Più bello che in Ohio

Ci sono personaggi e atti in The Devil at All Hours (2020) di Antonio Campos, (Buy it now, 2005; Doposcuola, 2008; Simon killer, 2012), che potrebbe rimanere in viaggio, con i puntini di sospensione e prima con la voce fuori campo di un narratore onnisciente, che ha già rivelato il destino di alcuni che sembrano andarsene. È come se, per eliminazione, ciò che offusca la storia principale di questo lungometraggio fosse rimosso. Tuttavia, nella sua struttura, c’è una ripresa del suggerito per dettagliarlo. È per questo che il film si estende finora?

Ma la diffusione non è un problema. Riprende ciò che di solito rimane, in modo che non ci siano più questioni in sospeso sulla morte e sul sacrificio degli altri. È iniziato negli anni ’50 negli Stati Uniti e, senza fingere di essere un ritratto socioculturale della nazione, The Devil… affronta il fanatismo religioso con tutto ciò che comprende e trabocca: dalla preoccupazione per la differenza di quella nuova che arriva, al fondamentalismo che genera violenza.

Il direttore è responsabile del fatto che, fin dall’inizio del complotto, si sospetta una pace transitoria. Mentre il soldato (Bill Skarsgard) tenta di unirsi alla città dell’Ohio di Knockemstiff ed evoca il combattente americano crocifisso dai giapponesi della seconda guerra mondiale, lo spettatore viene allertato. Per l’armonia illusoria, si accederà alla violenza psicologica che presto sarà fisica e ben esplicita.

Infatti, diventando più che il modo in cui opera il fanatismo, il thriller psicologico di Campos sembra rimanere ancorato in un catalogo di fatti violenti, in cui ognuno sarà iscritto in una “giustizia” soggetta alla miseria, aggiustatore dei conti. Chi è salvato in questa storia? Lo chiederesti a chiunque.

Potresti non notare molto, ma il dettaglio è per sceneggiatura e performance: quando arvin è cresciuto (Tom Holland), zio Earskell (David Atkinson) festeggia un compleanno, lo guarda e lo dubita. Che dubbio? Quanto immagini che tuo nipote abbia voluto o dargli gli effetti personali di suo padre (Skarsgard), compresa la presunta pistola con cui Hitler si è suicidato? Il momento, ripara ancora lo spettatore, è significativamente stufo. Allo stesso modo, non stai pensando che Earskell possa invidiare l’ingenuità del giovane? Naturalmente,. Quando le dà la scatola, lei dice, “Non mi piacciono le pistole, ma voleva che ce l’avessi.” Ti ringrazia e dice che è il miglior regalo che ti sia mai stato fatto. Il dono sarà decisivo nella tua vita.

La storia gestisce anche l’idea di giustizia attraverso l’azione di perdonare o meno. Lenora (Eliza Scalen) è una vittima perdonante. Riconosce che suo padre potrebbe aver avuto qualcosa a che fare con la morte di sua madre. Ma si sente “tornare” come donna e persona attraverso il perdono. Se fosse vivo – come pensa – vorrebbe incontrare suo padre. Arvin, da parte sua, si vede ancora come un offeso senza espiazione. Ricorda che non vuoi perdonare per ora l’eccessivo sacrificio del genitore. L’atto di perdono non è una costante, ma un’intermittenza in un resoconto anche sulla vendetta in misura minore e, senza dubbio, sulle relazioni di potere.

Per quanto riguarda le relazioni di potere, sia il dominio (potere politico istituzionalizzato) che l’influenza (potere indiretto e non strutturato) contano in The Devil in ogni momento. Anche se non cerchi o vuoi essere carismatico. Piuttosto, è inteso e riesce ad esercitare il dominio con il suo alibi di legittimità. Ora, potrebbero disturbare gli estremi di caratterizzazione dei predicatori di Lozano: se non sei un assassino, sei cinico a nessun altro potere. Dovranno passare gli anni perché un evangelista rispettabile sia stato perdonato – per averli – orrendi peccati della giovinezza? A questo proposito, i personaggi di Roy Laferty (Harry Melling) e Teagardin (Robert Pattinson) sono esorbitanti della storia. Ci sono altri personaggi, che aspirano a una padronanza inarrestabile della manipolazione e degli abusi. Ma cavalcano nella loro auto che, pur essendo ancora una brava persona, ha già perso la loro innocenza.

Basato sull’omonimo romanzo di Donald Ray Pollock, pubblicato nel 2011, l’adattamento cinematografico di Antonio Campos De Il diavolo a tutte le ore, narrato dallo stesso Ray Pollock, merita di essere facilmente riassunto come una storia di convivenza armoniosa per privazione. Paul Auster direbbe: “Perché se le cose possono essere salvate dal bordo dell’assenza, c’è la possibilità di restituirle agli uomini facendolo”. Ciò significa che si crede alla possibilità di speranza. Ma una speranza inclusiva, senza le illusioni di certe credenze culturali.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*