L’Avana è un cimitero cinematografico

El cine Reina es la sede de la Compañía de Danza de Tony Menéndez.

Al poeta e amico Juan Carlos Flores, che suggerì l’argomento.

Nel 1959 fu creato l’ICAIC e il cinema, per la prima volta, iniziò a raggiungere siti mai sospettati prima. Le immagini di sfondo mostrano l’edificio in cui si trovano il Chaplín Art Cinema e la sede dell’ICAIC. In primo piano: una cornice del primo documentario antologico di Octavio Cortázar.

Regola, la misura di molte cose

Tutto cambia. Noi, quelli precedenti, non siamo più gli stessi. Questa dinamica della natura che provoca trasformazioni negli esseri esistenti nel tempo è un fatto ragionevole; ma cambiare volontariamente il volto di un popolo è un pugno al cuore del suo popolo.
Qualche giorno fa ho attraversato Regla, dove quasi nulla assomiglia ai tempi in cui studiavo in uno dei suoi superiori. Al parco di via Martí gli presero gli allori e portarono via la struttura che lo rese più piacevole e unico. Ha perso il suo fascino. Oggi è uno dei parchi più spaventosi che abbia mai visto, e così raro per la mia esperienza che, nonostante io sia seduto su una delle sue panchine, non ho potuto evocare in esso quei giorni giovanili che vent’anni fa qualsiasi angolo di Regla era ancora in grado di ricordarmi.
Distruggi un parco per peggiorarne un altro, taglia ingiustificatamente gli alberi che hanno sempre accompagnato un viale, modifica gli edifici o polverizzali senza motivi che obbediscono a volontà ostinate e sensibilità crude … è come smembrare un corpo, rimuovere un pezzo di identità.
È doloroso che queste cose accadano senza che nessuno sia in grado di evitarle; e così agonizzante il Teatro Musicale e il Martí, l’isola di Conny, e così tanti siti che rimangono in uno stato di abbandono o non lo sono più. La volontà di preservare e restaurare storicamente è quasi solo dove passa la tasca del turista.

Ma questa potrebbe essere un’altra storia

Mentre attraversavo l’angolo tra le strade Martí e Agramonte, nelle mie passeggiate a Regla, ho avuto l’impressione che fosse caduta una bomba: il Cine Céspedes non ha più tetto o pareti… È completamente distrutta. E questo non è l’unico caso. L’Avana, oggi, è un cimitero cinematografico.

La rivoluzione cinematografica nella rivoluzione

Nel 1959 con la legge n. 169 fu creato l’Istituto cubano di arte e industria cinematografica (ICAIC) il cui presidente era Alfredo Guevara. Guevara aveva studiato filosofia e lettere e fatto studi di apprezzamento del cinema all’Università dell’Avana. Come presidente dell’ICAIC ha sviluppato progetti culturali, organizzativi e tecnici per lo sviluppo della nuova cinematografia cubana. Da allora ad oggi, è stato una persona indispensabile nella storia del cinema cubano e del nuovo cinema latinoamericano e caraibico.
Il cinema cubano che ha trovato la Rivoluzione era un’imitazione non esattamente del meglio del cinema internazionale. ICAIC ha stabilito nuove prospettive estetiche, concettuali, strutturali ed economiche per promuovere il nuovo cinema, formando molti registi e tecnici nella pratica.
All’inizio la cinematografia usava le correnti del momento, come il neorealismo. Infine, la ricerca della propria identità fu imposta con i film La morte di un burocrate (1966) e Memorie del sottosviluppo (1968) di Tomás Gutiérrez Alea e Lucia (1968) di Humberto Solás.
Durante i primi dieci anni della sua creazione ICAIC promosse coproduzioni con paesi dell’Europa occidentale come Francia e Spagna guidate da artisti cubani o stranieri. Il numero di spettatori aumentò e i media si moltiplicarono per la conoscenza popolare del cinema. Sono emersi progetti di dibattito cinematografico, workshop, programmi televisivi e radiofonici, oltre all’importante lavoro svolto dalla Cinemateca de Cuba.

