Anno giubilare nel bel mezzo della pandemia

Hermanas Misioneras Siervas del Espíritu Santo

La celebrazione giubilare per venticinque anni di presenza a Cuba al servizio dell’evangelizzazione è stata molto atipica per le Suore Missionarie siervas dello Spirito Santo. L’arrivo del Covid-19 sull’isola lo scorso marzo li ha costretti a migliorare il previsto. Spinti dalla spiritualità trinitaria che li definisce (Padre Creatore, Figlio Redentore e Spirito Santo Santificante), hanno deciso di adeguare il loro carisma missionario, caratterizzato dall’annuncio del Vangelo, e di renderlo presente in spazi dove non è arrivato, la sua conoscenza è insufficiente o, semplicemente, dove sarà necessario collaborare a ciò che è già stato fatto.

Un po’ di storia

Le Missionarie Missionarie della Congregazione Siervas dello Spirito Santo furono fondate a Steyl, in Olanda, l’8 dicembre 1889, da Sant’Arnoldo Janssen e dai beati Maria Elena Stolenwerk e Josefa Stenmans. Oggi riunisce tremila suore, distribuite in cinquanta Paesi in tutti i continenti. Come religiosi, vivono in comunità internazionali e multiculturali, che cercano di essere segni visibili dell’unità e della diversità della Chiesa nella sua missione di annunciare il Vangelo.

Al loro arrivo a Cuba il 22 marzo 1996, le sorelle fondarono una casa nel villaggio di Nicaro, Holguin, dove rimangono ancora. In seguito, aprirono la comunità a Niquero e Bartolomé Masó-Yara, rispettivamente nelle diocesi di Bayamo-Manzanillo e Holguin. Vedendo la necessità di trovare a L’Avana, hanno chiuso la comunità di Masó e si sono stabiliti nell’arcidiocesi dell’Avana nel 2015, nel comune di Arroyo Naranjo, dove hanno trovato una realtà sociale che richiedeva azioni più concrete e rischiose. La caratteristica del servizio missionario delle suore è lavorare insieme ai Padri della Parola Divina (padri verbiti), perché condividono la spiritualità e il carisma dello stesso fondatore.

Dal loro arrivo nel territorio di Habanero, le suore hanno deciso di rispondere dal servizio del loro carisma alle esigenze pastorali dell’arcidiocesi. Così, nella missione permanente di accompagnare la catechesi e di condurre dalla loro spiritualità vocativo e familiare pastorale, hanno iniziato a frequentare, insieme ai padri verbiti, una sala da pranzo nella cappella della Madonna del Sacro Cuore (opera in cui sono stati continuati a lavorare durante questa fase di pandemia).

Hermana Miriam Pérez (SSpS).
Hermana Miriam Pérez (SSpS).

Molti volti e un solo cuore

Proprio all’inizio dell’anno giubilare per i venticinque anni di presenza a Cuba, Palabra Nueva ha parlato con la sorella cilena Miriam Pérez (SSpS), che è nel nostro Paese dal 22 dicembre 1997. Giorni dopo la nostra conversazione, la realtà del mondo e dell’isola è cambiata in presenza del Covid-19.

Come ci ha detto suor Miriam, il sogno del suo fondatore era che le sorelle raggiungessero ogni angolo del mondo e formassero comunità multiculturali, in mezzo a società con una cultura molto diversa.

“Una delle richieste della comunità è che quando arriviamo nel paese in cui saremo missionari, parliamo la loro lingua. Se non lo padroneggiamo, dobbiamo studiarlo e impararlo. Ma non basta padroneggiare la lingua, è importante conoscere la cultura del paese, i costumi, come si parla, che connotazione hanno certe espressioni. Ciò significa che il nuovo arrivato ha bisogno di un anno o forse due per entrare un po ‘ di più nella cura pastorale della missione”.

Una volta dove si sistemano, come vengono coinvolti con gli obiettivi della diocesi?

“Naturalmente il nostro carisma è conforme alle esigenze della diocesi. Ad esempio, la presenza unica delle suore a Nicaro diceva già molto, perché lì non sapevano nulla della vita religiosa. Abbiamo lavorato secondo la richiesta delle persone, da ciò che stavamo osservando nei loro comportamenti. È stato come scoprire dal sito della missione dove e come rispondere. Ricordo che l’allora vescovo di Holguin, l’arcivescovo Hector Luis Peña, ci disse: “Sorelle, e la vostra presenza qui dice molto”.

“Poi siamo andati a Niquero. Stabilirsi lì era come un segno della presenza di Dio in mezzo a un villaggio appartato. Il nostro arrivo coincise con la nomina della diocesi; quello che abbiamo fatto lì andava bene perché era necessaria qualsiasi azione. Il passaggio dell’uragano Denis attraverso l’area ci ha reso più impegnati con la comunità in senso generale, cattolico o non cattolico, e allo stesso tempo sentirlo, attraverso di noi, più identificato con la Chiesa. Già all’Avana, assumiamo realtà più concrete dal nostro impegno sociale.

Veinticinco años de presencia en Cuba
Veinticinco años de presencia en Cuba

Anno giubilare nel bel mezzo della pandemia

Dopo un primo incontro, abbiamo contattato di nuovo l’Hna. Miriam per conoscere la missione della comunità del tempo del Covid.

In che modo la comunità ha vissuto il suo carisma e la sua spiritualità in questo periodo di pandemia e, guarda caso, di celebrazione giubilare?

