Operaio cattolico dalla A alla Z

Di: Yarelis Rico Hernández

Manuel Díaz Páez
Manuel Díaz Páez

All’età di settantasette anni, Manuel Díaz Páez ricorda la sua militanza nella Gioventù Operaia Cattolica (JOC) con la soddisfazione di essere appartenuto a uno dei gruppi più dinamici con il più profondo impegno sociale nella storia della Chiesa cubana. si identifica ancora come un “jocista”. Manolo el Negro – come lo chiamano tutti – ha appreso di quell’esperienza quando aveva sedici anni. A quel tempo stava già lavorando e la possibilità di entrare a far parte di un’associazione di giovani lavoratori, con preoccupazioni e interessi simili, era estremamente allettante.

Come riferito a New Word, il JOC è emerso il 23 gennaio 1947 sotto il dinamico vedere-giudice-atto e con l’obiettivo di evangelizzare i giovani del mondo del lavoro. Nel 1967 i vescovi decisero di sciogliere l’Azione Cattolica Cubana (ACC), che sostituirono con l’Apostolato Secolare Organizzato; anche la JOC, come uno dei suoi rami, è scomparsa. Negli anni, già agli inizi degli anni ’90, lo spirito che accompagnava quei militanti della Gioventù Operaia Cattolica voleva essere salvato per impregnarlo in quello che è oggi il Movimento operaio cristiano (MTC), ma senza molto successo “. Quelle circostanze che portarono a l’efficacia della JOC, insieme al forte impegno dei suoi membri, non è oggi una realtà palpabile a Cuba o nella sua Chiesa “, dice Díaz Páez, che si definisce un” lavoratore cattolico dalla A alla Z “.

Come sei arrivato alla Gioventù Operaia Cattolica?

“Un collega mi ha invitato a partecipare a un circolo di studio del gruppo che si riuniva in una stanza annessa alla cappella nel quartiere Pogolotti, dove abitavo, esattamente sulla 59esima, tra il 90 be 90 d. Questa cappella aveva anche un dispensario. All’incontro ho visto una grande preoccupazione per i giovani e questo mi ha colpito. Sono partito e sono stato via per circa sei mesi, tempo che ho passato a leggere, soprattutto il Vangelo. Gesù era un estraneo per me, ma mentre leggevo di lui, la sua figura mi ha attratto molto. Vengo da un background molto sincretico. Mia nonna era una santera. Sono cresciuto in un ambiente di guapería e fumo di marijuana. Aveva iniziato a lavorare quando era ancora un bambino. Prima ho imparato la falegnameria a casa mia con il mio patrigno, poi sono stata in una lavanderia a secco e così via, ho svolto diverse occupazioni e lavori per guadagnarmi da vivere ”.

Se non eri cattolico, come hai fatto a entrare nella JOC?

“Come ti ho detto, ho passato sei mesi a prepararmi, in quel periodo ho studiato e letto molto. Ero, come lo chiamavano allora, un aspirante militante jocista. Era già battezzato e aveva ricevuto la comunione, perché nel quartiere si diceva che il bambino che prendeva questi sacramenti diventava una persona migliore: pura tradizione. Quindi dovevo solo confermarmi e, ovviamente, iniziare a vivere di e per la fede cristiana. Ho fatto di Cristo il mio modello, il mio modello di vita, e questo mi ha reso una persona migliore. Pur continuando ad essere un lavoratore laborioso, era anche un militante JOC attivo e concreto ”.

In che senso questa militanza ti ha fatto assumere in modo diverso il tuo status di lavoratore?

“Il lavoro non mi ha mai spaventato, ma dalla mia militanza ho smesso di vederlo solo come una fonte di sostentamento. Era l’ambiente dove poteva anche crescere come persona e far conoscere Cristo. La Gioventù Operaia Cattolica, quale ramo dell’Azione Cattolica quale era, costituì una forma dell’apostolato secolare della Chiesa per quel momento della sua storia. All’interno di questa missione, la JOC è stata fondata con le dinamiche del vedere-giudicare-agire e, sulla base della realtà del mondo del lavoro, evangelizzare ”.

È l’apostolato del simile per il simile …

“Ecco com’è. La fondazione e il successivo servizio della JOC rispondevano all’interesse della Chiesa di creare movimenti specializzati per evangelizzare: ogni ambiente deve essere evangelizzato dall’interno e nessuno lo farà meglio di chi vi opera; gli immediati apostoli degli operai devono essere operai ”.

Cosa distingueva quel JOC a cui ti sei avvicinato all’età di sedici anni?

“La sua determinazione a radicare la Chiesa nel mondo dei lavoratori. Questo era il senso di tutta la loro azione, sia negli ambienti di incontro e nei circoli di studio che nel mondo del lavoro ”.

Come è stata organizzata la JOC per il suo esercizio?

“I giovani operai cattolici che volevano aderirvi appartenevano alla JOC. I gruppi sono stati strutturati dal basso verso l’alto; Questi, a loro volta, appartenevano a un’organizzazione regionale subordinata alla direzione provinciale. Tutta questa organizzazione è stata coordinata dal gruppo nazionale. Il gruppo di Pogolotti, in cui mi trovavo, apparteneva al Regionale Marianao, cui si univano anche i jocisti di Buena Vista e Nogueira.