Il cinema ha raggiunto siti mai sospettati prima attraverso il cinema-mobile e, come risultato di tutto questo sforzo, ha creato non solo un gusto ampiamente popolare per il cinema ma anche uno spettatore più analitico, ben informato ed esigente delle complessità della settima arte.
Nello stesso decennio sono state presentate produzioni provenienti da 15 paesi, di cui gli Stati Uniti hanno presentato 210 film, il Messico con 53 e la Francia con 30. Nel 1970 le anteprime più frequenti corrispondevano alla cinematografia dei paesi del campo socialista (URSS, Ungheria, Polonia con 53), seguite dal Giappone con 23, dalla Francia con 14 e dalla Spagna con 10. Nel 1980 le statistiche riflettono questa situazione più diversificata, poiché la partecipazione di film provenienti da Inghilterra, Italia, Francia e Stati Uniti è aumentata di un totale di 46, naturalmente superata da un gran numero di film provenienti dal campo socialista con 61. Nell’anno 90 la maggior parte delle anteprime (che non erano più tante come negli anni precedenti e saranno sempre meno fino ad oggi) corrispondono a film americani che raggiungono i 21, più 19 del campo socialista e 6 di Cuba.
La partecipazione del pubblico nei teatri ha registrato il suo tasso più alto negli anni ’70, in cui il primo anno è stato di 107,5 milioni di spettatori con una frequenza di 12,5. Questa cifra inizierebbe a ridursi al punto che nel 1990 gli spettatori scesero a 46,9 milioni con una frequenza di 1,8. Questo comportamento è considerato simile al resto del mondo, principalmente a causa del video.
A Cuba, le Provincial Exhibition Companies, attraverso le loro Direzioni Provinciali del Cinema, hanno poi deciso di attuare una serie di misure per stimolare la partecipazione degli spettatori nei cinema. Alcuni di loro erano biglietti gratuiti per i bambini accompagnati da adulti, accompagnati da gentiluomini, e una riduzione del 50% dell’ingresso a coloro che avevano più di 60 anni. Niente di tutto ciò, tuttavia, potrebbe aumentare il numero di spettatori come in altri anni.
E’ indiscutibile che la cinematografia cubana della rivoluzione è stata inestimabile come mai prima d’ora, creando – allo stesso ritmo della sua evoluzione – una cultura del cinema nella popolazione. Ciò è venuto per istituire importanti istituzioni nel paese, come la sezione film, radio e televisione dell’UNEAC nel 1977, la Scuola internazionale di cinema e televisione di San Antonio de los Baños nel dicembre 1987 e la facoltà di radio, film e televisione dell’Istituto superiore d’arte nel 1989.
Nel 1979 si tenne a L’Avana il primo Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano, che da allora in poi offre ogni anno la possibilità di conoscere la cinematografia dell’America Latina e dei Caraibi e buoni campioni cinematografici provenienti da altre regioni del mondo.
Dietro questo vero successo ci sono la volontà, la passione, la forza d’animo e l’audacia di persone degne di alta considerazione etica e professionale, che hanno vissuto per e dal cinema in tempi favorevoli o avversi, come i venti sono stati soffiati; le cui persone sono così tante che non è possibile menzionare in quest’opera per ragioni di spazio.
La nostra cinematografia non poteva evitare l’inclementità del periodo speciale, tra le cui misure c’erano la chiusura dei cinema, le restrizioni sull’orario delle funzioni in giorni e ore, meno anteprime del cinema mondiale, meno produzioni nazionali… Tuttavia, l’ICAIC ha fatto del suo meglio per continuare a offrire i suoi cicli cinematografici a Cinemateca, pur esibendo a quel pubblico amante del genere che l’istituzione aveva formato. È sorprendente che, in quei giorni in cui tante cose sono diminuite, sia emerso un film di buone bollette come Strawberry and Chocolate, il cui abbraccio finale dei protagonisti costituisce uno dei momenti più umani ed eticamente sobri del cinema cubano.
Il Progetto 23 è stato inaugurato nel marzo 2002, una risposta ICAIC alla crisi cinematografica che ha colpito il paese. Il progetto, che prevede la diffusione di film in 35 millimetri, in formato VHS, DVD e DVCAM, offre il meglio della cinematografia mondiale. Questo progetto mantiene anche la conservazione dei cinema che comprende (La Rampa, Yara, Riviera, Chaplin, 23 e 12 e il Centro Culturale dell’ICAIC); anche se ha lo svantaggio che avvantaggia solo i cinema 23rd Street, è un esempio di ciò che si potrebbe fare con volontà e passione, nonostante le poche risorse.

