Baudelaire, o di implacabile curiosità estetica

Di: Daniel Céspedes Góngora

                                                                                                A Rufo Caballero

“… forse perché era il miglior critico del suo secolo, forse per trovare finalmente quell’originalità che cercava così a interessamente, anche se per cercarlo non riusciva a pensare a niente di meglio che mandare gli artisti del nostro secolo nei garage di New York dove è stato possibile dipingere o scrivere solo con atteggiamenti senequisti e bizzarky portamenti di bambole meccaniche.

Enrique Vila-Matas

 

Come ogni critico, Charles Baudelaire (1821-1867) è dibattuto tra la commissione di scrittura e la disposizione espressiva. Forse è tutto ciò che ci porta a interrogarci sulle circostanze e sulle capacità di chi, a ventiquattro anni, scrive Salon del 1845 (1845) e successivamente curiosità estetiche, il volume apparve superumo nel 1868. Se guardiamo la cronologia da un testo all’altro, non è stato così a lungo, dato che il famoso poeta e traduttore insisterebbe sulla critica d’arte durante la sua breve vita.

Ora, ti aspetti competenze a causa delle circostanze o quando emergono quelle che stanno già aspettando? Per la promozione e il consumo di opere d’arte non ci deve essere un pubblico, ma piuttosto classi di pubblico. Differenza data dalla possibilità di acquisto di ricchi mecenati e individui e dal verdetto degli esperti. I primi tendono ad acquistare quando i secondi legittimano, per iscritto, gli inizi di un artista o atch le sue ostizioni. Lo spagnolo Fernando Castro Flórez non è stato in grado di spiegarlo meglio: “Penso che i migliori critici d’arte siano quelli che escludono e includono allo stesso tempo; cioè, coloro che con il loro modo di scrivere e comportarsi sono in grado di sfuggire all’atonalità o all’assenza di sfumature e che sono in grado di dire quello che pensano, che è finalmente l’imperativo della critica.

Il critico, audace dall’intenditore, irrompe negli spazi espositivi come un passaggio dipendente dalla creatività degli altri. Insomma, è un inevitabile mediatore del destino artistico o un canone estetico. Guadagnare pane o meno scrivendo di arte ricettiva, facilità e sincerità, anche tritate in “necessità e buona volontà”, stanno definendo le condizioni del formato nel gusto che guida il suo giudizio.

Nel Salon del 1846 (1846) Baudelaire catapultava l’ormai classica Eugenie Delacroix, che preferiva la compagnia di alfabetizzati e musicisti a quella dei pittori. Infatti, è in un salone letterario dove il pittore incontra il critico. L’amicizia nasce e Delacroix viene promossa come mai prima d’ora. Nel 1863 Baudelaire riprese l’autore de La libertad guidando il popolo e un anno dopo si unì a un gruppo nel dipinto di Henri Fantin-Latour Homenaje a Delacroix.

I critici d’arte di Baudelaire potrebbero essere interessati? Non c’è dubbio. Il critico si misura dal suo talento come scrittore. Riguardano le buone idee. Ma affinché appaiano come tali, devono enunciarli attraverso discorsi stampati. Non ci si aspetta alcuna comunicazione senza efficacia espressiva. Mentre per la curiosità di un lettore contemporaneo, sospettiamo che ti preoccuperai di più di cosa o su chi commenta Baudelaire e persino di quali siano i suoi criteri sulla critica stessa: la questione sull’argomento o, meglio, la questione con l’argomento come sfondo. Baudelaire e i critici d’arte sono presentati come una testimonianza epocale delle considerazioni culturali del critico del poeta e di quelle idee che compongono il suo credo estetico.

Cosa troviamo nella sua critica d’arte? In primo luogo, gli ordini da situazioni (fondazioni di gallerie, musei e collezioni private) che, in linea di principio, hanno variato poco. C’è una moltitudine1 – non tutti – desiderosi di offerte artistiche. Tuttavia, per educarla nel gusto è necessario sapere in anticipo cosa può offrirle, al di là degli spazi, senza che questa sia una proposta unica o omogenea per limitare la franchezza dello sguardo. Potrebbe volere che il pubblico prenda familiarità con la visione giusto, conquistata attraverso la conoscenza progressiva che si gode. La conoscenza senza gioia non ne vale la pena. Qui il critico evoca la massima di San Tommaso d’Aquino: “Ama la tua cella se vuoi entrare in cantina”.

