Non è una città per gruppi vulnerabili

Lavori che si svolgono in qualsiasi comune della città dell’Avana, in qualsiasi giorno della settimana, a meno che non venga fornita alcuna indicazione.

Scena 1
Il segnale di arresto è molto chiaro; tuttavia, inspiegabilmente, il guagua si ferma una cinquantina di metri prima. Per arrivarci, i giovani corrono, i bambini corrono, alcuni adulti più grandi corrono, ma diversi anziani, un cieco e un uomo con un bastone, rimangono al loro posto; si aspettano che l’autista fermi l’autobus a cui appartiene, ma non lo è, è ancora lungo.
Trenta minuti dopo, gli anziani, i ciechi e il signore dei bastoni, che continuano alla fermata, individuano un altro guagua, che questa volta non si ferma prima, ma una sessantina di metri oltre il segnale di stop. Ci sono i giovani, i bambini, anche diversi adulti più grandi, ma i ciechi, il signore dei bastoni e gli anziani più grandi, non possono farlo. Devi continuare ad aspettare.

Scena 2
Il vecchio sta per salire a bordo dell’autobus attraverso la porta d’ingresso, ma l’assistente dell’autista insiste sul fatto che attraversano la centrale elettrica. In altre occasioni, il vecchio ha cercato di farlo e non è stato in grado di farlo. Con un sacco di lavoro riesce ad andare avanti, ma riesce a malapena ad andare avanti. Un tumulto lo impedisce. Accanto all’autista c’è una giovane donna che guarda un cellulare e ride di risate. Anche l’autista ride. Accanto a lui, altri due uomini parlano con lui e l’assistente. In realtà, non parlano, stanno solo cercando di urlare più del regueton che germoglia tra le corna.
Il vecchio è vicino al cancello centrale quando il guagua si ferma alla fermata, ma l’autista non apre la porta, ritarda, e quando lo fa, chi vuole scendere a chiave con chi prova a salire. Quando il vecchio scende, la porta si chiude. Chiede all’autista di aprire. È inutile. Non puoi sentire niente. Prevale il regueton. La ragazza sul cellulare fa cadere una risata.

Scena 3
Il signore è assistito da un bastone perché il suo ginocchio destro è ferito. Sta cercando di prendere un taxi botero. Dopo un po ‘ti fermerà, ma non puoi accedere al carrello perché l’altezza del passo lo impedisce; poi un giovane lo aiuta e riesce ad entrare. Il signore ringrazia e dà il buongiorno ai passeggeri che lo accompagnano. Nessuno risponde. Quando si scende, la difficoltà si ripete e si dovrebbe essere aiutati. Il ginocchio infortunato fa male.

Scena 4
Il signore dei bastoni ha raggiunto un’unità statale dove deve fare una gestione importante per lui, ma è molto difficile accedere al luogo, perché deve superare l’ostacolo di salire gradini molto ripidi e non ha costruito rampe per casi come il suo. Non ha altra scelta che sopportare il dolore e inizia la salita.

Scena 5
La signora camminava lentamente, le gambe malate imposto quel ritmo su di lei. Al semaforo dove attraversano le strade di Concha e Luyanó, ha dovuto passare per la strada e aspettare la bambola verde che proietta il semaforo per i passanti. Quando la bambola uscì, iniziò a camminare sul marciapiede opposto, ma a undici secondi, quando era appena a metà strada, il segnale passante cambiò in rosso e le auto avanzarono. Da allora la signora non ha lasciato la sua casa se deve attraversare qualsiasi strada.

Scena 6
Con grande difficoltà, il cieco ha camminato attraverso i resti di quello che era un marciapiede. Ancora e ancora i suoi piedi inciampò e più volte perse l’equilibrio. Con il bastone ha cercato ogni centimetro della strada difficile. Così avanzò fino a quando il bastone e il suo senso dell’olfatto indicarono che una barriera spazzatura si stava in mezzo. Per aggirare il cassonetto, scese al conten e camminò per alcuni metri lungo la riva. A pochi metri perché un altro grande impedimento lo paralizzava. Fortunatamente, il suo bastone e il suo istinto gli impedirono di cadere nel buco aperto in mezzo alla strada, dove mancava il coperchio del tronco fognario. Accanto a lui, le macchine passarono velocemente.

Scena 7
Ha le orecchie danneggiate. Soffre di acufene: sente un grillo che beeping perennemente. È così fastidioso che non vuoi mai uscire di casa. Oggi è uscito per strada, ma non voleva occuparsi dei guaguas. Ha fermato una mandorla. Fortunatamente, l’auto non aveva un lettore musicale e i passeggeri erano in silenzio. Finché un giovane non ha in mente un manufatto che sembrava animare una danza.

Scena 8
La ragazza è fermata sull’autobus. (Avevo aspettato a malapena due minuti). Ha dato all’autista il buongiorno e l’autista ha risposto al saluto. Ha pagato con un peso e l’autista gli ha dato il ritorno. Si sedette immediatamente. Poi pizzicato molto forte e sorrise. L’onda d’urto del suo sorriso si diffuse nello spazio e nel tempo. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*