DALLA BIBBIA-Malattia, Guarigione e Miracoli II

Certamente, le guarigioni sostengono la dottrina del Maestro. Così, quando guarisce il servo del Centurione Romano, è evidente l’universalità della salvezza che raggiunge anche i pagani (Mt 8,13; Atti 10, 47). Quando guarisce gli paralizzati, mostra come i suoi peccati vengono automaticamente puliti (Mt 9,2; Mc 2, 5; Lc 5:24). Quando guarisce la mano atrofizzata di quell’uomo lungo la strada, manifesta che, come il Padre, guarisce in un sabato (Mc 3,3-5). E quando guarisce il ragazzo diabolico, manifesta la forza della fede (Mc 3,3-5; Lc 8:39). In questo modo, gli evangelisti chiarisce che Gesù è venuto ad annunciare che “la visione cieca e la passeggiata zoppa, i lebbrosi sono puliti e i sordi ascoltano, i morti vengono resuscitati e i poveri sono proclamati la Buona Novella” (Mt 11,5; Lc 7,22), perché: “Coloro che sono forti, ma coloro che sono malvagi, non hanno bisogno di un medico” (Mc 2,17). Per i poveri e gli emarginati, Gesù è la buona notizia.
E nessuno meglio dei malati ne gioisce, a cominciare dai lebbrosi (Lev 13,8). Sotto questo nome è stata inclusa una vasta gamma di malati di pelle. Sia quelli con lebbra o malattia di Hansen, sia quelli con ulcere, tumori, linfoangite, psoriasi, vitiligine e molte altre malattie che possono essere contagiose o meno (Lev 13:2). Il malato era automaticamente impuro e inquinava tutto ciò che toccava, quindi doveva scendere per le strade urlando: Impuro, impuro! (Lev 13:45). I Vangeli ci dicono che Gesù li ha guariti toccandoli (Mt 8,3; Mc 1, 41; Lc 5,13), invalidando la vecchia credenza in questo modo (Lev 5:2-3). La stessa cosa è successa alle donne che durante il loro periodo mestruale inquinavano tutto ciò che toccavano: il letto dove dormivano, il sedile dove sedevano, gli oggetti che usavano (Lev 15:19-27). Quanto non soffrirebbe quella donna che soffriva di infiniti flussi di sangue e che, impoverita, sedeva sul ciglio della strada, sperando che toccare Gesù fosse salutare. E il miracolo accadde (Mc 5,30; Mt 9, 20-22; Lc 8: 43-48).
Ai disabili la legge proibiva loro di avvicinarsi all’altare. Anche se erano sacerdoti a causa della loro progenie della tribù di Aronne: “né ciechi, né zoppi, né deformati, né mostruosi, né storpi, né maniaco; né gobbo, né volgare, né disertato in un occhio, né virile o tingy, né eunuco” (Lev 21:17-22). Ai tempi di re Davide, ai ciechi e agli zoppi fu proibito di entrare in un’area del Monte Sion dove Salomone avrebbe in seguito costruito il Tempio di Gerusalemme (2 Sm 5:8). Gesù guarì molti di questi sfortunati reindoli nella comunità (Mt 15,30-31; 21:14). Un altro caso fu quello dei diavoli, che non erano solo coloro che soffrivano di possesso demoniaco e che quando furono espulsi riconobbero Gesù come Messia (Mt 8,29; Mc 1, 24; 5, 6-7; Lc 4:34; 8, 28), ma anche molti di noi che oggi considerano malati di epilessia, schizofrenia o qualsiasi altro disturbo della mente (Mt 8,28; Lc 8: 27-28; 9, 39; Mc 5, 3-5; 9, 18).
È curioso come i miracoli che Gesù compie siano spesso fraintesi e persino rifiutati da alcuni dei suoi contemporanei, specialmente dai membri di uno dei gruppi religiosi con la maggiore autorità e influenza tra la gente. I farisei attribuiscono i loro miracoli al potere di Belzebub, il principe dei demoni (Mt 12,24; Mc 3, 22; Lc 11:14). Gesù assicura loro che Egli ha cacciato i demoni dalla potenza di Dio, perché il Regno è venuto da loro (Mt 12,28-29), ma che il loro peccato di bestemmia non sarà perdonato in questa vita o in futuro, perché hanno peccato contro lo Spirito Santo (Mt 12,31-32).
Inoltre, quelle città vicino al lago di Galilea – Corozain, Betsaida e Cafarnaúm – che hanno assistito alle loro guarigioni, non hanno tuttavia vano in esse i segni dell’arrivo del regno e si sono rifiutate di convertirsi (Mt 11,20-24; Lc 10, 13-15). Il regno di Dio, come previsto dai profeti, era già tra questi. E i miracoli di Gesù furono una conferma di questa realtà che solo i poveri sapevano apprezzare. Per questo, grazie a Dio dicendo: “Vi benedico, Padre, Signore dei cieli e della terra, perché avete nascosto queste cose da sagge e intelligenti, e le avete rivelate a voi piccoli. Sì, Padre, perché questa è stata la tua benedizione. Tutto mi è stato dato da mio Padre, e nessuno conosce il Figlio se non il Padre, né il Padre conosce nessuno tranne il Figlio, e quello a cui il Figlio vuole rivelarlo. Venite da me tutti voi che siete affaticati e sovraccarichi, e vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo, e imparate da me, che io sono mite e umile nel cuore; e troverete riposo per le vostre anime. Perché il mio giogo è morbido e la mia luce di carico” (Mt 11,25-30). Ω

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*