Note covid dell’anno (14)

Ilustración: Ángel Alonso

Abbiamo viaggiato attraverso il nono mese dell’anno affrontando covid-19. Avremmo voluto vivere tutto questo tempo in una capsula, in una camera iperbarica, in letargo, e uscire solo quando è successo tutto. Ma sono successe così tante cose nel villaggio globale in questi sette mesi… E cos’è la vita senza l’esperienza della vita quotidiana, di ciò che accade e ci accade.

Non importa quanto fossimo isolati, non potremmo essere senza sentire il pestaggio del mondo, le molteplici storie, dall’origine e diffusione del nuovo coronavirus e il seguito della crisi sanitaria, agli effetti sociali di un soffocamento afro-americano da parte di un poliziotto a Minneapolis. Non è proprio una storia?

Sull’isola non siamo stati ignari degli eventi all’esterno, ma anche all’interno sono successe cose. E per tutto ci sono criteri e posizioni che causano dissequenti e shock quando emerge l’intolleranza, le voci che urlano più forti perché vogliono essere le uniche ascoltate, quelle che si credono portatrici della verità.

Word New ha voluto condividere le espressioni di un gruppo di voci diverse da offrire ai suoi lettori come esempio delle esperienze personali e collettive vissute in questo peculiare e sorprendente anno bisestente, questo ventiventenne diventato quarent(en)a.

Abbiamo chiesto a queste persone di raccontarci le loro esperienze in questi mesi, come sono passati i loro giorni, come hanno affrontato le sfide e quale lettura fanno di ciò che è successo, quali sono le loro idee al riguardo.

Annunciare Gesù Cristo nel bel mezzo di una pandemia

Di: Monsignor Juan de Dios Hernández Ruíz, sj. Diocesi di Pinar del Río

C’è un pensiero nella saggezza popolare che esprime: “Se vuoi vedere Dio ridere, mostragli i tuoi piani”. Questo è accaduto a molti negli ultimi mesi, quando la vita ha assunto un altro ritmo a causa di un virus che è apparso in un popolo cinese e ha invaso l’intero pianeta.

Qualche mese fa si era insospettato come Vescovo della Diocesi di Pinar del Río. Sono venuto con piani da compiere per continuare l’opera evangelizzatrice dei miei predecessori, ma dalla ricchezza che la mia persona poteva offrire. Tuttavia, a marzo, mentre ci preparassimo a celebrare la Messa crismale, tutto era paralizzato. I templi non potevano più accogliere le comunità cristiane e i sacerdoti cominciavano a celebrare l’Eucaristia in privato per prevenire il contagio. Insieme alla chiusura delle scuole e agli adeguamenti nei luoghi di lavoro, sono cessati i progetti di catechesi e advocacy, come corsi di formazione umani e cristiani offerti in diversi punti della diocesi attraverso programmi caritas. Il Vescovato fu costretto a chiudere le porte e riorganizzare l’orario di lavoro di quei dipendenti che, a causa del loro contenuto lavorativo, avrebbero continuato ad andare al centro.

Con parte del equipo realizador del programa radial de la diócesis.
Con parte del team che ha fatto il programma radiofonico della diocesi.

In mezzo a questa situazione, fermandomi nella vita e davanti al Signore, che ci illumina e ci accompagna sempre, mi sono ricordato delle parole con cui mi ero rivolto a questo nuovo gregge che come Pastore delle Anime mi ha affidato: “Cosa posso darti se non Gesù Cristo, Signore della storia! È il meglio che posso darti perché è il meglio che ho, Gesù, l’unica e più grande ricchezza che la Chiesa ha, il dono più prezioso, la perla nascosta del suo Regno, la bellezza di Dio. Gesù, l’unico abbastanza”. (Omelia dell’Inaugurazione come Vescovo di Pinar del Río).

Questo annuncio doveva essere fatto in modo diverso da quello che avevo programmato, ma era chiaro che non riuscivo a smettere di annunciarlo. Iniziò una fase di costante vicinanza con sacerdoti e religiosi attraverso il telefono e visite ai loro luoghi di residenza, specialmente quelli di comunità lontane con la maggiore presenza di casi.

Sacerdoti spagnoli e italiani risiedevano nella diocesi, che hanno provato dolore per i malati tra i loro parenti o fratelli della comunità. Era necessario mostrare loro il nostro accompagnamento e contribuire a facilitare la comunicazione con loro.

C’erano anche altre situazioni difficili, come l’isolamento delle Figlie Minime di Maria Immacolata nella città di Pinareña, perché una delle Suore era arrivata dal Messico e l’intera comunità doveva rimanere quattordici giorni senza uscire di casa.

Allo stesso modo c’erano P. Roger Harleé e due seminaristi, membri della comunità degli Oblati di Maria Immacolata, residenti a Los Palacios, che furono portati al centro INCLA di questa città, perché uno dei seminaristi sviluppò febbre e mal di gola. Grazie a Dio tutti sono risultati negativi e sono stati in grado di unirsi alle loro fatiche.

Un’altra grande sfida presentata è stata la manutenzione della sala da pranzo della Casa Diocesana, che offre il pranzo agli anziani bisognosi. La Provvidenza ci ha davvero aiutato e ogni giorno di servizio abbiamo visto il miracolo di moltiplicare pane e pesci. Mettiamo ciò che abbiamo e il Signore permette a tutti di nutrirti. Alcuni mangiatori della Caritas hanno dovuto fermarsi, ma altri sono stati in grado di continuare a nutrire gli affamati, nonostante le molteplici difficoltà nell’acquisire l’essenziale.

