A Cuba i venti del colpo più grande

Chapman. Céspedes y Tomas.

Quando una forza di uragano cinque iniziò a diffondere la notizia dell’accordo raggiunto tra la Cuban Baseball Federation (FCB) e la Major League Baseball (MLB), con il consenso della MLB Players Association (MLBPA). I venti di questo “organismo ciclonico” possono cambiare molte cose se si guida lungo la traiettoria appuntita e non si dissolve nel mare della politica.

José Dariel Abreu

Secondo i termini dell’accordo, i giocatori cubani che giocano nella National Series, così come il resto dei partecipanti nelle altre categorie integrate nella FCB, possono essere assunti da una delle trenta squadre di baseball della Major League negli Stati Uniti.
Vediamo quali sono i punti essenziali dell’accordo:
Solo i giocatori cubani che hanno un contratto con l’FCB sono coperti dall’accordo. Qualsiasi giocatore cubano che non abbia un contratto con la FCB è idoneo a firmare con qualsiasi MLB Club nella stessa misura di qualsiasi altro dilettante internazionale non firmato.
Tutti i giocatori FCB rientrano in una delle due categorie seguenti:
(1) “professionisti FCB”: i giocatori fcb che soddisfano la definizione di “professionista straniero” ai sensi dell’accordo di base tra MLB e MLBPA (venticinque anni o più, con sei o più anni di esperienza professionale);
2) “FCB Amateurs”, il resto dei giocatori FCB che hanno meno di diciotto anni.
In ogni periodo fuori stagione, l’FCB deve rilasciare tutti i professionisti FCB che desiderano firmare con un MLB Club. L’FCB può anche liberare i dilettanti FCB per firmare con un MLB Club durante il periodo di contratto amatoriale internazionale dell’organizzazione, che inizia ogni 2 luglio.
Una volta rilasciato, tutti i giocatori FCB ricevono lo stesso trattamento di altri giocatori internazionali ai sensi dell’Accordo di base e possono negoziare e firmare con qualsiasi Club MLB che sia disposto a pagare la tassa di rilascio applicabile.
La tassa di rilascio che il Club MLB deve pagare alla FCB per un giocatore FCB è così ripartita:
25 per cento dei contratti della lega minore, vale a dire la firma del bonus;
il 20% dei primi 25 milioni di dollari garantiti;
17,5% della somma corrispondente tra $ 25 e $ 50 milioni;
15% su qualsiasi importo oltre i 50 milioni di dollari.
La tassa di rilascio (ed eventuali ulteriori) pagata dal Club MLB si aggiunge alla remunerazione concordata tra il Club MLB e il giocatore FCB nel contratto del giocatore, che sarà pagata direttamente dal Club MLB al giocatore FCB.
I giocatori FCB rilasciati saranno esplorati dai cacciatori di teste; i contratti con i Club MLB si svolgeranno a Cuba; I giocatori convenzionati si reggeranno negli Stati Uniti o in Canada (a applicazione) per eseguire servizi ai loro club MLB in conformità con un visto di lavoro standard.
Un ex giocatore della FCB firmato da un MLB Club può tornare a Cuba durante il periodo fuori stagione e può, con il consenso del suo MLB Club, giocare in tornei cubani.
L’accordo scadrà il 31 ottobre 2021, a meno che non sia prorogato di comune accordo.
L’accordo tra FCB e MLB è giunto in un momento critico per il baseball cubano. La National Series, che ha appena concluso la sua stagione 2018-2019, ha abbassato il suo livello e ha praticamente toccato il fondo. Come seguito delle sue carenze, la nazionale dello sport è andata dal fallimento al fallimento non appena il torneo internazionale ha gareggiato ultimamente.
La scarsità di risorse assegnate (che si traduce in una mancanza di attrezzi e perdita di terra da giocare, tra gli altri mali) e l’incerta politica promozionale del baseball nei media (dominata dall’esaurimento dal calcio), hanno minato l’interesse delle ultime generazioni per lo sport nazionale sull’isola. (Non molti dei cubani più giovani sanno chi è Clayton Kershaw, ma nessuno è a conoscenza dei modelli di Real Madrid e Barcellona.)
In questo quadro scoraggiante, il volo dei talenti, che è stato una goccia implacabile negli ultimi tre decenni, ha contribuito, in particolare, a indebolire la palla cubana, che era rimasta forte fino agli anni ’80.
Tuttavia, l’intero panorama può cambiare se la convenzione FCB-MLB viene implementata in tutta la sua estensione. Diamo un’occhiata ad alcuni eventi che possono essere attivati quando l’accordo diventa realtà.
Per ora, anche prima della firma del primo contratto, la porta che si apre ai giocatori dell’isola che giocano nella MLB, e in altri campionati caraibici, può cambiare radicalmente la formazione della nazionale cubana che compete per cercare la classifica ai Giochi Olimpici del 2020, un compito che sembra molto difficile con i giocatori della National Series.
Da questo punto di vista, il team di Cuba che va al prossimo World Classic potrebbe essere una selezione potente, se riesce a integrare Yasiel Puig, Yoenis Céspedes, Aroldis Chapman, José Dariel Abreu, José Iglesias, Aledmis Díaz, Raisel Iglesias, Kendrys Morales, Yulieski Gurriel, Yasmani Grandal, Adeynis Hechevarría, tra i più noti che giocano nella MLB, senza licenziare coloro che lo fanno in altre leghe.
D’altra parte, l’iniezione finanziaria ricevuta dall’FCB dovrebbe comportare un sostanziale miglioramento di tutte le infrastrutture di baseball dell’isola: costruire un terreno reale per giocare nella National Series; espandere gli stadi; creare accademie; salvare più terreno possibile; acquisire gli attrezzi necessari per giocare a palla; andare verso una pratica di maggiore massa in questo sport.
Su questo percorso di espansione, il campionato cubano di baseball deve cambiare sostanzialmente: diventare un vero campionato professionistico, come il work-nan di Venezuela, Porto Rico, Repubblica Dominicana e Messico.
L’impatto popolare dei contratti, che si tratti di MLB, campionati caraibici o stipendi nell’ipotetica lega locale, insieme ad azioni per sollevare il baseball sull’isola, deve portare a un risveglio di interesse. Così, quello sport crescerà in immaginari e sogni fin dalla tenera età.
In linea con questi piani, il baseball deve essere presente, con la gerarchia, nei media cubani, e il canale sportivo deve lasciarsi alle spalle le politiche discriminatorie di trasmissione che hanno prevalso fino ad oggi. Poi i campionati maggiori devono essere sulla griglia di programmazione come lo sono ora i campionati europei di calcio. Guardare il campo di Aroldis Chapman dovrebbe essere più attraente che guardare una stella del calcio giocare.
La sovrastruttura dello sport cubano è pronta ad affrontare questa gigantesca sfida? Funzionari, dirigenti, allenatori, commentatori sono pronti e formati?
Tutta questa immagine non può avverarsi da un giorno all’altro. Sembra un’utopia. Ma l’accordo firmato è un passo importante per andare avanti e proiettare sogni. Per ora, dobbiamo essere attenti alla forza dei venti. Vedremo cosa succede quando “il fenomeno” fa atterrare. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*