Vecchia Cuba, ma pulita

La questione dell’invecchiamento della popolazione a Cuba è ben nota e discussa. In termini sociologici, ci sono un numero importante di fattori che influenzano il verificarsi di questo invecchiamento. C’è un’aspettativa di vita elevata e un basso tasso di natalità. C’è una forza lavoro giovane che sta migrando. Tra pochi anni un’alta percentuale della popolazione dipenderà dal lavoro di un’altra percentuale.

In termini quotidiani e più terreni, ci sono molti limiti e problemi che ancora persistono e che colpiscono direttamente non solo la fascia di età anziana, ma anche chi li circonda. Perché un vecchio nella Cuba odierna, e qualunque sia il grado di indipendenza e le capacità che può possedere per se stesso, di solito ha bisogno di più persone, parenti o amici intimi, per poter continuare la sua vita.

La vita quotidiana di questo Paese, che avviene sotto la somma di ostilità, blocchi esterni ed errori interni (che portano a molteplici carenze); di alcuni movimenti del timone molto necessari e altri molto assurdi per tentare la sistemazione economica; Ma ora il terribile flagello della pandemia che soffre il pianeta, è durissimo per chiunque. Pensiamo allora a quanto possa essere difficile per gli anziani. Ai limiti dell’età, della mobilità e delle malattie, dobbiamo ora aggiungerne altri, a seguito delle inevitabili misure che devono essere prese dall’epidemia.

Alcune famiglie sono state separate, per lunghi mesi, a causa dell’isolamento che impone di evitare il contagio e di limitare i viaggi. Nipoti, figli, fratelli o amici sono diventati telefonate, telefonate e desiderio di futuro. Alcune persone anziane sono dovute emigrare a casa dei loro parenti e lasciare i loro usi e costumi (che è noto per essere dislocanti e colpisce molto le persone anziane), poiché non potevano assumersi i limiti e i divieti a seguito della sola pandemia. Inutile dire che, nonostante i tuoi molti fastidi e persino gli errori, non credo che nessuno sano di mente disapprovi ciò che fai per prevenire più malattie e più morti. In effetti, non pochi chiedono misure più drastiche. Anche se tutti abbiamo qualche oscuro aneddoto da raccontare sul funzionamento delle istituzioni nella pandemia (istituzioni sanitarie incluse), in generale la risposta del governo è stata coerente e adeguata, nonostante i mille vincoli economici e mentali che subiamo. sopraffarci e rendere difficile la vita quotidiana. Degna di nota positiva l’impresa di avere più candidati vaccini e di assumere con mezzi propri l’immunizzazione della popolazione cubana. Attendiamo tutti la tanto attesa vaccinazione e la fine di questo incubo.

Dove tutto ciò che è stato fatto è fallito è ottenere forniture stabili e una gamma di fornitura regolare dei prodotti più necessari. All’Avana, che nel momento in cui scriviamo queste righe mostra un alto numero di contagiati, le code e la folla non diminuiscono, con tutto ciò che ne deriva. Il taccuino malconcio e sopravvissuto è uscito ancora una volta in difesa degli indigenti. Quella quantità di prodotti, ora più costosa e nota per non coprire il fabbisogno di un mese, è stata ancora una volta il tavolo del naufragio degli indigenti. Ma il resto del cibo e altri oggetti sono tornati nella dura battaglia per ottenerli ad ogni costo. Ogni volta che vediamo questi gruppi, che passano ore al sole, in mezzo alla strada, in luoghi dove non ci sono quasi mai le condizioni per una lunga attesa, pensiamo agli anziani. Per loro, che abbiano o meno un aiuto solidale da parenti o vicini, tutto questo è doppiamente difficile. E pensiamo anche a coloro che devono, per una questione di vita o di morte, assumere tali code per i loro anziani.

 

Non sono tempi nobili per gli anziani. Né sono per coloro che hanno la responsabilità di prendersi cura e prendersi cura di una persona anziana. Lo Stato ha reso più facile ottenere le licenze e abbassare la tassa per i caregiver. Tuttavia, con gli attuali aumenti di tutti i prezzi, il pagamento di un caregiver è quasi insostenibile, se è necessario, ad esempio, coprire otto, dodici ore di assistenza, per garantire la giornata lavorativa del familiare anziano. I manicomi, fatta eccezione per quelli molto rinomati o curati da enti religiosi, oltre a non raggiungere le proprie capacità e non tutti sono d’accordo, generalmente non soddisfano ancora uno standard che sia, se non attraente, almeno rassicurante per i parenti che un anziano che si prende cura di queste istituzioni. Senza contare che, per la mentalità cubana, portare una persona anziana in una casa di cura è quasi equivalente all’abbandono.

Quindi ne consegue che i membri della famiglia stessi devono spesso assumere il ruolo di caregiver e prendersi cura dei propri cari. Devi imparare mentre procedi. Devi sopportare molte volte le offese e la maleducazione di quello stesso paziente per il quale molte cose vengono sacrificate. La vita cambia ritmo, priorità, prospettive e bisogni. Devi fare magie per combinare gli orari del bagno, tre pasti al giorno (con i loro corrispondenti preparativi e scrub), somministrare medicinali, fare acquisti quotidiani e altri compiti, con quelli di mantenere una carriera professionale, lavorare e anche assumere uno spazio, almeno minimal, per privacy e relax. Non aiuta il fatto che viviamo in un paese dove il trasporto per un appuntamento medico, la mancanza di medicinali o le difficoltà a procurarsi pannolini usa e getta, sedie a rotelle, materassi e letti adatti a un malato allettato o il semplice detersivo per lavare i panni sporchi di urina . o le feci (e il paziente stesso), possono diventare una terribile odissea. Tutte queste difficoltà richiedono soluzioni rapide, man mano che l’isola invecchia. E anche i custodi, così usati.

La pandemia ora occupa un gran numero di sforzi. Quando sarà finalmente sconfitto, perché lo sarà senza dubbio, altri problemi altrettanto urgenti attendono soluzioni. L’altra pandemia, forse meno visibile ma anche molto dannosa, dell’usura e delle sofferenze quotidiane degli anziani e delle loro famiglie, necessita di attenzione.
È necessario valorizzare le risorse associate alla cura degli anziani, sia in termini di salute che di benessere in generale. Le persone devono essere istruite sull’esistenza di questa popolazione che invecchia, specialmente i dipendenti dei servizi, il personale sanitario e tutte le istanze che servono il pubblico in generale. Va spiegata la differenziazione delle cure richieste dagli anziani che necessitano di tali servizi. Si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità che i pensionati (una persona che ha già lavorato e contribuito per tutta la vita) ricevano determinati sconti in determinate aree (trasporti, spettacoli pubblici e vari prodotti molto necessari, ad esempio), nonché strutture per lo shopping e la gestione.

È lo Stato che ha la capacità e l’obbligo di creare tali strutture per migliorare la vita degli anziani e dei responsabili. Non può succedere che Cuba, dove tanti invecchiano, non sia un Paese adatto agli anziani. Cuba può invecchiare, ma deve rimanere in vita, accudita e ben curata dai suoi stessi figli e nipoti.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*