Intervista a padre Rolando Montes de Oca

A cura di: Xavier Carbonell-corrispondente SIGNIS

Padre, Rolando Montes de Oca
Padre, Rolando Montes de Oca

“La verità deve essere una passione del comunicatore”

Enfatico nella sua parola e cauto con l’impatto dei social network, padre Rolando Montes de Oca parla con SIGNIS-Cuba dell’11 luglio e di come ha funzionato la comunicazione di quegli eventi. Fake news, manipolazione della verità, tacere e un immaginario sempre più complesso nella sua diversità sono alcuni dei temi a cui fa riferimento questo sacerdote, che condivide le idee di Papa Francesco sul giornalismo: l’esercizio informativo deve coinvolgere curiosità e amore per la verità, così da anticipare – attraverso le parole e la loro impronta – il sogno della futura Cuba. Con questo dialogo, SIGNIS-Cuba inizia un ciclo di interviste volte a riflettere sul presente e sul futuro della nazione.

Caro Padre, il popolo cubano ha vissuto questi ultimi giorni – finché la connessione era disponibile – aggrappato ai cellulari, cercando di informarsi sulla situazione e di avvisare i propri parenti all’estero; Sui cellulari sono rimaste immagini orribili ma eloquenti; È evidente che questo momento rimarrà nella memoria cubana, grazie a una battaglia incessante tra le versioni degli stessi eventi.

Che ruolo ha avuto la comunicazione negli eventi di 11J? Come valuti questa “guerra” all’interno degli schermi? *

“Gli schermi sono stati decisivi fin dall’inizio. La prima cosa che è successa è stata la manifestazione in un paese, e attraverso gli schermi il resto dei paesi lo sapeva e si sentiva invitato a farlo, si sentiva incoraggiato. Sentiva che era il possibilità, il momento, ed è stato lo scoppio sociale. Sugli schermi sono circolate anche le immagini di tanti prigionieri, di tanti picchiati, di tante persone che sono ancora oggi incarcerate. E lo capiamo subito, quando abbiamo accesso a Internet.Gli schermi sono stati decisivi, ovviamente.

“Sugli schermi sono circolate anche fake news, alcuni dicono che siano state preparate dal governo stesso per screditare – cosa che di solito fa il governo – gli oppositori, per screditarli, e poi presentarli come bugiardi. Gli schermi sono molto necessari, i connessione internet, internet, telefoni. In effetti, una delle misure prese dal governo è stata un’interruzione generale di Internet in tutto il paese. Tale taglio è stato negato dal cancelliere [Bruno Rodríguez Parrilla] ma è stato affermato da un giornalista ufficiale: sì Era stata una strategia del governo.

“In definitiva, sappiamo tutti quanto sia pericoloso quando qualcuno riprende il momento in cui la polizia o il governo si comportano in modo improprio. Subito il primo attacco va contro la persona che ha un telefono in mano. Il ruolo della comunicazione, che sia convocare o influenzare, per questo molti di noi insistono sulla necessità di ascoltarsi, sulla necessità di riconciliarsi, sulla necessità di non ricorrere alla violenza e di deporre le armi, anche se è lo stesso governo che li ha messi nelle mani dei loro difensori».

È possibile tracciare una cartografia del giornalismo cubano recente, un panorama che comprenda entrambe le facce della questione —il sistema informativo ufficiale, i media alternativi, il resoconto improvvisato di chi si registra—, i suoi limiti e le sue possibilità? Non notate una discesa alla volgarità, alla menzogna, una degradazione nell’ufficio dell’informazione?

“Il fenomeno giornalistico a Cuba si è diversificato molto, dopo che nel 2019 noi cubani abbiamo potuto accedere a internet tramite dati mobili sui telefoni. Nonostante sia stato con prezzi proibitivi e con molta instabilità, i siti si sono moltiplicati, i podcast, reportage e, naturalmente, quel grande informatore amorfo che sono i social network.

“La stampa ufficiale cubana, più che giornalismo, ciò che fa è propaganda. Più che rispettare o servire l’interesse pubblico, serve l’interesse dell’informatore, che è sempre quello di comunicare solo le notizie che favoriscono l’ideologia, il sistema e quelli che non lo fanno. , sono vari, vengono modificati, vengono messi a sistema. Da parte di giornalisti indipendenti a volte circolano anche fake news. Si dice che il governo stesso gli spari per screditare la stampa indipendente. Ma anche, come in ogni figlio di vicini di casa, c’è sempre un parente che riferisce male. Mancanza di professionalità, ovviamente, mancanza di equilibrio. La situazione a Cuba è tesa, la situazione a Cuba è molto complessa e le comunicazioni che la descrivono sono anche complesse, spesso esagerate da una parte o dall’altra.

“Circola un linguaggio molto deformato, è vero; è sceso verso la volgarità, è anche vero. Ma la volgarità non è solo verbale, ma della vita a Cuba. La vita cubana è diventata molto volgarizzata negli ultimi tempi, e questo è anche come la narrazione giornalistica la fa arrivare a chi non la conosce o a chi è lontano. La verità è che fino a qualche anno fa, nel paese vicino, accadevano cose tremende e nessuno lo sapeva; e ora, a portata di click , domenica scorsa, un gruppo notevole, consistente, un gruppo che non si può definire, come dice il governo, un “piccolo gruppo”, ma piuttosto un popolo che è sceso in piazza.