Per quanto lo cerca, la riflessione baudelerica sulla critica è, senza esitazione, attuale. Fare riferimento ai seguenti esempi: “Credo sinceramente che la migliore critica sia quella divertente e poetica; non quell’altro freddo, algebrico che, con il pretesto di spiegare tutto, non ha né odio né amore ed è volontariamente spogliato di ogni tipo di temperamento”; poi aggiunge: “Per avere ragione di esistere, la critica deve essere parziale, appassionata, politica, cioè fatta da un punto di vista esclusivo, ma questo è il punto di vista che apre il maggior numero di orizzonti”. Parziale, appassionato e politico… questo non è compreso solo dai critici della critica.

In questi testi notiamo anche richieste agli autori. Ad esempio, quello di amparating con conoscere la vitalità artistica. Ma prima, lo scrittore sostiene l’individualità e la spontaneità del creatore, entrambi atteggiamenti legati all’idea di originalità che, nel caso di Baudelaire, sembra trascurare riferimenti lontani e persino il metodo comparativo. “Non conosco nessun problema più sconcertante per il filosofismo e la pedante che scoprire in virtù di ciò che gli artisti del diritto più opposti con i loro metodi evocano le stesse idee e agitano sentimenti simili in noi”, scrive nel 1855. Dovremmo vedere se lo applica alla sua persona per quanto riguarda i critici d’arte antenati come Diderot? A dire il vero, essendo contro l’arte ufficiale del suo tempo, esternalizza il suo confronto con artisti del passato e nuovi creatori. Quindi confronta e sa quanta tradizione accademica o padronanza di “pittori illustri” significa per diversi temperamenti artistici. Questo lo collega a José Martí.

Martí mette in relazione il concetto di originalità e persino autenticità con l’origine e l’interpretazione delle fonti, come ricorda Misael Moya Méndez.2 La creazione, quindi non dichiararlo, avanza con fonti o influenze. Leggi quando colleghi Velázquez e Goya a discorsi pittorici successivi come l’impressionismo. Da parte sua, per Baudelaire la novità nell’arte riguarda le sue opinioni sulla spontaneità e l’autenticità associate all’immaginazione. Immaginare è creare. Il contrario è il tracciamento letterale: “L’artista può irradiare una tecnica squisita, ma – se si riflette in modo memetico, ripetitivo e con una fredda intenzione di riprodurre piuttosto che creare – l’accettazione decade agli occhi di critici come Baudelaire o Martí.”3

Per il Romanticismo, l’inconscio – che non è sinonimo di immaginazione – è il fondamento dell’esistenza spirituale ed è all’interno dell’uomo che abita l’essere originale. Spetta soprattutto al poeta condividere quell’esperienza di apprensione dell’Assoluto attraverso il linguaggio. Così Novalis, prima di Baudelaire, concepisce la poesia come la rappresentazione dell’impresentabile: “Vedi l’invisibile, senti la mente che non risponde. L’arte è una religione creata dalla poesia. Ora, immaginare per il critico francese non è una distanza dalla chiarezza della coscienza. L’immaginazione inizia con (e si basa su) l’intimità delle cose per arricchirle. In una lettera all’ornitologo Alfhonse Toussenel confessa che “l’immaginazione è la più scientifica delle facoltà, perché solo lei capisce l’analogia universale, che una religione mistica chiamerebbe corrispondenza.”4 Quando richiesto agli artisti, ricorda: “L’immaginazione che ha sostenuto quei grandi maestri persi nella loro ginnastica accademica, nell’immaginazione, in quella regina delle facoltà.”4 Quando richiesto agli artisti, ricorda: “L’immaginazione che ha sostenuto quei grandi maestri persi nella loro ginnastica accademica, nell’immaginazione, in quella regina delle facoltà. , non c’è più. Lui, come Rimbaud, non rinuncia alla bellezza del mondo sensibile. E nemmeno Oscar Wilde, per il quale il mistero si manifesta. Tuttavia, Baudelaire è un romantico che abbraccia il simbolismo sin dalla pubblicazione nel 1857 de I fiori del male.

