Considerazioni tempestive sul matrimonio

Arzobispo-de-Santiago-de-Cuba

Santiago de Cuba, 29 agosto 2018

Rivolgo queste brevi parole a voi, cari fratelli sacerdoti, diaco, religiosi, religiosi e fedeli della nostra Arcidiocesi di Santiago de Cuba. Anche a tutti coloro che si sono avvicinati a noi e a coloro che sono interessati a conoscere il pensiero del matrimonio della Chiesa:

A Cuba siamo immersi nel processo di elaborazione di una nuova Costituzione della Repubblica. Molte delle fasi previste sono state completate: un gruppo di lavoro ha elaborato un progetto che è stato presentato, discusso e approvato dall’Assemblea nazionale. Attualmente ci troviamo nella fase di consultazione della popolazione su quanto proposto in modo che, sulla base delle opinioni espresse, possiamo modificare il testo che sarà adottato dall’Assemblea nazionale il prossimo dicembre e che sarà poi ri consultato con un referendum, in modo che sia approvato o respinto dal popolo.
La Costituzione è la legge fondamentale di uno Stato che stabilisce l’organizzazione politica dello stesso e i diritti, i doveri e le garanzie dei cittadini. Quindi riflette “principi e valori essenziali e minimi, il che significa non coprire ed esprimere in dettaglio tutti i settori della vita politica, economica e sociale”.1 Una costituzione viene riformata quando è necessario apportare modifiche sostanziali. Nella nuova formulazione proposta vi sono emendamenti in diversi aspetti, tra cui l’economia, la definizione di cittadinanza, l’organizzazione politica dello Stato, i diritti, i doveri e le garanzie dei cittadini.
È proprio in quest’ultimo momento che viene introdotta una modifica sostanziale della definizione di matrimonio. Pertanto, il nuovo e inaspettato, e l’ambito successivo che questo argomento può avere è il motivo per cui condivido queste idee con voi. Invece di essere definita come nell’attuale Costituzione: “l’unione volontaria di un uomo e di una donna”, espressione che cattura il sentimento e la saggezza del popolo, viene introdotta una nuova definizione: “l’unione volontariamente organizzata tra due persone con attitudine giuridica per essa”. Questo cambiamento è ciò che preoccupa molti, perché poiché la Costituzione è una norma che stabilisce “Valori e principi minimi”, si potrebbero successivamente fare leggi complementari che, ad esempio, legalizzano il matrimonio tra due persone dello stesso sesso, sono autorizzate ad adottare bambini che li privano dalla nascita di avere un genitore o cambiano i contenuti educativi a scuola , media, aree culturali, per adattarli a questa nuova proposta.
Gli altri contenuti del testo costituzionale sono già stati illuminati in un modo o nell’altro nei documenti della Chiesa2 e ciascuno deve utilizzare, nella coscienza e nella responsabilità, la propria capacità di giudizio e il diritto di avere un parere per approvare o respingere la proposta, cercando sempre ciò che sarebbe meglio per il futuro del nostro popolo.
Cosa pensano i cristiani del matrimonio?
Abbiamo sentito, espresso superficialmente e parzialmente, che il rifiuto di definire come matrimonio l’unione tra due persone dello stesso sesso proviene quasi solo dai cristiani, cioè da quelli di noi che credono in Dio e manifestano che Gesù Cristo è la Via, la verità e la Vita. Questa espressione è semplicistica e falsa, perché tra coloro che rifiutano questo tipo di unione ci sono uomini e donne, credenti e non credenti, cristiani e non cristiani, scienziati e persone con meno preparazione, dalla campagna e dalla città, civili e militari, adulti e giovani. È un fan in cui sono rappresentate tutte le nostre persone ed è naturale che sia così, perché questa posizione è supportata dall’esperienza, dalla storia e dalle scienze che studiano l’essere umano e il suo comportamento.
L’istituzione del matrimonio è antica quanto l’umanità, è alla stessa origine dell’uomo e delle forme primitive di organizzazione sociale. Nel corso della preistoria e della storia dell’umanità e in culture diverse ci sono stati diversi modi di concepire ed eseguire l’unione matrimoniale ma, in tutto, i due sessi, maschio e femmina, sono presenti e imparentati tra loro. Questo perché la natura del matrimonio è la coesistenza e l’aiuto reciproco tra i coniugi e la procreazione e l’educazione comune dei figli. È così che il matrimonio è stato concepito e vissuto in tutte le culture e in tutti i popoli.