“Le attività nei nostri locali e su iniziativa del gruppo di base non erano limitate ai soli cattolici; Molti giovani hanno partecipato, perché Pogolotti è un quartiere eminentemente operaio. Non abbiamo smesso di partecipare alle attività civiche: festeggiamenti il ​​24 febbraio per la fondazione del quartiere, gare sportive e persino feste di quinceanera. Quando qualcuno moriva, anche se il defunto era sincretico, gli pregavamo il rosario. Questo atteggiamento ci ha fatto conquistare molti sostenitori e seguaci ”.

Che ruolo ha avuto il giovane militante jocista?

“Il primo e fondamentale l’ho già detto: evangelizzare in mezzo al nostro ambiente, il mondo del lavoro. Ora, come l’abbiamo fatto? Abbiamo lavorato in modo personalizzato con i nostri parenti. Anche questi erano in sintonia con le nostre azioni. Abbiamo cercato di istruirli ma senza fare proselitismo di alcun genere, visto che erano generalmente persone non cattoliche che abbiamo trovato nella nostra mappa di influenza ”.

Per coloro che hanno Cristo come riferimento, anche l’azione o l’agire devono diventare una forma di influenza: era il caso dei jocistas?

“Due erano le forme fondamentali di influenza: le idee e la realizzazione del lavoro. Nell’ambiente di lavoro siamo stati chiamati a essere coerenti con la nostra fede, a vedere gli altri come nostri fratelli e ad assumere il nostro impegno morale nel lavoro sociale per ciò che rappresenta per gli altri … Cristo era un lavoratore, lavorava per sostenersi e per servire la società “.

Il metodo vedere, giudicare e agire, che parte dall’analisi della realtà per contrapporla al vangelo e trasformarla, se necessario, implica un grande impegno sociale. In che misura questa dinamica ha influenzato il rapporto dei jocistas con i loro simpatizzanti o seguaci sul posto di lavoro?

“Ti parlerò in modo molto personale, dalla mia esperienza che parte dalla mia condizione di operaia in una fabbrica privata fino a lavorare, dopo il trionfo della Rivoluzione, in un’impresa statale socialista. In entrambi i lavori sono diventato il rappresentante del sindacato, posizione creata, se veramente si assume come dovrebbe, per garantire i diritti dei lavoratori, poiché è la voce e la persona che li rappresenta davanti al proprietario o capo del affari. Il mio metodo è stato sempre quello di guardare la situazione, analizzarla alla luce della Dottrina sociale della Chiesa e agire. In entrambe le forme di impiego, privato e statale, ho fatto eco alle insoddisfazioni e ai disaccordi dei miei colleghi, denunciato apertamente ogni ingiustizia commessa nei confronti di uno o più lavoratori, ma l’ho fatto dall’analisi cristiana, da un’ottica di fede che poneva al centro di tutto a Gesù. Se mi vanto di qualcosa quando ricordo quelle fasi, non è la mia posizione, ma piuttosto sono diventato, da persona normale e comune come sono, a essere il confessore di molti, compresi i membri del Partito Comunista. Ricordo come più volte ho dato consigli, ma sempre con un occhio alla fede. E sì, avevo dei detrattori, ma di fronte alle realtà avverse sono rimasto lo stesso, quello che non ha mai negato la sua fede cattolica. Sono sempre stato accompagnato dalla convinzione che la salute e le condizioni del gruppo sarebbero dipese dal nostro atteggiamento di cristiani giocolieri e dal nostro approccio a Dio ”.

C’è oggi a Cuba il Movimento operaio cristiano (MTC) a cui appartieni, come funziona questa organizzazione e quanta esperienza della JOC è stata incorporata in essa?

“In effetti, la raccomandazione di fondare il Movimento a Cuba era di cercare un jocista; Questo è diventato praticamente uno slogan per la sua creazione nell’Isola. Abbiamo iniziato incontrando un piccolo gruppo composto da alcune persone di Marianao e La Lisa, poi abbiamo passato sei mesi a leggere documenti della Dottrina sociale della Chiesa, istruendoci sul jocist stile. Nel 2007 abbiamo creato l’MTC Regulatory Instrument da cui siamo governati. Nel 2009 sono andato a un congresso mondiale dei lavoratori cattolici in Francia e mi sono reso conto – con grande gioia – che, pur essendo governati da vecchi stili, eravamo in sintonia con quanto stava accadendo nei paesi dove il movimento è forte, come Ad esempio , Corea del Sud, Haiti (conta 800 membri) e Bangladesh ”.

Chi si unisce al Movimento e qual è la loro situazione attuale a Cuba?

“All’inizio, ex jocistas si sono uniti alle fila del movimento, alcuni ci sono, altri no. Altre persone si sono unite, non molte, ma sento che è un movimento di anziani e, con nostro dispiacere, continua ad invecchiare giorno dopo giorno. Abbiamo una trentina di membri in sei gruppi solo dall’Avana, l’unica diocesi in cui esiste il Movimento; a Camaguey fallì. Occorre rinnovarlo, ma pochi giovani vogliono farne parte, non si assumono l’impegno. A mio avviso va creato un movimento di giovani, solo, indipendente, perché i linguaggi e le dinamiche lavorative sono diversi ”.

Nonostante queste difficoltà, pensi che il movimento debba restare?

“Ovviamente. L’impegno è essenziale. Credo che l’apatia verso il lavoro, che oggi non è riconosciuta a Cuba come fonte di sostentamento o stimolo per il bene comune, influenzi lo spirito che accompagna i cubani, cattolici compresi. È un male fondamentale, curabile se guardiamo a Cristo e se, alla luce della nostra dottrina cristiana, vediamo, giudichiamo e agiamo ”.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*