Quattro Giselles abbaglianti, quattro anni dopo

Giselle BNC en Kennedy Center de Washington 2018

Gre y Quenedit final de GiselleÈ una sfida per questo cronista, come unico critico di danza dell’isola e testimone oculare di questo storico evento artistico per le due nazioni coinvolte – Cuba e gli Stati Uniti d’America – esprimere con parole giuste prive di ogni sciovinismo, o conquiste nazionaliste oltraggiose, le notti magiche dispiegate dal National Ballet of Cuba (BNC) nella Sala Eisenhower , l’ambientazione principale del John F. Kennedy Center for the Performing Arts, ai margini del fiume Potomac nella capitale degli Stati Uniti.
E per coloro che potrebbero non conoscerne il significato, oserei sottolineare l’effimero: sono passati quarant’anni dall’ultima volta che il BNC ha ballato in quel paese e nella stessa scatola scenica, con l’esente Alicia Alonso nel suo ruolo paradigmatico di Giselle. Inoltre, tra le altre ragioni convincenti, questa leggenda vivente e gloria della danza americana (la sua carriera ha raggiunto la vetta negli Stati Uniti negli anni Quaranta e Cinquanta del secolo scorso), attualmente CEO della compagnia e sua cugina assoluta ballerina, era presente con tutta la vitalità augusta delle sue novantasette sorgenti.
Gloriosamente, grazie ai gentili del caporedattore della rivista Danza Hoy in spagnolo e del servizio stampa del Kennedy Center, ho potuto valutare le diverse e notevoli consegne (tutte ovate in piedi) dei quattro calchi selezionati dalla direzione artistica del BNC, con lo scopo di abbagliare con il suo virtuosismo tecnico l’esigente pubblico cosmopolita che ha partecipato a questa importante istituzione , dal 28 maggio al 3 giugno 2018.
Citerò in volo di penna, alcuni segni che denotano ingenuità o ignoranza in termini di balletto e del suo repertorio canonico, provenienti da un settore dell’assistente del pubblico alle rappresentazioni di questo classico, controllandone le repliche spontanee e gratificanti (a volte fuori dal tempo) di fronte ai molteplici colpi di scena; il carico con aria di sfida; salti con un ballon notevole; gli arabeschi difficili da gestire tenuti; così come gli equilibri nel punto; chenées sulle diagonali di vertigini; tour o passeggiate a la seconde, tra gli altri. Allo stesso tempo, la pantomima si sviluppò con chiarezza interpretativa e, in certi momenti, i colpi di umorismo provocarono risate discrete: ad esempio, nella scena dell’Atto I quando Giselle e il Duca snoverranno la margherita; o quando si traveste da abitante del villaggio e dimentica la sontuosa spada in vita.
Di conseguenza, per una migliore comprensione degli spettatori neofiti, trovo opportuno raccontare l’argomento concepito da Théophile Gautier, ispirato a una popolare leggenda tedesca raccontata da Heinrich Heine, secondo la ricostruzione della scrittura coréutic eseguita abilmente da Alicia Alonso orlo, dall’originale di Jean Coralli e Jules Perrot (secondo la versione rilasciata nel 1841 dal Ballet de L’Opéra de Paris) , con supporto musicale composto da Adolphe Adam. Indubbiamente, passando dalla coreografia ad altre compagnie, fu arricchito o contaminato da vari contributi, come quelli dell’eminente maestro Marius Petipa durante la sua preminenza nei balletti della Russia zarista.
In sostanza, qui viene raccontata la storia di una contadina assediata o corteggiata da due pretendenti: uno di loro è il Duca di Slesia travestito da abitante del villaggio e l’altro è Hilarión, il ranger. La bella Giselle fugge da casa sua nella stagione del raccolto per divertirsi con i suoi amici e il corteggiatore preferito: il duca travestito. Ma sua madre, Bertha, è preoccupata per la fragile salute di sua figlia, e alla fine rientra in lei a casa, temendo che esagererà e si trasformerà in un wili (anime tormentate di giovani fanciulle morte prima dei loro matrimoni).
Sfortunatamente, quando Giselle viene incoronata regina del raccolto, la rivalità tra il duca e il ranger viene riscaldata, irrompe nel villaggio l’entourage di una caccia reale in cerca di rinfreschi e riposo, quindi il duca viene scoperto come membro della regalità da Hilarión, e Giselle perde la testa perché scopre che il duca è impegnato in un altro del suo genere , e lui muore.
Nell’atto II, l’azione si svolge prima che la tomba di Giselle sia installata in una radura forestale. Hilarion sta singhiozzando sulla tomba, mentre altri abitanti del villaggio cercano di tenerlo lontano e togliergli la pena dalla testa. Poi appaiono strane luci (come fuochi fatuosi): i Wilis annunciano così il loro arrivo e la gente del posto esce in fuga. Quando Giselle emerge, Myrtha, la regina dei Wilis, celebra la sua iniziazione alla fratellanza e le ordina di ballare con il duca fino alla sua morte. Nel frattempo, i Wilis videro Hilarion. Ma l’amore di Giselle per il Duca è sopravvissuto alla sua morte, e cerca di salvarlo. L’aurora annuncia il suo arrivo, il duca viene salvato, i Wilis si dissipano alla luce del giorno e Alberto si getta sulla tomba e sul dolore per sempre.
Indubbiamente, il corpo di ballo femminile ha ribadito la sua professionalità e disciplina in due atti, ma si è rivelato incomparabile, riferendosi, nelle sue eleganti “manovre” del secondo atto spettrale: impeccabile nel transito dei wilis in una posizione arabesca – dal coté cour al coté jardin; le due diagonali con sorprendente precisione e sincronia nei loro port des bras e nei port des tetes – che hanno incitato a un applauso ravvicinato – solo per citare i più rilevanti.

