Cuban chess is in check

Ajedrez cubano en jaque

Gli ultimi giorni degli scacchi cubani sono segnati dall’assenza dei nostri migliori giocatori nella shortlist nazionale. Ciò ha portato a un calo dei risultati, in particolare quelli raggiunti dalla squadra virili nell’ultima edizione delle Olimpiadi mondiali tenutesi a Batumi, in Georgia, nei mesi di settembre e ottobre 2018.
In fiera si sono classificati 61°, il peggiore di tutti i tempi, mentre la squadra femminile ha chiuso al 27°.
I primi tre giocatori cubani degli ultimi anni, i GrandMasters Leinier Dominguez, Lazarus Bruzón e Yunieski Quesada non hanno partecipato per vari motivi. Nel caso di Leinier rappresenta già ufficialmente la Federazione Scacchistica degli Stati Uniti.

Da parte loro, Bruzón e Quesada rimangono affiliati alla Federazione Cubana, ma non fanno parte della nazionale e risiedono negli Stati Uniti, dove si allenano, giocano e studiano carriere universitarie. Entrambi i giocatori compongono il libro paga del team della Webster University che partecipa al calendario per la stagione 2018-2019.
Dico questi tre giocatori perché sono i più conosciuti e appartengono a una generazione ancora vincente di Campionati del Mondo (Bruzón è stato monarca della sfera tra giovani e Leinier, tra tanti trionfi, si è dimostrato titolare universale di giochi veloci), ma ce ne sono molti altri.

Leinier Domínguez
Leinier Domínguez

Pertanto, questi non sono casi isolati. Piuttosto, diventa una tendenza e dovremmo cercare le cause, le ragioni che avevano, e che sono sicuramente le stesse che sostengono quelle che nelle ultime settimane hanno anche aggiunto all’esperienza di diventare attori migliori in altri paesi in cui trovano maggiori opportunità di sviluppo.
Il caso di Bruzón includeva un “dimmi cosa ti dirò” con la Federazione Cubana. Tutto lascia pensare che il giocatore sia uscito arrabbiato e anche la sua Carta Pubblica sui social non possa essere contestata e sia diventata meno che “virale”, perché alle sue ragioni personali si aggiungono quelle che si ripetono in molti, direi nella maggior parte dei giocatori dell’isola.
Tuttavia, non solo il tunero ha parlato (e penso che l’abbia fatto “tagliato” da una dichiarazione della Federazione Cubana, perché non è il suo stile), ma recentemente lo hanno fatto tra gli altri, GM Yuniesky Quesada.
Il giocatore naturale di Santa Clara ha postato sulla sua bacheca Facebook un messaggio che cito testualmente: “Oltre alle ingiustizie che mi hanno fatto nel corso della mia carriera, anche essendo il terzo giocatore del Paese dal 2008, mi sono sentito senza motivazioni negli ultimi anni”. In precedenza aveva fatto riferimento a difficoltà di attenzione e di formazione.
Ad un altro punto disse: “Ora mi sento come se poter continuare a migliorare i miei scacchi. Qui al college abbiamo una squadra molto forte e c’è molta professionalità nell’allenamento, che aiuta a continuare ad aumentare il livello degli scacchi. Ho anche l’aspirazione di fare carriera.
Solo pochi giorni prima MF Alejandro Yanes ha detto che dopo lunghe ore di colloqui con trebejistas dell’isola e altri residenti all’estero, ha acquisito abbastanza elementi per redigere un testo con nove punti che ha detto riassume le lamentele dei giocatori di scacchi cubani.
Incredibilmente quello che si ripete di più è la necessità di accedere a Internet, uno strumento essenziale oggi, se si vuole avere una preparazione adeguata per affrontare tornei sia a Cuba che all’estero.
Sebbene i libri dei “classici” rimangano ancora in vigore e costituiscano materiale di riferimento inestimabile, è nel cyberspazio che i giocatori di scacchi accedono ai database più completi relativi a tornei, giocatori, giochi, colore dei pezzi e le più diverse varianti di aperture, difese e finali di gioco, semplicemente dando alcune linee guida.
A tutto questo si aggiunge che i tornei si gioca quotidianamente su Internet, indipendentemente da dove si trovano i giocatori, solo con un accesso, con la giusta velocità, alla rete.
Come mezzo di comunicazione è anche essenziale conoscere le competenze convocate, le forme di registrazione (il più delle volte attraverso moduli online), il contatto con gli organizzatori, ecc.
Per i giocatori di scacchi, l’accesso a Internet è come per i giocatori la necessità di pipistrelli, guanti e palle, come per i calciatori, per i corridori i chilometri in pista e per i nuotatori l’acqua e la piscina.
Capisco che il nostro paese si attivi nell’accesso a Internet e conosciamo tutti i limiti che esistono, ma so anche che ci sono molti cittadini che accedono a un’eccellente velocità di connessione e senza restrizioni di ore nel mese e anche gratuitamente, e il peggio a volte solo per scambiare sui social network. Perché non aprire uno spazio anche ai giocatori di scacchi, che gli daranno anche un uso corretto?
Lo stesso Yanes aggiunge che i nostri Campionati Nazionali sono irregolari nella loro struttura, che viene cambiata frequentemente, spesso con l’obiettivo di favorire trebejista o più.
Il documento include anche il desiderio che tutti i membri della Federazione scacchistica cubana abbiano il diritto di “giocare per il loro paese in eventi cubani e stranieri” e che l’organizzazione abbia l’obbligo di rivendicare i suoi titoli con fiDE, anche se si trovano all’estero. Solo dando l’esempio, Viswanatan Anand vive in Spagna da anni e non ha mai smesso di rappresentare l’India.
Più tardi si riferisce anche all’organizzazione di tornei internazionali sull’isola, in particolare la capablanca, dove anche molti cubani con un master internazionale non hanno alloggio.
La verità è che gli scacchi cubani continuano a perdere e con esso i tifosi. Almeno nel paese non c’è più una sana competizione tra Leinier Dominguez e Lazarus Bruzón.

