Baseball vs Calcio: segui il Porf

I tifosi cubani non sono d’accordo e le differenze tra gli appassionati di baseball e gli appassionati di calcio stanno aumentando, esacerbate dal modo in cui entrambe le discipline vengono trasmesse dai media del paese, in particolare dalla televisione e dalla radio nazionali.
Gli amanti del baseball sostengono che l’ampia copertura del calcio internazionale ha portato i bambini a non voler più essere plotoni e la popolarità di quello che chiamiamo “il nostro passatempo nazionale” è diminuita un po ‘negli ultimi tempi.
D’altra parte, i tifosi di calcio mettono in loro scala che il baseball cubano non è uno spettacolo, che non ci sono stelle scintillanti come quelle del calcio, che la qualità delle trasmissioni sportive è superiore nel loro caso e in una questione di orari una partita “dello sport più universale” dura quasi la metà di un baseball.
Credo che entrambe le parti abbiano argomentazioni forti. Ora, qual è lo scopo delle trasmissioni sportive? Prima di tutto, rivedere lo spettacolo che si verifica sul campo sportivo, ricreare i tifosi nei loro tempi di svago e risvegliare emozioni che poi si traducono, in molti casi, nel desiderio dei più piccoli di praticare lo sport imitando le stelle del momento.
In questo modo, gli appassionati di ogni sport, al di là del calcio e del baseball, hanno il diritto di esigere che la disciplina di loro scelta abbia un posto sia in televisione che nella radio nazionale.
In onore della verità, il calcio ora ha più sostenitori a Cuba che il baseball, specialmente tra i giovani. È molto facile vedere anche un neonato con una maglia del Real Madrid o del FC Barcelona, ma quanti ne vediamo in una maglia industriale?
È vero che le offerte nazionali non sono molte in questo senso, per dire “nessuna”, ma la situazione è un parametro di riferimento che deve essere preso in considerazione. Quel ragazzo avrà sicuramente una palla nelle gambe prima, che un guanto tra le mani.
Cuba non è l’unico paese in cui il suo sport nazionale deve “competere” con il calcio. Succede anche in Venezuela, Nicaragua, Messico, Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti, solo per nominare alcuni pulsanti di esempio. Tuttavia, tutte queste nazioni hanno innalzato la loro qualità calcistica e i risultati a livello internazionale lo dimostrano, cosa che purtroppo non accade a Cuba.
Nei suddetti paesi, la controversia non raggiunge i livelli di Cuba, perché la televisione arriva attraverso varie società e il dilettante sceglie liberamente lo sport che vuole vedere e non quello che gli impongono da un solo segnale.
Il boom del calcio a Cuba è iniziato nel 1986 dopo i Mondiali del Messico e il trionfo della nazionale argentina guidata da Diego Armando Maradona, che poco dopo è venuto all’Avana per ricevere il premio come miglior sportivo del continente, secondo il sondaggio di Prensa Latina. In quella data, l’eccezionale giocatore si impegnò a sponsorizzare il calcio cubano e parlò persino di un “quinquenquenquen”, che non ebbe mai effetto. Poi sono arrivate le Coppe di Germania 90, Stati Uniti 94, Francia 98, Giappone-Corea 2002, Germania 2006, Sudafrica 2010, Brasile 2014 e Russia 2018… e la televisione cubana ha trasmesso tutte le parti, la maggior parte delle quali in diretta indipendentemente dal programma.
Allo stesso tempo, e quasi senza rendersene conto, siamo entrati nei più importanti Campionati Europei e Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Chelsea, Juventus di Torino, Milan AC, Bayern Monaco e Paris Saint Germain hanno iniziato ad essere club molto popolari nel nostro Paese, soprattutto tra i più giovani. Sembrava che in qualche modo l’aumento delle ore di trasmissione e la crescente popolarità avrebbero influenzato positivamente lo sviluppo di questo sport. Si credeva anche che imitare i giocatori dell’epoca fosse il punto di partenza per l’aggressività infantile mas che in seguito si sarebbe tradotta in migliori risultati internazionali. Non ne è venuto fuori nulla e, sebbene i giocatori cubani esiliati abbiano eccelleto in vari campionati stranieri, la nostra nazionale senior vive le ore più basse di tutti i tempi.
