Quinta domenica di Pasqua

Di: Padre José Miguel González Martín

Parola di oggi
Parola di oggi

2 maggio 2021

“Io sono la vite, voi sarmientos;

Chi rimane in me e in me in lui, che porta frutti abbondanti;

perché senza di me non possono fare nulla.

Letture

Prima lettura

Leggere gli Atti degli Apostoli 9, 26-31

A quei tempi Paolo venne a Gerusalemme, cercò di unirsi ai discepoli, ma tutti avevano paura di lui, perché non si fidavano di lui per essere veramente discepoli. Poi Barnaba lo presentò agli apostoli.

Saulo disse loro come aveva visto il Signore sulla strada, cosa gli aveva detto e come a Damasco aveva predicato pubblicamente il nome di Gesù.

Saulo rimase con loro e si mosse liberamente a Gerusalemme, predicando pubblicamente il nome del Signore. Parlò e discusse anche con gli ebrei di lingua greca, che si presevano di sopprimerlo. Quando i fratelli lo scoprirono, lo abbassarono a Cesarea e lo mandarono a Tarso.

La Chiesa godette di pace in Giudea, Galilea e Samaria. Veniva costruito e progredito nella fedeltà al Signore, e moltiplicato, animato dallo Spirito Santo.

Salmo

Salmo 21, 26b-27. 28 e 30. 31-32

Il Signore è la mia lode nella grande assemblea.

Adempirò ai miei voti davanti ai tuoi fedeli. Gli indifesi mangeranno fino a quando non saranno soddisfatti,
Coloro che lo cercano loderanno il Signore: vivete il suo cuore per sempre. R.

Lo ricorderanno e torneranno al Signore anche dalle estremità della sfera;
in sua presenza, le famiglie dei popoli si prostrano.
Davanti a lui le ceneri della tomba saranno prostrate,

davanti a lui inchinerà coloro che scenderanno alla polvere. R.

Mi farà vivere per lui, la mia prole lo servirà,

parleranno del Signore alla generazione futura,
diranno la loro giustizia alle persone che devono nascere: tutto ciò che il Signore ha fatto. R.

Seconda lettura

Lettura della prima lettera dell’apostolo Giovanni 3, 18-24

Figli miei, non amiamo il passaparola, ma la verità e i fatti.

In questo sapremo che siamo di verità e rassicurare la nostra coscienza davanti ad essa, nel caso in cui la nostra coscienza ci condanni, perché Dio è più grande della nostra coscienza e sa tutto.

Cara, se la coscienza non ci condanna, abbiamo piena fiducia davanti a Dio. E quando lo chiediamo, lo riceviamo da lui, perché manteniamo i suoi comandamenti e facciamo ciò che gli piace.

E questo è il suo comandamento: che crediamo nel nome di suo Figlio, Gesù Cristo, e che ci amiamo, come Egli ci ha comandato.

Chi mantiene i suoi comandamenti rimane in Dio e Dio in Lui; in questo sappiamo che rimane in noi: con lo Spirito che ci ha dato.

vangelo

Leggere il Santo Vangelo secondo San Giovanni 15, 1-8

A quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

“Io sono la vera vite, e mio Padre è il labrador. Ad ogni fruttato squamoso in me, lo strappa, e a tutti coloro che portano frutto potarlo, perché porti più frutti.

Lei è già pulito dalle parole che vi ho detto; rimanere in me, e io resto in te.

Poiché il sarmiento non può portare frutti in sé, se non rimane nella vite, quindi non puoi, se non rimani in me.

Io sono la vite, tu sei il sarmientos; Chi rimane in me e in me in lui, che porta frutti abbondanti; perché senza di me non possono fare nulla. Chi non rimane in me viene buttato fuori, come lo scooat, e si asciuga; poi raccoglierli e gettarli nel fuoco, e bruciare.

Se rimani in me, e le mie parole rimangono in te, chiedi cosa vuoi, e sarà fatto.

Con questo mio Padre riceve gloria, con la speranza che portino frutti abbondanti; così saranno miei discepoli”.

Commento

La prima lettura, in cui ci viene ancora presentato il libro degli Atti degli Apostoli, ci racconta i primi passi di Paolo come cristiano, dopo la sua conversione, già a Gerusalemme dalla parte degli Apostoli. La sua persona suscitava ancora alcuni dubbi in coloro che non potevano dimenticare il suo passato di persecutore della Chiesa di Cristo. Ma si sforzò di convincerli della loro totale conversione dal loro incontro con il Signore sulla via di Damasco. Il testo recita: “Saulo disse loro come aveva visto il Signore lungo la strada, cosa gli aveva detto e come a Damasco aveva predicato pubblicamente il nome di Gesù”.

