Nuove luci di speranza per i giovani cubani

La-Pastoral-Juvenil-se-prepara-para-la-JMJ

La partecipazione della più grande delegazione cubana alla Giornata Mondiale della Gioventù a Panama ha generato aspettative di rinnovamento e cambiamento per la Chiesa cubana.

Due anni fa Eliany Diaz non avrebbe mai immaginato che la realizzazione di uno dei suoi sogni potesse essere così vicina. È una delle giovani donne impegnate nella Chiesa che si recherà a Panama nel gennaio 2019 per celebrare la Giornata Mondiale della Gioventù (GMG), che riunirà centinaia di migliaia di ragazzi e ragazze di tutte le nazioni con l’obiettivo di far conoscere il messaggio di Cristo e creare un’atmosfera di convivenza per condividere e riflettere insieme sui temi fondamentali dell’esistenza.
Tuttavia, il suo percorso verso la partecipazione alla GMG ha portato a molti sacrifici. “Quando abbiamo saputo che questo evento si sarebbe svolto in un paese vicino al nostro, abbiamo iniziato a raccogliere fondi da soli e con l’aiuto dei nostri genitori. Siamo appena usciti per i festeggiamenti e anche lo stipendio della scuola lo ha tenuto”, ha spiegato.
Ma il mese di settembre 2017 è arrivato e gran parte del paese è stato colpito dall’uragano Irma, un fenomeno meteorologico molto dannoso. Sembrava che tutti concentrasse la loro attenzione sull’aiutare le vittime. Tuttavia, due mesi dopo, sebbene molte famiglie soffrivano ancora delle perdite delle loro proprietà, focolai di speranza arrivarono a Cuba con l’arrivo dei cartelli che presiederanno a questo importante evento.
La Croce della GMG, simbolo che rappresenta la speranza del popolo cristiano di fronte al dolore, ha accompagnato i giovani cattolici dell’Avana nel loro viaggio attraverso l’arcidiocesi, in particolare la periferia della città, dove il ciclone ha avuto il maggiore impatto.

Jóvenes-misionando-en-Río-Seco
Giovane missionario a Rio-Seco

L’accoglienza di questi distintivi ebbe luogo il 5 novembre nel comune di San José de las Lajas e poi si diressero verso la diocesi di Pinar del Río e successivamente tornarono all’arcidiocesi dell’Avana il settimo giorno dello stesso mese. All’arrivo, la Pastorale Giovanile ha organizzato un Viacrucis per le vie della capitale. Nei giorni seguenti, i cartelli visitarono i villaggi di Cojímar, Alamar, Bauta, San Antonio de los Baños e El Rincón.

Papa Francesco, autista di speranza
La capacità di sognare molti giovani come Eliany che volevano partecipare alla GMG non è stato un evento casuale, faceva parte dell’eredità che Papa Francesco ha lasciato loro nell’incontro che ha avuto con loro durante la sua visita sull’isola nel settembre 2015.
Il centro delle loro parole era destinato a motivarli a cercare nuove strade per speranza: “Apritevi e sognate, sognate che il mondo con voi sia diverso. Sogna che se fai del tuo meglio, aiuterai a rendere quel mondo diverso. Non dimenticate. Sogno.
Ma l’impatto di Francesco non è rimasto lì. L’11 febbraio di quest’anno, il Vescovo di Roma ha espresso in un messaggio che il Sinodo dei Vescovi su “Giovani, fede e discernimento vocaci” e GMG sono una buona coincidenza, poiché l’attenzione e la riflessione della Chiesa si concentrano sulle nuove generazioni.
“Anche il Signore, la Chiesa, il mondo attendono la vostra risposta a quella chiamata unica che ciascuno riceve in questa vita. Mentre la GMG di Panama si avvicina, vi invito a prepararvi al nostro incontro con la gioia e l’entusiasmo di coloro che vogliono far parte di una grande avventura. La GMG è per i coraggiosi, non per i giovani che cercano solo conforto e che tornano alle difficoltà”, ha concluso Sua Santità.
Per suor Iyala Farías, che appartiene alla congregazione delle Figlie della Carità e guida il gruppo di giovani cattolici universitari nella capitale, questo impulso di Papa Francesco rappresenta un momento speciale per far crescere nei giovani l’esperienza di seguire Gesù. “La GMG è un rinnovamento nella loro vita e Dio ha voluto che si svolgessero poco dopo il Sinodo”, ha detto.
Mesi dopo quanto espresso l’11 febbraio, Sua Santità ha anche dedicato un commovente messaggio ai giovani cubani: “Vi incoraggio ad innamorarvi di Gesù, ad avere un impegno sempre più concreto al servizio della Chiesa, in questa particolare Cuba di oggi, senza timore di ascoltare la chiamata di Dio nelle situazioni che si presentano ogni giorno”. Inoltre, nelle sue parole c’era l’idea che attraverso la GMG a Panama e Santiago de Cuba, i cubani possano approfondire la loro fede e nella costruzione della Chiesa cubana oggi e domani.