I tifosi cubani conoscono le leghe europee, sanno com’è la classifica in ogni paese, che sono i giocatori abituali dei modelli più potenti, il prezzo dei trasferimenti, gli stipendi più alti e persino il nome degli allenatori. Tuttavia, e per me il più doloroso, non conosco la data del campionato cubano, che sono i migliori giocatori dell’isola, quello che viene chiamato il direttore tecnico della nazionale, né la provincia che più volte è stata campione nazionale. È colpa dei dilettanti? Certo che no. Sfortunatamente, il calcio cubano non appare nei media, i nomi delle figure principali non sono divulgati … Ad ogni modo, questo ha anche le sue ragioni, che anello in una catena.
Capisco che sia molto difficile per la televisione cubana trasmettere una partita da terre che non soddisfano le giuste condizioni, perché senza presentare uno spettacolo espone le nostre carenze. Oggi non esiste un tribunale cubano con le condizioni minime necessarie per uno stop internazionale.
Un partito tra Cuba e le isole Turks e Caicos è stato recentemente trasmesso da Pedro Marrero che ha messo in imbarazzo tutti. I giardini non erano contrassegnati, le pareti posteriori senza vernice, l’erba irregolare, ecc. Quando ciò accade e poi vediamo un duello della Lega spagnola o simile, è come se la vista si apresse, come se uscisse da una grotta verso il mondo esterno.
È vero che la crisi del baseball cubano in termini di risultati internazionali non è dovuta alla crescente popolarità del calcio. Questo è un altro argomento che abbiamo già affrontato nei commenti precedenti. Ma i cubani respirano baseball. Non c’è sport nelle nostre vene tanto quanto quello. Nessun altro fa parte del nostro discorso quotidiano e nessun altro ci ha dato tanta gloria in tutta la storia.
Ma la copertura televisiva della palla è insub-ficiente. So che in questo momento è impossibile trasmettere in diretta streaming le partite della Major League, ma è possibile trascorrerle rinviate, forse un giorno o due dopo. (A proposito, quasi alla fine di questa edizione alcune fonti internazionali hanno riferito di un possibile negoziato tra Cuba e alcuni mezzi per poter trasmettere in diretta streaming i giochi MLB).
D’altra parte, proprio come ci sono documentari sui calciatori, ci sono giocatori e questa è una buona opzione. Abbiamo ottimi documentaristi. Sarebbe bello se grandi figure della nostra palla avessero il loro spazio e i bambini potessero vedere il meglio delle gare sportive di coloro che ci hanno dato gloria, vivere oggi ovunque vivano. E si spera che si possano vedere anche materiali di Pelé, Maradona, Zidane, Figo… puoi incontrare Omar Linares, Antonio Muñoz, Rogelio García, Santiago Mederos, Orlando Hernández, José Canseco, Braudilio Vinent e José Dariel Abreu, tra molti altri.
Gli studiosi dell’argomento potrebbero sostenere che il numero di praticanti di baseball nel mondo è diminuito e ci sono ragioni logiche che vanno dal fattore economico alle dinamiche del gioco, che a volte è lento e con molte regole, a differenza del calcio o del basket, dove le azioni sono una regolazione costante e meno complicata. Ora, se a ciò si aggiunge l’aumento della divulgazione, sembra che il baseball sia destinato a morire al ritorno di qualche decennio.
Personalmente, non condivido tale affermazione “apocalittica”, ma credo che se l’Istituto cubano di radiotelecondismo (ICRT) mantiene, ad esempio, una politica che sostiene la diffusione della musica cubana sulla musica straniera, dovrebbe anche elaborare una strategia per difendere il nostro sport nazionale. È fuorviante che per ogni partita di baseball che trasmette la televisione, quasi dieci del calcio internazionale siano spesi, in diretta o differiti.
Infine, vorrei chiarire che non sono in disaccordo con la trasmissione delle partite di calcio, ma deve essere nella giusta misura. Solo in questo modo gli appassionati di uno sport vedranno ridotte le loro differenze e gli amanti del baseball non sentiranno che il nostro passatempo nazionale è in via di estinzione. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*