La nostra Repubblica

Di: Orlando Marquez

Bandera cubana el 20 de mayo de 1902
Portada-Palabra Nueva
Portada-Palabra Nueva

Il 2002 indica il centenario della Repubblica di Cuba. I cicli storici sono un’occasione propizia di riflessione. Ci sono anche 50 anni di un altro evento sociale: il colpo di Stato del 10 marzo. La nascita di una nuova realtà è sempre dolorosa, così come si tratta di avviare la grande e quasi infinita opera di costruzione di una Repubblica che comprenda ciascuno dei cittadini di un Paese.

La storia ci racconta molti anni di sacrifici, sviluppi e dolori di ogni tipo per raggiungere l’indipendenza e creare la nostra Repubblica. La stessa storia ci dice che la nostra Repubblica è nata limitata o placcata; e che gli obiettivi della rivoluzione 95 non finivano con una vera indipendenza. I successivi governi cubani cedettero al peso degli interventi diretti o indiretti nel settore del potere statunitense, fino alla caduta del governo machado e all’abrogazione dell’emendamento Platt, che pone fine anche al periodo di presidenti i cui meriti si basavano più sulle loro azioni nella guerra per l’indipendenza che sul loro pensiero politico.

Non è meno vero che, nei governi successivi, la corruzione e il furto hanno gravemente danneggiato la moralità nazionale e che il colpo di Stato del 10 marzo 1952 ha appena infranto i sogni di una manciata di illustri civili che rappresentano la dignità nazionale, quella che Manuel Marquez Sterling chiamava “virtù domestica” prima. Anche la rivoluzione trionfale del ’59 non è riuscita a includere tutti i cubani. Sembra che lo spettacolo non sia finito. Questo è il nostro passato e il nostro presente, questa è la nostra storia, questa è la nostra Repubblica. E mentre politicamente, socialmente ed economicamente stiamo ancora brancolando, questo non dovrebbe essere motivo di paralizzante, frustrazione ed evasione.

Sarebbe un errore pensare che spetta a ogni gruppo storico finire il lavoro della repubblica, perché non è il business di una generazione, ma di più. La coscienza di un popolo non viene forgiata immediatamente, ma di generazione in generazione, quando i segni o le esperienze di uno di loro non sono più quelli dei suoi successori, quando gli interessi immediati di un gruppo sono parzialmente raggiunti e nascono nuovi interessi e nuovi scopi per il nuovo gruppo, discendente del precedente.

Nella Cuba di inizio secolo, dopo oltre trent’anni di guerra, di meriti e glorie vinte sul campo di battaglia, pochi erano immuni al virus militarista dell’ordine e all’obbedienza immediata. Il caudillismo è stato per noi un antico virus, ereditato già dai governatori spagnoli, così abituato a mettere le regole lontano dalla Corona.

José Martí era caratterizzato da uno spirito altruista in quanto pochi si vedono nella storia, si nutrivano dell’amore per l’essere umano e si aspettavano sempre lo stesso da coloro che si univano alla causa che era in grado di guidare. Ma Martí non era estraneo ai rischi caudilisti, al possibile straripamento dei leader guerrieri e all’accattivantità che potevano produrre in altri, mettendo in pericolo l’ideale repubblicano. Martí non esitò a rimproverare Máximo Gómez, un generale consacrato e coperto di merito, e lo stesso Antonio Maceo, per la loro concezione del centralismo del potere nelle mani di un militare durante e dopo la guerra.

Il tempo avrebbe appianato le divergenze e lo stesso Gomez, già all’inizio della guerra del ’95, non nutriva timori sull’opportunità di un’autorità militare parallela a un civile. Ma quella lettera indirizzata all’illustre domenicano, datata 20 ottobre 1884, avrebbe potuto essere una lettura appropriata per altri che in seguito hanno ricoperto posizioni rilevanti in direzione della Repubblica e rimangono, ancora oggi e nel futuro, un appello per qualsiasi uomo o donna con responsabilità simili: “Un popolo non è fondato, generale , man mano che viene inviato un campo; e quando nei preparativi per una rivoluzione… non c’è sincero desiderio di conoscere e riconciliare tutte le fatiche, le volontà e gli elementi…quali garanzie ci possono essere che le libertà pubbliche, l’unico oggetto degno di lanciare un paese nella lotta, saranno meglio rispettate domani? Cosa siamo noi, generale, o i servi coraggiosi e fortunati che, con la frusta in mano e lo sperone nelle calcagna, hanno deciso di portare la guerra a un popolo, di insegnarti l’un l’altro dopo di lui?… ”

I partiti politici prima del 1959 non raggiungevano la maggioranza, non avevano programmi definiti, robusti e stabili. Per lo stesso motivo, le differenze tra il partito di opposizione e il partito di governo non erano significative. Il Partito Rivoluzionario che Martí fondò per guidare la guerra d’indipendenza, in molti casi servì come standard, ma la retort spirituale di Martí non fu raggiunta. È da un po’ che non si può fare.

Dal punto di vista economico, tuttavia, per l’epoca abbiamo compiuto importanti balzi. Coloro che evocano il passato con una certa nostalgia e ricordano le conquiste economiche significative per l’epoca, non si sbagliano del tutto. Anche se non hanno raggiunto tutti allo stesso modo, non sembra essere l’aspetto economico a causa delle continue insoddisfazione, delle continue rivolte, o anche del fattore determinante che ha portato e permesso il successo della rivoluzione del 1959. Se i signori della guerra, né gli ammiratori della loro grandezza, non mancano nella nostra storia, allo stesso tempo il nostro temperamento ribelle resiste all’assoggettamento permanente o alla semplice resa di ciò che è per ciascuno di noi il sentimento di libertà, non sempre maturo o riflesso, ma sentendosi finalmente genuino, ciò che Martí ha evocato nella sua lettera al Generalissimo : “libertà pubbliche”, così spesso ignorate.

