COVID-19, costumi e nuovi comportamenti

Coronavirus-en-Cuba

Bruscamente, il coronavirus sta iniziando a cambiare le nostre usanze, la nostra spensiedenza, il modo in cui agiamo nella sfera pubblica; come comunichiamo, scambiamo, dialoghiamo, a livello sociale, anche in spazi ristretti, nella cerchia degli amici.

Questa mattina, mentre camminavo verso un mercato agricolo, mi sono imbattuto nella fila di un negozio. Chiesto. Il pollo era arrivato e la gente stava quadrante.e. L’ho fatto anch’io. Ne avevo bisogno. Praticamente. Così come le centinaia di persone davanti a me.

Ma una volta capito cosa si dovrebbe sapere in coda: chi è prima di chi ci ha dato l’ultimo, quali tratti identificano le persone di fronte ad esso, così come l’identità di quello dietro di esso, ho iniziato a subire uno strano processo di stranezza, di lontananza sociale, come autistico.

Mi è capitato di allontanarmi dalla coda, ritirarmi in uno spazio ombreggiato e cercare di mantenere la distanza da almeno un metro intorno a me. Nell’intervallo di dieci minuti ho fatto due azioni di cui non sono orgoglioso: un signore mi ha parlato di altri negozi dove avevano anche preso pollo e io non ho risposto. Ho evitato il dialogo, e ho persino rubato il corpo.

Un’altra signora, quella che mi ha preceduto in fila, si è sgomita fino a dovermi avvertire, perché pensava che fossi disorientato. L’ho ringraziato, ma sono rimasto turbato dalla sua vicinanza, per qualche goletta che potrebbe saltare dalla sua bocca. Circa quindici minuti dopo, mentre la coda continuava a crescere in tutte le direzioni, lasciai il mio posto e me ne andai. Cosa sarebbe successo quando ero andato avanti, stavo per entrare, e sarei stato circondato da una folla, all’ingresso del negozio? Risultato: Ho finito il pollo.

Ho pensato molto a quelle azioni. Sarò sopraffatto dalla paranoia, è che il modo in cui si dovrebbe comportarsi in questo momento, quanti in città cambieranno le loro consuete usanze sociali, la loro condotta sulle strade pubbliche?

Stiamo vivendo una situazione globale inasediata. Non siamo pronti per una cosa del genere. Nessuno lo è. Ma noi cubani affrontiamo una realtà diversa. Non farò riferimento alla carenza di droga e alle condizioni di molti ospedali. L’isola ha una struttura collaudata ed esperta nel suo sistema sanitario libero. E ottimi professionisti.

Sono preoccupato per la mancanza di alimenti di base nei mercati per diversi mesi, nonché per le carenze negli articoli da toeletta. Solo poche settimane fa, prima che suonasse l’allarme sul coronavirus, le code nei negozi erano il solito paesaggio della città, una situazione che continua, aumentata. E precisamente, una delle raccomandazioni che vengono fatte, per proteggerci dal contagio del virus, è evitare gli agglomerati.

Quindi, come possiamo noi cubani acquisire i prodotti di cui abbiamo bisogno se non facciamo quelle lunghe e dolorose code per diverse ore, come ci proteggiamo in mezzo a quelle folle, che comportamento prendiamo tra così tante persone che parlano e addirittura tossiscono accanto a te?

Quelli di noi che sono attenti ai social media hanno osservato, tra i tanti comportamenti personali, quelli di altri paesi, che affermano di essere in un ritiro di letture e film, in una zona di comfort, lontano dal rumore rozza del coronavirus.

Ma la stragrande maggioranza dei cubani non può farlo. Dobbiamo continuare a combattere “il nostro pane quotidiano”, esposto su strade pubbliche, affrontando guaguas, quening ovunque, “risolvendo”, gestendo.

È tempo, ora zero, di aiutarci, di praticare la solidarietà in modo reale e non come propaganda e cliché popolare. Una solidarietà che deve avere un volto diverso e diventare evidente sotto molti punti di vista.

Una solidarietà che può dare potere allo Stato, aiutando le persone più vulnerabili a non affrontare il calvario delle code. Sappiamo che in altri paesi stanno fornendo servizi di acquisto agli anziani in determinati momenti.

È chiaro che la solidarietà non è un fiore selvatico che nasce dalla magia. Meno in crisi. È una pianta che cresce in mezzo all’amore, all’amicizia, alla fraternità; cresciuto dalla filantropia, generosità e altruismo; che prospera nel calore umano, in un clima di affetto; che è strano per l’egoismo, l’ambizione, l’avidità, l’usura, l’interesse.

I sinonimi della parola solidarietà includono il termine sostegno, che a sua volta è una similitudine di protezione. I governi e gli Stati hanno l’obbligo di fornire protezione ai propri cittadini. In quest’ora di umanità, gli errori nelle strategie di salute e protezione costano vite umane.

A questo crocevia della storia, gli Stati devono mettere da parte le differenze ideologiche, criticare i paesi con politiche scorrette sull’epidemia e prendere l’esempio di coloro che stanno facendo bene, di coloro che stanno adottando le misure giuste per fermare la diffusione e proteggere il loro paese e, per estensione, il resto della sfera.

Possa la pandemia di coronavirus permettere ai paesi di prendere le distanze dalle guerre di ogni tipo, dalle differenze che ci portano lontani l’uno dall’altro, di concentrarsi su ciò che può avvicinarci, per il bene dell’umanità.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*