Dialogo, per una pastorale in codice trinitario

Participantes en el primer Simposio Teológico-Filosófico sobre el Magisterio del Papa Francisco

Tra il 19 e il 20 novembre si è svolto presso la Casa Sacerdotale San Juan María Vianney a L’Avana il primo Simposio Teologico-Filosofico sul Magistero di Papa Francesco. L’iniziativa dell’Arcidiocesi dell’Avana è stata svolta in collaborazione con il Seminario Internazionale di Antropologia Trinitaria che il Consiglio Episcopale Latinoamericano (CELAM) promuove annualmente e in collaborazione con la Sezione Latinoamericana e caraibica dell’Istituto Universitario di Sophia. L’organizzazione e la gestione dell’evento è stata svolta dalla Rete Ecclesiale di Studi Avanzati di Cuba (REEAC).

Partecipanti al primo Simposio Teologico-Filosofico sul Magistero di Papa Francesco

L’incontro è stato uno spazio aperto, rivolto a un gruppo di sacerdoti, religiosi, insegnanti e laici in generale, seriamente impegnati in modi diversi nell’opera pastorale della Chiesa di Cuba. Le conferenze hanno affrontato temi di base attuali come quello dato dal Dott. Peter Casarella dal titolo “La cultura dell’incontro in Papa Francesco”, o quello pronunciato dal primo medico latinoamericano in Teologia dall’Università Gregoriana di Roma, la Dott.ssa Clara Bingemer, “La dimensione trinitaria del rapporto donna-maschio e laici-clero”. Sono stati tra i rinomati teologi dell’America Latina, oltre all’italiano Piero Coda, rettore dell’Istituto Universitario Sophia e membro della Commissione Teologica Internazionale, che ha approfondito il tema “Comunicazione e dialogo dal punto di vista trinitario”.
Sulla conduzione di questo simposio, la partecipazione del CELAM, e l’origine e la natura di REEAC, Palabra Nueva ha parlato con il Sig. André Barros, coordinatore di REEAC, e con il Segretario Generale del CELAM, Monsignor Juan Espinoza, presente a Cuba in quei giorni

Andrés, come e perché è nato REEAC, chi sono quelli che lo compongono?
“La prima cosa che voglio dire è che non è una nuova istituzione, una nuova struttura che è nata nella Chiesa dell’Avana. La Rete vuole semplicemente essere questo: una rete, una piattaforma collaborativa. Si tratta di uno spazio interdisciplinare promosso dall’Arcidiocesi dell’Avana, al servizio di tutta la Chiesa cubana, con l’obiettivo di unire le forze e articolare un’efficace cooperazione tra le varie organizzazioni cattoliche dedicate all’educazione complementare sull’isola.
“Per questo si propone di creare condizioni e ambienti in cui diverse esperienze e conoscenze nell’insegnamento, nella ricerca e nell’estensione possano essere condivise e articolate organicamente, nonché le risorse umane e le strutture fisiche disponibili. Niente di tutto questo come fine a se stesso, ma come possibilità di apertura a tutta la realtà e alla variegata complessità della cultura cubana, nello stesso spirito del Magistero di Papa Francesco, che ci chiama ad essere una Chiesa outing, una Chiesa identificata con le ricchezze e i bisogni dei popoli in cui si trova e alla quale serve. In altre parole, ciò che intendiamo è costruire spazi di dialogo e convivenza tra diverse realtà culturali e spirituali chiamate, per origine e vocazione, alla costruzione di una società più fraterna e solidale.
“Il consiglio è composto da rappresentanti di queste diverse istituzioni educative ecclesiastiche, Calasanz Center, Loyola Center, Lateran, Varela, Bioethics Center, ecc.”.

