La presenza che solleva

Di: Daniel Céspedes Góngora

I bambini non devono essere conservati come proprietà. La nostra estensione per ciò che hanno ereditato fisicamente e psichicamente, questa è un’altra possibilità di essere una persona in questo mondo, di condividere con gli altri una spiritualità diversa. Pur amando i loro genitori, i bambini hanno il diritto di abbracciare un po ‘di libertà nella misura in cui sono consentiti. Libertà che implica lasciare e cercare quella vita che, in fin dei giorni, si adatta più di quanto non sia e possa essere effettivamente raggiunta.

I bambini non nascono per servire i genitori o realizzare sogni che non potrebbero realizzare. Tuttavia, i bambini sanno che le fasi dell’esistenza l’una dell’altra impongono un ritmo e forse uno stile. Mentre alcuni vanno alla ricerca dei loro obiettivi, altri ritornano o, in molti casi, si fermano per stanchezza o malattia. È allora che devono essere prelevati sulla via del ritorno. I genitori potrebbero apprezzare il sostegno di estranei, ma identificare il bambino interessato che ritorna per cure e amore fornisce soddisfazione che si traduce in sicurezza e sicurezza. Garantire in che modo? Te ne chiederai alcuni. Garanzia di attrito e continuità. Papa Francesco ha detto:

“Non avvertiamo che isolare gli anziani e abbandonarli da altri senza un adeguato accompagnamento familiare stretto, mutila e impoverisce la stessa famiglia. Inoltre, finisce per privare i giovani di questo necessario contatto con le loro radici e con una saggezza che i giovani da soli non possono raggiungere.”1

La presenza dei bambini o di uno di loro in casa è un conforto per i genitori che sono già invecchiati. Non ritorna o deve restituire a coloro che ti hanno dato la vita e imparato della tua nascita, ma per considerazione, gratitudine e amore. Avere diritto a nuove generazioni di giudizi molto diversi sulla vita non significa che escludano affetto e attenzione dalle generazioni precedenti. La Bibbia recita: “Onora tuo padre e tua madre, perché i tuoi giorni possano essere prolungati sulla terra che il Signore tuo Dio ti dà”.

Forse una delle relazioni più belle e complicate senza parlare di quest’ultimo, perché ciò che prevale è l’amore del padre per il figlio e viceversa, lo troviamo in Legend of Passion (Edward Zwick, 1994), un film con molti momenti memorabili che riassume il ritorno di Tristan (Brad Pitt) a casa sua, per incontrare suo padre colonnello Ludlow (Anthony Hopkins). Qui il soldato in pensione ricorda il padre misericordioso della parabola del figliol prodigo. Ventisette anni dopo, interpretando un altro padre, l’attore gallese Anthony Hopkins torna in The Father (Florian Zeller, 2020) per interpretare Anthony, un genitore in decomposizione, perché il morbo di Alzheimer ha iniziato a giocare da solo nel suo corpo deteriorando la sua cognizione e il suo comportamento. Tuttavia, quando sua figlia Anne (Olvia Colman) sembra voler partire e glielo manifesta, risponde con piena consapevolezza di ciò che sta per accadere: “Quindi, se lo capisco correttamente, mi stai lasciando. È così? Mi stai abbandonando. Ma questo accade davvero o riflette ciò che teme di più di accadere con la sua vita?

In quel mondo ridotto e strabiliante di Anthony, la gente va e viene che conosce o forse no. Di coloro che lo tormentano continuamente c’è Paolo (Rufus Sewell), che era il marito di Anna ed è, infatti, la persona che sembra criticare di più il vecchio per essere stato un ostacolo nella sua storia d’amore. E scrivo sembra, perché arriva il momento in cui scegli di raccontare il precedente prima del declino. Memoria e storia iniziano ad essere rappresentate dal senno di poi, una risorsa efficace se non trascura il conflitto del personaggio principale. Anche se più che retrospettiva c’è un ritorno a ciò che abbiamo già visto, ma con variazioni. Reiterando le informazioni con commenti, visualità e narrazione in generale emulano le malattie neurodegenerative. È anche sintomatico come la realtà e i ricordi inizino a complicarsi per Anthony e anche per lo spettatore.

L’adattamento dell’opera del regista francese è stato accolto molto bene in tutto il mondo. Alcuni hanno preferito i silenzi del Colman più alle grida Hopkins ‘. La prima cosa è essere localizzati in ciò che i personaggi devono dare. Entrambi gli attori sono ad un livello molto elevato di performance. Non sappiamo cosa succederà alle sei nomination agli Oscar del Padre. Vinci nella sezione che è o parte senza alcun premio dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, rimarrà uno di quei drammi indimenticabili per duro e bello dove il crepuscolo esistenziale è accompagnato con amore con grande desiderio. Ω

Nota

[1] Francesco: Carta Encíclica Fratelli tutti. Sobre la fraternidad y la amistad social, 2020, 19.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*