Donna d’azione e delicatezza

María Cruz García Bellota y su esposo José Ramón Pérez

Molti messaggi sono stati ricevuti dalla redazione di questa rivista in risposta alla nota informativa che abbiamo pubblicato sulla morte, lo scorso 5 ottobre, della nostra cara Maricruz. Tutti, più ampi o più corti, lodò la sua ricca personalità, che sviluppò come donna laica nel campo della Chiesa cattolica cubana. Ogni nota letta parla molto e bene di chi fosse Maria Cruz García Bellota.

L’ho incontrata il 15 agosto 1986 durante una convivenza interdiocenica dell’Apostolato Seglar Organizzato (ASO). Lei e suo marito José Ramón Pérez, che frequentavano l’arcidiocesi dell’Avana, erano accompagnati dal loro giovane figlio di circa cinque anni. Dopo di ciò ci siamo avvicinati molto. Come raduno laico c’era, c’era José Ramón y Maricruz, un binomio di nomi inseparabili, che metteva un colofone in una vita coniugale che rifletteva la sua famiglia e il suo impegno ecclesiale. Si erano sposati il 18 aprile 1971 nella parrocchia del Custode dell’Angelo Santo e rimasero uniti fino a quando la morte non li separò. solo due giorni fa.

Maricruz ha iniziato la sua vita laico nella Gioventù Studentesca Cattolica, appartenente all’Azione Cattolica Cubana. Fu da questo lignaggio di laici che è sempre più scarso nella nostra Chiesa attuale. Come molti altri membri di quell’organizzazione, aveva un’identità laico. Sapeva benissimo com’era essere laico, cosa apparteneva a fare e cosa non sapeva. Non ha chiesto quote di potere all’interno della comunità cattolica. Sapeva che il suo apostolato era fuori dalle quattro mura del tempio, nel mondo pubblico, negli ambienti sociali di una Cuba repubblicana nata costituzionalmente laico, ma non antireligio. Era una di quella legione di laici che approfittavano l’uno dell’altro tanto tempo quanto gli venivano presentati per esercitare il loro apostolato. Avevano un obiettivo: salvare la loro anima e quella degli altri. Hanno vissuto una vita esemplare, che molti hanno preso come punto di riferimento. Erano orgogliosi di ciò che facevano senza petulante arroganza di appartenere all’Azione Cattolica, che iniziò dall’aspirazione infantile alla specializzazione dell’istruzione secondaria (in cui Maricruz iniziò) a portare gli uomini e le donne di un’associazione più matura. Erano uomini e donne della Chiesa, pii, ma non prudiani.

María Cruz García Bellota y familia

 

Di norma, si prendevano cura delle loro anime con l’assidua frequenza dei sacramenti della confessione e della comunione. Sapevano che la loro identità laico era nata, come chiariva il venerabile Pio XII, dal battesimo e dalla cresima, che li impegnava in un apostolato attivo. Collaborarono con i sacerdoti in quelle attività parrocchiali che chiedevano loro, come la catechesi. Questo è stato uno dei primi e fondamentali compiti che Maricruz ha svolto nella sua parrocchia del Santo Angelo Custode senza desiderio di essere un protagonista di spicco nella comunità.

Quando l’Azione Cattolica Cubana morì nel 1967, i vescovi crearono una nuova struttura laico, l’Apostolato Seglar Organizzato (ASO) e Maricruz ne faceva parte. In questo modo, lei e José Ramón sono arrivati alla riflessione ecclesiale cubana (REC) nel 1983. Sono stati delegati all’Assemblea Diocesana Habanera nel 1985 e, nel febbraio 1986, delegati all’Incontro Ecclesiale Nazionale Cubano (ENEC). Quando l’ASO fu sciolto, José Ramón y Maricruz fu il primo presidente del nuovo Movimento Familiare Diocesano, che in seguito divenne il Movimento della Famiglia Cristiana. Entrambi integrarono il concilio diocesano dei laici, pur lavorando, come era tipico di quei tempi, con lo Stato, fedele alla loro vocazione laica. Dopo il ritiro, Maricruz prestò servizio come segretario didattico presso il Seminario San Carlos e San Ambrosio. Ciò è accaduto durante i primi quattro anni del secolo presente. Allo stesso tempo, era catechista e poi insegnante volontaria nella sua parrocchia Habanera di Monserrate.

Maricruz ci ha lasciato un piacevole ricordo, che deve sempre accompagnarci. La finezza e la delicatezza della sua persona e la musicalità del suo piacevole parlare non sminuivano i suoi criteri equilibrati, che sapeva esprimere in tono con il momento e il luogo. In questo modo apparve davanti alla corte di Dio. La sua ricca personalità ci lascia con un desiderio: che ci siano molti laici cubani come Maricruz nell’attuale Chiesa cattolica, quindi ne hanno bisogno!

L’Avana, 7 ottobre 2020.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*