Granma vince la Cuban National Series 60

Di: José Antonio Michelena

Granma gana la Serie Nacional 60 de la pelota cubana
Granma gana la Serie Nacional 60 de la pelota cubana

Si forma una dinastia

La 60a Serie Nazionale del baseball cubano è già storia. La vittoria di Granma su Matanzas nella sesta partita della finale ha dato alla squadra orientale la sua terza corona negli ultimi cinque anni per stabilire una nuova dinastia nello sport nazionale.

Una campagna atipica, senza tifosi negli stadi, con un programma ridotto a 75 partite, è stata seguita anche da una postseason atipica, giocata negli stadi a bolle, senza rinforzi, con stop obbligatori da parte di giocatori infettati dal coronavirus, e contemplata anche solo dallo schermo televisivo.

I risultati postseason, invece, non hanno offerto troppe sorprese, se non forse la sconfitta, nei quarti di finale, di Sancti Spíritus, primo in classifica regolare, di Pinar del Río, che aveva occupato l’ottava posizione. Negli altri pareo del primo playoff, Matanzas sconfisse Cienfuegos; Las Tunas a Santiago; e Granma agli industriali. Quest’ultimo confronto è stato il più contestato di quella fase.

Granma y Matanzas ha sconfitto rispettivamente Pinar el Río e Las Tunas nella sesta partita – in entrambi i casi – della semifinale, anche se con la differenza che i teppisti avevano perso le prime due partite, una situazione simile a quella vissuta in finale contro l’ensemble di Granma.

Matanzas arrivò al combattimento conclusivo con diverse carte per favoritismo: essere il detentore del titolo; avendo mostrato una potenza offensiva superiore, e avere una squadra composta da giocatori più maturi, tra cui tre giocatori che hanno attraversato la MLB e sono stati decisivi in semifinale: Yadir Drake, Yadil Mujica ed Erisbel Arruebarruena.

Granma, da parte sua, dopo essere avanzamento alla fase finale ha avuto diversi casi di Covid-19 nelle sue file, motivo per cui l’inizio del playoff è stato ritardato; quella contingenza sembrava un fattore contro le aspirazioni della squadra. Erano a suo favore: di aver contestato una forte campagna; hanno il lanciatore più vincente dell’isola oggi, Lazzaro Bianco; e avere due giardinieri il cui vuoto in altri campionati li ha fatti crescere molto come plotoni: Roel Santos e Raico Santos. I tre furono raggiunti dalla battuta straripante del giovane Guilllermo García. Tra i quattro hanno ribaltato le scale. I suoi contributi sono stati fondamentali.

Granma vince national series 60
Granma vince national series 60

Ma non erano gli unici argomenti di Granma per la sua vittoria. Anche se nessuno dei due set mostrava un buon corpo monticolare, il comportamento di Matanzas peggiorò, e sebbene nessuno dei due indirizzi abbia brillato, anche lì quelli provenienti dall’Est ne approfittarono. In due occasioni – nella quarta e sesta – in cui Matanzas era nel tabellone, il suo regista è stato fuorviato nella gestione dei lanciatori. Ed è costato caro.

Non è stata una finale brillante come se non fosse una postseason attraente. Sono stati visti troppi errori tattici e di strategia, di giocate che mostrano quanto il baseball cubano sia stato lasciato indietro, come i continui tocchi di palla in qualsiasi situazione di gioco, in qualsiasi ingresso. Chi pensa che con corpi di tumulo così poveri, il tocco della palla sia ordinato tutte le volte, come se una o due gare fossero sufficienti per vincere una partita. È assurdo.

Il basso livello di baseball visto nelle Nazionali lascia pochissime speranze per la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo. Ora i dirigenti di questo sport stanno convocando i cubani che giocano in altri campionati, ad eccezione della MLB, per titolo di squadra nazionale, ma sono stati visti pochi segni di reazione. Dopo aver demonizzato così a lungo i giocatori della diaspora, non ci si può aspettare nient’altro.

Fatta eccezione per un miracolo, il baseball cubano non sarà rappresentato ai prossimi Giochi olimpici; né nel 2024 a Parigi, perché questo sport non vi parteciperà. Forse a Los Angeles 2028, ma è molto lontano. Per ora, ci sono molte cose da risolvere nella lega cubana e nelle sue strutture. Hanno bisogno di una ristrutturazione totale.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*