Da quanto tempo la rete funziona? Quali altri eventi hai tenuto e quali piani futuri hai?
Stiamo lavorando il prossimo febbraio. Questa è la seconda volta che la Rete si presenta per promuovere un evento e probabilmente molti di voi non ne hanno mai sentito parlare. La prima volta è stato con il Simposio Pensar la Isla e il tema ‘Il cubano nella poesia, sessant’anni dopo’, che si è tenuto nell’aula magna del Centro Culturale Padre Félix Varela tra l’11 e il 13 ottobre di quest’anno. In quell’occasione abbiamo invitato cinque poeti cubani a presentare conferenze che si rivolgeva alla realtà nazionale dalla poesia.
“Abbiamo molti piani futuri, ma ne avremo bisogno solo dopo la prossima riunione del team di coordinamento. Tuttavia, collaboriamo già con la ricerca, la gestione delle borse di studio e altre attività.

Perché fare questo simposio all’Avana?
“Credo che parte della risposta possa essere trovata negli insegnamenti che lo stesso Papa Francesco ci ha lasciato durante la sua visita pastorale nel nostro Paese, nel 2015. In mezzo al suo ministero, Francesco è venuto ad aiutarci a comprendere la vocazione specifica che dobbiamo vivere all’interno della vocazione generale di tutta la Chiesa universale, che è quella di annunciare e aggiornare la presenza del Regno di Dio nel mondo.
“In linea con i suoi predecessori, san Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, Francesco ci ha indicato la via del dialogo come vocazione alla quale siamo chiamati vivendo in un’area geografica e culturale che si configura come uno spazio di connessione tra mondi le cui relazioni sono state raramente armoniche e dialogiche.
“A causa delle sue circostanze storiche, geografiche e culturali, Cuba ha ricevuto una sorta di naturale appello al dialogo, la missione di fare un ponte tra i popoli. Dal suo sguardo, è il suo turno di aprirsi come punto di incontro tra diversi sguardi che aspirano a incontrarsi in amicizia.
“Ed è per questo che siamo qui, questa è l’importanza di fare questo simposio all’Avana. Vogliamo imparare a dialogare insieme. Vogliamo prepararci a rispondere alle richieste dello Spirito e della storia in un mondo plurale. Vogliamo allenarci mentalmente e spiritualmente per superare le nostre ferite, camminare a braccia aperte, marciare con speranza verso l’incontro della nostra vocazione”.

Com’è stato possibile il coordinamento con questo gruppo di teologi, filosofi e ricercatori e CELAM?
“Il Seminario Internazionale di Antropologia Trinitaria, cioè questo gruppo di magnifici teologi, filosofi e ricercatori, opera da sei anni. Mentre eravamo in Messico in una riunione l’anno scorso, è nata l’idea e abbiamo convenuto sull’importanza di fare questo simposio all’Avana. La questione dell’antropologia è, a mio avviso, fondamentale a Cuba, così come la formazione di una cultura del dialogo”.

