Dal declino all’ascensione

Kristen Stewart è Jean Seberg in Seberg (Benedict Andrews, 2019) e Tilda Cobham-Hervey è Helen Reddy in I Am a Woman (Unjoo Moon, 2019). L’attrice americana e la cantante australiana, rispettivamente, erano importanti riferimenti per il pubblico e la cultura di massa in diversi contesti e tempi della nazione settentrionale.

La Seberg è forse ricordata da alcuni in Giovanna d’Arco (Otto Preminger, 1957), per il suo coinvolgimento con Warren Beatty in Lilith (Robert Rossen, 1964) e per il musical western The Legend of the Un named City (Joshua Logan, 1969), in cui lavorò con Clint Eastwood e Lee Marvin. Tuttavia, queste e altre produzioni girate negli Stati Uniti non contribuivano molto alla sua carriera, poiché la sua era già stata consacrata in Francia. Uno dei suoi successi più suonati fu Breathless (1960) di Jean-Luc Godard, in cui condivise una scena con Jean-Paul Belmondo. Presto sarebbe stato chiamato da diversi direttori europei per prestazioni abbastanza disomogenee. Tuttavia, ancora oggi, Jean Seberg è considerato un’icona della nouvelle vague francese. Avrebbe dato molto di cui parlare per simpatizzare e collaborare con il Black Panther Party o i Black Panthers. La perdita del suo secondo figlio (in realtà un bambino) e la pressione del lavoro le portarono al suicidio con un’overdose di barbiturici all’età di quarant’anni. Oggi – va detto – è un’attrice che parla poco.

Seberg (Benedict Andrews, 2019)
Seberg (Benedict Andrews, 2019)

Helen Reddy avrebbe avuto alcuni ruoli musicali a Hollywood. Forse il più noto è My Friend the Dragon (1977) Una delle canzoni (Faro over water) che ha eseguito nel film Disney le ha conferito la nomina a Oscar, nella sezione miglior canzone originale. Prima di diventare l’icona culturale che era e avere successo come la sua co-terra e amica Olivia Newton-John, più di venti etichette discografiche l’hanno rifiutata. Ma nel 1970, suo marito e amministratore Jeff Wald riuscì a farla firmare un contratto con la Capitol Records. Da quel momento in poi, la sua vita cambiò. È stato in grado di posizionarsi nelle classifiche musicali con non so come amarlo, dell’opera musicale Jesus Christ Superstar. Ora, attraverserei i confini americani con I’m a Woman (1972), scritto insieme al musicista australiano Ray Burton. La canzone, intitolata il film biografico Unjoo Moon, divenne un inno femminista negli anni politici convulsi degli anni ’70. Come si vede nel biopic, ha vinto il Grammy Award per la migliore performance vocale femminile. Il riconoscimento suonava anche perché nel suo discorso di accettazione, ha ringraziato Dio esprimendo “perché rende tutto possibile”.

Dopo questi riferimenti biografici di entrambi gli artisti, sia Seberg che io siamo una donna, cercano di riuscire a mantenere il più eccezionale che contribuisce alla trama di queste due donne, che hanno affrontato conflitti molto simili, anche se le loro conseguenze, come è noto, erano molto diverse. La cosa migliore di Seberg, oltre alla sua messa in scena, in particolare le esibizioni della Stewart, che non può essere migliore, e degli attori Yvan Attal, Anthony Mackie, Jack O’Connell, Colm Meany, Vince Vaughn…, che, come personaggi, la accompagnano a sostenerla o combatterla, è quella di entrare nello spettatore nei rapporti tra politica e industria cinematografica, anche se non da quest’ultima , ma dal tentativo e dal raggiungimento di sconvolgere gli interni di una persona, in questo caso l’attrice che, per più di un motivo, ha deciso di sostenere le Pantere Nere. La fragilità fisica e psicologica di Seberg sarà rimossa alle ultime conseguenze dall’FBI.

Soy mujer (Unjoo Moon, 2019)
Io sono una donna (Unjoo Moon, 2019)

Il dramma di Reddy per iniziare e poi rimanere in una gara di trionfo non era rosa. Doveva fidarsi ed era delusa. La sua lotta per i diritti delle donne andò oltre le sue canzoni. La sua vita, piena di richieste di venire a dominare, stupisce. Tra seguire e contraddire il marito e opporsi, per quanto poteva, ai contratti che le richiedevano di interpretare e persino a come, sarebbe stata incaricata di confermare com’è essere un esempio di talento e determinazione. Tilda Cobham-Hervey interpreta comodamente Helen Reddy. Danielle Macdonald è magistrale nel suo Lillian Roxon. Ma qui dobbiamo inchinarci al Jeff Wald dell’affascinante Evan Peters. La celebre Tate Langdon/Kit Walker/Kyle Spencer di American Horror Story, che grande performance offre ora in I’m a Woman!

Oltre all’atto cinematografico stesso, cosa portano questi film allo spettatore? La riunione o il primo contatto con le cifre di cui si occupano. Quindi, la contestualità in cui ognuno di essi si è svolto. Grazie a colonne sonore, proiezioni, trame e trame ben collegate, partecipiamo, in tempi di costanti film biografici, a due opere rivelatorie: una del declino atteso e l’altra della stimolante ascesa.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*