altri si sono riuniti su piattaforme digitali per condividere e celebrare la fede.

Il protagonista di questa “nuova” presenza della Chiesa nelle reti è stato tenuto dai giovani. Hanno creato pagine Facebook e canali Youtube dove continuano a trasmettere messe, catechesi, programmi di notizie, momenti di preghiera e formazione, ecc. Ma soprattutto, hanno tenuto d’occhio la realtà per illuminarla dalla fede. Fanno un autentico lavoro giornalistico esercitato da persone che, per la maggior parte, non sono professionisti della comunicazione, ma che hanno la mano nel polso del tempo e intendono rispondere ad ogni sfida dall’unica specialità che non dovrebbe mancare: Gesù Cristo.

Non ce ne sono alcuni. In quasi tutte le diocesi cubane ci sono gruppi organizzati o laici che, in modo personale, rispondono alla richiesta missionaria del loro battesimo, e hanno deciso di non lasciare questi spazi senza Gesù Cristo e il loro messaggio salvifico, dove tanti e tanti vengono continuamente.

È ampia e variegata l’offerta di siti o pagine visitabili sulle reti. I comunicatori di fede negli ambienti digitali sanno di affrontare un’enorme concorrenza e sanno anche che devono presentare il Vangelo in modo che non sia “qualcos’altro”. In questo mondo della comunicazione, dove il divertimento e l’interesse catturano il pubblico più vasto, questi missionari digitali sono sfidati a rendere interessante l’importante, a presentarla in modo che tutti possano entrare in contatto con l’affascinante presenza di Gesù Cristo e la bellezza della sua Chiesa.

Su questa strada la prima cosa è essere, e saper essere così che Cristo è. L’identità digitale è importante e si forma non solo con ciò che pubblichiamo, ma anche con ciò che condividiamo, commentiamo e reagiamo. Chi siamo e come ci comportiamo nelle reti equivale esattamente alla testimonianza cristiana.

Comunichiamo con tutto, con quello che diciamo e con quello che stiamo zitti. Ogni comportamento genera un messaggio. I silenzi sono talvolta necessari, ma spesso parlano solo di vuoto o inesistenza. Nel mondo digitale, se non pubblichi, non lo sei, non esisti.

Quando dalla Chiesa, per paura del fallimento, preferiamo non rispondere a un messaggio o rifiutarci di dare una risposta perché è complessa o si presta a interpretazioni errate, lasciamo che gli altri raccontino la nostra storia e giudichiamo il nostro silenzio, sicuramente in un modo che è almeno impreciso. Allora perdiamo l’occasione di mostrare chi siamo e chi è Gesù, la ragione ultima di tutto il nostro lavoro. Questo, purtroppo, a volte è stato il nostro errore.

È vero che non tutti hanno l’obbligo di profilare le reti e rimanere attivi, alcuni preferiscono non essere e meritano rispetto. Ma per la Chiesa non c’è scelta. La Chiesa vive per comunicare e rendere Gesù Cristo indimenticabile. Dove si trova il suo popolo, ci deve essere la Chiesa con la sua Luce e il Suo Sale. La Chiesa di Cristo non può permettersi un contenuto insipido che non porta nuovo sapore del Vangelo, o che non illumina ciò che è importante per il popolo, figuriamoci rinunciare allo spazio della riflessione e del dibattito, rinnovando la sua parola che, fedele a Gesù Cristo, sarà sempre nuova. Evasione, nessun commento è spesso il peggior commento.

È molto positivo che la Chiesa di Cuba attraverso i fedeli, le parrocchie e altri agenti sia sempre più presente su Internet, ma non è sufficiente. Questa presenza deve essere di qualità superiore. Come abbiamo detto prima, non si tratta solo di essere, si tratta di sapere come essere, di essere rilevanti. Si tratta di illuminare dal Vangelo ciò che si vive oggi, di incarnare il messaggio, in modo che il testo, l’immagine, il video che il cubano trova in piedi sul suo telefono, lo muova non solo per dare un “mi piace”, ma anche per influenzare la sua vita reale, nella sua fede, nel suo comportamento, cioè, che compromette. Questo, per la Chiesa, è saper essere nelle reti.

In questa Cuba, dove interagiamo, rivediamo e discutiamo in pubblico, l’esistenza di un ufficio di comunicazione continua a mancare. La Chiesa ha bisogno di questo esempio per analizzare la realtà con criteri evangelici e per sviluppare la risposta ufficiale della Chiesa ad ogni nuova sfida. Ne abbiamo bisogno per aiutarci a non perdere l’occasione di rendere presente la Parola di Dio, perché esprima il sentimento dei pastori della Chiesa senza suscitare ambiguità o interpretazioni di parte che offuscano la bella missione della Chiesa a Cuba, perché, come faro, serva da guida a coloro che, nella grande rete, vogliono rendere presente il Regno di Dio.

Questo 2020 si chiude per i cubani nel bel mezzo di un risveglio informativo, per il quale non solo sappiamo tutti di più su tutti, ma condividiamo ciò che facciamo e pensiamo come un popolo, che ha inevitabili conseguenze culturali e sociali. Emerge una nuova Cuba. La nostra presenza come Chiesa su Internet e sulle reti dia a Cuba il contenuto cristiano di cui ha bisogno, perché sia la Cuba felice che Dio vuole e desidera per il nostro popolo. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*