Così, l’esperienza di Cristo risorto non è stata ridotta al gruppo dei primi discepoli che avevano vissuto con lui prima di Pasqua, ma a poco a poco si è estesa anche a tutti coloro che, attraverso la predicazione e la fede, la vivono. Vivi e risorti, lo accolgono nel loro cuore e si lasciano cambiare da Lui. Il Cristo risorto ha trasformato totalmente Paolo. Allo stesso modo, le vite di tanti cristiani sono cambiate nel corso della storia. Può anche cambiare la nostra e quella di tanti che ancora non lo conoscono, o addirittura sono persecutori della sua Chiesa.

Per questo dobbiamo continuare a chiedergli di concederci la grazia di “vederlo”, come Paolo, per strada, sentirlo camminare al nostro fianco, sperimentare la sua presenza trasformatrice e confortante. E dobbiamo chiederlo con fede non solo per noi stessi, ma anche per coloro che sanno di aver più bisogno di lui, che non credono in niente e in nessuno, che ci negano o ci prendono in giro, anche che ci discriminano o ci rifiutano perché siamo suoi discepoli. Non dubitiamo mai che Cristo possa cambiare qualsiasi cuore di pietra, indurito dall’odio e dal risentimento, in un cuore di carne, umano e fraterno; Può trasformare i detrattori più recalcitranti in suoi discepoli fermi e convinti. Basta che aprano una piccola crepa nella porta del suo cuore. La Chiesa è cresciuta e si è moltiplicata nel corso dei secoli principalmente, non per strategia o convinzione dei cristiani, ma per l’azione e la consolazione dello Spirito Santo, lo Spirito di Cristo, sempre presente nella sua Chiesa.

La seconda lettura, in cui continuiamo ad ascoltare le lettere di san Giovanni, ci parla ancora dell’amore come fondamento della vita cristiana, amore della verità e delle opere. Credere in Cristo e amare come Lui ci ama è l’essenza della vita cristiana. Da ciò deriva il nostro impegno verso gli altri nelle nostre attività quotidiane. Già in questo frammento compare il verbo “rimanere”, così frequente e importante nei testi di san Giovanni: “Chi osserva i suoi comandamenti rimane in Dio e Dio in lui; in questo sappiamo che dimora in noi: per lo Spirito che ci ha dato ”. Ubbidire a Dio significa essere in comunione con Lui, così che il suo Spirito, che ci dona gratuitamente, ci lega a Lui nel pensare, nel sentire e nell’agire.

Nel vangelo di oggi, Gesù lo spiega magnificamente ai suoi discepoli con l’immagine della vite e dei tralci. Il Padre è l’agricoltore, Gesù Cristo è la vite e noi, i suoi discepoli, i tralci. Essere un discepolo di Cristo consiste fondamentalmente nel dimorare in Lui, non tanto nell’essere, nell’avere o nel fare. Rimanendo in Lui, in comunione con Lui, attraverso la preghiera ei sacramenti nella Chiesa, uniti a Lui come il tralcio alla vite, possiamo portare frutti abbondanti. La fecondità della nostra vita dipenderà sempre dalla nostra permanenza in Lui. In realtà, questo si concretizza nel permettere a Lui di agire in noi e attraverso di noi. Dimorando in Lui, sentiremo ciò che Egli sente, penseremo come Lui pensa, agiremo come Lui agisce. Questo è il motivo per cui possiamo fare le opere che ha fatto Lui, o anche di più. E per questo pregheremo e chiederemo ciò che è appropriato e ciò che è appropriato. Questa immagine della vite e dei tralci spiega meglio di ogni altra la mistica della comunione nello Spirito di Cristo, dopotutto, l’essenza del discepolato. Certamente senza Cristo non possiamo fare niente, o quel che è uguale, con Cristo possiamo fare tutto, non per i nostri meriti, ma perché Lui vuole condividere con noi tutto il suo essere, la sua potenza, la sua divinità; qualcosa che sicuramente ci lascia perplessi e travolge.

Di questo testo dice Papa Francesco: “Si tratta di dimorare nel Signore per trovare il coraggio di lasciare noi stessi, le nostre comodità, i nostri spazi protetti e ristretti, per entrare nel mare aperto dei bisogni degli altri e dare ampio respiro alla nostra testimonianza cristiana nel mondo. Questo coraggio di uscire da noi stessi e entrare nei bisogni degli altri nasce dalla fede nel Signore risorto e dalla certezza che il suo Spirito accompagna la nostra storia …

Quando siamo intimi con il Signore, come la vite ei tralci sono intimi e uniti, siamo capaci di portare frutti di vita nuova, misericordia, giustizia e pace, che derivano dalla Risurrezione del Signore ”.

