Perché siamo ancora in pandemia?

Tornare al tema del Covid-19 e della sua presenza a Cuba potrebbe sembrare ricorrente e noioso, ma la questione non ha fine. I media monitorano costantemente l’evoluzione della pandemia. I social media sono attivi e inondati di notizie reali e false. Ognuno affronta la questione secondo le proprie visioni e interessi. In particolare, la realtà è una sola, la SARS-CoV-2 continua tra i cubani come il primo giorno, nonostante i massicci sforzi degli enti di sanità pubblica, misure per cercare di tagliare la trasmissione della malattia e il contributo della maggior parte della popolazione.

Qualcosa attira l’attenzione; se tutto indicava già che l’epidemia era sotto controllo, com’è stato possibile tornare ai livelli attuali? Tutte le dita accusatorie puntano all’indisciplina sociale e le misure sono dirette verso di essa. In modo contraddittorio e di fronte a un approccio alla situazione equa, che includa tutte le variabili e i fattori coinvolti, il risultato dell’analisi non sarebbe così semplice. L’attuale stato di Covid-19 nel paese è il risultato di molteplici cause, alcune storiche, altre di gestione, economiche e, naturalmente, di impatto sociale, ma… “Colpa, dannazione colpa”, non è a senso unico, “ma non è così. questi fanghi sono conseguenze di molte acque.

Non esiste una società che operi senza avere le sue tre variabili fondamentali in marcia: economica, politica e sociale, se una di esse fallisce, le altre sono inadatte. Pertanto, pensare o far sembrare che lo stato attuale della pandemia sia una conseguenza di una singola ragione è un grave errore.

È vero che l’indisciplina sociale attiva la propagazione, ma qual è stata la sua ragione storica? L’abbandono da parte dei responsabili del mantenimento dell’ordine pubblico e dell’indolenza per quanto riguarda il mantenimento di buoni standard di comportamento sociale per lungo tempo. Un’ampia parte della capitale oggi, la stessa cosa che ha fatto senza intoppi nel corso di lunghi anni, nonostante i continui disagi e lamentele del pubblico. La rivendita, i cavoli, le attività illecite, i giochi vietati e una lunga lista di attività sono stati tutti mezzi di sostentamento per loro. Chi è la maggioranza in queste attività? Un’enorme massa di individui in età lavorativa, ma non collegati, che sono definiti “combattenti”, non lavorano per questa società e per un’abbondante popolazione di immigrati clandestini. La maggior parte è attualmente ai margini dell’aspetto economico, vivendo legata ad attività depresse o frustate in questa fase. Si vogliono rompere l’ordine consapevolmente stabilito, che dipende dal loro sostentamento e mantengono una grande mobilità all’interno delle aree di afflusso di persone. Il fenomeno è sempre stato visibile e per nessuno oggi può essere una scoperta.

En el interior de los barrios nada ha cambiado, una enorme masa de individuos continúa pujando por romper las medidas y sacar provecho de las necesidades de la población.
All’interno dei quartieri nulla è cambiato, un’enorme massa di individui continua a tentativo di rompere le misure e sfruttare le esigenze della popolazione.

Quale influenza ha avuto il passaggio dall’Avana alla prima fase sulla situazione attuale? Quando è stato decretato c’erano ancora casi attivi e un alto grado di individui asintomatici. A quel tempo, nonostante gli argomenti espressi e i risultati statistici mostrati[1], pensavamo che spostare il capitale in quella fase “fosse una spinta”, e in effetti lo era, nulla è una coincidenza, ma ha dato il risultato. La mobilità è stata attivata e con essa la possibilità di trasmissione locale. Le offerte per il turismo nazionale erano abbondanti, le spiagge aperte, molti habaneros sono andati ad alleviare il loro stress a Varadero, hanno fatto stage in centri ricreativi e viaggiato in aree dove condividevano con persone di altre province. Dall’interno del paese spostò anche il personale nella capitale. A quel punto non si poteva passare da una provincia all’altro, ma è successo, le disposizioni sono state violate e tutto indica che i controlli sanitari non sono stati molto efficaci.