Più che figure simboliche, forse, non nella sua opera poetica, ma nelle sue critiche artistiche, l’alegoresi dovrebbe essere esaminata come un modo precursore di decifrare immagini da soggetti e questioni nelle produzioni artistiche. Non invano vorrei ammettere: “Tutto per me diventa allegoria.” La domanda diventa più allettante quando sappiamo che lui – ad eccezione dell’invenzione fotografica, che serve – sospetta il progresso moderno in virtù di progressi tecnologici come vapore, elettricità …, “mediatori” di una migliore qualità della vita. Aggiungiamo anche l’importanza che attribuisce all’influenza psicologica e politico-sociale sulla personalità dell’artista. Qualcuno che atterra troppo sull’esteriore rozza può adottare il simbolismo? Non è un problema per un intellettuale creativo e concentrato come Baudelaire. Sa separare le cose e relativizzare. La sua affinità critica con l’allegoria sarà – se non lo è già stata – un contenuto tempestivo per un nuovo saggio. Al momento non ha senso approfondire questo prologo.

Nel curare le sue idee più dirette, fanno pipì come se a Baudelaire stesso fosse stato chiesto: Al di là della commissione, cosa c’è dietro l’opera d’arte? Quali sono le pretese del creatore? Che cosa avete ottenuto? E prima delle domande precedenti, di quale artista mi trovo di fronte? Di tanto in tanto, il critico insegna più immagini descritte che argomentate. Ma non si vede, perché per intuizione o riprovevoli, mostra allo stesso tempo una lucidità riconoscente così suggestiva che fa sì che la segua. L’impressionista Baudelaire? Sì, ma non tante volte come è stato detto. Non dà nemmeno fastidio a qualcuno che, come lui, non ha paura di schierarsi per stabilire istantaneamente affinità tra le arti: musica, pittura, teatro e letteratura.

Sebbene possano coesistere, l’interrelazione artistica con l’eclettico non è confusa. Più scegli sempre meglio tra varietà, l’eclettismo può rivelare cura per il noto o accogliendo una novità. Si discosta dal monotematico, anche se non decifra dalla specializzazione. La sua cosa è l’opportunità di discernere e smaltire tra posture diseguali. Cosa dice Baudelaire? Non è cura di ciò che rivela l’eclettico, ma del dubbio. Il dubbio ha generato eclettismo e i suoi sostenitori non sono concentrati. Annoiati subito, “mancano di passione”. Comprendiamo gli argomenti baudelriani fino a quando, alla chiusura del suo testo “Di eclettismo e dubbio”, egli affiliazione all’interrelazione artistica con l’eclettismo. Questo ti porta a contrastare il contenuto delle tue pagine. Mette in discussione ciò che egli pratica come critico in virtù di analogie. Leggi: “Il dubbio ha portato alcuni artisti a chiedere il sollievo di tutte le altre arti. I saggi di risorse contraddittorie, l’usurpazione di un’arte nel campo di un’altra, l’importazione della poesia, dall’ingegno e sentimento alla pittura, tutte quelle miserie moderne sono particolari vizi dell’eclettico. L’eclettismo potrebbe essere controproducente quando la diversità delle opinioni assunte a favore di un’armonia ricercata non è controllata. Finché il set non impedisce la comparsa di qualcosa di considerato identificabile: un criterio personale nel caso di uno stile, un gusto, una poetica…, accogliete la selezione qua e là, ieri e oggi. Eclettico è, per Baudelaire, un soggetto mariposeant, anche se quando vuole essere affettuoso attribuisce “un’intelligenza come irrequieta” a un eclettico come L. Coignet.

I suoi gusti e mortificazioni abbondano. Scrivono Ingres, David, Courbet, Géricault, Goya, Daumier, Hogarth, Cruikshank, Pinelli, Brueghel… e, naturalmente, il suo ammirato Delacroix. Alcuni di loro si riferisce a figure menzionate come Raffaello, Poussin, Carracio, Rembrandt, Rubens, i Veroné… Mette in evidenza pittori che rimangono sulla strada o interessanti uno per uno per il loro tempo come Haussolier e Chazal. Gli piacciono Constantin Guys, George Catlin, Watteau, Corot… Ladies Frédérique O’Connel e Lizinska Aimée Zoé Rue! Odia Orazio Vernet e talvolta denigra Meissonier e Manet.

