Allocuzione Domenica, 18 aprile, terza domenica di Pasqua

Di: Arcivescovo dell'Avana, Cardinale Juan de la Caridad García

Grazie a tutti coloro che rendono possibile questa trasmissione radiofonica, oggi domenica 18 aprile, terza domenica di Pasqua. Sentiamo il Vangelo secondo Luca, capitolo 24, versetti da 35 a 48.

(VANGELO)

Una volta che gli apostoli videro Cristo risorto, i loro dubbi furono chiariti, persero la paura, furono pieni di immensa gioia, sentirono la vicinanza di Gesù. Cominciò a mangiare con loro e aprì la loro comprensione per comprendere le Scritture.

Per riempirci della gioia del Risorto, dobbiamo comprendere le Scritture, la Sacra Bibbia, il Nuovo Testamento.

Per loro leggiamo la Parola di Dio e seguiamo il cosiddetto Lectio Divino o Lettura Divina.

Il Nuovo Testamento e i Salmi della Bibbia del Nostro Popolo, che l’Arcivescovado dell’Avana può darvi, ci dice come eseguire la Divina Lectio o la Lettura Divina.

Passo 1: Lettura attenta e piacevole del testo biblico. Dopo la lettura ci chiediamo e rispondiamo con le nostre parole: Cosa dice il testo?

2° passo: Da quello che ho letto e meditato, cosa dico a Dio?

Passo 3: Dopo aver parlato con Dio, cosa fare d’ora in tanto?

Come diaconos, lo Spirito Santo ci dice oggi: Ricevi il Vangelo di Cristo, di cui sei stato proclamato messaggero, fa della fede viva ciò che leggi e ciò che hai fatto fede viva, insegnalo e realizza ciò che hai insegnato. Questo lectio divino o lettura divina, puoi farlo personalmente o in famiglia.

Se potete e lo desiderate, scrivete questi quattro passi e mandateli all’Arcivescovado, il cui indirizzo è Habana 152 angolo a Chacón.

(CANZONE)

Perché la nostra gioia di comprendere le parole del Risorto aumenti, mangiamo con Lui, proprio come gli Apostoli mangiavano con Cristo. La messa è una festa. Quando puoi, partecipa al banchetto della Messa o quando passi davanti a una chiesa, chiedi la comunione. Così ci uniamo a Cristo e possiamo dire come san Paolo: vivo, ma non io, è Cristo che vive in me. E quando verranno difficoltà e problemi, agiremo con la gioia di Cristo risorto.

(CANZONE)

Papa Francesco, all’udienza del 14 aprile, ci insegna:

“Le donne e gli uomini santi non hanno una vita più facile di altri, inoltre, hanno anche i loro problemi da affrontare e sono spesso oggetto di opposizione. Ma la loro forza è la preghiera, che attingono sempre dall’inesauribile ‘pozzo’ della Chiesa madre. Con la preghiera nutrono la fiamma della loro fede, come è stato fatto con l’olio delle lampade. E così vanno avanti nella fede e nella speranza. I santi, che spesso contano poco agli occhi del mondo, sono in realtà quelli che lo sostengono, non con le armi del denaro e del potere, i media, ecc., ma con le armi della preghiera.

“Perciò, possiamo concludere che la lampada della fede sarà sempre accesa sulla terra finché ci sarà l’olio di preghiera. La lampada della vera fede della Chiesa sarà sempre accesa sulla terra finché ci sarà l’olio di preghiera. È ciò che porta avanti la fede e porta avanti la nostra vita povera, debole, peccaminosa, ma la preghiera la porta avanti in sicurezza. È una domanda che noi cristiani dobbiamo porci: prego? pregare? Come prego? Come pappagalli o preghiera con il mio cuore? Come prego? Prego di sicuro di essere nella Chiesa e di pregare con la Chiesa, o prego un po’ secondo le mie idee e faccio diventare le mie idee preghiera? Questa è una preghiera pagana e non cristiana. Ripeto: possiamo concludere che la lampada della fede sarà sempre accesa sulla terra finché ci sarà l’olio di preghiera.

“E questo è un compito essenziale della Chiesa: pregare ed educare alla preghiera. Trasmettere di generazione in generazione la lampada della fede con l’olio della preghiera. La lampada della fede che illumina, che organizza le cose davvero come sono, ma che può andare avanti solo con l’olio della preghiera. Altrimenti si spegne. Senza la luce di questa lampada, non saremo in grado di vedere il modo di evangelizzare, tanto più che non saremo in grado di vedere la strada per credere bene; non saremo in grado di vedere i volti dei fratelli avvicinarsi e servire; non saremo in grado di illuminare la stanza dove possiamo trovarci in comunità… Senza fede, tutto crolla; e senza la preghiera, la fede si spegne. Fede e preghiera, insieme. Non c’è altro modo. Per questo la Chiesa, che è la casa e la scuola di comunione, è una casa e una scuola di fede e di preghiera”.