I cinema non erano la stessa fortuna

Ma non era tutto rosa. Mentre si può parlare di una rivoluzione della cinematografia cubana e della formazione non solo di un professionista del cinema ma anche di uno spettatore capace di conoscere e giudicare il meglio del genere in tutto il mondo, va anche detto che i cinema non hanno avuto lo stesso destino.
La legge 169 del 1959, che ha creato l’ICAIC, è una legislazione molto ben concepita ed è stata applicata come stabilito dalla sua lettera e dal suo spirito. Tuttavia, non c’è un solo termine nel suo corpo giuridico che allude a quell’importante aspetto del cinema così come lo spazio in cui la produzione è completamente consumata: la stanza buia in cui si trova il destinatario dell’opera d’arte. Tutto ciò che stabilisce riguarda l’industria cinematografica, la distribuzione e l’esposizione delle sue produzioni, ma non riguarda i cinema anche se da allora e per quasi diciassette anni appartenevano a questo corpo.

En el cine Palace hay una vivienda.
Nel cinema del Palazzo c’è una casa.

Fin dai primi momenti in cui il direttore della fotografia è stato mostrato a L’Avana, i teatri e alcuni luoghi appositamente abilitati sono serviti per svolgere funzioni cinematografiche; ma non passò molto tempo prima che si presentasse i primi. Nel primo decennio della Repubblica c’erano già, poiché l’industria cinematografica sarebbe diventata un’azienda sempre più ambiziosa. I primi distributori cinematografici apparvero nel 1905: Chas Prada e Santos y Artigas, e nel 1908 sette erano già stati contati. Nel 1910 c’erano circa 200 stanze di 35 millimetri nel paese, con una capacità di circa 70 mila posti a sedere. Dieci anni dopo c’erano 350 stanze per una capacità di 135 mila spettatori.
Nel 1940 le stanze erano diminuite da 500 esistenti a 373, ma il tasso di spettatori aumentò a 214.200. Il declino fu dovuto al fatto che molti dei cinema erano già locali inappropriati, poiché lo sviluppo del genere, e le richieste del pubblico, richiedevano condizioni migliori per goderlo.
Se guardi i preziosi annuari cinematografici cubani puoi vedere una diversità di proprietari di teatri, alcuni dei quali molto impegnati a farli prosperare sempre di più. È comprensibile che sia stato così, poiché lo spettatore meritava un ambiente ideale. Le camere si sono diversificate in categorie in base alle loro dimensioni, al loro comfort, alla posizione in cui si trovavano e alla qualità delle loro proiezioni.
Nel 1945 la nostra capitale fu tra le prime in America con più cinema. All’Avana ce n’erano 109, più di Washington (64) e Messico (97); L’Avana fu superata solo dalla capitale Argentina (192) e Brasile (124). All’epoca le stanze più grandi della nostra città erano Blanquita (6 mila 730 posti), Radio Cine (2 mila 600) e Astral (2 mila 400).
Negli anni ’40-’50 gli imprenditori aumentarono la costruzione di cinema in tutta l’isola, il che influenzò l’aumento degli spettatori di oltre dieci milioni. Questo aumento delle capacità ha aumentato i profitti per i distributori. È vero che i distributori hanno fatto molti soldi, ma non è meno vero che il pubblico poteva pagare, perché aveva opzioni e prezzi cinematografici. In effetti, è noto che il cubano ha speso lo 0,7% del reddito nazionale per il cinema.
Nel 1950 c’erano 521 cinema sul territorio che offrivano più di 361 mila 900 capacità. Di questi, più di 140 hanno superato i mille posti e il numero di spettatori è stimato in 57,2 milioni. La raccolta, la più alta registrata nella Repubblica, è stimata in 16 milioni.440 mila, superata da tutti gli anni successivi al 1990.
In questo periodo molti imprenditori crearono circuiti con tre o più cinema. Nel 1958 erano 30 che raggruppavano 170 stanze con una capacità di 167 mila 81 posti. Il cinema era diventato una fonte considerevole di lavoro con circa 8.000 lavoratori impegnati in diverse attività. Nella Capitale il dato ha superato i 3.800 dipendenti con stipendi che vanno da un minimo di 120 pesos a 500. Secondo fonti ufficiali del settore cinematografico, circa 12 milioni di pesos venivano pagati come salari all’anno.
Negli anni ’50, l’Avana, come Parigi, era anche una festa, e allo stesso tempo l’inferno. C’era malcontento per Batista, ma la sua repressione coesisteva con una curiosa scena artistica ricca e diversificata. Programmi di partecipazione in radio e televisione, teatro, circo, sale da ballo, club sociali, molteplici spettacoli musicali all’aperto e altri luoghi di incontro popolari come caffè e bar … riempito la popolazione di opzioni, e trasformato la notte in giorno.