“Internamente, abbiamo trascorso più tempo a pregare in comunità, a creare una preghiera di ringraziamento per i venticinque anni e a cercare di pregarla ogni giorno. Intendiamo porre fine alla pandemia, e a questo aggiungiamo le intenzioni che la gente ci chiede, per i malati delle comunità cristiane, per i nostri parenti che sono lontani da noi, per la nostra congregazione che ha dovuto sospendere il Capitolo Generale dopo essere stata tutta organizzata. Ci piacciono alcuni film insieme, condividiamo letture e rimaniamo informati su ciò che sta succedendo.

In che misura vivere in mezzo alla gente, nelle attuali circostanze del paese, condivide lacune e difficoltà, li aiuta a svolgere la loro missione o no?

“Con la nostra presenza e vicinanza accompagniamo le persone con azioni caritatevoli. Questo è stato un anno giubilare del Ringraziamento, perché abbiamo sperimentato l’amore per gli altri specialmente in mezzo a questa situazione molto complessa. Dalle sale da pranzo che frequentiamo a Niquero, insieme alla Caritas, abbiamo aiutato un gruppo di persone bisognose ogni mese. All’Avana, il martedì e il venerdì, con i Padri della Parola Divina, cuciniamo e offriamo cibo in una sala da pranzo nella cappella della Madonna del Sacro Cuore (opera in cui abbiamo continuato a lavorare durante questa fase di pandemia; è stato solo un giorno e ne aggiungiamo un altro).

“Per la festa del papà, abbiamo dato a venticinque di loro una piccola borsa da caffè e un timbro del sacro cuore. Ad agosto, siamo andati a fare una passeggiata e abbiamo fatto uno spuntino alle persone bisognose. Inoltre, abbiamo dato un sapone confezionato a venticinque famiglie e questo stesso numero di bambini si trovava, in condizioni vulnerabili, a cui è stato dato un modulo contenente bevande analcoliche, biscotti, yogurt … In Oriente, ad altri venticinque fu dato uno zaino; non è stato facile, ma a poco a poco è stato raggiunto.

“Stiamo anche facendo la “pastorale telefonica”; cioè, chiamiamo le persone che hanno bisogno di essere ascoltate e accompagnate, che siano più anziane e vive sole o perché sono malate”.

Sono stati visti attivamente anche sui social media. È stata un’iniziativa di questi tempi o qualcosa che avevano già e continuavano?

“Abbiamo creato un gruppo WhatsApp, ‘Lay Oremos’, con persone della parrocchia di Santa Lucia, del Santo Calvario e del Sacro Cuore per pregare per la realtà del mondo e per le intenzioni di chi appartiene al gruppo. Condividiamo le riflessioni domenicali delle diocesi di L’Avana e Bayamo-Manzanillo.

“A metà marzo di quest’anno abbiamo realizzato un video in occasione del nostro Anno Giubilare e lo abbiamo condiviso sui social media con una breve panoramica storica della nostra presenza come congregazione a Cuba, del processo che abbiamo fatto finora nei luoghi e negli apostolati che abbiamo.

“Al Gruppo dei Giovani Missionari della Santissima Trinità (JMST), poiché la missione estiva che svoliamo ogni anno non è possibile, vi chiediamo di vivere il vostro spirito missionario nelle parrocchie, e nella misura in cui avete potuto farlo. Con loro cerchiamo di rimanere in contatto e in comunione attraverso WhatsApp. Le comunità di Nicaro e Niquero, già nella terza fase, hanno cercato di mantenere la cura pastorale con la cura necessaria”.

Significa che questo è stato un momento di creatività…

“Tutto quello che ho condiviso con voi prima, l’abbiamo fatto ispirandovi al testo biblico in cui Gesù dice: ‘Tutto quello che fai a mio fratello, me lo stai facendo’. Siamo anche motivati dalle parole lasciateci dal nostro padre fondatore: “Siate conosciuti, amati e glorificati di Dio Uno e Trino, l’onnipotenza del Padre, la saggezza del Figlio e l’amore dello Spirito Santo”. Questo è ciò che abbiamo voluto riflettere con la nostra presenza e con le opere caritative che abbiamo fatto. Ciò che viene ricevuto è più che sufficiente: un sorriso, gratitudine, fiducia, amore… In questo modo, abbiamo adattato il nostro carisma e spiritualità a un Anno Giubilare accompagnato da una pandemia, essendo creativi in un momento di crisi per il mondo. Continueremo a lasciare che lo Spirito Santo ci guidi in questa missione qui a Cuba. ‘O Spirito Santo, che dono vuoi offrire al mondo attraverso di noi?'”

Un’ultima domanda, come vive la Congregazione, presente in tante parti del mondo, in questo periodo di pandemia?

“Con l’interesse di sapere come la nostra vita e la nostra missione sono influenzate in tutto il mondo dal Covid-19, la Congregazione ha deciso di creare una e-newsletter interna per tutta la durata della pandemia. Questa iniziativa promuove la solidarietà in tutta la comunità e condivide informazioni su ciò che fanno le sorelle nei cinque continenti in cui siamo presenti. Da Cuba, abbiamo condiviso le esperienze vissute nelle nostre tre comunità, anche la realtà della Chiesa e della società nel suo insieme”. Ω

Faccia il primo comento

Faccia un comento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*