Brillante, cattiva e un po’ pazza

Di: Daniel Céspedes Góngora

Quando ho saputo che Crudelia de Mon avrebbe avuto il suo film, non sono rimasto sorpreso. Il personaggio grottesco o insensato grottesco, il grande male de La carica dei 101 (Dodie Smith, 1956) – poi reso popolare dalla Disney nel 1961 – ha abbastanza appeal per immaginarlo e creare un prima e un dopo sul grande schermo. Soprattutto un prima, un “come è iniziata la sua storia”. Più che un personaggio dell’universo dei bambini, sembra ormai, per eccesso e per spettacolarità, un personaggio felliniano. Ma no, la Crudelia (2021) del regista australiano Craig Gilliespie è più vicina allo star system di Greta Garbo, Glenn Close e persino Meryl Streep.

Quando serie televisive o film adattano un personaggio da uno animato, sono contenuti nel termine live action o immagine reale. Questa sarebbe forse la prima cosa che cattura l’attenzione del recente lavoro anche del regista di Mr. Woodcock; Lars e una ragazza vera; Io, Tonya… Quando si tratta di questioni cinematografiche, le classifiche non si fermano. Ora sono associati. Per Crudelia è un prequel (la cacofonia era voluta) basato sull’adattamento Disney e persino sul riferimento letterario. E questo lo inquadra anche in quello che è noto come spin-off o derivato. Il personaggio della spietata signora con i dalmati e amante delle pellicce è un sottoprodotto di un racconto in cui ha tutti gli elementi di una personalità ostile ma ammaliante. È l’antieroina che ribalta la sconfitta o almeno le concede grazia per lungo tempo.

Per dedurre le simpatie di Crudelia de Mon per la moda e la sua antipatia per i cani dalmati, per capire le origini del loro male…, gli sceneggiatori (Tony McNamara, Dana Fox) hanno creato una successione di circostanze in cui Estella crea una sorta di icona controculturale che è De Vil stessa. Lo spettatore assiste al contesto londinese degli anni Settanta, in cui musica e moda si fondono clamorosamente, facendo del punk la vocazione performativa che identifica il cattivo in divenire. L’escluso in precedenza comincia ad essere ancora più raro e questo media l’attaccamento di altri respinti.

Gilliespie potrebbe aver chiamato Margot Robbie per questa giovane Crudelia, ma ha molto vicino il personaggio di Harley Quinn. Anne Hathaway? Non sarebbe neanche male, ma oltre a imitare il mondo della moda, Crudelia ha un sacco di The Devil Wears Padra (David Frankel, 2006). Poi Emma Stone è la prescelta, un’attrice che ci si aspetta molto e che piace molto. Come se non bastasse, Emma Thompson, che con la sua Baronessa Von Hellman può parodiare Miranda Priestly di Meryl Streep (The Devil Wears…), sarà la rivale e la pietra di paragone motivazionale per l’immagine futura di Crudelia de Mon.

C’è un dispetto nel personaggio principale che gli scrittori coprono con umorismo, ma non dimenticare che stiamo entrando in una trama piena di successioni ingannevoli per supportare una psicologia strategica della vendetta. Tutto ciò che Crudelia chiede è di rovesciare un’autorità per imporne un’altra. Le tattiche del personaggio ridicolizzano, anche se in sottofondo e in superficie ciò che cercano è di linciare fino a quando la cosa esistente non scompare. È diretto quando uno dei suoi amici gli chiede: “Non la ucciderai, vero?” Al che lei risponde: “Non fa parte del piano attuale, ma forse dovremmo adattarci”. Su questo punto c’è un dialogo molto più interessante quando la baronessa e Estella, che è già un alias di Crudelia, si incontrano in un ristorante. Per questo motivo, questo film con la sua raffinata messa in scena e la superba colonna sonora, di potere generico e generazionale, supera la categoria di “film per bambini”.

Certo, la grande sfida delle due Emma merita di essere interrotta frequentemente da una star che entra ed esce di casa come un cane: il chihuahua ratto. Ha molte ragioni e, a dire il vero, ne ha davvero voglia. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*