Perché pensi che il dialogo a Cuba sia così importante?
“Certo, le dinamiche del dialogo ci danno l’opportunità di riconciliazione, allarga gli orizzonti della vita.
“Il rapporto tra i diversi partner è sempre arricchente e ci trasforma profun-demente, in un processo costruttivo volto alla conoscenza reciproca e all’arricchimento reciproco. Il dialogo porta all’espansione dello spazio. Se è autentico, produce l’espansione delle individualità.
“D’altra parte, superare le barriere delle differenze e abbracciare la diversità è una grande sfida. Le differenze possono spesso suscitare sospetti, preoccupazioni e generare conflitti. Il vero dialogo non ha nulla a che vedere con la gioia disinformata e l’ingenuo interesse per l’esotico, ma con il profondo impegno esistenziale e il lavoro per l’altro. Credere che il dialogo sia possibile non significa ignorare le reali difficoltà di comprensione.
“Il vero dialogo comporta un colloquio delicato ed esigente tra diversi interlocutori, animato da convinzioni fondate determinate a trovare somiglianze nella differenza. Non si tratta di cercare una realtà che si spegne o si accovaccia sulle distinzioni, si tratta di appropriarsi di nuove possibilità.
“Uno dei documenti più aperti del Magistero cattolico, dialogo e annuncio, 1991, che si occupa più precisamente del dialogo interreligioso, afferma: “Il dialogo profondo richiede che gli interlocutori si trasformino nell’incontro” (DA, 47). Ma ci ricorda anche che coloro che sono coinvolti nella conversazione devono mantenere la forza della propria fede.
“È necessario amare e rispettare la tradizione a cui si appartiene. In altre parole, per aprire l’onese al dialogo e a tutti i suoi rischi è essenziale che ci si senta “domiciliati” nella propria fede, nelle sue profonde convinzioni.
“Cioè, la sfida essenziale dell’auto-opposizione all’altro va aggiunta all’autostima di Ge-Nuino, perché essere sfidati dalla verità dell’altro non significa abbandonare l’oneseal a un pluralismo libero, che sarebbe un pluralismo facile, ma anche un falso plu-ralismo.
“Come ha detto Francesco alla comunità del Movimento dei Focolari di Loppiano, in Italia, lo scorso 10 maggio, per “costruire una cultura condivisa dell’incontro è necessario prepararsi a tracciare nuovi percorsi e percorrerli insieme”. È necessario imparare la cultura dell’unità, che non ha nulla a che fare con l’uniformità.

Quali impressioni ottieni dall’evento?
“Sono rimasto piuttosto scioccato. Ascoltando i ringraziamenti della gente, ho sentito quella sensazione che ho scoperto sei anni fa quando sono arrivato a Cuba. I cubani hanno una missione e quasi un dovere per la loro storia, posizione geografica e cultura, da configurare come quello spazio di contatto in tutte le direzioni. Ho sentito l’assoluta necessità di costruire ponti, di fare nuove relazioni, di dialogare. La partecipazione è stata di cento persone e questo mi ha colpito molto. Questo evento ha lasciato segni e sicuramente aprirà la strada.

Word New ha anche parlato con monsignor Juan Espinoza, che ha partecipato al simposio per conto del CELAM.
Monsignore, quanto è importante questo simposio a Cuba per lei?
“L’importanza è che questo incontro con persone che lavorano direttamente nelle diverse opere pastorali lasci semi. Sono sicuro che non sarà a parole ciò che è stato vissuto in questi giorni. Ho percepito un ottimo livello di preparazione nei presenti. persone di fede e di amore per la Chiesa. E sia per loro che per noi è stata un’ottima opportunità per condividere e imparare.

Il tema “Verso una cultura dell’incontro per una cura pastorale in chiave trinitaria” è stato destinato ai cubani?
“CELAM tiene riunioni di questo tipo e con altri formati in diversi paesi. Non sempre con questa squadra. Cuba è il luogo d’incontro. Ecco perché abbiamo previsto di fare di questo simposio un tema importante che indubbiamente umanizza. È necessario accettare le differenze, ciò che pensiamo sia promuovere la cultura dell’incontro che il Papa ci ricorda costantemente. In questa chiave è necessario un dialogo che coinvolga l’ascolto, la responsabilità, che conduca la solidarietà, al bene comune, al perseguimento della giustizia, al perseguimento della pace”.

Quali piani futuri hanno il CELAM e la Chiesa cubana dopo l’esperienza di questo incontro?
“Credo che da questo incontro inizieremo sicuramente il dialogo con i vescovi della conferenza e vedremo cos’altro possiamo collaborare. Teniamo riunioni anche in altri paesi in cui si re vanno i rappresentanti dell’America latina. Cuba non è sempre stata in grado di farlo e conosco le difficoltà che incontrano. Potete essere certi che il CELAM sarà attento e attento a ciò di cui avete bisogno e accompagnerà sempre la Chiesa cubana.”

Il vero successo di questi incontri sarà dato dai semi che i partecipanti possono seminare nelle loro comunità, con costanza nell’annuncio del Vangelo. Preghiamo perché insieme possiamo camminare verso una cultura dell’incontro. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*