Giselle BNC en Kennedy Center de Washington
Giselle BNC en Kennedy Center de Washington

Tre presidi alternarono il ruolo di partenza, due con-sacri come Viengsay Valdés (elettrizzante per la loro affidabilità nell’esecuzione e passione della loro proiezione scenica) e Sadaise Arencibia (una dimostrazione di lirismo ed eleganza nella linea); Inoltre Grettel Morejón (giovane debuttante raffinato, con una consegna fresca e personale). Ognuno ha mostrato le sue personalità distintive donandoci l’abitante del villaggio tradito in tutte le sue sfumature, nelle sue tesituras, coerenti con le esigenze drammaturgiche del ruolo: anche nella figura spettrale del wili, ballando fino alla morte. Qui, ognuno esponeva la sua esperienza nelle batterie difficili, o nei soubresaut italiani, o nei piccoli battements.
Il BNC dimostrò, in questa occasione, di possedire una fanteria maschio ad alto carato, anche se alcuni si rivelano essere bisonti. Notevoli furono gli alternatori nel ruolo di Alberto: Dani Hernández (l’unica etile del BNC fino ad oggi), con le sue nobili dimensioni da danseur e le belle gambe lunghe, con passaggi lavorati; i ballerini principali Raúl Abreu e Patricio Revé (evidenti talenti in telai, a un passo dalla nomina a presidi). Due eccellenti ballerini demi’charactére si alternarono nell’esecuzione dell’importante personaggio di Hilarión, fu il caso di Ernesto Díaz, con confermata veteranità, e del giovane debuttante Ariel Martínez, entrambi rivelarono le sue qualità istrioniche e l’atletica di un ranger.
Evidenzieremo il notevole rigore nella consegna delle virtuose variazioni di Ginett Moncho (Myrtha, regina del wilis), o del duo alternato come il Wilis Moyna e Zilma, nella pelle della giovane Chavel

Giselle BNC en Kennedy Center de Washington 2018Giselle BNC en Kennedy Center de Washington 2018
Giselle BNC en Kennedy Center de Washington 2018

a Riera e Ivis Díaz o Ely Regina e Barbara Fabelo (abbaglianti nei loro renversés o nei rispettivi Assemblés).
In questa versione, Alonso ha sostituito, nel primo atto, il tradizionale pas de paysains con un pas de dix festoso e brillante, dove i solisti si distinguono per la loro tecnica e musicalità, e i personaggi compositici acquisiscono una rilevanza non concessa in altre produzioni, come Bathilde, la fidanzata del Duca e Berthe, madre di Giselle.
Riconosciamo, prima di concludere, che mentre alcuni oggetti di scena e costumi del primo atto sono affaticati, suscettibili al rinnovamento, sia nei loro colori che nelle loro figurine, il resto in produzione mantiene le corrette condizioni sceniche. Per quanto riguarda il secondo, la sua produzione e messa in scena continua a significare il Grand Prix de Paris, ricevuto diversi anni fa al Festival degli Champs-Elysyses.

Non sarà inutile sottolineare l’eccellente performance musicale della Kennedy Center Symphony Orchestra, questa volta sotto la direzione del maestro cubano Giovanni Duarte, che ha beneficiato delle grandi puntate della sezione wind-metal e dell’arpista Susan Robinson. Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*