E così abbiamo avuto una rivoluzione nel 1895, nel 1933, nel 1959. Uno per l’indipendenza, uno per salvare la repubblica e l’ultimo per cercare di più verso la sovranità nazionale e la giustizia sociale. Nessuno completo. Tutti violenti. Tutto per buoni scopi. Tutti legati alla repubblica.

Qual è il lato positivo delle rivoluzioni? È una domanda che mi sono posto per essere nato in un paese in cui il fenomeno della rivoluzione è stato presente negli ultimi due secoli di storia, specialmente in questi cento anni di vita repubblicana. Padre Varela voleva sorpassarla perché sapeva proprio che era un male sociale che sarebbe venuto comunque, e con l’avanzare sentiva che poteva essere gestibile e che i suoi eccessi sarebbero stati evitati. Martí l’ha evocata, con dolore, come mezzo necessario, proponendo sempre che nessuno fosse escluso dopo il suo successo, né gli stessi spagnoli. In questo modo, un gruppo di giovani guidati da Fidel Castro ha visto in questo atto violento l’unico modo per ottenere la redenzione dei più poveri e controllare la sovranità nazionale. Anche se personalmente distinguo tra quest’ultima rivoluzione, l’altra iniziata da Martí e la prima evocata da padre Varela, credo che la rivoluzione del fenomeno e i rivoluzionari abbiano fatto parte della nostra storia, è qualcosa che è sempre stato con noi, anche se non lo evoco o eccello come un fenomeno sociale che genera fratricidio e dolore. Altri metodi civili avrebbero dovuto essere evitati, ma non sono stati realizzati. L’unica risposta più ragionevole che ho trovato alla domanda precedente è stata trovata nel libro di Crane Brinton Anatomia della Rivoluzione: “le rivoluzioni sono, perversamente, un sintomo di forza e giovinezza nelle società”. Misteri umani … Spero che non siamo più così giovani.

I risultati sociali, culturali o economici che abbiamo raggiunto prima del 1959 sono stati la prova dell’intelligenza, della capacità esecutiva e dell’attitudine all’azione dei cubani. Da prima del 1959 il capitale umano era la nostra ricchezza principale. Quel capitale umano fu potenziato dopo il 1959. Il livello di istruzione e l’elevazione della qualità della vita – che per molti diminuisce oggi – rendono il capitale umano cubano un’importante cava di possibilità. Ma stiamo ancora discutendo dell’insicurezza, dell’instabilità economica e del desiderio di emigrare da molti. Forse perché consideriamo il lavoro repubblicano come la missione di un certo momento, in cui tutto è sicuramente fatto come opera di un artista. Ma anche il lavoro dell’artista, se eseguito da altri, raggiunge proporzioni che il suo autore non immaginava nemmeno. Quanto più la repubblica che è, o dovrebbe essere, il governo di tutti!

I cristiani cubani non sono esenti dal pensiero e dal sentimento sull’argomento. Personalmente, mi motiva sia amando il tuo prossimo che quell’idea di Martí così diffusa oggi fuori contesto che “La Patria è umanità”.  Questa idea, apparsa sul quotidiano Patria nel gennaio 1895, era applicabile ai cittadini di un paese, di qualsiasi paese, perché per Martí ogni coterráneo rappresentava l’umanità e così la patria diventa umanità ed è “quella parte di umanità che vediamo più da vicino, e in cui siamo nati; -e non si deve permettere che con l’inganno del santo nome non si perdano monarchie inutili, sfoghi religioni o politiche sfrontate e furiosi, né perché a questi peccati viene spesso dato il nome di patria, l’uomo deve rifiutarsi di fare il suo dovere di umanità, nella parte di essa che ha più vicino… La patria è che…” Ecco perché non devo andare così lontano ad avvicinarmi all’umanità se la ho così vicina: è il mio vicino.

Eccoci qui, cento anni dopo aver iniziato un percorso acciottolò e niente di facile su cui siamo stati messi dai liberatori di quel tempo e con i condizionamenti esterni che i nostri eroi per l’indipendenza non desideravano. Ecco ci troviamo con la nostra Repubblica, che non importa tanto se gli esperti la chiamano terza perché c’era una prima e una seconda, o se domani emergerà una quarta o una quinta, perché ogni numero significherebbe che il lavoro è ancora fatto. La nostra storia repubblicana non è né migliore né peggiore di altre, lo è e nient’altro. Qui siamo soli con la nostra storia e prima del nostro destino, il che non sarà giusto se solo uno di noi fosse relegato. Da soli con il nostro desiderio di vivere e avere ciò che le nostre capacità fisiche e mentali possono creare. Da soli con i nostri successi ed errori passati, alle porte dei nostri successi ed errori futuri, ma con l’inevitabile possibilità di andare avanti insieme, di commettere errori insieme e raccogliere successi insieme. Da sola con l’indipendenza nazionale e l’opportunità di continuare a raddrizzare la nostra Repubblica, non ripubblicarla o rifarla cancellando il passato.

La nostra Repubblica ha bisogno che ognuno prenda il proprio posto e faccia il proprio dovere senza impedimenti, senza evasività, senza riserve, senza paure, senza legami o barriere di alcun tipo. La Repubblica ha bisogno che ognuno di noi sia umanità per l’altro, e per la propria umanità per fare la Patria. Non credo sia facile, ma è così.

Questo non è un anno speciale, è solo il nostro centenario repubblicano.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*