“Rimani in me, e io in te”, è il comando che il Signore ci dà oggi, in questo momento storico, nella nostra Chiesa locale, nel luogo concreto in cui viviamo. Dimorare in Lui è la sfida che affrontiamo ogni giorno quando le cose non vanno come vogliamo, quando ci perseguitano, ci calunniano o ci fanno soffrire in qualsiasi modo, e noi vogliamo scappare. Dimorare in Lui è stata e continua ad essere la logica di tutti i testimoni, i martiri, cioè quelli che hanno anche sacrificato la loro vita con lo spargimento del loro sangue.

Dimorare in Lui non è un gioco, non un’opzione parziale o temporanea, o una bella espressione; È la chiave che stabilisce lo standard per l’esistenza del cristiano autentico, che non teme niente e nessuno; Ha solo paura di non essere fedele a Cristo fino alla fine.

Rimanere è l’opposto di abbandonare, partire, lasciarsi trasportare dal comfort, preferire se stessi agli altri. Dimorare in Lui significa essere disposti ad essere rifiutati, derisi, lacerati e crocifissi come Lui. La controparte è semplicemente incomparabile: “chiedi quello che vuoi e sarà fatto”.

Ma in questo vangelo ci viene detto anche della potatura. Potare le piante non è tagliare in basso, alla radice, ma tagliare in alto, e questo fa sempre male e fa male, anche se si riattiva e rivitalizza in modo che la fertilità sia ancora più alta. A volte il Padre, il contadino, ci fa passare attraverso la trance della potatura, della purificazione, non per ferirci ma per guarirci, non per legarci ma per liberarci, non per prendere la vita ma per donarla più abbondantemente. Dio nostro Padre sa bene di cosa abbiamo bisogno in ogni momento. Forse il momento presente nella storia dell’umanità e della Chiesa è un momento di potatura, di purificazione, di liberazione, di guarigione. La pandemia non è una punizione divina ma una prova in più che ci rafforzerà nella fede e ci farà crescere nella carità e nell’amore fraterno. Rimanere nel Signore in questo momento così speciale, non prendere le distanze da Lui, continuare a vivere la comunione con Lui all’interno della Chiesa, nella fedeltà ai nostri pastori, attraverso la preghiera e i sacramenti, è il segreto di una vita cristiana sensibile e sensibile. come discepoli di Gesù. Lui stesso ce lo ha promesso e lo adempie rimanendo in mezzo a noi, in modo particolarissimo, nell’Eucaristia.

Infine, ricordiamo che stiamo iniziando il mese di maggio, il mese di Maria, il mese delle mamme e dei fiori. Papa Francesco ci ha invitato a recitare il rosario ogni giorno, in unione con tutti i cattolici del mondo, chiedendo a Gesù, per Maria, tutti coloro che sono stati colpiti dalla pandemia e che questo flagello dell’umanità finisca presto. La Vergine Maria, come madre e prima discepola di Gesù, ha vissuto e condiviso con i primi discepoli la gioia della risurrezione di suo Figlio; Allo stesso modo, nel momento presente, vuole animare i nostri cuori rattristati o lacerati dall’incertezza e dallo scoraggiamento, vuole condividere le nostre sofferenze, vuole essere fonte di gioia e nuova speranza per quelli di noi che continuano a credere e confidare suo Figlio Gesù, e noi vogliamo rimanere in Lui.

Preghiera

Madre, veniamo dal tumulto della vita. La stanchezza fisica e mentale, sopraffatta dal futuro, i bisogni reali del presente, la disillusione per il panorama che ci circonda, invadono tutto il nostro essere.

Non è per niente facile accettare con serenità tutto ciò che accade intorno a noi … le cose in cui avevamo riposto tanta speranza, ci deludono. Le persone che amiamo e che aiutiamo ci rifiutano o cercano di trarre vantaggio dalla nostra bontà. I progetti futuri stanno svanendo. Le famiglie si lasciano. La società si sta disintegrando.

Ecco perché veniamo da te, o Madre, perché in ognuno di noi cammina un bambino insicuro. Ma con te ci sentiamo forti e fiduciosi. Siamo molto incoraggiati a sapere che abbiamo una madre come te. Guidati dalla tua mano, sostenuti dal tuo braccio, possiamo riprendere ogni giorno il cammino della vita con nuova speranza.

Rinnovaci completamente in modo che possiamo vedere la bellezza della vita. Alzati in modo che possiamo camminare senza paura. Dacci la tua mano in modo che non ci allontaniamo mai da tuo Figlio Gesù. Dacci la tua benedizione affinché la nostra presenza nel mondo sia sempre un segno di pace e fratellanza. Amen.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*