“E tutti, dai resoconti spontanei, dai giornalisti ‘a piedi’, lo sapevano tutti e molti altri sono stati incoraggiati a farlo e lo hanno fatto anche. E questo ha fatto riflettere il governo, e il presidente [Miguel Díaz- Canel Bermúdez] per parlare, e tutti per prendere provvedimenti e decisioni, purtroppo la maggioranza ha sbagliato, la maggioranza violenta. Ma la notizia si è diffusa e tutti noi siamo stati consapevoli di quello che è successo in tutta Cuba. Che in un altro tempo non sarebbe stato possibile”.

Cuba si sono rafforzate le associazioni laicali cattoliche, spesso composte da giovani, che stanno acquistando organizzazione e influenza. Hai qualche consiglio per chi, come SIGNIS o il Catholic Youth Network, sta avviando un nuovo tipo di comunicazione ecclesiale?

“Ai giovani cattolici comunicanti, innanzitutto, li abbraccio e rispetto per il grande lavoro che svolgono, per il grande sforzo che fanno per svolgere questa nobile professione di giornalismo, e per farlo dal punto di vista della fede. Poi, dite loro che è necessario il giornalismo nella Chiesa, perché questo sguardo di fede è necessario in mezzo a tutto ciò che accade, in mezzo alla valanga di informazioni su quegli stessi eventi, è sempre luce.

“Allora, condividi con loro questo, che per i cubani purtroppo non è tradizione o scontato, ma è necessario: non staccarci mai nella nostra comunicazione di interesse pubblico. Il rispetto per il nostro popolo esige che seguiamo il loro interesse e rispondiamo loro interesse informativo. La nostra grande sfida sarà sempre quella di trasformare ciò che è importante in interessante, e raggiungere così tutti. D’altra parte, anche l’attaccamento alla verità è essenziale. Non si può mai mentire, mai e per nessun motivo. Non si può mai nascondere. Il giornalismo non è nascondersi né mentire. Il giornalismo è informare. E quando sei un seguace di Gesù Cristo, che è la Verità, l’attaccamento alla verità, l’amore della verità, deve guidare i passi della ogni comunicatore cristiano”.

Quali libri, film o brani musicali possono aiutarci a capire meglio la Cuba di oggi?

“Tra i libri consiglio ‘La notte non sarà eterna’, di Oswaldo Payá; e ‘Il potere dei senza potere’ [di Václav Havel]. Tra i film, Conducta è molto bravo a capire cosa sta succedendo a Cuba e come è la società cubana, come è stata fino ad oggi”.

I cubani hanno vissuto in prima persona il fenomeno delle fake news, non solo sui social network ma anche sui mezzi di informazione di altri paesi —Russia, per esempio—; la situazione è stata deformata a livelli parossistici, e c’è chi afferma che falsificare eventi è legale se risponde a uno scopo strategico. Nonostante ciò, non è questo un insulto alla natura e alla ricerca della verità? Qual è la tua valutazione al riguardo?

“La verità deve essere una passione del comunicatore. Le fake news sono un attacco alla dignità umana perché siamo stati creati per la verità. Un buon comunicatore, un buon giornalista, un buon giornalista, anche un buon editorialista, deve essere in prima di tutto attaccato alla verità. E devi verificare gli eventi, non condividere senza prima aver verificato che ciò che stai ricevendo è reale e che corrisponde alla realtà. Cercando di visualizzarlo il più oggettivamente possibile – sappiamo già che al cento per cento obiettivi che non saremo mai—, ma se dobbiamo cercarlo, tendere ad esso, cercare di far luce su tutti i margini della società, della realtà. Non illuminare eccessivamente e nascondere un altro, nemmeno quando questo porta ad apparentemente buoni fini. “Chi è perseguitato con la menzogna o con l’occultamento, prima o poi rivelerà la sua identità oscura e negativa. La verità è luminosa e la verità, la giustizia e la carità vanno insieme. Non si può pretendere il b Beh, se non è per la verità.

Vorrei chiederti di condividere la tua visione personale per domani. Possiamo, attraverso la comunicazione della verità, della cultura, del bene, avvicinarci a quel sogno della Cuba futura?

“Credo che le bugie, la manipolazione, l’occultamento, la censura spietata, i tagli ai canali di comunicazione (come internet), la persecuzione dei giornalisti, il fatto che alcuni giornalisti debbano distinguersi definendosi ‘indipendenti’, quando il giornalismo è indipendente … tutto ciò che resta da lasciare La Cuba a cui aspiro, con cui sogno, per la quale prego e lavoro è una Cuba attaccata alla verità, con possibilità di informazione, con libertà di espressione Dove i comunicatori possono comunicare, certo che possono, perché sono esseri umani, ma dove l’occultamento, il travisamento, la manipolazione e la menzogna non sono la norma.La Cuba per cui sogno, prego e lavoro è la Cuba dove ogni cubano può avere accesso alla verità, e può, volendo farlo, aiutare a far parte di quella verità, quella giustizia e quella libertà che in questo momento stanno germogliando, si stanno sviluppando, non senza dolore».

Tratto da signis.net

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*