Il cinema è stato nel più splendido dei suoi momenti a Cuba. C’era un numero considerevole di sale di anteprima, dotate del massimo comfort e delle migliori tecnologie in cui sono state esposte le ultime potenze cinematografiche europee, americane e le due potenze cinematografiche latinoamericane di quei tempi: Argentina e Messico, persino film russi e il resto dell’Europa orientale. Da questo boom ne beneficiò la Chiesa cattolica, perché attraverso il Centro Cattolico per l’Orientamento Cinematografico affittò cinema e offrì funzioni di dibattito cinematografico in stanze come El Duplex, 23 e 12, Trianón, La Rampa ed El Focsa.
Allo stesso tempo, i cinema di quartiere proliferavano, che erano modesti ma confortevoli, come quelli di Avenida de Belascoaín, che erano cinque stanze molto visitate.
Nel 1958 le camere offrirono una capacità di 396 mila 100 spettatori a Cuba, la cui cifra non fu mai superata prima o dopo.
La Rivoluzione non troverebbe l’autentica cinematografia cubana, ma molti buoni cinema. Non so se questa situazione abbia influenzato la legge istituita dall’ICAIC a non raccogliere nulla su di esse. Ciò che è chiaro è che sono stati tutti intervenuti e trasmessi allo Stato, controllato dall’ICAIC fino al 1976, quando hanno iniziato ad essere amministrati dagli organi del Potere Popolare. Da allora, le Aziende Espositori Cinematografiche di ogni provincia sono state trasformate in Direzioni Cinematografiche Provinciali, le cui funzioni includono la gestione di cinema e video sale. Forse la decisione l’ha incoraggiata ad essere ottime pretese, ma in realtà è stato un colpo più avverso per i cinema. Le statistiche lo dimostrano. Nel 1952, 131 cinema furono offerti a L’Avana. Quando la Rivoluzione trionfò, ce n’erano quasi 150. Nel 1980 sono diminuiti di 22 per un totale di 109. Dieci anni dopo, 28 camere sono diminuite per un totale di 81. Dopo soli tre anni, nel 1993, 25 hanno smesso di funzionare e ne sono rimasti 56. Oggi nella Capitale operano 58 sale cinematografiche, quindi dal 1980 ad oggi 51 di loro hanno cessato di offrire servizi, cioè quasi la metà.
Si tratta di un evento davvero allarmante, soprattutto perché l’uscita implacabile e apparentemente inevitabile dai cinema va avanti da molti anni; non è stato nemmeno fermato dalla prosperità economica esistente nella seconda metà degli anni ’80. Nulla ha a che fare con il declino degli spettatori che ha iniziato a essere vissuto in quel decennio, che è un’esperienza globale. Né è stato come risultato del periodo speciale guidato e portato, a cui tanta debacle hanno incolpato; perché se è vero che da 90 a 93 25 cinema hanno cessato di funzionare, dagli 80 ai 90 hanno smesso di fare 28, cioè più che durante gli anni sanguinosi della nostra crisi economica.
Cosa è successo o non succede più – lo saprai – in modo che gran parte dei nostri cinema non funzioni più? Altri lasceranno ancora il servizio? Quanti ne terremo?
Vedere. Nel Centro Habana smisero di offrire le funzioni 18, e il 10 ottobre, delle 16 esistenti nel 1980, ne rimangono solo 8. Nei comuni di Arroyo, La Lisa e Habana Vieja lasciarono il servizio 3 cinema; e sulla collina 4. A Guanabacoa e al Pappagallo ce n’è solo uno.
E cos’è successo ai teatri usciti dal servizio pubblico?
Per citare alcuni casi, il karate è praticato nei cinema Esmeralda, Neptuno e Cuba. Nel Palazzo c’è una casa. Lo stufato è un negozio. Gli commestibili sono talvolta venduti a Bayamo. I concerti musicali sono disponibili presso jiguee. Le lezioni di danza sono date nella Regina. El Trianón ospita il gruppo teatrale guidato da Carlos Díaz. The Favorite è il quartier generale del Progetto Modern Dance Company di Narcissus Medina. Il cinema Astral è la sala ufficiale di incontro ed evento dell’Unione dei Giovani Comunisti.
Altre stanze rimangono chiuse in attesa, come l’arpa in polvere della poesia di Bécquer, che qualcuno un giorno suoni le loro corde e riveli la loro melodia …
Quei cinema di quartiere in cui sono stati offerti film interessanti vent’anni fa hanno praticamente cessato di esistere. Si consideri, ad esempio, che Guanabacoa è uno dei comuni più grandi della capitale con 127 chilometri quadrati e, dei 3 cinema che c’erano, rimane solo uno; e nella regola… beh, nessuno di loro.
L’altro lato del problema sono i pochi cinema che oggi danno funzioni. La maggior parte di loro ha l’aria condizionata rotta, bagni turbati e sedili inutili. Ad esempio, il cinema Alameda ha 1141 posti di cui 84 non utilizzati; l’Acapulco 1047 posti, 54 dei quali non sono sfruttati; gli attuali 781 posti, 63 dei quali non sono utilizzati; i 358 posti della Golden Eagle, di cui 30 non vengono sfruttati; I sedili Ramp 922, di cui 25 non sono utilizzati… Il Cinecito ha 6 rotazioni su un totale di 136; Payret più di 30 e Guanabo è circa 40 inutile, e questo numero è in aumento perché continuano a essere interrotti dai loro anni di utilizzo o abusati dagli utenti.

