Cosa stai cercando? I due lati del denaro

Paulinos en Cuba

Il sogno di Salomone
Prima di salire sul trono di David, Salomone ha dovuto annientare suo fratello maggiore. Iniziò, quindi, il suo regno avvolto nello zozobra e si chiedeva se sarebbe stato in grado di governare come suo padre. Una notte sognava di essere in preghiera e di chiedere all’Altissimo, non ricchezze o potere, ma saggezza di governare il suo popolo. Dio gli diede questa risposta: “Poiché ho chiesto questo e non una lunga vita, né ricchezze, né la vita dei tuoi nemici, ma l’intelligenza per governare con successo, ti darò ciò che hai chiesto: una mente saggia e saggia, come non c’era prima né ci sarà dopo di te, e ti darò anche ciò che non hai chiesto: ricchezze e fama più grandi di quelle di qualsiasi re …” (1Re 2, 11-14).
Il quinto capitolo del primo Libro dei Re descrive il adempimento di tali promesse: la ricchezza di Salomone divenne incalcolabile e la sua saggezza trascendeva i confini del suo regno. Gli è attribuita la promozione della scienza e delle arti nel suo popolo e la promozione delle raccolte di saggezza popolare contenute in detti, proverbi, enigmi e giudizi. Una di queste “pillole di saggezza” è questa preghiera: “Non datemi ricchezza o povertà, concedetemi solo il pane necessario; non che, molto pieno, ti nega, dicendo: ‘Chi è il Signore?’ E che non accada che, per molte necessità, rubo e offendo il nome del mio Dio” (Prov 30,8-9).

Il denaro è un mezzo, non un fine
Fin dai tempi antichi, gli uomini abbandonavano la pratica primitiva del baratto o dello scambio di merci (ad esempio: ti do tre manciate di grano e mi dai una zucca), per usare ruote metalliche a cui è stato assegnato un valore. È così che sono venute fuori le monete. In seguito fu inventata la valuta cartacea (cioè le banconote), con un valore ancora più convenzionale, ma sostenuta dal tesoro del paese stesso. Il potere economico delle nazioni si riflette nel valore del denaro che il suo popolo gestisce. Con lo sviluppo finanziario nel mondo, i valori economici non si limitano più alle banconote: oggi vengono gestite le scorte, le operazioni di borsa, l’assegnazione dei prezzi ai prodotti di consumo, i monopoli, i trattati di condizionamento per le popolazioni più deboli, eccetera. Tali politiche fingono di ignorare che il denaro dovrebbe essere un mezzo equo di progresso legittimo e non un fine. Ciò si traduce in una corsa di run-up per ottenere i massimi profitti. La ricchezza diventa un obiettivo assoluto e, per ottenerla, l’etica viene distorta, la giustizia viene calpestata e vengono utilizzate risorse deteggiabili come abusi, accaparramento, inganno e persino criminalità. In una delle sue riflessioni del 2016, Papa Francesco ha fatto una denuncia pubblica degli idolatri del denaro che, per aumentare il loro capitale, provocare guerre per vendere armi, far circolare spazzatura nei mercati, promuovere il consumismo e praticare la tratta di esseri umani.
Il desiderio di ricchezza – denaro – non si nota solo nelle società o nei paesi ambiziosi. È un’aspirazione malsana che si verifica in molti individui che non vedono il denaro come un mezzo per il giusto benessere personale e la loro famiglia, e lo prendono come la ragion d’essere dell’esistenza stessa. Questi individui vivono per avere e tempo per avere sempre di più. E succede che rientrano nella categoria degli sprechi o diventano avidi; sono i due estremi in cui una persona avida può vedere se stesso. La condizione peggiore è quella degli avidi, perché non godono nemmeno di quanto hanno; trascorrono il loro tempo contando l’accumulato e vivono sempre nella paura di essere derubati. Gesù Cristo consiglia: “Non raccogliete tesori e riserve qui sulla terra, dove falena e ruggine scompano, e dove i ladri trafiggono il muro e rubano. Raccogli tesori e riserve in Cielo, dove non c’è falena o ruggine per scompiglio e dove non ci sono ladri che rompono il muro e rubano” (Mt 6,19-20).
L’avidità è stata rimproverata in tutte le culture; l’avido è punito dalla propria ambizione.

Questo è ciò che ci dice la mitologia greca: Mida, re di Frigia, ottenne dal dio Dioniso il potere di trasformare tutto ciò che toccava in oro. All’inizio, Mida era arrabbiato con la soddisfazione di giocare tutto ciò che voleva che diventava d’oro; ma arrivò il momento in cui aveva fame e non riusciva a saziarla, perché qualsiasi cibo o frutto toccava si rivolse all’oro. Disperato, pregò Dioniso di ritirare quel terribile potere.

I due lati del denaro
Il denaro può soddisfare esigenze vitali, ma può anche, per eccesso o cattiva tendenza del soggetto, generare false esigenze e portare al consumismo e agli sprechi.
La mancanza di denaro, d’altro canto, è fonte di angoscia e può indurre furti o vilipenti morali per aumentare il proprio reddito.
Il denaro non è né buono né cattivo di per sé. Tutto dipende da come viene acquistato e come viene utilizzato.

Saper vincere, saper spendere, saper dare
Poiché il denaro è un mezzo essenziale per una vita personale e familiare dignitosa, è molto importante sapere come guadagnare. Ciò richiede lavoro, disciplina, sacrificio. È un brutto modo di pensare a “soldi facili”, “ricchezza rapida”, “benessere senza sforzo”. Guadagnare pane con il sudore della fronte dignitosa e dà sicurezza.
È triste quando qualcuno vuole ottenere un lavoro decente e non può trovarlo. In tal caso – non sempre risolvibile, purtroppo – vale molta umiltà e creatività: poter accettare un lavoro onesto, anche se umile, e mettere sul posto la propria creatività per cercare alternative, modi ingegnosi di avere una migliore fonte di reddito.
Anche per spendere i soldi stessi hai bisogno di un orientamento corretto e di buone abitudini, come ottenere un budget mensile o settimanale, prevedere con le spese di tempo che verranno presentate, rinunciare in anticipo a ciò che è al di sopra del budget stesso, ecc.
È quasi una legge della vita passare prima attraverso una fase in cui dipende interamente dagli altri, e acquisire gradualmente l’autosufficienza di coloro che forniscono a proprie spese, raggiungere finalmente la pienezza della vita con la capacità di sostenersi e contribuire al benessere degli altri.
Coloro che sono costanti sul lavoro, in ordine nella loro economia, lungimiranti in termini di spese future, sono di solito una persona generosa, in grado di dare un aiuto a coloro che ne hanno più bisogno. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*