La-JMJ-genera-nuevas-expectativas-en-los-jóvenes-cubanos
La-JMJ-generates-new-expectations-in-the-young-Cubans

L’Avana è protagonista del processo di registrazione
Da settembre, i media hanno fatto eco alla notizia della partecipazione di oltre 400 pellegrini dal Maggiore delle Antille alla GMG di Panama, in rappresentanza della più grande delegazione cubana nella storia di tali eventi.
Dietro la gioia di queste informazioni c’è il lavoro di molte persone e agenti pastorali all’interno del Paese per realizzare il sogno di molti cubani. Dall’apertura delle iscrizioni al grande evento, la Commissione Pastorale Giovanile Nazionale ha chiesto aiuto all’arcidiocesi di Habanera nelle formalità di tutti i pellegrini dell’isola. Ciò significava che la pastorale diocesana aveva bisogno della collaborazione di decine di volontari per assistere con le formalità nei mesi di luglio e agosto.
“Mi ha colpito il fatto che mentre i giovani lasciavano i loro documenti negli uffici dell’arcivescovado, sono rimasti spontaneamente ad aiutare. La pastorale non ha fatto appello ai giovani, siamo stati noi stessi, per senso di appartenenza, che abbiamo deciso di dedicare le nostre vacanze ad aiutare”, dice Eliany.

I giovani prendono l’iniziativa
Da settembre sono state sviluppate iniziative in diverse aree per formare i pellegrini della GMG. In novembre, ad esempio, sono iniziate regolari riunioni di preparazione. “Questi incontri sono per la posa dei cuori. La prima cosa è sapere l’importanza della partecipazione a una GMG. La formazione deve avere una parte motivazionale, logistica e spirituale, che non deve ridursi a una messa di invio, ma deve essere preparata e meditata”, ha spiegato Joeluis Cerutti, uno dei principali ragazzi pastorali.
Ha anche parlato della necessità di sviluppare il potenziale di ciascuno dei giovani affinché il cammino consenta loro di trasformare la loro vita e quella della Chiesa in generale.
Da parte sua, Neifer María Rigau, che è l’animatore nazionale di Mission Country (gruppo missionario), commenta che da qualche tempo il progetto ha periodicamente fatto uno spazio di preghiera, chiamato “hOra x Cuba”.
A questo proposito, ha affermato che i temi ruotavano implicitamente attorno a questa preparazione della Giornata. “È necessario collegare la festa al mistico perché è molto importante che i giovani vivano l’esperienza e la interiorizzino”, ha detto.
La formazione è promossa anche all’interno delle parrocchie. “Nella mia comunità abbiamo avuto diversi incontri catechetici in cui ci siamo preparando su questioni wyd”, ha dichiarato Wendy Pérez.

Il carisma dell’unità presente anche alla GMG
L’arcidiocesi dell’Avana ha vissuto quest’anno un evento inedito nella sua storia. Tra il 10, l’11 e il 12 agosto ha assistito al primo GenFest locale, un festival dove diversi giovani di tutte le realtà dell’isola sono andati oltre ogni frontiera per vivere l’esperienza della fraternità.
Questa spiritualità del GenFest è rimasta per questi mesi tra i giovani che hanno partecipato. “Abbiamo avuto incontri in cui abbiamo approfondito realtà della nostra fede come lo Spirito Santo, la vita di Maria, il carisma dell’unità e tutto questo ci ha anche preparato a formare per la GMG”, ha detto Virgen Caridad Peyrellade, membro del Movimento dei Focolari.
D’altra parte, per Jose Lázaro Fontes, la prossima attività di gennaio è una buona opportunità per avere una maggiore consapevolezza dell’universalità della Chiesa.
In fondo alle aspettative di tutti questi pellegrini per la prossima GMG, c’è una profonda gratitudine per il nuovo cammino di Dio per i giovani. A proposito, Brian Gavilán, uno dei ragazzi che guida il progetto Missionari laici della Misericordia, ha detto: “Non dovremo pagare il Signore per tutte queste meraviglie che sta mettendo nelle nostre mani. Ci sono momenti di speranza nel futuro della Chiesa a Cuba”.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*