Gli esseri umani sono esseri sessuali, maschi o femmine, ogni sesso con le loro particolarità e differenze genetiche, fisiche, biologiche e psicologiche, in modo tale da completarsi a vicenda. Questa complementarità si esprime in modo unico e unico nel matrimonio. Ignorare ciò che, per sua natura, ci è stato dato o andare contro le leggi e i processi registrati, anche geneticamente, nel nostro essere porta sempre conseguenze deplorevoli, immediatamente o nel corso degli anni. Gli esseri umani non sono solo ragione, sentimenti, desideri, libertà senza limiti, capacità di essere eccitati; è anche materia, biologia, genetica, su cui dobbiamo contare e che ci condizioni. Non possiamo cercare di semplificare questo problema o vogliamo ridicolizzare, come è stato fatto, quelli che pensiamo in questo modo.
I dati forniti dall’esperienza e dalla scienza sono patrimonio di credenti e non credenti. Noi cristiani aggiungiamo che crediamo che in Dio ci sia l’origine di tutte le cose e dell’umanità e che Egli ci abbia creati sessuati. Lo mettiamo come segue: “maschio e femmina li hanno creati” (Gen 1,27), né è superiore all’altro, i due sono uguali in dignità e diritti e sono chiamati a unirsi in modo tale che non siano più due ma “una carne” (Gen 2,24).
Ci sono molte altre ragioni che ci portano a rifiutare la definizione di matrimonio come “l’unione di due persone”. Come abbiamo già detto, tra queste ci sono le possibili conseguenze che ciò avrebbe portato con loro e che sono già presenti, anche se non se ne discute, nei pochi paesi che hanno adottato tale definizione:
1. la possibilità di adottare nelle future leggi l’ammissione del matrimonio tra due persone dello stesso sesso, come già espresso da alcuni di coloro che promuovono questa nuova definizione;
2. successiva autorizzazione all’adozione di minori, poiché tale unione non può di per sé essere fruttuosa.
Ciò avrebbe l’ingiusta conseguenza di privare questi bambini, fin dal giorno della loro nascita, di avere un genitore; i bambini non solo hanno bisogno di essere amati, ma hanno anche bisogno di una mamma e di un papà. Se attualmente scopriamo che l’assenza del padre o della madre in casa può creare situazioni di instabilità nei figli, ciò sarà notevolmente ampliato dal matrimonio tra persone dello stesso sesso.
I genitori sono anche preoccupati che i contenuti educativi nelle scuole, nelle aree culturali e nei mezzi di comunicazione saranno modificati per adattarli a questa nuova proposta.
Ci rendiamo conto dell’inutile cambiamento culturale che ciò avrebbe portato?
Una delle ragioni di questo cambiamento è che occorre rendere giustizia alle persone che vivono insieme e condividono le loro proprietà e non sono un matrimonio. Se il dilemma non è quello di lasciare indietro queste persone, si dovrebbero cercare strumenti giuridici per proteggere coloro che in questi casi, ma questo non dovrebbe essere considerato un argomento per cambiare la definizione di un’istituzione naturale come il matrimonio che ha salvaguardato la continuità dell’umanità nel corso dei secoli.
Quale vantaggio avrebbe, al momento, proporre un cambiamento di questa portata che generi almeno riserva e quando un rifiuto più fermo? È falso affermare che è tipico di una rivoluzione apportare cambiamenti come questo, rompere con le tradizioni. Il modo di celebrare un matrimonio può essere considerato una tradizione, ma non il matrimonio stesso. Nel caso del matrimonio questo concetto non può essere applicato, poiché l’unione matrimoniale è sempre stata tra persone di entrambi i sessi, uomini e donne. Questa non è una tradizione, ma è un fatto insito nella natura umana.

Potremmo chiederci: da dove vengono e vengono queste idee così estranee alla nostra cultura? Da paesi in cui ci sono gruppi potenti con grande capacità economica e influenza. Usano il crescente processo di globalizzazione e cercano di influenzare per creare una cultura uniforme che accetti e adotti i loro criteri squalificando gli altri. È quello che a volte è stato definito “imperialismo culturale” tra noi. Le agenzie internazionali sono penetrate in modo tale che molti di questi governi dei paesi ricchi influenzino i paesi meno sviluppati che necessitano di aiuti finanziari, finanziando gruppi legati alle loro idee e facendo pressione sui loro governi al punto di condizionare spesso gli aiuti economici per attuare politiche come queste. È un nuovo colonialismo ideologico.
Siamo grati che il tema della famiglia generi tanti scambi, preoccupazioni e preoccupazioni, è un segno di impegno civico. Questo ci costringe anche a prendere coscienza della nostra responsabilità nella loro cura, crescita e stabilità.
Augurando la benedizione di Dio a voi, alle vostre famiglie e a tutto il nostro popolo. Ω

Msgr. Dionisio García Ibáñez
Arcivescovo di Santiago de Cuba

Note
1 “Considerazioni finali” di “Introduzione all’analisi del progetto di Costituzione della Repubblica durante la consultazione popolare”, nel progetto tabloid costituzione della Repubblica di Cuba [L’Avana], stampato in Federico Engels Graphic Arts Company [2018], p. 4.
2 Vedi il compendio della Dottrina Sociale della Chiesa.

Lascia un commento

Condividi la tua risposta.

Su dirección de correo no será publicada.


*