El Céspedes era el único cine de Regla. A la hora de redactar estas cuartillas la entrada no estaba tapiada.
L’erba era l’unico cinema di Regla. Al momento della stesura di questi quartieri l’ingresso non era coperto.

Le amministrazioni cinematografiche non possono fare nulla per affrontare i problemi materiali che li riguardano. Il denaro è necessario e le amministrazioni no; dipendono dal bilancio che la Giunta provinciale assegna alla Direzione Provinciale del Cinema e poi dalle priorità che stabilisce nella sua pianificazione per risolvere il grattacielo dei disagi che esistono nelle stanze dei 15 comuni. Naturalmente, il budget offerto per le riparazioni cinematografiche non è significativo quando si considera l’inventario delle difficoltà.
Mentre chattai con dipendenti e manager in alcuni teatri, mi è sembrato chiaro che tutti hanno fatto il possibile per mantenere le loro stanze il meglio possibile; ma, nonostante i loro nobili sforzi, ci sono molte cose che scivolano dalle loro mani, e perdono persino iniziative dando loro gli stessi fagioli o ceci. Non ho dubbi che anche la Direzione provinciale del cinema si sforzi di risolvere le crescenti difficoltà; ma questa istituzione dipende dalle decisioni del governo provinciale, che ha ricevuto le sale cinematografiche in un brutto momento, perché vorrei capire che cosa ha a che fare il Potere popolare con una questione che penso riguarda l’ICAIC o, in un altro caso, il Ministero della Cultura.
Un altro inconveniente delle stanze è la condotta inappropriata di non pochi spettatori, i cui atteggiamenti sconsigliati e volgari danno molto da fare ai dipendenti. Questo tipo di spettatore ingerisce generi alimentari e bevande alcoliche, altera la voce e infastidisce il resto degli spettatori.
La verità è che dopo il 1959 si può contare sulle dita di una mano dei cinema costruiti e, come è stato detto, quelli esistenti non sono sottoposti a un processo di conservazione. Il risultato è che negli ultimi 45 anni nella Capitale hanno cessato di esistere o di servire quasi cento cinema, e non conosciamo quelli che hanno cessato di funzionare nel resto del Paese.