Forse in casa nostra i nostri nonni manterranno la lampada ad olio che hanno acceso per pregare per la famiglia, i malati e i defunti. Noi, ogni notte, accendiamo quella lampadina ad olio e preghiamo ringraziando per le gioie che sono accadute durante il giorno.

Accanto alla Chiesa che prega continuamente in questi 50 giorni di Pasqua, diciamo e cantiamo Hallelujah.

Alleluia è la contrazione di due parole ebraiche che significano: Lode a Dio.

(CANZONE)

-Vi ringraziamo, Dio Padre, per le donne incinte della famiglia, per il crescente amore dei mariti, per i bellissimi vecchi che ci accompagnano, per i bambini irrequieti, per i giovani pieni di speranza, per tutti quei vicini che ci aiutano altruisamente.

alleluia.

-Ti ringraziamo, Signore Gesù Cristo, perché cammini con noi, anche se non ti vediamo, né ti rendiamo conto che sei in mezzo ai nostri dolori e gioie.

alleluia.

-Vi ringraziamo, Spirito Santo, perché ci illuminate per insegnare ai bambini e ai nipoti che l’amore, l’armonia, la pace, la gioia, sono le più grandi ricchezze delle nostre famiglie.

alleluia.

-Vi ringraziamo, Signore Gesù Cristo, per averci dato come Madre alla Madonna della Carità. Riunisce tutti i suoi figli cubani e ci rende fratelli.

alleluia.

-Vi ringraziamo, buon Dio Padre, perché ci spingete a trattare i nostri malati con immenso affetto.

alleluia.

-Vi ringraziamo, Signore Gesù Cristo, perché ci avete promesso che il bene fatto in questa vita dal nostro defunto, Dio Padre vi ricompenserà nella vita eterna.

alleluia.

-E vi ringraziamo perché lo Spirito Santo ci rafforza affinché l’eredità dell’onestà, della fede e dell’unione familiare lasciatoci in eredità dal nostro defunto rimanga presente nelle nostre famiglie.

alleluia.

(CANZONE)

Poiché siamo l’immagine e la similitudine di Dio, dentro ognuno di noi c’è una saggezza.

Le persone, fatte di noi, hanno una saggezza popolare e attraverso i detti ci insegnano molto.

Il popolo di Dio ci parla di gioia.

La bassa gioia del cielo, la tristezza sorge dall’inferno.

Gioia, Dio la dona e il diavolo la porta via.

Di tutti i beni che Dio invia, il più stimabile è la gioia.

La gioia è il bene più grande della vita.

La gioia è un tesoro che vale più dell’oro.

Cuore allegro, sa come far fuoco di neve.

Meglio una giornata gioiosa con mezzo pane che una triste con un fagiano.

Senza gioia, la vita infernale lo sarebbe.

Senza gioia, non voglio che tu onori o soldi.

Un’ora di gioia, è un anno di bella vita.

Un grammo di gioia vale cento quintali di malinconia.

Senza gioia, non ci sarebbe alcun gusto.

Gioia, nell’anima sana è allevato.

La gioia è data dalla coscienza pulita.

Coloro che hanno gioia hanno una bella vita.

Cuore allegro, uomo sano.

La gioia prolunga la vita.

La gioia è una grande medicina, ma non viene venduta nel farmacista.

La gioia ringiovane, la tristezza invecchia.

In questo mondo ventoso, è ricco chi è felice.

Vedrai più gioia tra i poveri che tra i ricchi.

Chiunque viva felicemente, ha una buona fortuna.

Se vivi felicemente, ricco lo sei.

Ricchezza e onori? sciocchezza. Non c’è bene più grande della gioia.

(CANZONE)

Domenica prossima, 25 aprile, la Chiesa celebra la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni al sacerdozio, al diaconato, alla vita delle suore.

Il Papa chiede loro di sognare e realizzare sogni, di servire con generosa dedizione e di essere fedelmente come San Giuseppe.

Se puoi e lo desideri, invia una lettera di congratulazioni o un messaggio all’Arcivescovado dell’Avana, il cui indirizzo è Calle Habana n. 152, angolo per Chacón o al telefono 78624000.

Questi i nomi dei seminaristi dell’Avana: Adrián Arriera Fernández, Yordanis Alfonso Pérez, Ricardo Rodríguez Gómez, Luis Angel Acosta Pérez, José Luis Sánchez Escalona, Alennis Rodríguez López, Juan Carlos Pañellas Alvarez, Andy Aguilar Abreu, Dyan Eduardo Rivero del Valle e Diosvany Yera Suárez.

Pregate per loro, saranno i vostri futuri sacerdoti.

(CANZONE)

La benedizione di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, discende su tutti i malati che sono negli ospedali e rimangono per sempre. amen.

(CANZONE)

Di seguito offriamo pienamente l’allocuzione dell’Arcivescovo dell’Avana, cardinale Juan de la Caridad García

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*