Lázaro Bruzón
Lázaro Bruzón

Non voglio fare paragoni, ma sono sicuro che non c’è mai stata una rivalità più grande a Cuba, dato anche perché sono due giocatori di livello mondiale che hanno fatto carriera in parallelo (Bruzón è nato nel 1982 e Leinier nel 1983) dai Giochi Nazionali della Scuola, quasi allo stesso tempo hanno fatto un tour dei livelli di Maestro FIDE, Maestro Internazionale e Gran Maestro e insieme si sono sfregati le spalle (e si strofinano le spalle) con i migliori al mondo.
Sembra che entrambi non faranno più il tifo per i nostri Campionati Nazionali o la Capablanca e al momento non c’è sguardo all’orizzonte di un trebejista che possa seguire le sue orme. Forse il più talentuoso è il giovane Camagueyan Carlos Daniel Albornoz, ma se non gli forniscono tutte le condizioni necessarie, il suo percorso sarà molto accidentato per essere incluso nell’ELITE, superare i 2.600 punti di Elo e avvicinarsi fortemente a 2.700.
Per avere un’idea, l’aggiornamento della classifica cubana di Elo a febbraio, compresi tutti i cubani residenti sull’isola o meno, è stato il seguente:

ELO ajedrecistas cubanos
ELO ajedrecistas cubanos

Di questo gruppo risiedono solo a Cuba Yusnel Bacallao, Carlos Albornoz, Yuri González e Lelys Martínez, perché Bruzón e Quesada anche se appaiono ancora nelle liste con la bandiera cubana, risiedono negli Stati Uniti, la cui Federazione appartiene ufficialmente a Leinier Domínguez e Fidel Corrales. Neurys Delgado, dal parte sua, compete per il Paraguay e Reinier Vázquez per la Spagna.
E dico di più, più di cento giocatori sono attualmente fuori Cuba, tra cui quindici GrandMasters e almeno diciassette International Masters. Di quel gruppo ce ne sono più di quaranta che non superano i quarant’anni.
La situazione nel ramo femminile non raggiunge tale grandezza, ma ha anche casi simili; ne parleremo in altre edizioni.
Credo che la Federazione scacchistica cubana e la Direzione dell’INDER debbano trovare le soluzioni per soddisfare le esigenze dei nostri trebejistas (non credo sia molto complicato), altrimenti anche i ragazzi che oggi si allenano nelle scuole primarie, che sono talenti formati nel nostro Paese, al ritorno degli anni potrebbero anche prendere la via d’uscita. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*