Analizza il colore, la linea, la luce, l’atmosfera. Egli ritiene che sia il soggetto che lo stile debbano essere verificati in base all’unità di ciò che è rappresentato. Le sue opinioni su paesaggio, ritrattistica, dipinti storici, caricatura, scultura in relazione alla pittura sono molto nitide. Vale la pena dire che, per lui, la scultura è una manifestazione aggiuntiva e isolata, mentre la pittura è un’arte di ragionamento profondo che può essere goduta solo da coloro che richiedono una particolare iniziazione.

In che modo gli artisti assumono i loro scritti? Cosa si sa dei suoi rapporti con i colleghi di professione? Quanto leggi a John Ruskin e Walter Pater? Quanto lo studia Oscar Wilde? Thomas de Quincey lo influenza sicuramente. Il suo coterraneo Sainte-Beuve, ex suo amico, è molto severo con lui. Sul posto è intervenuto il personale dell’inquina. Tuttavia, legittimare piume dell’epoca come quella di Barbey d’Aurevilly e Théodore de Banville lo riconoscono i meriti della scrittura. Per quanto riguarda la “progenie” di Baudelaire è ancora troppo estesa per citare i nomi.

Quando lo leggiamo, apprezziamo quanta critica all’arte del martirio influenzi i dettagli e le generalità. Nonostante le somiglianze tra i due, Martí è più gentile e altrettanto esigente e creativo. Che tipo di critica concepisce Baudelaire? Descrittivo, divertente e perspicoso. Potrebbe essere contraddetto, a volte. Attraversando le fasi di scrittura, hai il diritto di variare quanto pensi. Succede che, leggendo i testi separatamente, come se fossero indipendenti, sembra che il francese ha sempre ragione. Spesso diverte nel suo tentativo di rallentare il suo tono severo. Se non è sarcastico, allora lascia scorrere quell’atteggiamento scherzoso come quando si è avvicinato allo scultore James Pradier scrive: “Ha trascorso la sua vita ispessindo alcuni vecchi busti e regolandosi per le acconciature del collo delle ragazze mantenute”.

Come leggere Baudelaire e i critici d’arte? Inizialmente, linearmente. È standard per apprezzare le transizioni stilistiche e i pensieri estetici. Ma il lavoro resiste, senza inconvenienti, alla lettura disordinata, libera e organica. Una volta che il lettore scopre Baudelaire o viene consultato o studiato. Non determina né la lettura sequenziale né la lettura autonoma, ma l’intensità riconoscente.

La sua critica d’arte è ragionevole e appassionata come la sua stessa vita. Ci prova, ma sta avendo difficoltà ad essere un dandy per eccellenza. Non gli piacciono le fortune promettenti come quello di George Bryan Brummell o di Lord Byron, né a Oscar Wilde piace prima di andare in discesa. Quando c’è di più, fa parte di un dandismo gravemente degradato dalle sue sviste eccessive: debiti costanti e persino un tentativo di suicidio. Sifilytic e vittima di una crisi gastrica, è ancora un Don Juan. Prova a mitigare il dolore fisico e spirituale usando droghe come oppio e hashish. Morì il 31 agosto 1867, aveva quarantasei anni. Puoi raccontare la sofferenza dentro e fuori. Il suo corpo è come quello di un uomo anziano. Amici e studiosi registrano molti libri critici nel lavoro dell’alfabetizzato maledetto. Non più della poesia. C’è una spiegazione: Charles Baudelaire ha sempre voluto animare i territori dell’arte come poeta. Ω

Note

[1] Baudelaire dice in “To the bourgeois”, nel Salon 1846: “E mai, in nessuna nobile impresa, hai lasciato l’iniziativa alla minoranza inconformante e sofferente che, inoltre, è il nemico naturale dell’arte, perché lasciarsi avanti nell’arte e nella politica è suicidio, e la maggioranza non può suicidarsi”.

2 Misael Moya Méndez: José Martí: originality in art, Santa Clara, Editorial Capiro, 2003.

3 David Leyva González: Note di un poeta ai piedi dei dipinti, L’Avana, Centro de Estudios Martianos, 2016, p. 24.

4 Diversi autori: Letteratura Epistolar, Studio preliminare di Alfonso Reyes, Ocean Conaculta, Spagna, 1999, p. 157.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*