Ancora una volta un altro tipo di fame, quella dello spirito, si è presentata a noi. Quello che invade l’uomo e lo immerge nella disperazione, nella paura e nella tristezza. Lo stesso vale per il nostro popolo, in mezzo al quale ci troviamo. Come possiamo annunciare Gesù in mezzo al dolore per la perdita dei propri cari, l’incapacità di acquisire ciò che è necessario per vivere attraverso i soliti modi per farlo? Come possiamo proclamarlo a Lui quando i fedeli, per evitare il contagio, non possono partecipare alla Messa o alle attività delle comunità cristiane?

Durante la toma de posesión de la diócesis pinareña.
Durante l’inaugurazione della diocesi di Pinareña.

È diventato necessario cercare altri modi. Sacerdoti e alcuni laici impegnati hanno creato gruppi su WhatsApp per promuovere la comunicazione con coloro che hanno accesso a Internet e che a loro volta la condividono con coloro che non l’hanno. Telefonate, e-mail e messaggi che invitano alla preghiera sono stati alcuni dei canali per rimanere in contatto. I social media hanno svolto un ruolo molto importante.

Come dono di Dio, abbiamo avuto l’opportunità di rivolgersi alla gente attraverso il programma radiofonico che è stato trasmesso ogni settimana sulle stazioni locali, Radio Guamá e Radio Artemis. Era uno spazio di evangelizzazione che il popolo apprezzava molto, credeva o meno, perché di fronte alla crisi, l’uomo cerca Dio anche inconsciamente.

Gli esseri umani devono sapere che non sono soli, tanto meno quando i giorni sono grigi e tempestosi. Una delle tante pubblicazioni che hanno visto la luce nel bel mezzo di questa pandemia è stato il libro Where is God in the midst of the coronavirus?, dello scrittore John Lennox. In una delle sue riflessioni finali afferma:

“Il cristianesimo afferma che l’uomo di nome Gesù Cristo è Dio incarnato; in altre parole, il Creatore è diventato un essere umano. Al centro del messaggio cristiano c’è la morte di Gesù Cristo su una croce alla periferia di Gerusalemme. Immediatamente sorge questa domanda: Se È Dio incarnato, cosa stava facendo su una croce? Ebbene, tra molte altre cose, significa che Dio non è rimasto lontano dal dolore e dalla sofferenza umana, ma che Egli stesso l’ha sperimentato.

“Pertanto, un cristiano non è qualcuno che ha risolto il problema del dolore, della sofferenza e del coronavirus, ma una persona che ha deciso di amare e fidarsi di un Dio che lo ha anche sofferto.

“Tuttavia, questa è solo metà della storia. Se la morte sulla croce fosse stata l’ultima cosa che Gesù fece, non avremmo mai sentito parlare di Lui, ma non era la fine. Il messaggio che causò confusione a Gerusalemme in quella prima Pasqua – il messaggio che affascinerà il mondo del primo secolo – fu che Gesù aveva superato la morte: che era risorto e che sarebbe stato il giudice supremo dell’umanità”. Quell’Amore sostituì la morte e il peccato. In quell’amore, non è la perfezione che Egli cerca in noi, ma l’autenticità, non più sforzandosi di essere perfetti ma di essere autentici.

Perché nell’amore sei più importante del sé; e se l’amore è vero, non mi metto su un piedistallo.

Sì, e l’ultimo giorno, quando il pomeriggio della vita si apre nei giorni senza tramonto, il Signore ci chiederà solo di nuovo, come egli chiese a Pietro: Mi ami? E anche se lo abbiamo tradito mille volte, ci chiederà mille volte: Mi ami? E non dobbiamo fare altro che ripetere altre mille volte: Sì, ti amo.

Viviamo ancora momenti difficili a causa della ricrescita della pandemia. Molte delle nostre comunità sono state costrette a tornare ai primi mesi di isolamento per contagio. Nel bel mezzo di tutta la nostra offerta è la stessa di più di 2000 anni fa, quando Pietro e Giovanni andarono al tempio all’ora di preghiera: “Non ho argento o oro, ma ti do quello che ho”. Nel nome di Gesù Cristo Nazareno, Cuba, alzati e cammina!

“Il coronavirus e tutte le piaghe che hanno devastato il mondo cesseranno di esistere; ma la corona di giustizia che sarà data a coloro che amano il Signore Gesù non perirà mai o svanirà.

“Dove troviamo la pace nel bel mezzo di una pandemia? Solo in Gesù. La domanda per tutti noi è questa: ci fideremo di Lui?” (cfr Dov’è Dio in mezzo al coronavirus?).

Che nostra Madre Vergine della Carità ci accompagni sempre e zione di Gesù nei nostri cuori. Così sia.

Monseñor Juan de Dios Hernández Ruíz, sj. (Holguín, 1946)
Monsignor Juan de Dios Hernández Ruíz, sj. (Holguin, 1946)

Monsignor Juan de Dios Hernández Ruíz, sj. (Holguin, 1946). È stato ordinato sacerdote nel 1976. Ha conseguito una laurea in Teologia Spirituale presso la Pontificia Università Gregoriana. Nel dicembre 2005 è stato nominato vescovo titolare del Passo Corese e assistente di San Cristobal dell’Avana. Dal febbraio 2006 è Segretario della Conferenza Episcopale Cubana. Nel giugno 2019 papa Francesco lo ha nominato vescovo della diocesi di Pinar del Río.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*