Non è coerente che la produzione cinematografica cubana sia stata costruita e universalizzata, che siano state create istituzioni che formano e diffondono professionisti del genere anche nel mondo, e che sempre meno stanze sono in servizio. Sembra incredibile che a Cuba, dove ogni anno si tiene un New Latin American Film Festival, i cinema vengano distrutti.

El cine Reina es la sede de la Compañía de Danza de Tony Menéndez.
Il cinema Queen ha sete di Compagnia di Danza di Tony Menendez.

L’organismo meglio attrezzato di informazioni per chiarire la questione è la Direzione provinciale del cinema. È sulla 4th Street tra la 23esima e la 21esima Strada. È una casa di molti anni e mal conservata, che è stata adattata per gli uffici. La reception si trova sul portale, dove ci sono alcune sedie irregolari e scomode per i visitatori. L’interno non è chiaro e ventilato. Una pericolosa scala quasi verticale e senza rotaia, situata a destra dell’ingresso, consente l’accesso al barbecue. Il primo ufficio di questa parte superiore è un locale di circa sei metri quadrati, quasi totalmente occupato da una tavola rotonda o qualcosa del genere e archivi metallici. Una porta scorrevole, per entrare attraverso la quale devi piegare molto, ti permette di entrare in un corridoio buio dove ci sono più uffici.
È un’area sinceramente senza concerto, labirintina, penumbroso… In una parola: davvero molto scomodo lavorare e essere visitato. Per finire, non si dispone di una raccolta o di un servizio file.
Se questa è la Direzione provinciale del cinema – mi chiedo mentre aspetto sul portale di cui occuparmi – cosa ci si può aspettare dai cinema?
Mi presento qui con la puerile speranza che mi diano i dati, perché anche a 44 anni inciampo ancora e cado dalla stessa pietra; ma c’è sempre speranza. Mi identifico come collaboratore della rivista Palabra Nueva, ma lo specialista che mi serve non ha idea di questa rivista. Poi comincio a spiegare, finché non posso spiegare che il mio progetto è quello di scrivere una relazione sulla chiusura delle sale cinematografiche all’Avana. Ciò che mi interessa è sapere cosa fa o intende fare l’Istituzione per migliorare lo stato delle sale cinematografiche e impedire loro di chiudere ulteriormente. Chiarisco allo specialista che non è giusto che si faccia riferimento al problema solo senza almeno cercare di sapere quali soluzioni potrebbero esistere per sradicarlo. Lo specialista mi mostra una serie di file che mi dicono che tutto quello che devo sapere è lì, dentro quei documenti. E sembra che all’improvviso verrà compiuto un tipo di miracolo. Ma la spiegazione che mi offre è che Word New non è un organo di stampa ufficiale, che posso manipolare le informazioni e che può portare confusione …
Naturalmente questo silenzio ufficiale è problematico, pietoso e suggestivo come la difficile situazione di molti cinema

cines de la habana desde 1952-2004
Cinema dell’Avana dal 1952 al 2004

.

Negare informazioni per l’esecuzione di questo lavoro in base al quale la Nuova Parola non è un organo di stampa statale non è anche un modo per manipolare e manipolare le informazioni? Ma poi, manipolare cosa, come… se non c’è avversario peggiore per mettere in discussione questo problema e confondere le persone più dell’ovvio abbandono in cui rimangono i cinema?

* Ringrazio tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione di questo lavoro, in particolare i dipendenti del cinema con cui mi sono occupato della questione e mi hanno offerto i loro criteri. Apprezzo anche la decisa collaborazione di Arístides O’Balrill, che ha contribuito a questa rivista.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*