Il baseball cubano tra realtà e chimere

Di: José Antonio Michelena

I mali della burocrazia

L’ambiente del baseball sull’isola è riscaldato. Da un lato c’è una pioggia di commenti sulla preselezione che il biglietto olimpico deve contestare, e dall’altro il cosiddetto rinnovo della squadra Industriales ha suscitato anche molti pareri trovati sui social.

Chiunque sia a conoscenza delle novità sul baseball è in grado di immaginare la missione impossibile che la squadra cubana ha nel torneo che si giocherà in Florida dal 31 maggio. Ci saranno le potenze dell’America – dove Cuba non compare più – in questo sport (Stati Uniti, Repubblica Dominicana, Venezuela, Porto Rico) insieme a Canada, Colombia e Nicaragua. E c’è solo un biglietto per Tokyo.

Equipo Industriales
Equipo Industriales

D

Quella possibilità è esclusa, ce n’è ancora un’altra, improbabile come le qualifiche in Florida: essere lì al secondo o terzo posto per lottare per l’ultimo posto a Taipei con i padroni di casa, Olanda, Australia, Cina e il compagno di squadra dell’America . Una chimera irraggiungibile.

Negli ultimi mesi si è speculato sul possibile inserimento, in Nazionale, di giocatori che giocano in altri campionati, ma questa è un’altra utopia, cosa che non accadrà subito. Ci sono molti infortuni tra gli atleti della diaspora, causati nel corso di molti anni da un linguaggio e da un trattamento ostile, e ci sono anche molteplici inconvenienti nei contratti di lavoro di questi giocatori.

Quindi la squadra sarà presente in Florida con i giocatori della serie nazionale, molti di quelli assunti in Giappone – se non sono infortunati – e tre veterani che sono passati, a un certo punto, attraverso la MLB – se non ne eliminano nessuno nell’ultimo taglio. È quello che è. Insufficiente per nutrire speranza.

Considerando che il baseball non sarà presente alle Olimpiadi di Parigi 2024, c’è molta strada da fare fino a Los Angeles 2028. Ci sarà una squadra nazionale cubana in California tra sette anni? Non è molto tempo che tutto si corregga e cambi palla in casa. Devi fare in fretta.

Il paradosso è che mentre sull’Isola la qualità del baseball ha toccato il fondo, sono tanti i giocatori cubani che nelle ultime stagioni sono riusciti ad imporsi – alcuni in modo molto in vista e brillante – nell’organizzazione di altissimo livello di quello sport, Major League Baseball (MLB). Allora qual è il problema: dove entra l’acqua nella noce di cocco?

Nell’agosto 2020, la rivista digitale Playoffmagazine ha pubblicato un’intervista all’esterno Yadir Drake, che, con l’esperienza di aver giocato in vari campionati, tra cui MLB, quando gli è stato chiesto se il baseball cubano è in crisi, ha dichiarato: « Cuba ha buoni giocatori per prevalere in eventi internazionali, ma hanno ancora cose da imparare. La qualità dei giocatori c’è, ma mancano cose che sfuggono alle loro mani quando si tratta di giocare contro i professionisti. Questo non è organizzato sul campo, ma negli uffici.

Era una risposta elegante e precisa. Il termine “ufficio” è una metafora per riferirsi alla burocrazia che gestisce il baseball cubano, che paralizza qualsiasi sviluppo. La sua incapacità e goffaggine colpisce l’intera struttura che lo sostiene. Le carenze, anche se si manifestano sul terreno, emanano da chi guida. E nelle nazionali si vede la mano lunga e goffa di quella burocrazia.

La fuga di cervelli che ha dissanguato il baseball cubano negli ultimi trent’anni è, in parte, una conseguenza delle cattive procedure dei burocrati. Non pochi degli atleti della diaspora avrebbero continuato a giocare nel loro paese se avessero visto opportunità e un trattamento più equo.

Tra le diverse decine di coloro che hanno potuto insediarsi nel tendone, non mancano i casi che esemplificano la mancanza di visione dei tecnici locali per valutare e sviluppare il talento. Molti di loro non sarebbero mai stati nemmeno selezionati per la squadra di Cuba. C’erano, ma i tecnici non li vedevano, li ignoravano, o lavoravano in altre posizioni, o non rispettavano il parametro essenziale: non essere sospettati di diserzione.

La gestione della burocrazia si è fatta sentire apparentemente nelle squadre della serie nazionale. Dall’arrivo dei rinforzi e dai trasferimenti dei giocatori tra le province, la mappa dei luoghi in classifica è stata ristrutturata ed è successo un tempo strano, rarefatto.

La provincia più favorita con i trasferimenti è stata Matanzas, ma attenzione, non (solo) perché ai giocatori di quella squadra è stato offerto ciò che non veniva offerto loro nelle province di origine, ma perché lì, in aggiunta, o soprattutto, c’erano un profondo conoscitore del baseball, un visionario, qualcuno che è stato in grado di vedere e sviluppare talenti che altri non hanno visto, anche se come manager è stato un disastro.

Forse il caso opposto a Matanzas, in questo momento, è L’Avana; vale a dire, industriali, impantanati in una lunga crisi che non finisce. È noto che la capitale ha sofferto come nessun’altra provincia della fuga di cervelli, ma è stata anche vittima di questo periodo turbolento. Non tutti i suoi talenti sono andati all’estero; Molti hanno dovuto cercare opportunità in altre province, perché i tecnici hanno negato loro la possibilità di dimostrare la loro qualità in Industriales. È una paralisi che dura da più di un decennio.

Ora, dopo l’ultimo naufragio della nave blu, viene annunciato un rinnovo, ma come quasi tutto in quest’epoca, inizia male: con il ritiro volontario del suo capitano di punta, Stayler Hernández, e il ritiro forzato dell’ancora giovane ricevitore Frank Camilo Morejón. , il meglio della sua posizione difensiva nel paese.

Il ritiro forzato di Frank Camilo è stato molto discusso e commentato perché lo stesso giocatore ha dichiarato: “Io non mi ritiro, mi stanno ritirando”. Operato all’anca nel 2009, e vittima di una trombosi due anni fa, quello stato di salute è stato l’argomento che si è tolto di mezzo per separarlo da Industriales, ma il curatore della capitale, che gioca da dodici anni dopo l’operazione, spesso in dolore, ha detto che la decisione avrebbe dovuto essere lasciata a lui.

Il rinnovamento di Industriales, se fosse vero, avrebbe dovuto iniziare riconoscendo le assurdità commesse nell’ultimo decennio sotto i vari organi di gestione, gli stessi che non sono riusciti a fermare la frammentazione della squadra, sempre più lontana dalla sua leggenda e dai suoi dodici corone, quanta rabbia suscitano. In questo momento il numero tredici sembra lontano quanto la qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*