Da lì crebbe la catena del contagio, prima divenne visibile nella capitale stessa, poi nel suo entroterra[2], poi a Matanzas, Cardenas e gradualmente nel resto delle province, anche in quelle in cui il controllo è stato più efficace, come il caso di Cienfuegos. La curva dei malati, gravi, critici e defunti cominciò a crescere, e così mesi di sforzi e applausi notturni sbarcarono per il personale sanitario.

La situazione alimentare e l’approvvigionamento di forniture di sostegno alle famiglie sono fondamentali, le circostanze li costringono a soddisfare i bisogni di base. Per ottenere qualcosa devi affrontare il rischio di contagio anche se pensiamo di essere protetti, la massa di individui che vogliono rompere l’ordine, forniture insufficienti e cattiva organizzazione.

El día a día se ha convertido en una enorme lucha para llevar a casa algo para el sustento.
La vita quotidiana è diventata un’enorme lotta per portare a casa qualcosa per il sostentamento.

Le misure adottate aiutano in qualcosa, ma sono insufficienti. Mantenere la popolazione a casa dalle sette di notte alle cinque del mattino controlla solo l’inesistenza di attività notturne in bar, ristoranti e locali notturni, frequentate solo da coloro che hanno la possibilità di pagarle, che non sono la maggior parte della popolazione attiva e alcuni a cui piace “mediare”[3] negli angoli , ma se la situazione continua ad essere la stessa di sempre, la regolamentazione è efficace.

All’interno dei quartieri tutto rimane identico, basso e persino assente controllo cittadino, dietro molte porte si mantenere la rivendita, l’agroalimentare e i mercati rimangono inutili, le persone per strada, i rubinetti dei tamburi sono spesso ascoltati e anche i bambini ballano in loro, quindi sarà molto difficile invertire il palco. Questa volta non mi fermerò un attimo a fare riferimento all’alloggio e alla situazione igienica che contribuisce negativamente anche allo stato epidemiologico, di quel grano è già stato abbastanza macinato e la farina è stata scarsa.

Data la situazione attuale, è probabile che si verifichino altre misure, continueranno a prendere di mira lo stesso obiettivo?

Di fronte alla domanda posta come argomento, la risposta può essere ampia, perché c’è un virus che può essere fatale, nonostante molti anni trascorsi le durate sociali, abitudini e comportamenti inappropriati sono stati incoraggiati e trascurati per una corretta convivenza dei cittadini, ci sono state una gestione incoenne nel confronto con la pandemia, a causa delle esigenze insoddisfatte della famiglia cubana , poiché purtroppo il livello culturale si è abbassato e l’indisciplina sociale è quasi un male endemico, l’elenco delle cause può essere lungo. L’obiettivo deve essere quello di lavorare con rigore, autorità e responsabilità in ogni modo, la corsa alla sconfitta della SARS-CoV-2 ha dimostrato che può essere nefasta. Se facciamo tutti quello che facciamo tutti bene, verrà il momento in cui scopriremo i nostri volti, l’incubo sarà un ricordo e la colpa sarà solo una linea guida che indica cosa dovrebbe essere cambiato prima dei prossimi concorsi.

[1] I cinque indicatori statistici assunti come modelli di salute in modo che il passaggio da una fase all’altra possa essere eseguito sono: tasso di incidenza, indice riproduttivo, casi attivi, numero di casi positivi con fonte nota di infezione negli ultimi 15 giorni ed eventi di trasmissione locali.

[2] Entroterra: Parola dalla lingua tedesca ampiamente utilizzata negli studi di storia locale. Alludendo a un’area storica di influenza fondiria o a quella esistente intorno a una città, è sempre una tassa sulle infrastrutture logistiche per una capitale.

[3] Media: espressione popolare a Cuba che indica lo perdere tempo, vagare senza scopo, fermarsi per qualche tempo in un posto per accompagnare qualcuno.

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*